MESSINA E PROVINCIA – Mons. Guglielmo Giombanco nominato Vescovo di Patti da papa Francesco. Il messaggio di saluto ai componenti della sua “nuova famiglia”

Redazione1
di Redazione1 febbraio 2, 2017 23:47

MESSINA E PROVINCIA – Mons. Guglielmo Giombanco nominato Vescovo di Patti da papa Francesco. Il messaggio di saluto ai componenti della sua “nuova famiglia”

Il Papa, dopo aver accettato la rinuncia al governo episcopale della diocesi di Patti, Patti Seminario 2°R Copiapresentata da monsignor Ignazio Zambito, ieri ha nominato nuovo vescovo della diocesi pattese monsignor Guglielmo Giombanco, vicario generale della diocesi di Acireale. Mons. Giombanco è nato a Catania il il 15 settembre 1966, ha svolto gli studi filosofici presso lo Studio Teologico di Catania; successivamente, nel Pontificio Seminario Romano Maggiore ha seguito i corsi teologici presso l’Università Lateranense, conclusi con il Baccalaureato in Teologia. Presso la medesima Università ha conseguito il Dottorato in “utroque iure”.

Dopo l’ordinazione sacerdotale, avvenuta il 7 settembre 1991, ha dedicato il suo Giambanco e Raspanti°impegno sacerdotale alla diocesi di Acireale, dove ha svolto il ruolo di segretario del vescovo e vice cancelliere della Curia. Dal 2012 è vicario generale della diocesi di Acireale. Insegna diritto canonico nello Studio Teologico di Catania. È membro del Consiglio Presbiterale e del Collegio dei Consultori e amministratore della Basilica dei Santi Pietro e Paolo in Acireale. Il 13 settembre 2012 è stato nominato Prelato d’onore di Sua Santità.

“Vengo a voi per conoscervi, cioè per amarvi e farvi dono della mia vita. Voi siete la mia nuova famiglia”. Questo il primo messaggio di mons. Gugliemo Giombanco alla diocesi di Patti, subito dopo la nomina di Papa Francesco resa nota ieri. Al Papa il vescovo eletto esprime “profonda e filiale gratitudine”, promettendo “il costante ricordo nella preghiera e il sempre rinnovato impegno di comunione e di docile obbedienza”. Il nuovo vescovo rivolge anche un saluto al predecessore mons. Ignazio Zambito, “che ha amato e servito la nostra Chiesa con un lungo, fecondo e appassionato ministero pastorale”.

“Al Signore – dichiara mons. Mons. Giambanco°RGiombanco – chiedo di benedire tutte le famiglie della nostra diocesi, con speciale attenzione a quelle provate da sofferenze fisiche e morali: penso alla povertà dei valori, alla mancanza di lavoro, alla precarietà nelle scelte di vita, alla solitudine degli anziani e dei sofferenti… Ringrazio Dio per i genitori attenti, per la saggezza degli anziani, per la gioia dei bambini e per l’esuberanza dei giovani che sono il presente e il futuro della nostra Chiesa, per i laici generosi che, a vario titolo, sono impegnati nella costruzione del Regno di Dio… Con tutti desidero realizzare rapporti di amicizia e di ecclesiale corresponsabilità”. Ai presbiteri chiede di fargli “spazio” nel cuore “perché, insieme, possiamo amare e servire la comunità cristiana”.

Ai consacrate e consacrati rivolge l’invito ad “essere sempre più profezia del Regno, perché ci ricordino che anche oggi è possibile condurre una vita animata dalla gioia, Cattedrale Patti°Copiado-no di Dio a chi lo segue con cuore sincero, e dalla passione per la fraternità”; ai “seminaristi perchè rispondano con gioia alla chiamata del Signore, con la chiara consapevolezza che progettare e vivere nella dimensione del dono è veramente esaltante”.

“Alle sorelle e ai fratelli delle altre confessioni religiose presenti in diocesi” il vescovo eletto rivolge “un cordiale saluto” chiedendo “al Signore il dono del discernimento perché possiamo individuare, attraverso l’ascolto reciproco e il dialogo fraterno, percorsi comuni di fede e di testimonianza”. Infine, rivolgendosi agli “amministratori dei quarantadue comuni presenti nel territorio della diocesi” e a “quanti sono impegnati, a vario titolo, nella tutela e nella promozione del bene comune”, augura loro “pieno successo” del servizio “a favore delle persone”, assicurando al contempo “la leale collaborazione della comunità ecclesiale”.

 

 

Redazione, da notizie di agenzia

Redazione1
di Redazione1 febbraio 2, 2017 23:47

RSS aleteia

  • Sapete qual è stato il primo Papa ad aver viaggiato in aereo?
    Innocenzo XII è stato l’ultimo Papa con la barba, Clemente VIII il primo a provare il caffè e Leone X il primo (e ultimo) ad avere come animale da compagnia un elefante, ma Papa Paolo VI (noto anche come “il Papa pellegrino”) è stato il primo a viaggiare in aeroplano, il primo a lasciare l’Italia […]
    Daniel R. Esparza
  • Il salvataggio della Grande Barriera Corallina
    Quando l’equilibrio della natura viene rotto, a causa dell’uomo o no, l’uomo stesso può intervenire a restaurarlo. Il nostro collaboratore Tugdual Derville ci racconta la storia di una mobilitazione umana riuscita per salvare uno dei nostri beni comuni: la Grande Barriera Corallina.  The post Il salvataggio della Grande Barriera Corallina appeared first on Aleteia.org - […]
    Tugdual Derville
  • Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia
    Nel corso della sua visita in Slovacchia, dal 12 al 15 settembre, papa Francesco ha incontrato la minoranza rom a Košice, la seconda città slovacca per dimensioni. Il racconto di padre Martin Mekel, in missione nel popolo rom. The post Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia appeared first on Aleteia.org - […]
    Thomas Oswald
  • Torturato in Libia, migrante nel Mediterraneo: ora gioca a calcio in serie B
    Una storia d’altri tempi: la fuga dalla Guinea, sua terra natia in preda a bande assassine, poi i furti subiti, le torture in Libia, il viaggio su un barcone di migranti con destinazione Calabria: infine per Cherif Karamoko l’approdo a Padova dove realizza il suo sogno di giocare a calcio. Diventa un atleta della squadra […]
    Gelsomino Del Guercio
  • I nazisti lo uccisero a bastonate. Ora Don Giovanni Fornasini sarà beato
    Don Giovanni Fornasini è “fratello di tutti”, se c’è “un testamento della sua vita è che non lasciava dietro nessuno”. Così l’arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Zuppi, ha ricordato la figura del sacerdote martire, ucciso dai nazifascisti il 13 ottobre 1944 a San Martino di Caprara, testimone degli eccidi avvenuti a Monte Sole, Marzabotto, nei […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 suggerimenti contro l’ansia
    La fuga è una risposta naturale dell’organismo di fronte a situazioni minacciose, come fa un animale selvaggio nella foresta o la pandemia. In un contesto minaccioso, il corpo produce un ormone chiamato cortisone, che comporta vari benefici per il corpo stesso e permette una risposta rapida. Quando non si fa nulla per combattere o per […]
    Octavio Messias
  • Il Sinodo. Camminare insieme senza paura
    C’è una decisione che va in profondità: voglio uscire dall’isolamento? Dalla supponenza individualista? Dalle ritrosie egoistiche che mi sospingono a vedere nell’altro un nemico e non un compagno e amico di strada? Abbiamo paura dell’altro, chiunque esso sia, si immagini se dovessimo “amare il nemico”, e la paura pervasiva invade e paralizza i primi passi […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Federico ha saltato l’inizio della scuola… per salire in vetta al Cervino
    «Ha scalato il Cervino» non è una giustificazione che molti genitori useranno nel libretto delle assenze dei figli, ma la mamma di Federico Tomasi ha dovuto proprio scrivere così. Federico è mancato da scuola i primi due giorni, frequenta la seconda media in Piemonte e ha compiuto un’impresa storica. Nell’attuale panorama desolante di psico-pandemia (paghiamo […]
    Annalisa Teggi
  • La proposta di matrimonio che forse vi siete persi ai Giochi Paralimpici
    Oltre a tutti i successi sportivi dei Giochi Paralimpici di Tokyo di quest’anno, c’è stato spazio anche per un po’ di romanticismo. Fortunatamente, le telecamere sono riuscite a captare il dolce momento perché tutti potessero vederlo. Keula Nidreia Pereira Semedo è un’atleta con disabilità visiva che gareggia nei 100 e 200 metri. Per muoversi con […]
    Dolors Massot
  • Se un gatto fa il prete: i Mienmiuaif e il meraviglioso nonsense della fede
    Avevo appena aperto la mia confezione di bagigi sotto sale da mangiare tutta intera in santa pace con tanto di leccata di dita finale quando eccolo lì. E ti pareva. Parli di bagigi e lui li ha già fiutati da un chilometro o da dovunque sia la sua canonica. Un gatto che predica Ma poi […]
    Giovanna Binci

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 146:
    • 134:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login