Santa Eustochia Smeralda Calafato
Clarissa messinese, (1434-1485) Fondatrice del Monastero di Montevergine
Copatrona di Messina, Protettrice delle partorienti, Patrona dei Commercianti
Ha dedicato l’intera vita nell’offerta sacrificale
di sé attraverso la preghiera, la penitenza, la povertà
e il nascondimento dell’esperienza claustrale per la
salvezza delle anime, realizzando un altissimo grado
di misticismo francescano; in particolar modo mediante
un’intensa e appassionata adesione alla Passione
di Cristo.
Il suo Messaggio, di grandissimo valore ascetico,
ci giunge forte e chiaro da un passato di oltre 500
anni; La sua luminosissima fi gura rappresenta uno
straordinario emblema sovraindividuale e sovratemporale
di immenso valore culturale e religioso, che rifl
ette, esaltandola in modo eccezionale, la spiritualità
del popolo messinese.
Storica riformatrice della vita claustrale, secondo l’Ordine delle “Sorelle Povere
di Santa Chiara”, per aver reintrodotto, applicandola innanzitutto a se stessa e al
suo monastero, la Prima Regola della Fondatrice, in conformità all’autentico spirito
clariano.
Il corpo incorrotto della miracolosa “Santa
in piedi” (secondo l’originale espressione di Papa
Giovanni Paolo II), custodito nella teca collocata
nell’abside sovrastante l’altare, si affaccia dall’alto
sulla Chiesa e può essere visitato da vicino salendo
nella cappella.
La proclamazione della sua santità, avvenuta a
Messina l’11 giugno 1988, è stata segnata dall’eccezionale
evento che ha visto il Papa, Giovanni Paolo
II, venire apposta nella nostra città per celebrare la
canonizzazione - unica volta avvenuta fuori dalle
mura Vaticane - della Beata Eustochia.
Grande è la devozione dei messinesi per questa Santa tanto amata, la cui mistica
fi gura, da tanti secoli, irradia da Montevergine una luminosa spiritualità che è stata
per tante anime propiziatrice di grazie, ispiratrice di vita spirituale e vocazionale.
La testimonianza delle tante persone che hanno invocato con fede l’intercessione
di Eustochia Smeralda Calafato, ha messo in evidenza lo straordinario carisma
Dipinto ra gurante Santa Eustochia
Corpo incorrotto della Santa nella Cappella
di questa Santa premurosa e comunicativa, che risponde sollecita con i favori celesti
da lei ottenuti, accompagnandoli spesso con segni straordinari: soprattutto con
profumo di incenso, oppure di rose, di altri fi ori, o anche con apparizioni in sogno,
visioni e sensazioni di intensa gioia.
Il Monastero di Montevergine
Il Monastero e la Chiesa di Montevergine sorgono
in Via XXIV Maggio, l’antica Via dei Monasteri,
fondato da Eustochia Smeralda Calafato nel 1464
con altre consorelle, tra cui Suor Jacoba Pollicino,
sua amica e biografa. Suor Eustochia viene eletta uffi
cialmente abbadessa, diventando Madre spirituale
che istruisce e forma le consorelle alla vita francescana,
indirizzandole alla meditazione della Passione
di Cristo, all’umiltà e alla preghiera, all’amore per il
Cristo in Croce
La giornata del monastero è intessuta di preghiera.
L’originale Regola di Santa Chiara, che ne
scandisce la vita, prevede che le clarisse rimangano
fi sicamente separate dal mondo, per essere totalmente
consacrate alla incessante lode a Dio e alla
intercessione a benefi cio di tutti gli uomini. Il Monastero di Montevergine, il cui
parlatorio è aperto a tutti, rappresenta un importante presidio spirituale per ogni
anima che ha bisogno di sostegno, che chiede preghiera e sente la necessità di confi
darsi per ogni preoccupazione della vita quotidiana.
Monastero Montevergine via XXIV Maggio 161
Visita al corpo incorrotto della Santa:
Giovedì ore 9:00-12:00 • 16:00-17:45
Domenica ore 9:30 - 10:45
Qualora si volesse visitare Cappella e Chiesa in
orari e giorni differenti, è possibile contattare le Clarisse
ai numeri di tel. 09048486. Per accoglienza gruppi e visite
guidate: cell. 347.1582641.
e-mail: monastermontevergine@aruba.it
Giovanni Paolo II nel 1988 prega a Montevergine
in occasione della canonizzazione della Beata Eustochia

(Dall'opuscolo "Santi, Santuari, Spiritualità")


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il Papa ai carcerati di Gorgona: il Signore perdona i vostri sbagli. E invita alla conversione
    "Tutti noi facciamo sbagli nella vita e tutti siamo peccatori". La lettera consegnata dal cardinale (perseguitato) Ernest Simoni Una lettera di Papa Francesco ai carcerati. Consegnata da chi il carcere, pur innocente, lo ha conosciuto a lungo per dolorosa esperienza personale. I detenuti dell’Isola della Gorgona (livorno) hanno ricevuto il 23 giugno un doppio prezioso […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Vuoi imparare a corteggiare? Segui questi consigli semiseri degli scienziati!
    10 mosse dal mondo della scienza per donne e uomini in cerca dell'amore!L’attrazione fra due persone è un complesso meccanismo che risente sia di fattori genetici che ambientali, su cui la scienza si interroga e investiga da tempo senza riuscire ad esaurirne le numerose prospettive di approccio. Nonostante la grande mole di studi al riguardo, […]
    Silvia Lucchetti
  • Recitate questo salmo quando siete schiacciati dall’ansia
    Gridate a Dio e chiedete il suo aiuto per riportare la pace nella vostra vitaL’ansia può essere a volte un sentimento schiacciante, e spesso paralizza. Magari non siamo in grado di far nulla, e a volte c’è poco che sia in grado di riportare in pace il nostro cuore e la nostra mente. Se dovremmo […]
    Philip Kosloski
  • “Mi vuoi sposare?” Lo ha chiesto il sindaco eroe di Rocca di Papa prima di morire
    Emanuele Crestini è morto dopo aver soccorso i suoi colleghi nel Municipio colpito da un'esplosione. Prima di aggravarsi ha chiesto la mano della compagna Veronica: così a un passo dalla morte, l'uomo mette a fuoco il bisogno di vincoli duraturi, magari eterni. Avrebbe compiuto ieri 47 anni, quello che ora è conosciuto come il sindaco […]
    Annalisa Teggi
  • A Catania con Don Mario sboccia la carità: poliambulatorio gratis per i più poveri
    Attorno a un medico sacerdote, Don Mario Torracca, fiorisce un'opera al servizio dei più poveri e dimenticati: tanti i volontari e i benefattori che continuano a dare il loro contributo e centinaia i volontari al servizio di malati e indigenti.Sono incappata in questa notizia nella mia newsfeed di Facebook; ho tanto da contestare all’algoritmo di […]
    Paola Belletti
  • Notizia vera o “racconto mitico”? Come difendersi dal veleno della propaganda
    Siamo continuamente sottoposti a persuasione e manipolazione su ogni mezzo di comunicazione, ma abbiamo sempre la possibilità di difenderci e di informarci liberamente: il nuovo libro di Giuliano Guzzo è un'ottima mappa per orientarsi ed evitare le trappole più letali.di Emiliano Fumaneri Torna in libreria Giuliano Guzzo con Propagande , Edizioni La Vela, una appassionante […]
    Aleteia
  • La Natività di San Giovanni Battista e i “Natali trimestrali” della Chiesa
    Avete mai pensato a quelle che vengono chiamate le 4 gioie del Natale o i 4 momenti in cui il Natale “invade” l'anno?Natale è passato da sei mesi, e la Chiesa dice che è ora di un promemoria trimestrale del Bambin Gesù. Questa volta il promemoria arriva nella persona di Giovanni Battista, cugino di Gesù, […]
    Tom Hoopes
  • Essere luce e sale della terra…cosa intendeva Gesù?
    di Mauricio Montoya Il Vangelo ci dice che dobbiamo essere luce e sale della terra, ma sappiamo davvero cosa significa? Essere luce ed essere sale è qualcosa che riguarda la vita, che fa sì che nulla sia uguale, è donare la propria libertà e volontà perché non siano più le nostre ma quelle di Dio. […]
    Catholic Link
  • San Ivo assistette alla trasmutazione di un angelo
    Accadde in Bretagna. L'episodio è stato documentato nel processo di canonizzazioneIvo, chiamato anche Ivo Hèlory e Ivo di Bretagna era un avvocato molto compassionevole, benefattore dei poveri e degli oppressi, tanto che invitò alla sua tavola un angelo che gli era apparso travestito da mendicante. Divenuto prete e parroco a metà della sua vita. Dopo […]
    don Marcello Stanzione
  • È così, la Croce di Cristo ci attrae. E fa nuove tutte le cose
    Spesso, quando il male ci ferisce, la domanda spontanea è: perché Dio lo permette? Ma la speranza comincia solo fissando Cristo sofferente che ha vinto la morte.di Gianluca Carlin Parlare del dolore non è facile. È una dimensione intima e personale che tocca il cuore del nostro rapporto con Dio. Parlare del dolore altrui mi […]
    Fraternità San Carlo Borromeo

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 27:
    • 149:
    giugno: 2019
    L M M G V S D
    « Mag    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

    Login