Coronavirus e Chiesa: l’insofferenza dei cattolici per la protratta esclusione dai luoghi di culto

Redazione1
di Redazione1 aprile 23, 2020 21:32

Coronavirus e Chiesa: l’insofferenza dei cattolici per la protratta esclusione dai luoghi di culto

E’ già trascorso troppo tempo di reclusione forzata, e i cattolici, per l’esclusione dalle funzioni religiose e la chiusura delle chiese, privati dei benefici spirituali per il mancato contatto con le parrocchie, le celebrazioni liturgiche, i Sacramenti e il rapporto sociale di mutuo sostegno con i fratelli, sentono il peso di una costrizione divenuta ormai insopportabile. “Le decisioni della Cei di sospendere ogni messa e funzione religiosa in tutta Italia, in ottemperanza al  lockdown deciso dalle rigide disposizione governative per contenere l’epidemia di Coronavurus, sono state accolte dai fedeli malvolentieri”. Ma anche all’interno del mondo ecclesiastico sono state “accettate non senza attriti e disparità di vedute”. “Di fronte alla odierna situazione, che vede morire ogni giorno centinaia di persone, la Chiesa, con porte spalancate e sacerdoti disponibili a dispensare sacramenti e benedizioni, avrebbe dovuto essere in prima linea a dare il proprio fondamentale conforto e sollievo spirituale”.

La straordinaria decisione della Conferenza Episcopale Italiana (CEI) di sospendere ogni messa e funzione religiosa in ottemperanza al lockdown deciso dalle rigide disposizioni governative in tutta Italia, per contenere l’epidemia di coronavirus, – come mette in evidenza il servizio di Lupo Glori – è stata accettata malvolentieri, e anche con parecchie resistenze. Il fatto che le chiese siano state considerate luoghi da chiudere, come musei, parchi, negozi, ecc., in nome della suprema e prioritaria tutela della salute pubblica, “tanto”, si è detto, “ognuno può mettersi in contatto con Dio come e quando vuole”, non è stata accettato senza attriti anche all’interno del mondo ecclesiastico. A indicare una “disparità di posizioni”, – mette a fuoco il servizio – sono state, a suo tempo, l’arcidiocesi di

Catania, la diocesi di Acireale e quella di Caltagirone – rette, rispettivamente, da Salvatore Gristina, Antonino Raspanti (quest’ultimo tra i vicepresidenti della Cei) e Calogero Peri – che, hanno precisato di “non voler entrare in un clima di polemiche”, ma hanno lasciato aperti i luoghi di culto “per chi volesse entrare a pregare, per vivere il sacramento della Riconciliazione, per scambiare una parola con il sacerdote”.

“Tutti siamo d’accordo sulla responsabilità da esercitare – avevano affermato Gristina, Raspanti e Peri – ma sul come esercitarla, ad esempio: se chiudere totalmente le Chiese o no, c’è stata disparità di posizioni. Siamo consapevoli che ogni scelta, in situazione di grave emergenza come l’attuale, apre a considerazioni persino contrapposte; è tuttavia un atto di discernimento pastorale – la sottolineatura dei presuli – che cerchiamo di compiere ascoltando lo Spirito nella comunione della Chiesa, a servizio del Popolo di Dio”.

In sostanza, in questa straordinaria emergenza sanitaria, è successo qualcosa di eccezionale non facilmente riscontrabile negli annali: la Chiesa cattolica è stata indotta ad abdicare alla propria specifica missione di assistenza pastorale e cura della salute delle anime, “facendosi da parte” in questo momento eccezionale, in quanto non ritenuta in grado di poter dare un contributo utile alla causa. Anche se poi è stato disposto che restino “aperte le chiese parrocchiali e quelle che sono sedi di missioni con cura di anime ed equiparate”. E lo stesso Papa Francesco ha sentito la necessità di lanciare un monito ai vescovi sottolineando che “le misure drastiche non sempre sono buone”, pregando che “lo Spirito Santo dia ai pastori la capacità e il discernimento pastorale affinchè provvedano misure che non lascino da solo il santo popolo fedele di Dio”.

Di fatto però, l’impegno da dedicare al momento critico emergente è stato demandato esclusivamente alla scienza, agli “esperti”: medici e diversi tecnici della materia, mentre nessuno spazio è stato concesso alla Chiesa e ai sacerdoti, giudicati non capaci di fornire un contributo nella gestione della gravità e complessità della pandemia in corso.

La valutazione degli avvenimenti, quindi, è stata data secondo un punto di vista che guarda la realtà attraverso on’ottica puramente terrena, materialistica, senza tenere conto della dimensione soprannaturale. Sono punti di vista comprensibili se pronunciati da persone che non credono nell’esistenza di cause e fini che trascendono la realtà. Se infatti Dio non c’entra nulla con il coronavirus, i riti religiosi non servono, allora, certamente, la preghiera, i sacramenti, le benedizioni, ecc., non hanno alcun senso, in quanto non possono apportare alcun beneficio, ed è quindi logico essere d’accordo con la chiusura delle chiese alla pari della chiusura dei musei, dei cinema, dei ristoranti, ecc.

Ma se, al contrario, – è la conclusione logica – si crede nell’esistenza di una dimensione trascendente e soprannaturale, mai come in momenti come questi le persone hanno bisogno di incoraggiamento e assistenza spirituale, e quindi di chiese spalancate e sacerdoti disponibili a dispensare, ad ogni ora, sacramenti e benedizioni. Accanto alla necessaria cura del corpo vi sta infatti la ben più importante cura dell’anima e, di fronte alla odierna situazione, che vede morire ogni giorno centinaia di persone, la Chiesa con i suoi sacerdoti avrebbe dovuto essere in prima linea a dare il proprio fondamentale conforto e sollievo spirituale.

 

 

 

Redazione da ag. di i.

 

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 aprile 23, 2020 21:32


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Al via il Festival Biblico: come essere Fratelli in tempo di pandemia?
    L’apertura (virtuale) è in programma per il 24 gennaio, in occasione della Domenica della Parola. Ecco come e dove seguirlo Al via un edizione innovativa (e in parte virtuale) del Festival Biblico. “Siete tutti fratelli” – tratto dal Vangelo di Matteo – è il tema dell’edizione organizzato e promosso da Società San Paolo e diocesi […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Preghiera di aiuto a Dio per il rischioso viaggio del Papa in Iraq
    E’ stata composta dal patriarca caldeo di Baghdad, card. Louis Raphael Sako. Si chiede al “Signore nostro Dio” di concedere a Papa Francesco “salute e condizioni di sicurezza, affinché possa svolgere con successo questa visita attesa” Una preghiera per chiedere l’intercessione della Madonna affinché Papa Francesco possa realizzare il suo viaggio in Iraq, previsto a […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Nel 2021, già realizzati oltre 1,4 milioni di aborti nel mondo
    Nel 2021, già realizzati oltre 1,4 milioni di aborti nel mondo Oltre 1,4 milioni di aborti sono già stati realizzati nel mondo nel 2021. Sì, proprio nel 2021, anno iniziato da appena due settimane. Worldometers.info è un sito di statistiche mondiali che presenta numeri a partire da fonti ufficiali, e mostra, ad esempio, che dal 1° […]
    Francisco Vêneto
  • Dio perdona… e dimentica!
    Perdonare e dimenticare l’offesa è una benedizione, perché ci permette di liberarci di un peso e ci aiuta a recuperare la pace Ricordo il consiglio che un buon sacerdote mi ha dato durante la Confessione sacramentale. Mi è stato di grande aiuto, e ha alleviato molto i miei dubbi e le mie inquietudini spirituali. Giorni […]
    Claudio De Castro
  • Addio a suor Maria Concetta, testimone di Cristo a Tarso
    La pandemia da Covid-19 ha portato via un’altra testimone dell’amore di Gesù e dell’Apostolo Paolo in terra turca Fino a qualche giorno fa nell’avamposto di Tarso in Turchia, la città dell’Apostolo Paolo, erano in tre le uniche religiose che con la loro presenza tenevano accesa la lampada davanti al Tabernacolo. Il servizio a Tarso di […]
    Silvia Lucchetti
  • Briana Santiago: Dio ha sempre avuto in serbo il meglio per me
    «Ora sento la gioia che mi abita dentro e mi sostiene». Briana ci racconta il suo cammino dal Texas alla Consacrazione nelle Apostole della vita interiore. Quando ero solita andare a Roma a incontrare i miei amici chestertoniani si sentiva sempre la frase: «Oh, ecco che arrivano le Apostole!». Frase rigorosamente al plurale, perché queste […]
    Annalisa Teggi
  • Teresa, la figlia di Jovanotti, annuncia di avere sconfitto un tumore
    Teresa Cherubini, figlia di Lorenzo e di Francesca Valiani, ha raccontato ieri di avere sconfitto un linfoma di Hodgkin dopo mesi di battaglia È per te che sono verdi gli alberi E rosa i fiocchi in maternità È per te che il sole brucia a luglio È per te tutta questa città (…) È per […]
    Paola Belletti
  • Il Papa alle ex prostitute: chiedo perdono per i cristiani che hanno abusato di voi
    I retroscena di un incontro speciale tra Francesco e le donne vittime di tratta che si è svolto alla Comunità Papa Giovanni XXIII Papa Francesco chiede perdono alle prostitute. Per tutti gli abusi subiti, sopratutto da chi si professa cristiano ed è loro cliente. Un incontro segreto tra il Papa e le donne di vittime […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Pensieri d’amore di santa Teresina a San Giuseppe
    Diceva Santa Teresa di Lisieux che bisogna “fargli piacere” a San Giuseppe. Ecco cosa voleva intendere Santa Teresina scriveva preghiere e pensieri a San Giuseppe. Diceva che bisognava “fargli piacere” per ottenere la sua potente intercessione. E invitava tutti a comportarsi allo stesso modo. Vediamo perchè la santa di Lisieux si sentiva così legata al […]
    don Marcello Stanzione
  • “La malattia è un privilegio”, diceva il vescovo colombiano morto di coronavirus
    Nel suo messaggio natalizio, monsignor Luis Adriano Piedrahita Sandoval aveva offerto i disagi della malattia per i suoi fedeli, i familiari, i sacerdoti e il personale medico che lo assisteva Monsignor Luis Adriano Piedrahita, vescovo della diocesi di Santa Marta, è il primo membro della gerarchia della Chiesa cattolica a morire in Colombia a causa del […]
    Lucía Chamat

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 184:
    • 414:
    gennaio: 2021
    L M M G V S D
    « Dic    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

    Login