Coronavirus e Chiesa: l’insofferenza dei cattolici per la protratta esclusione dai luoghi di culto

Redazione1
di Redazione1 aprile 23, 2020 21:32

Coronavirus e Chiesa: l’insofferenza dei cattolici per la protratta esclusione dai luoghi di culto

E’ già trascorso troppo tempo di reclusione forzata, e i cattolici, per l’esclusione dalle funzioni religiose e la chiusura delle chiese, privati dei benefici spirituali per il mancato contatto con le parrocchie, le celebrazioni liturgiche, i Sacramenti e il rapporto sociale di mutuo sostegno con i fratelli, sentono il peso di una costrizione divenuta ormai insopportabile. “Le decisioni della Cei di sospendere ogni messa e funzione religiosa in tutta Italia, in ottemperanza al  lockdown deciso dalle rigide disposizione governative per contenere l’epidemia di Coronavurus, sono state accolte dai fedeli malvolentieri”. Ma anche all’interno del mondo ecclesiastico sono state “accettate non senza attriti e disparità di vedute”. “Di fronte alla odierna situazione, che vede morire ogni giorno centinaia di persone, la Chiesa, con porte spalancate e sacerdoti disponibili a dispensare sacramenti e benedizioni, avrebbe dovuto essere in prima linea a dare il proprio fondamentale conforto e sollievo spirituale”.

La straordinaria decisione della Conferenza Episcopale Italiana (CEI) di sospendere ogni messa e funzione religiosa in ottemperanza al lockdown deciso dalle rigide disposizioni governative in tutta Italia, per contenere l’epidemia di coronavirus, – come mette in evidenza il servizio di Lupo Glori – è stata accettata malvolentieri, e anche con parecchie resistenze. Il fatto che le chiese siano state considerate luoghi da chiudere, come musei, parchi, negozi, ecc., in nome della suprema e prioritaria tutela della salute pubblica, “tanto”, si è detto, “ognuno può mettersi in contatto con Dio come e quando vuole”, non è stata accettato senza attriti anche all’interno del mondo ecclesiastico. A indicare una “disparità di posizioni”, – mette a fuoco il servizio – sono state, a suo tempo, l’arcidiocesi di

Catania, la diocesi di Acireale e quella di Caltagirone – rette, rispettivamente, da Salvatore Gristina, Antonino Raspanti (quest’ultimo tra i vicepresidenti della Cei) e Calogero Peri – che, hanno precisato di “non voler entrare in un clima di polemiche”, ma hanno lasciato aperti i luoghi di culto “per chi volesse entrare a pregare, per vivere il sacramento della Riconciliazione, per scambiare una parola con il sacerdote”.

“Tutti siamo d’accordo sulla responsabilità da esercitare – avevano affermato Gristina, Raspanti e Peri – ma sul come esercitarla, ad esempio: se chiudere totalmente le Chiese o no, c’è stata disparità di posizioni. Siamo consapevoli che ogni scelta, in situazione di grave emergenza come l’attuale, apre a considerazioni persino contrapposte; è tuttavia un atto di discernimento pastorale – la sottolineatura dei presuli – che cerchiamo di compiere ascoltando lo Spirito nella comunione della Chiesa, a servizio del Popolo di Dio”.

In sostanza, in questa straordinaria emergenza sanitaria, è successo qualcosa di eccezionale non facilmente riscontrabile negli annali: la Chiesa cattolica è stata indotta ad abdicare alla propria specifica missione di assistenza pastorale e cura della salute delle anime, “facendosi da parte” in questo momento eccezionale, in quanto non ritenuta in grado di poter dare un contributo utile alla causa. Anche se poi è stato disposto che restino “aperte le chiese parrocchiali e quelle che sono sedi di missioni con cura di anime ed equiparate”. E lo stesso Papa Francesco ha sentito la necessità di lanciare un monito ai vescovi sottolineando che “le misure drastiche non sempre sono buone”, pregando che “lo Spirito Santo dia ai pastori la capacità e il discernimento pastorale affinchè provvedano misure che non lascino da solo il santo popolo fedele di Dio”.

Di fatto però, l’impegno da dedicare al momento critico emergente è stato demandato esclusivamente alla scienza, agli “esperti”: medici e diversi tecnici della materia, mentre nessuno spazio è stato concesso alla Chiesa e ai sacerdoti, giudicati non capaci di fornire un contributo nella gestione della gravità e complessità della pandemia in corso.

La valutazione degli avvenimenti, quindi, è stata data secondo un punto di vista che guarda la realtà attraverso on’ottica puramente terrena, materialistica, senza tenere conto della dimensione soprannaturale. Sono punti di vista comprensibili se pronunciati da persone che non credono nell’esistenza di cause e fini che trascendono la realtà. Se infatti Dio non c’entra nulla con il coronavirus, i riti religiosi non servono, allora, certamente, la preghiera, i sacramenti, le benedizioni, ecc., non hanno alcun senso, in quanto non possono apportare alcun beneficio, ed è quindi logico essere d’accordo con la chiusura delle chiese alla pari della chiusura dei musei, dei cinema, dei ristoranti, ecc.

Ma se, al contrario, – è la conclusione logica – si crede nell’esistenza di una dimensione trascendente e soprannaturale, mai come in momenti come questi le persone hanno bisogno di incoraggiamento e assistenza spirituale, e quindi di chiese spalancate e sacerdoti disponibili a dispensare, ad ogni ora, sacramenti e benedizioni. Accanto alla necessaria cura del corpo vi sta infatti la ben più importante cura dell’anima e, di fronte alla odierna situazione, che vede morire ogni giorno centinaia di persone, la Chiesa con i suoi sacerdoti avrebbe dovuto essere in prima linea a dare il proprio fondamentale conforto e sollievo spirituale.

 

 

 

Redazione da ag. di i.

 

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 aprile 23, 2020 21:32


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il cardinale Zuppi: durante la pandemia troppe polemiche, ora umiltà per tornare come prima
    Il vescovo di Bologna: “Eravamo sconsiderati, come i narcisisti e gli arroganti. Come chi pensa di potercela fare sempre, comunque. La normalità che dobbiamo presto conquistare è quella di una vita cambiata” «Non si può attribuire a Dio la responsabilità degli umani. Anche sul virus, un po’ di responsabilità ce la dobbiamo prendere. Dobbiamo chiederci […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Lockdown, tassista offre corsa a bimba malata dalla Calabria al Bambin Gesù: nominato Cavaliere
    Alessandro Bellantoni, un “tassinaro” romano nominato Cavaliere della Repubblica per la sua corsa solidale in Calabria. Il gesto generoso per accompagnare nella fase 1 del lockdown una bambina di tre anni al controllo oncologico al Bambin Gesù di Roma Tra i 57 cittadini a cui il il 2 giugno il Presidente Mattarella ha attribuito a […]
    Silvia Lucchetti
  • La figlia di George Floyd merita di piangere suo padre lontano dalle fauci della protesta
    Mentre ancora infuriano le proteste in molte parti d’America, Gianna Floyd viene immortalata mentre grida: «Mio padre ha cambiato il mondo». È giusto esporla al mondo intero? Ho studiato e amato gli USA sui libri, pochissimo li conosco per esperienza diretta e proprio quel poco di esperienza diretta mi ha confermato che c’è tantissimo che […]
    Annalisa Teggi
  • Il prete ciclista che organizza pellegrinaggi in bici per andare dalla Madonna di Montenero
    Don Donato Agostinelli e la sua passione per le due ruote, trasformata in una forma di evangelizzazione Una settantina di cicloamatori hanno partecipato al pellegrinaggio da Santa Croce sull’Arno in provincia di Pisa, fino al Santuario della Madonna delle Grazie di Montenero, in provincia di Livorno. A capo del gruppo, l’organizzatore don Donato Agostinelli, prete ciclista, […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La divisione, una delle tattiche principali del demonio
    Perfino la parola “diavolo” può essere tradotta come “dividere” Il diavolo ama il caos. Dalla sua caduta dal Paradiso, Satana cerca di dividere il mondo. La sua prima azione è stata quella di dividere gli angeli, seguita dalla tentazione di Adamo ed Eva nel giardino, che ha provocato un solco tra i primi esseri umani […]
    Philip Kosloski
  • Vescovo Barron: la Pentecoste e gli incendi nelle nostre città
    Se i cristiani sono stati la presenza dominante negli Stati Uniti in tutti questi secoli, perché non c’è più unità? È stato provvidenziale che quest’anno la festa di Pentecoste sia arrivata proprio mentre il nostro Paesi sta attraversando un’enorme crisi sociale, perché lo Spirito Santo, la cui venuta celebriamo a Pentecoste, è un potere che […]
    mons. Robert Barron
  • Grandi teologi del XX secolo: Hans Urs von Balthasar (3/6)
    Dopo il padre Daniélou, Jean Duchesne ci introduce all’opera di Hans Urs von Balthasar, tra i grandi teologi del XX secolo. Traduttore di Péguy, Claudel, Bernanos, egli è pure l’autore di un’opera impressionante comprendente anche una sintesi magistrale sui trascendentali. In particolare egli restituì il proprio posto al bello, in teologia: il suo offuscamento aveva […]
    Jean Duchesne
  • Heidi, 24nne con sindrome di Down, alla testa del no all’aborto in Irlanda del Nord
    Dal palazzo di Westminster hanno tentato l’attacco finale: imporre di forza una legislazione ancora più larga a favore dell’aborto, fino a ridosso della nascita. Ma il fronte trasversale prolife, ispirato dalla giovane attivista che ha già fatto causa al governo britannico per discriminazione contro i disabili, ha detto di no e Londra dovrà tenerne conto. […]
    Paola Belletti
  • Grandi teologi del XX secolo: Jean Daniélou (2/6)
    Dopo il padre De Lubac, Jean Duchesne ci fa scoprire il cardinale e accademico Jean Daniélou, anch’egli gesuita, tra i grandi teologi del XX secolo. L’originalità del suo lavoro scientifico è consistito nel mostrare che la Chiesa primitiva, nutrita dalla filosofia greca, ha attinto alle tradizioni giudaiche. La sua opera resta largamente pedagogica e molto […]
    Jean Duchesne
  • I Papi e il sogno di Martin Luther King
    Da Paolo VI a Francesco, il “sogno” di pieni diritti per la comunità afro-americana degli Stati Uniti ha trovato un sostegno appassionato da parte dei Pontefici che hanno indicato in Martin Luther King un esempio da seguire nella battaglia non violenta per l’uguaglianza La tragica morte di George Floyd ha mostrato in modo drammaticamente evidente […]
    Alessandro Gisotti

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 15:
    • 179:
    giugno: 2020
    L M M G V S D
    « Mag    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

    Login