MESSINA – Celebrato il 60° di ordinazione sacerdotale di mons. Vincenzo D’Arrigo, parroco dell’Annunziata sempre dedito al bene delle anime a lui affidate

Redazione1
di Redazione1 agosto 9, 2017 23:09

MESSINA – Celebrato il 60° di ordinazione sacerdotale di mons. Vincenzo D’Arrigo, parroco dell’Annunziata sempre dedito al bene delle anime a lui affidate

Il costante impegno dedicato con carità e operosità per il bene del prossimo, che il messinese Vincenzo D’Arrigo ha profuso appassionatamente nella parrocchia dell’Annunziata seguendo il modello di Cristo, concorre con efficacia a far risaltare, rendendolo tangibile, il profondo senso di religiosità che forgia e anima l’identità di Messina. 

(Gazzetta del Sud)

Un padre, un fratello, un amico, un sacerdote di strada che si è sempre posto in prima linea per il bene della sua 60° D'ArrigoR°

amata comunità, il popolo dell’Annunziata, in un territorio di confine carico di criticità, che non ha mai fatto mancare al suo pastore l’affetto e il calore di una vera famiglia. Così mons. Vincenzo D’Arrigo, classe 1930, ha ricordato il sessantesimo anniversario di ordinazione sacerdotale. Tanta gente, la sua, i confratelli sacerdoti, gli operatori pastorali e poi gli amici di sempre, i familiari e le autorità che hanno ricordato con piacere le numerose battaglie sociali portate avanti da questo soldato di Cristo. Era il 4 agosto 1957 quando Vincenzo, a 27 anni, veniva ordinato sacerdote, insieme ad altri nove compagni, dall’arcivescovo Angelo Paino, nel cortile del Seminario Arcivescovile. Dopo alcuni anni da vice parroco prima a S. Pier Niceto e poi a S. Caterina V.M., il 10 ottobre 1965 riceve la nomina a parroco della comunità Maria SS. Annunziata. Nel 2005 Papa Benedetto XVI lo annunziata messinanomina Cappellano di Sua Santità e nel 2014 entra a far parte del Capitolo della Cattedrale come Canonico. Una messa semplice, presieduta domenica 6 agosto da mons. Giovanni Accolla nel piazzale dell’istituto delle suore del Divino Zelo (dove è stato per tanti anni cappellano), con i ricordi di chi questo sacerdote ha avuto la gioia di affiancarlo negli anni. Tra i presenti, il presidente dell’ARS Giovanni Ardizzone, l’ex onorevole Luciano Ordile, il presidente della quinta circoscrizione Santino Morabito, l’architetto Nino Principato. E poi alcuni sacerdoti amici, da padre Antonio Sofia parroco di S. Eustochia – alla quale mons. D’Arrigo ha sempre guardato come modello di vocazione – a don Giovanni Ferrari, suo collaboratore negli ultimi anni, a padre Alessandro Marzullo parroco di Bisconte, che nei quattro anni vissuti all’Annunziata come vice parroco ha imparato da lui “la bellezza della vita sacerdotale”. Nell’omelia, mons. Accolla ha sottolineato la bellezza dello stupore della vocazione che ogni sacerdote deve trasmettere alla propria gente, anche dopo un ministero lungo sessant’anni. “Lo stupore – ha detto – passa attraverso le cose piccole e indifese, attraverso la sofferenza quotidiana che condividiamo con i fratelli e la costante donazione di sé. Oggi, dinanzi a una cultura dell’appiattimento, per la quale spesso attribuiamo anche ai simboli sacri un valore che non corrisponde a una vera testimonianza, il ministero sacerdotale ha qualcosa di nuovo Mons. D'Arrigoe bello da dire, stupendo anche chi non è più capace di farlo”. Questo, come altri anniversari sono segno, ha detto il Presule, della bellezza di un presbiterio – quello messinese – che ha saputo donare alla comunità ecclesiale le proprie fatiche. E di fatiche mons. D’Arrigo ne ha sopportate tante e tante le battaglie portate avanti con le istituzioni: dallo smantellamento delle baracche del villaggio Matteotti, al ritrovamento dei corpi della famiglia Carità morta nell’alluvione del 27 settembre 1998, alle opere di misericordia verso coloro i quali si fermavano in fondo a quella piccola chiesa parrocchiale, sempre aperta in segno di costante accoglienza. Di Mons. D’Arrigo i messinesi ricordano il vigore e il fervore del suo “Viva Maria” gridato ai piedi della Vara, della quale è storico cappellano. Per lui anche gli auguri del Santo Padre, attraverso un messaggio del cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato di Papa Bergoglio. La celebrazione è stata animata dai canti della corale “Santa Maria Goretti.

 

Rachele Gerace

 

Redazione1
di Redazione1 agosto 9, 2017 23:09

RSS aleteia

  • Sapete qual è stato il primo Papa ad aver viaggiato in aereo?
    Innocenzo XII è stato l’ultimo Papa con la barba, Clemente VIII il primo a provare il caffè e Leone X il primo (e ultimo) ad avere come animale da compagnia un elefante, ma Papa Paolo VI (noto anche come “il Papa pellegrino”) è stato il primo a viaggiare in aeroplano, il primo a lasciare l’Italia […]
    Daniel R. Esparza
  • Il salvataggio della Grande Barriera Corallina
    Quando l’equilibrio della natura viene rotto, a causa dell’uomo o no, l’uomo stesso può intervenire a restaurarlo. Il nostro collaboratore Tugdual Derville ci racconta la storia di una mobilitazione umana riuscita per salvare uno dei nostri beni comuni: la Grande Barriera Corallina.  The post Il salvataggio della Grande Barriera Corallina appeared first on Aleteia.org - […]
    Tugdual Derville
  • Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia
    Nel corso della sua visita in Slovacchia, dal 12 al 15 settembre, papa Francesco ha incontrato la minoranza rom a Košice, la seconda città slovacca per dimensioni. Il racconto di padre Martin Mekel, in missione nel popolo rom. The post Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia appeared first on Aleteia.org - […]
    Thomas Oswald
  • Torturato in Libia, migrante nel Mediterraneo: ora gioca a calcio in serie B
    Una storia d’altri tempi: la fuga dalla Guinea, sua terra natia in preda a bande assassine, poi i furti subiti, le torture in Libia, il viaggio su un barcone di migranti con destinazione Calabria: infine per Cherif Karamoko l’approdo a Padova dove realizza il suo sogno di giocare a calcio. Diventa un atleta della squadra […]
    Gelsomino Del Guercio
  • I nazisti lo uccisero a bastonate. Ora Don Giovanni Fornasini sarà beato
    Don Giovanni Fornasini è “fratello di tutti”, se c’è “un testamento della sua vita è che non lasciava dietro nessuno”. Così l’arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Zuppi, ha ricordato la figura del sacerdote martire, ucciso dai nazifascisti il 13 ottobre 1944 a San Martino di Caprara, testimone degli eccidi avvenuti a Monte Sole, Marzabotto, nei […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 suggerimenti contro l’ansia
    La fuga è una risposta naturale dell’organismo di fronte a situazioni minacciose, come fa un animale selvaggio nella foresta o la pandemia. In un contesto minaccioso, il corpo produce un ormone chiamato cortisone, che comporta vari benefici per il corpo stesso e permette una risposta rapida. Quando non si fa nulla per combattere o per […]
    Octavio Messias
  • Il Sinodo. Camminare insieme senza paura
    C’è una decisione che va in profondità: voglio uscire dall’isolamento? Dalla supponenza individualista? Dalle ritrosie egoistiche che mi sospingono a vedere nell’altro un nemico e non un compagno e amico di strada? Abbiamo paura dell’altro, chiunque esso sia, si immagini se dovessimo “amare il nemico”, e la paura pervasiva invade e paralizza i primi passi […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Federico ha saltato l’inizio della scuola… per salire in vetta al Cervino
    «Ha scalato il Cervino» non è una giustificazione che molti genitori useranno nel libretto delle assenze dei figli, ma la mamma di Federico Tomasi ha dovuto proprio scrivere così. Federico è mancato da scuola i primi due giorni, frequenta la seconda media in Piemonte e ha compiuto un’impresa storica. Nell’attuale panorama desolante di psico-pandemia (paghiamo […]
    Annalisa Teggi
  • La proposta di matrimonio che forse vi siete persi ai Giochi Paralimpici
    Oltre a tutti i successi sportivi dei Giochi Paralimpici di Tokyo di quest’anno, c’è stato spazio anche per un po’ di romanticismo. Fortunatamente, le telecamere sono riuscite a captare il dolce momento perché tutti potessero vederlo. Keula Nidreia Pereira Semedo è un’atleta con disabilità visiva che gareggia nei 100 e 200 metri. Per muoversi con […]
    Dolors Massot
  • Se un gatto fa il prete: i Mienmiuaif e il meraviglioso nonsense della fede
    Avevo appena aperto la mia confezione di bagigi sotto sale da mangiare tutta intera in santa pace con tanto di leccata di dita finale quando eccolo lì. E ti pareva. Parli di bagigi e lui li ha già fiutati da un chilometro o da dovunque sia la sua canonica. Un gatto che predica Ma poi […]
    Giovanna Binci

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 146:
    • 134:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login