MESSINA – L’arcivescovo Giovanni Accolla da gennaio alla guida dell’arcidiocesi -Tra sogno e realtà: Chiesa testimonianza viva di comunione

Redazione1
di Redazione1 luglio 25, 2017 22:32

MESSINA – L’arcivescovo Giovanni Accolla da gennaio alla guida dell’arcidiocesi -Tra sogno e realtà: Chiesa testimonianza viva di comunione

(“La Scintilla”giugno 2017)

Conversare con l’Arcivescovo fuori dai canoni dell’ufficialità è sempre Copia di 1878 C.°Luna ricchezza. Credo che, con la capacità di guardare oltre possibili gesti, si possa vedere o intravvedere il cuore dell’altro. In questa occasione, incontrarsi è stato un guardare dentro al cuore del pastore della santa Chiesa di Messina –Lipari -Santa Lucia del Mela, il quale dal 7 gennaio ha iniziato il suo ministero episcopale tra noi.

L’arcivescovo Giovanni accoglie quanti convenuti per aprire il cuore e per lasciarsi interpellare da noi: è pronto a dialogare senza riserve, senza paletti sul tempo finora trascorso, condividendo con noi lo sguardo che si spinge al futuro.

 Ecclesialità e società si intrecciano costantemente nelle domande poste e nei contenuti del suo parlare. Una Chiesa che vive e opera nella società non può guardare da spettatrice alle criticità presenti nei campi del vivere quotidiano. Economia, industria, disoccupazione, verde pubblico, gestione dei servizi e gestione della logistica dei servizi coinvolgono l’intera collettività.

IMG_2143 C °Senza attribuire uniche responsabilità a quanti amministrano – per i quali auspica che abbiano nell’esercizio del proprio ruolo personalità, scaltrezza, abilità ed esperienza – pone l’accento sull’impiego comune espresso nella condotta dei cittadini e nella virtuosità delle amministrazioni.

Lungi da ogni critica, esorta tutti alla responsabilità e, scendendo nel particolare, pone l’accento sulle feste religiose, ed in particolare quelle cittadine, guardandole come momenti di forte aggregazione. In esse, come ha potuto sperimentare – pur non avendo ancora partecipato alla festa della Vara – la gente si raduna, vive lo stare insieme uscendo fuori dalla propria individualità, si pone di fronte all’esperienza del sacro con la propria devozione aprendosi a un percorso di fede più profonda che il vescovo ci tiene ad affermare che vuole valorizzare.

Infine, considerando lo spessore cittadino, e quindi sociale, delle feste religiose con la partecipazione degli amministratori, esorta vivamente a superare una dicotomia tra religiosità popolare dei nostri territori e loro impegno sociale: “sappiamo tradurre il sacro in un profano virtuoso”.

La scintilla °Altro tema di interessante confronto è il rapporto con il clero e i possibili cambiamenti nell’assetto della vita della diocesi con avvicendamento di ruoli e responsabilità. Non intende procedere ad un avvicendamento per disappunto, ma guardando l’opportunità di alcune priorità. Precisa “chiamo alcuni ad un servizio, non rimuovo”. Al primo posto non c’è il ruolo da assegnare bensì la persona e la sua dignità.

Ciò che però sta molto a cuore all’arcivescovo è la spiritualità del presbitero diocesano su cui ha molto insistito nelle celebrazioni, nelle omelie e negli incontri del clero. Ribadisce che “la preghiera è vita! Essere testimoni del nostro rapporto con Dio di fronte ai fedeli” che richiama il monito di Papa Francesco, il quale dice che il sacerdote “è un mediatore tra Dio e gli uomini, non un funzionario che non si sporca le mani” (omelia del 9 dicembre 2016).Pensa, desidera, chiede “un clero che valorizzi la propria spiritualità, che partecipi ai ritiri spirituali e agli esercizi, scommettendo tutta la propria vita corrispondendo alla chiamata di Dio”.

L’arcivescovo delinea alcune peculiarità della figura del sacerdote. Innanzitutto “onestà e coerenza”: ciò che è nella mente sia sulle labbra, così si è segno e testimonianza di verità. Da questa qualità discende l’atteggiamento dell’immediatezza, sia nella risposta alla chiamata di Dio sia nel rapporto con gli altri, perché “chi è immediato dice il tutto di sé, non il Copia di 1889 °R LCfalso”. Infine, ma non per importanza, “la formazione permanente, che generi inquietudine e non solo conoscenza, che metta sempre in discussione, che apra alla gioia dell’imprevedibilità dell’amore di Dio. Così i sacerdoti diventiamo pedagoghi della generosità di Dio, esempi, testimoni, modelli forti, credibili e autentici”.

All’ultima domanda posta su cosa sogni per questa Chiesa che il Signore gli ha affidato, mons. Accolla evidenzia due atteggiamenti: percorso di austerità e testimonianza di comunione.

Nel salutarci, non è mancato un affettuoso riferimento alle omelie che, travalicando i tempi “accarezzano” con mano spesso vigorosa … e l’arcivescovo, sorridendo, riporta il giusto equilibrio ricordando che sempre va fatta la distinzione tra contenuti e generi letterari.

 

Giò Tavilla

Redazione1
di Redazione1 luglio 25, 2017 22:32

RSS aleteia

  • Il coraggioso ministero di Madre Czacka a favore dei non vedenti
    Róża Czacka era nata il 22 ottobre 1876 in una nobile famiglia polacca, avendo il titolo ufficiale di contessa. Ricevette un’ottima istruzione, ma poi un incidente cambiò radicalmente la sua vita. A 22 anni cadde da cavallo, rimanendo immediatamente cieca. Vennero consultati vari medici, ma fu presto evidente che non si poteva fare nulla. Il […]
    Philip Kosloski
  • Gruppo pro-vita denuncia la censura di Google
    Live Action, un gruppo attivista pro-vita, sostiene di essere oggetto della censura di Google. In un comunicato stampa, il presidente di Live Action, Lila Rose, ha affermato che Google ha smesso di gestire gli annunci pubblicitari pro-vita del gruppo. “Su richiesta di attivisti abortisti, Google ha BANDITO tutti gli annunci pro-vita di Live Action, inclusi […]
    Zelda Caldwell
  • Il sacerdote 30enne che è anche pompiere volontario
    Padre Pierre Fouquier, vicario parrocchiale e pompiere volontario negli ultimi tre anni, non impiega molto ad arrivare dalla caserma dei vigili del fuoco di Joué-lès-Tours alla sua parrocchia di Saint Marc, a Indre-et-Loire (Francia centro-occidentale). Il sacerdote dedica quasi 75 ore al mese al suo impegno volontario tra i vigili del fuoco, e bisogna andare […]
    Lauriane Vofo Kana
  • Come potrà Dio far sì che io raggiunga l’impossibile?
    Una fede senza opere è una fede morta. Ascolto oggi: “A che serve, fratelli miei, se uno dice di aver fede ma non ha opere? Può la fede salvarlo? Se un fratello o una sorella non hanno vestiti e mancano del cibo quotidiano, e uno di voi dice loro: «Andate in pace, scaldatevi e saziatevi», […]
    Carlos Padilla
  • Stati Uniti: fino a settembre, già 40 attacchi contro chiese cattoliche
    Sono già 40 gli attacchi registrati contro chiese cattoliche in territorio statunitense nel corso del 2021. La Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti (USCCB) ha divulgato sul suo sito un rapporto che elenca le chiese cattoliche attaccate nel Paese dal maggio 2020, giungendo ad almeno 95 episodi, considerando solo i casi conosciuti e confermati. […]
    Francisco Vêneto
  • Vite ascetiche, passioni azzerate, corpi poco curati: così è l’Uomo Angelico
    Vivere come gli angeli: il cristiano che aspira alla perfezione, non può fermarsi su niente. Allontana tutti gli ostacoli, rompe tutti i lacci che gli impediscono di correre verso la patria. San Giovanni Crisostomo ci invita a contemplare lo splendido esempio delle tre grandi figure di asceti: Elia, Eliseo e San Giovanni Battista, modelli di […]
    don Marcello Stanzione
  • Il tabernacolo più alto del mondo si trova a Madrid?
    Al 33° piano di uno dei grattacieli che costituiscono parte dello skyline della capitale spagnola si trova una cappella decisamente singolare. Per sette anni ho vissuto con la mia famiglia nella zona settentrionale di Madrid. Spesso dovevo prendere la macchina per arrivare al centro della città per qualche questione amministrativa. Accedendo dalla strada di Burgos […]
    Pilar Velilla Flores
  • Frodo, Sam e gli Hobbit esistono e vivono in Abruzzo
    Tolkien, più realtà che fantasia In una caverna sotto terra viveva uno hobbit. Non era una caverna brutta, sporca, umida, piena di resti di vermi e di trasudo fetido, e neanche una caverna arida, spoglia, sabbiosa, con dentro niente per sedersi o da mangiare: era una caverna hobbit, cioè comodissima. Da Lo Hobbit Lo Hobbit […]
    Annalisa Teggi
  • Hanno perso le due figlie negli attentati di Parigi: “Non abbiamo conosciuto Dio fino alla loro morte”
    L’11 novembre 2015, Anna si è recata a Parigi da Barcellona, dove risiedeva, per fare una sorpresa alla madre per il suo compleanno. Arrivata nella Ville Lumière, è uscita a cena con la sorella, ma sono state crivellate a colpi di kalashnikov dai terroristi. I genitori, rendendosi contro che l’attacco aveva avuto luogo vicino alla […]
    Violeta Tejera
  • Affetto da paralisi cerebrale, è tassista, papà e scrittore. E voi, di cosa vi lamentate? (FOTO)
    Salvador percorre le strade di Guadalajara (Jalisco, Messico) sul suo taxi nel traffico intenso, portando i passeggeri da un lato all’altro della metropoli. Le persone si sorprendono per il fatto che una persona affetta da paralisi sia il loro autista, alcune oppongono resistenza, ad altre non importa l’aspetto di questo eroe, altre ancora vanno molto […]
    Jesús V. Picón

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 178:
    • 150:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login