Giornata missionaria mondiale, “Tessitori di fraternità”: chiamati a ricostruire relazioni umane

Redazione1
di Redazione1 ottobre 18, 2020 22:53

Giornata missionaria mondiale, “Tessitori di fraternità”: chiamati a ricostruire relazioni umane

Parlando dell’impegno che la Chiesa dedica, nel mese di ottobre, all’opera missionaria  in tutto il mondo, l’Arcivescovo tanzaniano mons. Protase Rugambwa, Segretario della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, citando il Messaggio di Papa Francesco per la Giornata Missionaria Mondiale, ricorda che “in un contesto profondamente segnato dalla pandemia di Covid-19, non bisogna scoraggiarsi perché la missione non è frutto di capacità umane, ma appartiene a Dio: lo Spirito Santo ne è il protagonista”. Sottolinea inoltre che “I missionari sono lì, a fianco di chi soffre, tanto più con l’impatto della crisi globale. Questo è il momento favorevole per la missione: siamo chiamati oggi ad annunciare e donare l’amore di Dio soprattutto dove c’è sofferenza, indigenza, disperazione”.

Il Mese missionario, sotto la protezione di Santa Teresina di Lisieux, Patrona delle missioni, chiama tutti alla partecipazione attiva in un mondo tuttora attraversato dal Covid-19 che da alcuni mesi “perseguita” le nostre esistenze, ci obbliga a chiuderci in casa e a interrompere o ridurre le relazioni interpersonali e comunitarie, e porta con sé – assieme a una tragica emergenza sanitaria – una crisi economica e sociale che colpisce in maniera diseguale ogni angolo del pianeta (Sir).

La pandemia, occorre ricordare, si aggiunge ai mali endemici che attraversano questa nostra epoca – povertà, guerre, terrorismo, mortificazione dei diritti umani e delle libertà fondamentali, cambiamento climatico e sue conseguenze… – siamo di fronte a una umanità sofferente che invoca solidarietà: l’opera missionaria sollecita, in questo senso, partecipazione alle vicende dei nostri giorni, una rinnovata sensibilità e apertura di orizzonti, e richiama all’animazione – e alla concreta generosità – nella Chiesa locale sul versante della missione verso tutti i popoli.

Ci guidano, per questo, le parole che papa Francesco consegna nel messaggio per la Giornata missionaria mondiale. Vi è forte richiamo alla missione come “risposta, libera e consapevole, alla chiamata di Dio” che possiamo percepire “solo quando viviamo un rapporto personale di amore con Gesù vivo nella sua Chiesa”. Da qui nasce l’“Eccomi manda me” di Isaia. Bergoglio ripropone Gesù – non possiamo mai dimenticarlo – come origine e senso della nostra esistenza, della nostra vocazione, del nostro credere. La missione matura e si alimenta nella relazione con il Signore risorto.

Il Papa, in un altro passaggio, sottolinea che l’amore di Dio “è per ognuno e per tutti” e “chiede la nostra personale disponibilità ad essere inviati, perché Egli è amore in perenne movimento di missione, sempre in uscita da se stesso per dare vita”. È bella questa immagine dinamica dell’amore di Dio per l’umanità, che dovrebbe rispecchiarsi nel nostro procedere verso i fratelli, specie quelli più fragili, provando a testimoniare la medesima bontà e misericordia che Gesù insegna. Non può esserci fede né cristianesimo in cuori induriti, chiusi, egoisti.

“La malattia, la sofferenza, la paura, l’isolamento ci interpellano. La povertà – insiste Francesco – di chi muore solo, di chi è abbandonato a se stesso, di chi perde il lavoro e il salario, di chi non ha casa e cibo ci interroga. Obbligati alla distanza fisica e a rimanere a casa, siamo invitati a riscoprire che abbiamo bisogno delle relazioni sociali, e anche della relazione comunitaria con Dio”.

A sua volta, don Giuseppe Pizzoli, direttore generale della Fondazione Missio, osserva: “Il tema dell’ottobre missionario ‘Tessitori di fraternità’ è più che mai attuale nella situazione dell’emergenza Covid, che ci ha costretto al distanziamento tra le persone”,

mentre ora “dobbiamo ricordarci che il Vangelo ci invita a tessere relazioni umane. È questa una nuova sfida missionaria che deve puntare alla verità della testimonianza e dello scambio tra fratelli e con quanti appartengono ad altre religioni o non conoscono ancora il nome di Cristo. Dialogo e annuncio richiedono l’impegno a scommettere sul rapporto con l’altro, con la persona, per ricostruire un tessuto umano nuovo”. La missione è un ulteriore volto della “Chiesa in uscita” e ogni cristiano è chiamato a farsene interprete mite e coerente, concreto e generoso.

 

 

Redazione da Ag. di i.

Redazione1
di Redazione1 ottobre 18, 2020 22:53

RSS aleteia

  • I padri più grandi del mondo: uomini santi che hanno allevato santi
    L’amore di un buon padre può essere un’icona dell’amore di Dio Padre, che spiega ai suoi figli la verità per la quale sono amati al di là di ogni immaginazione. Questo tipo di amore rende molto più semplice il fatto di ricevere l’amore di Dio e di donargli il nostro cuore, rendendo santi i figli […]
    Meg Hunter-Kilmer
  • Pensavate che la vostra vita sarebbe stata facile per il fatto di essere cattolici?
    “Del resto, tutti quelli che vogliono vivere piamente in Cristo Gesù saranno perseguitati” (II Timoteo 3, 12) Essere cattolico è la cosa migliore che mi sia capitata. Mi sento felice, accolto nella nostra santa Madre Chiesa. Non è perfetta, ma la amo. So anche che praticare la fede e perseverare nella preghiera non mi libererà dalle […]
    Claudio De Castro
  • Alfredo Infante, un Gesuita che esercita il suo sacerdozio tra guerre e conflitti
    Il fuoco incrociato tra le bande criminali per il “controllo della zona” e tra queste e i corpi di sicurezza dello Stato è “il pane quotidiano” a La Vega, un insieme di quartieri a sud-ovest di Caracas (Venezuela). Negli ultimi mesi, prendere precauzioni serve non solo a evitare la pandemia di coronavirus, ma anche a […]
    Ramón Antonio Pérez
  • La preghiera quotidiana che può trasformare la vostra vita
    Molti di noi stanno vivendo con il pilota automatico inserito, saltando da un compito all’altro, non permettendosi tempo o spazio per la contemplazione, o sprecando il proprio tempo in cose prive di importanza. Sant’Ignazio, sacerdote spagnolo, teologo e fondatore dei Gesuiti, ha scritto gli Esercizi Spirituali, un insieme di meditazioni cristiane, preghiere ed esercizi mentali […]
    José Miguel Carrera
  • Erdoğan vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane della Turchia?
    La Turchia vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane? È la domanda posta senza giri di parole dal sito Cristiani Today, che si chiede quale sia la politica del Governo di Recep Tayyip Erdoğan per quanto riguarda i templi cristiani esistenti nel Paese a maggioranza musulmana ma in teoria laico. Il reportage parte dal […]
    Francisco Vêneto
  • 105 anni appena compiuti, pregando ogni giorno San Francesco di Paola
    Il suo legame con San Francesco di Paola si è rinsaldato con la preghiera anche nel giorno del suo 105esimo compleanno.   Anna Mangione, la donna più longeva di Pizzo Calabro (Vibo Valentia), nata il 17 giugno 1916, nel clou del primo conflitto mondiale, era poco più che trentenne quando superò anche la seconda guerra. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Incorporei, innumerevoli, “soffi” di Dio: così si presentano gli angeli
    Viviamo in un mondo circondato da spiriti la cui trascendenza è constante, ma più in là delle costellazioni e delle stelle, esiste un universo celeste i cui abitanti sono gli spiriti puri, ossia gli angeli, creature fuori dalle dimensioni temporali normali e che non un corpo umano. Non si possono quantificare Questi spiriti puri sono […]
    don Marcello Stanzione
  • Il bimbo più prematuro del mondo compie un anno, auguri Richard!
    Tanto piccolo, ma con un nome lunghissimo: Richard Scott William Hutchison. Altisonante come il nome di un re o di un principe e in effetti si merita squilli di tromba e una festa in grande stile. Ma in realtà gli è bastata una torta di panna da poter pastrocchiare con le mani. Lo scorso 5 […]
    Annalisa Teggi
  • Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livorno
    Nella diocesi di Livorno sarà possibile celebrare il matrimonio religioso anche in casa. La disposizione ha ricevuto il via libera da parte del consiglio presbiteriale, come riporta il settimanale diocesano. Il rifiuto di sposarsi in chiesa «Con questa disposizione – spiega il vescovo di Livorno Simone Giusti – abbiamo pensato di facilitare in parte un […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Roberto Mancini e la sua fede: “La Madonna è la mamma di tutti noi”
    Il sostegno della Madonna e la fede sono la forza del ct della Nazionale Roberto Mancini. «Io sono credente cattolico, praticante. Sono cresciuto all’oratorio sotto casa, è stata una grande fortuna». Queste le parole di Roberto Mancini intervistato da monsignor Dario Edoardò Viganò nella puntata del 19 giugno di “A sua immagine”, il programma religioso […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 158:
    • 200:
    giugno: 2021
    L M M G V S D
    « Mag    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login