Dai santuari del mondo, Francesco: il Rosario per sconfiggere la pandemia, oggi tutti a Częstochowa

Redazione1
di Redazione1 maggio 3, 2021 22:05

Dai santuari del mondo, Francesco: il Rosario per sconfiggere la pandemia, oggi tutti a Częstochowa

Dal primo maggio, ogni giorno alle 18,00, il mondo è chiamato a pregare il Santo Rosario per la fine della Pandemia dai santuari sparsi per il mondo intero, con i fedeli e con tutte le persone di buona volontà, per affidare nelle mani della nostra Madre Santa l’umanità intera, duramente provata da questo periodo di pandemia.

Sabato scorso la preghiera è iniziata a San Pietro con Papa Francesco. Nello stesso momento era collegato anche il santuario di Nostra Signora di Walsingham Inghilterra Europa e la intenzione specifica era per i defunti.  Il Papa ha ricordato coloro che sono stati colpiti dalla pandemia e dalle sue conseguenze, per la salute, la economia fino a chi ha subito violenza all’interno delle case. Un grazie a chi lavora per il bene di tutti.

La maratona di preghiera è proseguita ieri, domenica due maggio con il santuario di Jesus the Saviour and Mother Mary (Elele) Nigeria Africa e la intenzione era per coloro che non hanno potuto salutare i propri cari.

Oggi alle 18.00, ora di Roma, la preghiera si svolge a Częstochowa in Polonia nel santuario di Santa Maria di Jasna Gòra e l’intenzione è per i contagiati e i malati.

Nei momenti più difficili della storia i polacchi vanno da Maria, che hanno scelto per la Protettrice della nazione. I pellegrinaggi a Jasna Góra non sono cessati nemmeno durante le guerre, l’occupazione e il regime comunista. Nella Polonia libera, i pellegrini vanno alla Madre di Jasna Góra in numerosi pellegrinaggi a piedi, in bicicletta, in moto, a cavallo e persino sui pattini per affidare a Maria le loro intenzioni personali e nazionali.

“Ci sentiamo preferiti e onorati di partecipare a questa maratona di preghiera” ha sottolineato il Priore di Jasna Góra, padre Samuel Pacholski. Il 3 maggio è il giorno in cui i polacchi esprimono la loro fede nella speciale cura di Dio che hanno sperimentato e sperimentano attraverso la Madonna. La festa è stata stabilita su richiesta dei vescovi dopo che la Polonia riconquistò l’indipendenza alla fine della prima guerra mondiale.

I Pontefici hanno sempre amato questa preghiera così semplice eppure così profonda. E molti sono i pronunciamenti dedicati al Rosario. Ma il più recente testo dedicato a questa preghiera è di Giovanni Paolo II: Rosarium Virginis Mariae. Il testo si apre con dei ricordi personali del Papa: Fin dai miei anni giovanili questa preghiera ha avuto un posto importante nella mia vita spirituale. Il Rosario mi ha accompagnato nei momenti della gioia e in quelli della prova. Ad esso ho consegnato tante preoccupazioni, in esso ho trovato sempre conforto”.

Giovanni Paolo II mette al centro di ogni azione del Rosario la vita di Maria: “La contemplazione di Cristo ha in Maria il suo modello insuperabile. Il volto del Figlio le appartiene a titolo speciale” spiega e “Maria vive con gli occhi su Cristo e fa tesoro di ogni sua parola”. “il Rosario è insieme meditazione e supplica. L’insistente implorazione della Madre di Dio poggia sulla fiducia che la sua materna intercessione può tutto sul cuore del Figlio”.

 

 

 

Redazione da Ag. di i.

 

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 maggio 3, 2021 22:05

Messina Religiosa su FaceBook

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 38:
    • 158:
    ottobre: 2021
    L M M G V S D
    « Set    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

    Login