Dai santuari del mondo, Francesco: il Rosario per sconfiggere la pandemia, oggi tutti a Częstochowa

Redazione1
di Redazione1 maggio 3, 2021 22:05

Dai santuari del mondo, Francesco: il Rosario per sconfiggere la pandemia, oggi tutti a Częstochowa

Dal primo maggio, ogni giorno alle 18,00, il mondo è chiamato a pregare il Santo Rosario per la fine della Pandemia dai santuari sparsi per il mondo intero, con i fedeli e con tutte le persone di buona volontà, per affidare nelle mani della nostra Madre Santa l’umanità intera, duramente provata da questo periodo di pandemia.

Sabato scorso la preghiera è iniziata a San Pietro con Papa Francesco. Nello stesso momento era collegato anche il santuario di Nostra Signora di Walsingham Inghilterra Europa e la intenzione specifica era per i defunti.  Il Papa ha ricordato coloro che sono stati colpiti dalla pandemia e dalle sue conseguenze, per la salute, la economia fino a chi ha subito violenza all’interno delle case. Un grazie a chi lavora per il bene di tutti.

La maratona di preghiera è proseguita ieri, domenica due maggio con il santuario di Jesus the Saviour and Mother Mary (Elele) Nigeria Africa e la intenzione era per coloro che non hanno potuto salutare i propri cari.

Oggi alle 18.00, ora di Roma, la preghiera si svolge a Częstochowa in Polonia nel santuario di Santa Maria di Jasna Gòra e l’intenzione è per i contagiati e i malati.

Nei momenti più difficili della storia i polacchi vanno da Maria, che hanno scelto per la Protettrice della nazione. I pellegrinaggi a Jasna Góra non sono cessati nemmeno durante le guerre, l’occupazione e il regime comunista. Nella Polonia libera, i pellegrini vanno alla Madre di Jasna Góra in numerosi pellegrinaggi a piedi, in bicicletta, in moto, a cavallo e persino sui pattini per affidare a Maria le loro intenzioni personali e nazionali.

“Ci sentiamo preferiti e onorati di partecipare a questa maratona di preghiera” ha sottolineato il Priore di Jasna Góra, padre Samuel Pacholski. Il 3 maggio è il giorno in cui i polacchi esprimono la loro fede nella speciale cura di Dio che hanno sperimentato e sperimentano attraverso la Madonna. La festa è stata stabilita su richiesta dei vescovi dopo che la Polonia riconquistò l’indipendenza alla fine della prima guerra mondiale.

I Pontefici hanno sempre amato questa preghiera così semplice eppure così profonda. E molti sono i pronunciamenti dedicati al Rosario. Ma il più recente testo dedicato a questa preghiera è di Giovanni Paolo II: Rosarium Virginis Mariae. Il testo si apre con dei ricordi personali del Papa: Fin dai miei anni giovanili questa preghiera ha avuto un posto importante nella mia vita spirituale. Il Rosario mi ha accompagnato nei momenti della gioia e in quelli della prova. Ad esso ho consegnato tante preoccupazioni, in esso ho trovato sempre conforto”.

Giovanni Paolo II mette al centro di ogni azione del Rosario la vita di Maria: “La contemplazione di Cristo ha in Maria il suo modello insuperabile. Il volto del Figlio le appartiene a titolo speciale” spiega e “Maria vive con gli occhi su Cristo e fa tesoro di ogni sua parola”. “il Rosario è insieme meditazione e supplica. L’insistente implorazione della Madre di Dio poggia sulla fiducia che la sua materna intercessione può tutto sul cuore del Figlio”.

 

 

 

Redazione da Ag. di i.

 

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 maggio 3, 2021 22:05

RSS aleteia

  • Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i preti scelgono la vita
    Don Maurizio Patriciello striglia Fedez sull’aborto. E lo fa con un editoriale sul quotidiano Avvenire (29 luglio) in cui smonta con parole d’amore, la “scomunica” ai sacerdoti via twitter intimata dal rapper milanese.  Tutto era nato da un tweet di un altro prete, don Mirco Bianchi, che inneggiava al supporto degli influencer nella battaglia contro […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Paolo Palumbo: la Sla non lo piega. Ora è un “eroe” su Facebook (FOTO)
    Nell’ultimo post su Facebook, Paolo Palumbo ha scagliato un altro schiaffo alla SLA, che lo ha colpito cinque anni fa: ha ricevuto quasi 15mila interazioni e centinaia di ovazione per il suo approccio da lottatore contro una malattia degenerativa che lo sta mettendo a dura prova ogni giorno. SONO ESAUSTO. Questa è la faccia di […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Benedetta dopo 66 anni la salma di “Luciedda”, ora la verità
    Si disse che i funerali non si fecero “per via del diritto canonico”, ma nella piccola Lucia Mantione la sua Montedoro riconobbe sempre e da subito una sorella di Maria Goretti. The post Benedetta dopo 66 anni la salma di “Luciedda”, ora la verità appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Giovanni Marcotullio
  • Neha, 17 anni, uccisa a bastonate da nonni e zii perché indossava i jeans
    Adolescente indiana, amava lo stile all’occidentale Uccisa a bastonate perché amava indossare jeans e t-shirt. E’ successo in India, nello stato settentrionale dell’ Uttar Pradesh. Si chiamava Neha Paswan, aveva 17 anni, studiava e sognava di diventare poliziotto. La madre riferisce a BBC Hindi che a casa era scoppiata l’ennesima discussione tra il nonno, gli […]
    Paola Belletti
  • Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non abbandonata
    Come il proverbiale albero che cresce nella foresta, una vita salvata non fa rumore quanto le battaglie mediatiche pro-aborto. E va benissimo così, perché il campo da gioco è la realtà e non i post acchiappa-like. La vita ha un peso, c’è. E ha fatto scattare i sensori di una culla, lo scorso martedì sera. […]
    Annalisa Teggi
  • Non dominare la concupiscenza può rovinare la vita
    Quell’uomo, professionista di successo sui quaranta, aveva bisogno di un’assistente personale. Aveva intervistato alcune candidate con la solita professionalità quando si è presentata una ragazza attraente e affascinante, che ha deciso di assumere senza neanche chiederle il requisito di una lettera di presentazione. Fino a quel momento era stato in grado di vivere un amore […]
    Orfa Astorga
  • Il centro vaccinazioni di Sant’Egidio non lascia indietro nessuno
    “L’apertura di questo hub vaccinale è per aiutare gli ultimi”, ha dichiarato Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio. “Ci sono ancora migliaia di persone che vivono per strada, che non hanno un domicilio fisso. Tante che non sono state raggiunte dalla campagna vaccinale, ma possono essere raggiunte da quella rete di contatti che Sant’Egidio […]
    Catholic-factchecking.com
  • A Federica Pellegrini e a tutte le nostre ultime volte
    Le ultime volte.  Potremo scrivere un trattato su come dovrebbero essere le ultime volte della nostra vita. Se sapessi quale sarà l’ultima volta che terrò in braccio mia figlia, l’ultima volta che ho salutato mia nonna. Ci sono le ultime volte che conosciamo. Il mio ultimo giorno di liceo era il 12 giugno 2008. L’ultima […]
    Giovanna Binci
  • Lo stress ci opprime? Possiamo imparare a gestirlo
    Il colibrì dalle racchette è un piccolo volatile variopinto che abita le foreste dell’America meridionale. La sua vita è semplice e frenetica allo stesso tempo: trascorre intere giornate alla ricerca di cibo con il fine ultimo di avere energie per la ricerca stessa. Le sue ali vibrano a una velocità molto elevata ed è così […]
    BenEssere
  • Madonna in lacrime, sangue, stigmate: dal 1989 accade a Giampilieri
    E’ morta per un male incurabile, la veggente di Giampilieri Marina, in provincia di Messina, Pina Micali. Di lei per un trentennio si sono occupate anche le cronache nazionali dei giornali, perchè Pina Micali diceva di entrare in contato con la Madonna nei giorni di martedì e venerdì. Così a Giamplieri, dove la Madonna avrebbe […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 69:
    • 110:
    luglio: 2021
    L M M G V S D
    « Giu    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

    Login