“Aiuto alla Chiesa che Soffre”: il sostegno ai perseguitati, ai bambini cristiani sottoposti ad orribili misfatti

Redazione1
di Redazione1 agosto 5, 2020 00:02

“Aiuto alla Chiesa che Soffre”: il sostegno ai perseguitati, ai bambini cristiani sottoposti ad orribili misfatti

 La persecuzione dei cristiani è “una realtà dolorosa”, ma che “attesta la fedeltà dei testimoni”. “Quanti cristiani, e fra questi tantissimi bambini, sono perseguitati anche oggi in tutto il mondo!”, ricorda spesso Francesco: “Soffrono per il Vangelo con amore, sono i martiri dei nostri giorni. E possiamo dire con sicurezza che i cristiani perseguitati di questi tempi sono più dei martiri dei primi secoli: tanti martiri, soltanto per il fatto di essere cristiani”. Ma “L’unica paura che il discepolo deve avere”, spiega il Papa, “è quella di perdere il dono divino della la vicinanza, dell’amicizia con Dio e il coraggio di testimoniare Gesù davanti agli uomini”.

In alcuni Paesi al mondo essere dei bambini cristiani significa anche essere “trucidati in attentati kamikaze, uccisi nel grembo della madre in attacchi anticristiani, obbligati a lasciare le proprie case e a vivere in campi profughi, resi schiavi e costretti ad assistere ai brutali assassini dei loro genitori”. Eppure sono proprio loro il futuro del Cristianesimo, soprattutto nelle aree in cui le comunità cristiane rischiano di scomparire. Ora, una campagna speciale per i bambini cristiani, con tre progetti specifici a loro sostegno in Siria, Pakistan e Sierra Leone, è dedicata da “Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS)”.

In Pakistan, ACS assicurerà il catechismo dei 250 piccoli fedeli della parrocchia del Santo Rosario di Warispura vicino Faisalabad, spiega Marta Petrosillo di ACS. Le loro famiglie vogliono che i figli siano ben formati alla fede cristiana, in un contesto in cui l’Islam è maggioritario e spesso sfocia nel fondamentalismo. In Sierra Leone, la Fondazione sosterrà la fede dei piccoli cristiani donando mille Bibbie del Fanciullo e mille Libretti del Rosario ai bambini della diocesi di Kenema nel Sud del Paese.

In Siria, invece, ACS sosterrà l’asilo delle suore Francescane Missionarie di Maria che accoglie gratuitamente i bimbi delle famiglie povere di tre sobborghi di Damasco, Kachkoul, Douela e Yaafur. “I bambini sono le prime vittime del conflitto siriano – dichiara ad Aiuto alla Chiesa che Soffre la direttrice dell’asilo, suor Renée Coussa – nei loro occhi vi è sempre un velo di tristezza, hanno paura di qualsiasi rumore che gli ricordi il fragore delle bombe e sono spesso irrequieti. Per questo assicuriamo loro anche assistenza psicologica. Assistiamo a tanti drammi, ad esempio qualche mese fa i padri di due dei nostri alunni sono scomparsi. Come spiegarlo ad un bambino di tre anni che aspetta il papà?”.

Alla violenza della guerra si aggiunge la miseria in cui vivono tante famiglie siriane. L’asilo, che assiste 44 bambini dagli 8 mesi ai 5 anni, è una delle poche strutture gratuite e cerca altresì di sopperire alle gravi carenze alimentari. “Ogni giorno diamo ai piccoli del latte, perché non tutte le famiglie possono permettersi di comprarlo e i bambini hanno gravi carenze di calcio. Poi carne, marmellata, uova, cioccolata. Tutto ciò che a casa non mangiano mai”.

Ma anche le suore devono purtroppo fare i conti con le terribili condizioni economiche. “Tra due settimane – racconta suor Renée – finirà il carburante per il riscaldamento e non abbiamo i soldi per acquistarlo”. La presenza dell’asilo delle religiose – le quali assistono come possono anche le famiglie dei bambini – è fondamentale per la locale comunità cristiana. “Tanti cristiani hanno lasciato la Siria in questi anni di guerra e molti altri pensano di emigrare – spiega la religiosa – ma quando le famiglie trovano qualcuno che le aiuti, scelgono di restare. Il nostro asilo è molto importante, perché è tra i pochi gratuiti. Aiutateci a donare a questi bambini e ai loro genitori un po’ di gioia e soprattutto un modo per sopravvivere. Perché la vita in Siria è davvero dura”.

Ma Aiuto alla Chiesa che Soffre, spiega Andrea Gagliarducci, dà sostegno ai cristiani perseguitati in tutto il mondo. E non solo con campagne visibili o finanziando progetti. Ma anche inviando borse di studio per permettere ai sacerdoti di formarsi, facendo celebrare Sante Messe, editando una Bibbia del Fanciullo venduta in 51 milioni di esemplari dal 1979, Una raccolta che l’anno scorso ha raggiunto i 111 milioni di euro.

Ne è stata fatta di strada da quando, nel 1947, padre Werenfried von Straten aveva messo su una associazione di aiuto per i cristiani della Germania dell’Est, diventata ben presto una associazione per aiutare i cristiani oltre cortina e infine tramutatasi negli anni Settanta una agenzia mondiale per la Chiesa che Soffre in tutto il mondo, riconosciuta come fondazione di Diritto Pontifico nel 2011.

Per aiutare nella crisi, Aiuto alla Chiesa che Soffre ha inviato anche in Sri Lanka aiuti per un totale di 122.753 euro, in molte regioni, per ricostruire parrocchie, comprare veicoli o fornire contributi per programmi di rinnovamento pastorale. I donatori italiani hanno complessivamente destinato 531.300 euro alla Siria – arrivati ai bambini di Aleppo e alla ricostruzione della cattedrale, ai malati di Homs, ai cristiani rifugiati. Quindi, 486.300 euro sono stati destinati all’Iraq, con lo scopo di agevolare il rientro di famiglie cristiane nelle terre che abitavano prima dell’arrivo dell’ISIS; 345.377 euro sono stati inviati in Venezuela, specialmente ai poveri, con l’iniziativa delle “Pentole solidali”; 257.029 euro sono stati inviati in Nigeria, 234.616 euro sono stati inviati in Pakistan; 445000 euro in Egitto.

Alessandro Monteduro, direttore della sezione italiana di Aiuto alla Chiesa che Soffre, sottolinea che “in Italia è in atto un processo di secolarizzazione che tenta di relegare il cattolicesimo in un angolo, puntando a dimostrare che la comunità italiana può vivere meglio liberandosi di questo fardello religioso. In questo contesto, i nostri 17 mila donatori (6500 in più del 2015) mostra che ci sono persone che non solo pregano, ma anche che aiutano fratelli cristiani in Paesi differenti dal nostro, aiutando persone che non conosceranno mai”.

Thomas Heine-Geldern, presidente internazionale di Aiuto alla Chiesa che Soffre, spiega che il motivo per cui Aiuto alla Chiesa che Soffre fa questo lavoro è “per costruire un ponte di pace e di amore” e per ricordare che siamo di fronte alla più difficile situazione di persecuzione religiosa nei secoli”.

 

 

 

Redazione da ag. di i.

 

Redazione1
di Redazione1 agosto 5, 2020 00:02

RSS aleteia

  • I padri più grandi del mondo: uomini santi che hanno allevato santi
    L’amore di un buon padre può essere un’icona dell’amore di Dio Padre, che spiega ai suoi figli la verità per la quale sono amati al di là di ogni immaginazione. Questo tipo di amore rende molto più semplice il fatto di ricevere l’amore di Dio e di donargli il nostro cuore, rendendo santi i figli […]
    Meg Hunter-Kilmer
  • Pensavate che la vostra vita sarebbe stata facile per il fatto di essere cattolici?
    “Del resto, tutti quelli che vogliono vivere piamente in Cristo Gesù saranno perseguitati” (II Timoteo 3, 12) Essere cattolico è la cosa migliore che mi sia capitata. Mi sento felice, accolto nella nostra santa Madre Chiesa. Non è perfetta, ma la amo. So anche che praticare la fede e perseverare nella preghiera non mi libererà dalle […]
    Claudio De Castro
  • Alfredo Infante, un Gesuita che esercita il suo sacerdozio tra guerre e conflitti
    Il fuoco incrociato tra le bande criminali per il “controllo della zona” e tra queste e i corpi di sicurezza dello Stato è “il pane quotidiano” a La Vega, un insieme di quartieri a sud-ovest di Caracas (Venezuela). Negli ultimi mesi, prendere precauzioni serve non solo a evitare la pandemia di coronavirus, ma anche a […]
    Ramón Antonio Pérez
  • La preghiera quotidiana che può trasformare la vostra vita
    Molti di noi stanno vivendo con il pilota automatico inserito, saltando da un compito all’altro, non permettendosi tempo o spazio per la contemplazione, o sprecando il proprio tempo in cose prive di importanza. Sant’Ignazio, sacerdote spagnolo, teologo e fondatore dei Gesuiti, ha scritto gli Esercizi Spirituali, un insieme di meditazioni cristiane, preghiere ed esercizi mentali […]
    José Miguel Carrera
  • Erdoğan vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane della Turchia?
    La Turchia vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane? È la domanda posta senza giri di parole dal sito Cristiani Today, che si chiede quale sia la politica del Governo di Recep Tayyip Erdoğan per quanto riguarda i templi cristiani esistenti nel Paese a maggioranza musulmana ma in teoria laico. Il reportage parte dal […]
    Francisco Vêneto
  • 105 anni appena compiuti, pregando ogni giorno San Francesco di Paola
    Il suo legame con San Francesco di Paola si è rinsaldato con la preghiera anche nel giorno del suo 105esimo compleanno.   Anna Mangione, la donna più longeva di Pizzo Calabro (Vibo Valentia), nata il 17 giugno 1916, nel clou del primo conflitto mondiale, era poco più che trentenne quando superò anche la seconda guerra. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Incorporei, innumerevoli, “soffi” di Dio: così si presentano gli angeli
    Viviamo in un mondo circondato da spiriti la cui trascendenza è constante, ma più in là delle costellazioni e delle stelle, esiste un universo celeste i cui abitanti sono gli spiriti puri, ossia gli angeli, creature fuori dalle dimensioni temporali normali e che non un corpo umano. Non si possono quantificare Questi spiriti puri sono […]
    don Marcello Stanzione
  • Il bimbo più prematuro del mondo compie un anno, auguri Richard!
    Tanto piccolo, ma con un nome lunghissimo: Richard Scott William Hutchison. Altisonante come il nome di un re o di un principe e in effetti si merita squilli di tromba e una festa in grande stile. Ma in realtà gli è bastata una torta di panna da poter pastrocchiare con le mani. Lo scorso 5 […]
    Annalisa Teggi
  • Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livorno
    Nella diocesi di Livorno sarà possibile celebrare il matrimonio religioso anche in casa. La disposizione ha ricevuto il via libera da parte del consiglio presbiteriale, come riporta il settimanale diocesano. Il rifiuto di sposarsi in chiesa «Con questa disposizione – spiega il vescovo di Livorno Simone Giusti – abbiamo pensato di facilitare in parte un […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Roberto Mancini e la sua fede: “La Madonna è la mamma di tutti noi”
    Il sostegno della Madonna e la fede sono la forza del ct della Nazionale Roberto Mancini. «Io sono credente cattolico, praticante. Sono cresciuto all’oratorio sotto casa, è stata una grande fortuna». Queste le parole di Roberto Mancini intervistato da monsignor Dario Edoardò Viganò nella puntata del 19 giugno di “A sua immagine”, il programma religioso […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 130:
    • 200:
    giugno: 2021
    L M M G V S D
    « Mag    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login