Povertà e Coronavirus, Caritas Roma: incremento del 600% di aiuti alimentari, 35% nuovi poveri

Redazione1
di Redazione1 dicembre 17, 2020 23:47

Povertà e Coronavirus, Caritas Roma: incremento del 600% di aiuti alimentari, 35% nuovi poveri

La “pandemia sociale” dovuta alle restrizioni imposte dall’emergenza sanitaria, secondo il Rapporto 2020 della Caritas di Roma, fa registrare un boom di nuovi poveri in quasi tutti i centri di ascolto parrocchiali. Durante il lockdown le parrocchie romane con i 176 centri d’ascolto coordinati dalla diocesi si sono trovati a far fronte ad una richiesta di cibo e aiuti economici senza precedenti. Da marzo 2020 l’emergenza sanitaria Covid-19 ha assunto a Roma le tinte drammatiche dell’emergenza sociale ed alimentare (Sir).

A giugno 2020 sono stati consegnati +600% di beni alimentari rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Negli ultimi nove mesi il 35,3% delle persone che si sono rivolte ai centri d’ascolto parrocchiali ci sono andate per la prima volta nella loro vita. Oltre l’83% dei centri si è trovato di fronte a forme di “nuova povertà”. Le tre mense della Caritas di Roma per i più poveri hanno avuto un aumento del 50% da aprile a giugno. Sono dati di forte impatto quelli che emergono dal Rapporto 2020 “La povertà a Roma: un punto di vista” curato dalla Caritas diocesana di Roma e presentato oggi on line.

Dati che confermano, se non aggravano, il trend nazionale. La realtà capitolina già prima del Covid-19 era in affanno, con grandi sacche di fragilità e diseguaglianze, con forti polarizzazioni e l’allargamento della forbice tra classi sociali. Già nel 2019 il 40% dei romani guadagnava meno di 15.000 euro annui. Erano state 35.780 le domande per il Reddito di cittadinanza, 6.629 per le Pensioni di cittadinanza.

Il lockdown ha fatto precipitare i cosiddetti “equilibristi della povertà” in una povertà conclamata. L’annoso disagio abitativo (con sfratti e sgomberi), i lavori precari, la solitudine e l’isolamento degli anziani in una città sempre più vecchia (170 over 65enni ogni 100 minori under 14enni), le migliaia di senza dimora, le persone con disagio mentale e disabilità, la mancanza di collaborazione da parte delle istituzioni e ora il Covid-19: sono tante le criticità analizzate nelle 130 pagine del volume della Caritas di Roma, costretta a confrontarsi con povertà sempre più complesse e multiformi.

Nelle tre mense diocesane +50% di pasti tra aprile e maggio. Nel periodo marzo-settembre, ad esempio, le tre mense diocesane “Giovanni Paolo II” a Colle Oppio, “Don Luigi Di Liegro” a Via Marsala, “Gabriele Castiglion” a Ostia (riorganizzate per offrire il proprio servizio in sicurezza) hanno distribuito 238.246 pasti a fronte dei 185.062 dell’anno precedente, con un incremento del 28,7% dell’attività. Il picco si è avuto nei mesi di aprile, maggio e giugno, con aumenti del 50% rispetto al 2019, soprattutto giovani stranieri, titolari di protezione internazionale.

Impennata delle persone assistite dalle parrocchie. Il numero delle persone assistite dalle parrocchie è letteralmente esploso: l’85,9% dei Cda presenti nelle parrocchie romane ha registrato un’impennata del numero delle persone assistite (che in alcuni casi è arrivato a decuplicare). La maggior parte delle parrocchie ha visto un aumento fino a 50 persone. In 6 casi l’aumento delle persone assistite è stato addirittura di oltre 500.

35,3% di nuovi poveri, quasi la metà italiani. Nei primi nove mesi del 2020 sono state accolte 21.160 persone nei centri d’ascolto, il 35,3% per la prima volta (7.476 persone). Nel 48,7% dei casi le nuove persone (7.476) che si sono rivolte ai centri parrocchiali sono italiani, seguiti dai filippini (16,3%) soprattutto badanti che vivevano nelle case degli assistiti e si sono trovati senza reddito né abitazione. Nel 64,4% dei casi erano donne. Il 54% dei nuovi iscritti sono al di sotto dei 45 anni, mentre gli over 65 il 14,7%. 4.621.

Chi si è rivolto alle parrocchie? Durante il lockdown si sono rivolti alle parrocchie soprattutto persone con un impiego irregolare fermo a causa delle restrizioni , disoccupati di lunga data, lavoratori precari, lavoratori dipendenti in cassa integrazione, infine gli intermittenti e stagionali in attesa di bonus. Da notare anche una alta percentuale di pensionati, pari al 51,5%. Tra le richieste principali: il cibo (84,3%), la mancanza di lavoro/reddito (79,1%) e la mancanza di denaro per pagare l’affitto o il mutuo (71,5%).

 

 

Redazione da Ag. di i.

 

Redazione1
di Redazione1 dicembre 17, 2020 23:47

RSS aleteia

  • Sapete qual è stato il primo Papa ad aver viaggiato in aereo?
    Innocenzo XII è stato l’ultimo Papa con la barba, Clemente VIII il primo a provare il caffè e Leone X il primo (e ultimo) ad avere come animale da compagnia un elefante, ma Papa Paolo VI (noto anche come “il Papa pellegrino”) è stato il primo a viaggiare in aeroplano, il primo a lasciare l’Italia […]
    Daniel R. Esparza
  • Il salvataggio della Grande Barriera Corallina
    Quando l’equilibrio della natura viene rotto, a causa dell’uomo o no, l’uomo stesso può intervenire a restaurarlo. Il nostro collaboratore Tugdual Derville ci racconta la storia di una mobilitazione umana riuscita per salvare uno dei nostri beni comuni: la Grande Barriera Corallina.  The post Il salvataggio della Grande Barriera Corallina appeared first on Aleteia.org - […]
    Tugdual Derville
  • Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia
    Nel corso della sua visita in Slovacchia, dal 12 al 15 settembre, papa Francesco ha incontrato la minoranza rom a Košice, la seconda città slovacca per dimensioni. Il racconto di padre Martin Mekel, in missione nel popolo rom. The post Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia appeared first on Aleteia.org - […]
    Thomas Oswald
  • Torturato in Libia, migrante nel Mediterraneo: ora gioca a calcio in serie B
    Una storia d’altri tempi: la fuga dalla Guinea, sua terra natia in preda a bande assassine, poi i furti subiti, le torture in Libia, il viaggio su un barcone di migranti con destinazione Calabria: infine per Cherif Karamoko l’approdo a Padova dove realizza il suo sogno di giocare a calcio. Diventa un atleta della squadra […]
    Gelsomino Del Guercio
  • I nazisti lo uccisero a bastonate. Ora Don Giovanni Fornasini sarà beato
    Don Giovanni Fornasini è “fratello di tutti”, se c’è “un testamento della sua vita è che non lasciava dietro nessuno”. Così l’arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Zuppi, ha ricordato la figura del sacerdote martire, ucciso dai nazifascisti il 13 ottobre 1944 a San Martino di Caprara, testimone degli eccidi avvenuti a Monte Sole, Marzabotto, nei […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 suggerimenti contro l’ansia
    La fuga è una risposta naturale dell’organismo di fronte a situazioni minacciose, come fa un animale selvaggio nella foresta o la pandemia. In un contesto minaccioso, il corpo produce un ormone chiamato cortisone, che comporta vari benefici per il corpo stesso e permette una risposta rapida. Quando non si fa nulla per combattere o per […]
    Octavio Messias
  • Il Sinodo. Camminare insieme senza paura
    C’è una decisione che va in profondità: voglio uscire dall’isolamento? Dalla supponenza individualista? Dalle ritrosie egoistiche che mi sospingono a vedere nell’altro un nemico e non un compagno e amico di strada? Abbiamo paura dell’altro, chiunque esso sia, si immagini se dovessimo “amare il nemico”, e la paura pervasiva invade e paralizza i primi passi […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Federico ha saltato l’inizio della scuola… per salire in vetta al Cervino
    «Ha scalato il Cervino» non è una giustificazione che molti genitori useranno nel libretto delle assenze dei figli, ma la mamma di Federico Tomasi ha dovuto proprio scrivere così. Federico è mancato da scuola i primi due giorni, frequenta la seconda media in Piemonte e ha compiuto un’impresa storica. Nell’attuale panorama desolante di psico-pandemia (paghiamo […]
    Annalisa Teggi
  • La proposta di matrimonio che forse vi siete persi ai Giochi Paralimpici
    Oltre a tutti i successi sportivi dei Giochi Paralimpici di Tokyo di quest’anno, c’è stato spazio anche per un po’ di romanticismo. Fortunatamente, le telecamere sono riuscite a captare il dolce momento perché tutti potessero vederlo. Keula Nidreia Pereira Semedo è un’atleta con disabilità visiva che gareggia nei 100 e 200 metri. Per muoversi con […]
    Dolors Massot
  • Se un gatto fa il prete: i Mienmiuaif e il meraviglioso nonsense della fede
    Avevo appena aperto la mia confezione di bagigi sotto sale da mangiare tutta intera in santa pace con tanto di leccata di dita finale quando eccolo lì. E ti pareva. Parli di bagigi e lui li ha già fiutati da un chilometro o da dovunque sia la sua canonica. Un gatto che predica Ma poi […]
    Giovanna Binci

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 152:
    • 134:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login