Nel ricordo del grande Papa, Giovanni Paolo II: “Vincere è sfruttare bene i talenti che Dio ci ha dato”

Redazione1
di Redazione1 aprile 1, 2021 19:52

Nel ricordo del grande Papa, Giovanni Paolo II: “Vincere è sfruttare bene i talenti che Dio ci ha dato”

San Giovanni Paolo II, il “Papa sportivo” per eccellenza. Nella storia, lo sport ha sempre avuto un ruolo centrale nella vita di vari Pontefici. Ma con Papa Giovanni Paolo II si può affermare che ciò abbia raggiunto la massima estrinsecazione. Perchè se è vero che lo sport è una componente fondamentale della vita di ognuno di noi, per Carol Wojtyla la dimensione sportiva venne rivalutata al punto da divenire non solo una passione, ma vero e proprio “segno dei tempi”.

Papa Giovanni Paolo II fin da subito, fin dal momento della sua elezione, dimostrò di essere un passo avanti con i tempi, rompendo gli schemi, ed instaurando con le persone un rapporto fatto di empatia, fede, rispetto: dai giovani ai meno giovani tutti ricordiamo la frase con cui Egli si presentò al balcone di Piazza San Pietro subito dopo l’elezione “se mi sbaglio, mi corrigerete” con umiltà, in grado di raggiungere anche i cuori più ostili.

Da grande sportivo quale era, questo stile di vita è emerso subito nella sua quotidianità di Pontefice rappresentandone un aspetto molto importante, a volte suscitando stupore e meraviglia. Sono note le immagini del Papa in settimana bianca mentre scia, mentre compie lunghe passeggiate in montagna con panorami mozzafiato. Durante la Messa per il Giubileo internazionale degli sportivi, il 12 Aprile del 1984, presso lo stadio Olimpico di Roma sottolineò il valore della dimensione sportiva: “Cercate di utilizzare lo sport come analogia della vita, per imparare a vivere. Il campo di gioco o l’attività’ in palestra è come la vita; uno può fare sport per passare il tempo, per “mostrare i muscoli” oppure per diventare più se stesso. Il valore dello sport è che è analogia della vita, perché il vero campo da gioco è la vita.

Così, anche il sacrificio che lo sport richiede svela meglio la sua natura buona e l’esigenza di motivare in modo adeguato un sacrificio. Bisogna far vedere il nesso tra il sacrificio e il risultato, cioè la convenienza per una vita più umana. E poi, se i ragazzi crescono nella loro umanità, riusciranno meglio anche nello sport. “Vincere è sfruttare bene i talenti è riconoscere i talenti che Dio ci ha dato. Perdere è capire quali talenti abbiamo e quali capacità dobbiamo ancora capire. Se ce la metto tutta e perdo non è una sconfitta senza valore: sono chiamato a scoprire quali sono le mie doti. Fate che l’uomo non sia mai sacrificato all’atleta”.

Ancora, a riprova del suo amore per lo sport e il riconoscimento del suo valore al di là dell’aspetto prettamente “ fisico”, durante una Omelia, in occasione del Giubileo degli sportivi di Roma del 2000 disse che «la pratica sportiva […] può favorire l’affermarsi nei giovani di valori importanti quali la lealtà, la perseveranza, l’amicizia, la condivisione, la solidarietà. E proprio per tale motivo, in questi ultimi anni essa è andata sempre più sviluppandosi come uno dei fenomeni tipici della modernità, quasi un “segno dei tempi” capace di interpretare nuove esigenze e nuove attese dell’umanità». Infatti, «per il profilo planetario assunto da questa attività», essa «può […] recare un valido apporto alla pacifica intesa fra i popoli e contribuire all’affermarsi nel mondo della nuova civiltà dell’amore».

Sport come “ segno dei tempi” si è detto, a voler sottolineare l’immagine di un Papa innovatore, promotore dello sport in un’ottica più

ampia e spirituale: lo sport come punto di partenza per lo sviluppo di un mondo migliore, quale vero e proprio segno di rottura con una società tradizionalista legata alla visione dell’attività sportiva come mero passatempo, e di valorizzazione della stessa come  disciplina di vita in grado di interpretare “nuove esigenze e nuove attese dell’umanità”, con evidenti riflessi nel mondo della spiritualità. Sport come mezzo per promuovere la pace fra i popoli, espressione universale dell’uomo a carattere interculturale ed innovativo che trascende ogni tipo di differenza sia essa linguistica, religiosa, sociale, culturale. Il linguaggio dello sport parla a tutti indistintamente ed, in questo senso, valorizzare lo sport significa valorizzare un nuovo concetto di umanità ed una nuova “civiltà dell’amore”.

Emerge in tutto questo l’immagine di un uomo ancorché del Pontefice, innamorato dello sport come metafora della vita che sproni l’uomo a valorizzare i propri talenti quali doni di Dio, ribadendo la necessità del sacrificio per conseguire il risultato, accettando la sconfitta con un concetto di umiltà che implica la scoperta e valorizzazione delle proprie peculiarità e dei propri limiti. Un uomo dalle mille risorse Carol Wojtyla, un esempio per tutti, per il modo come ha affrontato la vita, le difficoltà, per il modo in cui è riuscito a conquistare una moltitudine di persone in tutto il mondo. Un grande Santo di tutti i tempi.

 

Gabriella Forlese

 

Redazione1
di Redazione1 aprile 1, 2021 19:52

RSS aleteia

  • I pericoli dell’attivismo nella vita interiore
    È cosa lodevole lavorare per Dio, ma attenzione a non ricadere nell’attivismo – come se volessimo “dimostrare di meritarci” la salvezza. Cerchiamo piuttosto di consolidare il nostro essere interiore prima di lanciarci nelle opere esteriori. The post I pericoli dell’attivismo nella vita interiore appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Jean-Michel Castaing
  • Un innamorato che non ha conosciuto le distanze, ma le ha percorse: san Domenico di Guzman
    O lumen Ecclesiae1 Luce della Chiesa, Dottore di verità, Rosa di pazienza, Avorio di castità,gratuitamente hai effuso l’acqua della sapienza:predicatore della grazia, ricongiungi anche noi tra i beati del cielo. Prega per noi, Santo padre Domenico.E saremo degni delle promesse di Cristo. PreghiamoTi supplichiamo Dio onnipotente, per intercessione di San Domenico nostro Padre, di sollevarci […]
    Padre Bruno Esposito, OP
  • Emma Torre: “Mio padre ha vinto questo premio anche se non c’è più”
    Si è svolta ieri sera la 66ima edizione della cerimonia dei David di Donatello, kermesse che celebra il meglio del cinema italiano. Uno dei momenti più commoventi della serata è stato quando la giovanissima Emma Torre è salita sul palco per ritirare il premio al posto del papà, lo sceneggiatore Mattia Torre, morto nel 2019. Un […]
    Annalisa Teggi
  • Pronti per un tour virtuale di una cappella in onore di San Giuseppe?
    Il 6 maggio, il Santuario Nazionale di Nostra Signora Aparecida è stato il luogo scelto per la preghiera mondiale per la fine della pandemia. Su Aleteia avete potuto seguire questa celebrazione dal vivo dall’emblematico santuario situato a San Paolo, in Brasile, come tutta la “maratona” convocata da Papa Francesco per il mese di maggio. Il […]
    Pablo Cesio
  • 5 idee ispiratrici sull’amicizia tratte dalle Scritture
    Il Vangelo ci ricorda quanto sia rivoluzionario il rapporto di Cristo con l’umanità. Egli ci ha offerto un modello radicalmente nuovo per accostarci a Dio attraverso l’amicizia. Comprendere il ruolo spirituale dell’amicizia ha un grande impatto sul modo in cui pratichiamo la nostra fede. La maggior parte delle culture antiche credeva in molti dèi, e […]
    Theresa Civantos Barber
  • La Santa Sede chiede di vaccinare i sacerdoti esposti a rischi
    “Un sacerdote che sia fedele alla sua vocazione e alla sua missione, e che quindi si spenda esercitando il proprio ministero in parrocchia, nelle carceri, negli ospedali, potrebbe essere considerato come parte di una ‘categoria a rischio’, per lo svolgimento di un servizio ‘socialmente utile’”. Lo afferma il Cardinale Beniamino Stella, prefetto della Congregazione per […]
    Mirko Testa
  • Il Papa all’udienza generale: è bello rivedersi faccia a faccia
    Il Papa torna a presiedere l’udienza generale con la presenza dei fedeli. Le sue parole risuonano, tra volti di pellegrini di vari Paesi del mondo, dal Cortile di San Damaso del Palazzo Apostolico. Sono contento di riprendere questo incontro faccia a faccia, perché vi dico una cosa: non è bello parlare davanti al niente, a […]
    Vatican News
  • La lettera di dimissioni di un’addetta alle pulizie diventa virale per una ragione importante
    Dopo 35 anni in cui ha pulito uffici, Julie Cousins è finalmente andata in pensione, ma prima di andarsene voleva essere certa che i suoi datori di lavoro comprendessero l’importanza di trattare con rispetto qualsiasi persona. Secondo suo figlio Joe, la donna ha lasciato una lettera che ha sottolineato gli atteggiamenti che l’hanno addolorata portandola […]
    Cerith Gardiner
  • Qual è il nostro destino? avere la stessa gloria di Cristo
    In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso.Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Cristiano morto a 7 anni di tumore: mamma, come si fa ad andare in Paradiso?
    Oggi vi racconto la storia di Cristiano, un bambino salito al Cielo a soli sette anni a causa di un tumore al cervello, il 5 aprile 2016. Cristiano era appassionato di pittura e colori, ha disegnato fino al giorno prima di morire. Ultimo di sei fratelli, adorava andare a scuola, giocare a calcio, e non […]
    Silvia Lucchetti

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 13:
    • 111:
    maggio: 2021
    L M M G V S D
    « Apr    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

    Login