Anche a S. Teresa è capitato di vivere una pandemia, ma con fermo “piglio pasquale”

Redazione1
di Redazione1 aprile 11, 2020 23:42

Anche a S. Teresa è capitato di vivere una pandemia, ma con fermo “piglio pasquale”

In momenti difficili e dolorosi come quelli che stiamo vivendo, in cui sentimenti di tristezza, paura, solitudine, abbandono e sconforto, generano pensieri assai cupi, è certamente incoraggiante ascoltare come momenti simili sono stati vissuti da una santa fiduciosa e appassionata come S. Teresina di Lisieux. Ce ne fornisce un quadro sintetico ma significativo F. Iacopo Iadarola ocd.

Nell’anniversario dell’ingresso di Teresina al Carmelo (9 aprile 1888, da lei accuratamente annoverato fra «i Giorni di Grazie concessi dal Signore alla sua piccola sposa»), condivido coi nostri lettori due paginette di Storia di un’anima (Ms A 79r°-79v°) di tremenda attualità. Confesso che, nonostante abbia letto Storia di un’anima almeno tre o quattro volte, le avevo candidamente dimenticate e ritrovarle ora è stato come leggerle per la prima volta.

Effettivamente anche Teresina non si dilunga sui fatti raccontati in queste due pagine del suo diario, e ne tratta quasi en passant, per quanto certo non si può dire che non dia loro importanza: «Mai potrò dire tutto ciò che ho visto, cosa mi è sembrata la vita e tutto ciò che passa […] la morte regnava ovunque». Teresina sta parlando di quella maledetta “influenza russa” che nella sola Francia avrebbe falciato 70.000 vittime in un solo inverno, e che nel Carmelo di Lisieux avrebbe ucciso tre consorelle nel giro di pochi giorni e prostrato fisicamente e psicologicamente tutte le altre.

Siamo nell’inverno 1891-1892, Teresina aveva appena compiuto 19 anni; ma come non pensare a quanto stiamo attraversando oggi, e che consolazione prendere atto che la nostra Teresina conosce fin troppo bene ciò che stiamo vivendo, dal momento che subì una pandemia sulla propria pelle, in condizioni igieniche e in un’emergenza sanitaria di gran lunga peggiori dell’attuale.

Quanto fa bene dunque rileggere queste pagine oggi e applicare la Weltanschauung della piccola via a questa grande tragedia che stiamo attraversando: con lo sguardo di Teresina, lo sguardo di una bambina di cui è il Regno dei Cieli, lo sguardo di una sposa appassionata che ha saputo guardare in faccia la morte e non averne paura, perché certa e fiduciosa che «tutto è grazia» e che tutto è nelle Sue amorevoli mani (non dimentichiamo che Teresina avrebbe pronunciato questa celebre frase nell’ultima primavera della sua vita, il 5 giugno 1897, in un frangente in cui non potendo ricevere i sacramenti comprese che anche ciò era una grazia: grande insegnamento per noi oggi…).

Solo con questo piglio di bambina e di sposa può esser tenuta ferma la speranza nella tragedia, rimboccandosi le maniche all’occorrenza e piangendo con chi piange; solo con questo piglio può esser “festeggiato” interiormente un compleanno con una morte; può esser intravista la gioia e la pace nel trapasso delle sorelle e ci si può sentire “viziati” da Gesù in circostanze in cui altri – proprio perché magari non han ricevuto la testimonianza luminosa della nostra fede – si sarebbero depressi o suicidati: perché è il piglio innamorato della Vita che vince la morte.

È il piglio della Pasqua.

Ecco qui di seguito le due pagine del Manoscritto A (79r°-79v°):

“[…] Un mese dopo la dipartita della nostra Santa Madre, l’influenza si manifestò nella comunità:[1] io ero la sola in piedi con altre due sorelle, mai potrò dire tutto ciò che ho visto, cosa mi è sembrata la vita e tutto ciò che passa… Il giorno dei miei 19 anni fu festeggiato da una morte, seguita ben presto da altre due.[2] In quel periodo ero sola in sacrestia, perché la mia maggiore di ufficio era gravemente ammalata, ero io che dovevo preparare i funerali, aprire le grate del coro alla messa, ecc. Il Buon Dio mi ha donato molte grazie di fortezza in quel momento, adesso mi chiedo come ho potuto fare senza spaventarmi tutto ciò che ho fatto, la morte regnava ovunque, le più malate erano curate da quelle che si trascinavano a fatica, appena una sorella aveva reso l’ultimo respiro eravamo costrette a lasciarla sola”.  

“…La sera della morte della Madre Sottopriora, ero sola con l’infermiera:[3] è impossibile immaginarsi il triste stato della comunità in quel momento, solo quelle che erano in piedi possono farsene un’idea, ma in mezzo a quell’abbandono, sentivo che il Buon Dio vegliava su di noi. Era senza fatica che le morenti passavano a una vita migliore: subito dopo la loro morte, un’espressione di gioia e di pace si effondeva sui loro volti, si sarebbe detto un dolce sonno; e tale era veramente poiché dopo che la scena di questo mondo sarà passata, si risveglieranno per godere eternamente le delizie riservate agli eletti. Per tutto il tempo in cui la comunità fu provata così, potei avere l’ineffabile consolazione di fare tutti i giorni, la Santa Comunione… Ah! come era dolce!…Gesù mi viziò per molto tempo, più a lungo delle sue spose fedeli, perché permise che me Lo donassero senza che le altre avessero la felicità di riceverlo. Ero anche tanto felice di toccare i vasi sacri, di preparare i piccoli lini destinati a ricevere Gesù, sentivo che dovevo essere molto fervente e mi ricordavo spesso di questa parola rivolta a un santo diacono: “Siate santi, voi che toccate i vasi del Signore” […][4].

 

 

Redazione da ag. di i.

Redazione1
di Redazione1 aprile 11, 2020 23:42


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il cardinale Zuppi: durante la pandemia troppe polemiche, ora umiltà per tornare come prima
    Il vescovo di Bologna: “Eravamo sconsiderati, come i narcisisti e gli arroganti. Come chi pensa di potercela fare sempre, comunque. La normalità che dobbiamo presto conquistare è quella di una vita cambiata” «Non si può attribuire a Dio la responsabilità degli umani. Anche sul virus, un po’ di responsabilità ce la dobbiamo prendere. Dobbiamo chiederci […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Lockdown, tassista offre corsa a bimba malata dalla Calabria al Bambin Gesù: nominato Cavaliere
    Alessandro Bellantoni, un “tassinaro” romano nominato Cavaliere della Repubblica per la sua corsa solidale in Calabria. Il gesto generoso per accompagnare nella fase 1 del lockdown una bambina di tre anni al controllo oncologico al Bambin Gesù di Roma Tra i 57 cittadini a cui il il 2 giugno il Presidente Mattarella ha attribuito a […]
    Silvia Lucchetti
  • La figlia di George Floyd merita di piangere suo padre lontano dalle fauci della protesta
    Mentre ancora infuriano le proteste in molte parti d’America, Gianna Floyd viene immortalata mentre grida: «Mio padre ha cambiato il mondo». È giusto esporla al mondo intero? Ho studiato e amato gli USA sui libri, pochissimo li conosco per esperienza diretta e proprio quel poco di esperienza diretta mi ha confermato che c’è tantissimo che […]
    Annalisa Teggi
  • Il prete ciclista che organizza pellegrinaggi in bici per andare dalla Madonna di Montenero
    Don Donato Agostinelli e la sua passione per le due ruote, trasformata in una forma di evangelizzazione Una settantina di cicloamatori hanno partecipato al pellegrinaggio da Santa Croce sull’Arno in provincia di Pisa, fino al Santuario della Madonna delle Grazie di Montenero, in provincia di Livorno. A capo del gruppo, l’organizzatore don Donato Agostinelli, prete ciclista, […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La divisione, una delle tattiche principali del demonio
    Perfino la parola “diavolo” può essere tradotta come “dividere” Il diavolo ama il caos. Dalla sua caduta dal Paradiso, Satana cerca di dividere il mondo. La sua prima azione è stata quella di dividere gli angeli, seguita dalla tentazione di Adamo ed Eva nel giardino, che ha provocato un solco tra i primi esseri umani […]
    Philip Kosloski
  • Vescovo Barron: la Pentecoste e gli incendi nelle nostre città
    Se i cristiani sono stati la presenza dominante negli Stati Uniti in tutti questi secoli, perché non c’è più unità? È stato provvidenziale che quest’anno la festa di Pentecoste sia arrivata proprio mentre il nostro Paesi sta attraversando un’enorme crisi sociale, perché lo Spirito Santo, la cui venuta celebriamo a Pentecoste, è un potere che […]
    mons. Robert Barron
  • Grandi teologi del XX secolo: Hans Urs von Balthasar (3/6)
    Dopo il padre Daniélou, Jean Duchesne ci introduce all’opera di Hans Urs von Balthasar, tra i grandi teologi del XX secolo. Traduttore di Péguy, Claudel, Bernanos, egli è pure l’autore di un’opera impressionante comprendente anche una sintesi magistrale sui trascendentali. In particolare egli restituì il proprio posto al bello, in teologia: il suo offuscamento aveva […]
    Jean Duchesne
  • Heidi, 24nne con sindrome di Down, alla testa del no all’aborto in Irlanda del Nord
    Dal palazzo di Westminster hanno tentato l’attacco finale: imporre di forza una legislazione ancora più larga a favore dell’aborto, fino a ridosso della nascita. Ma il fronte trasversale prolife, ispirato dalla giovane attivista che ha già fatto causa al governo britannico per discriminazione contro i disabili, ha detto di no e Londra dovrà tenerne conto. […]
    Paola Belletti
  • Grandi teologi del XX secolo: Jean Daniélou (2/6)
    Dopo il padre De Lubac, Jean Duchesne ci fa scoprire il cardinale e accademico Jean Daniélou, anch’egli gesuita, tra i grandi teologi del XX secolo. L’originalità del suo lavoro scientifico è consistito nel mostrare che la Chiesa primitiva, nutrita dalla filosofia greca, ha attinto alle tradizioni giudaiche. La sua opera resta largamente pedagogica e molto […]
    Jean Duchesne
  • I Papi e il sogno di Martin Luther King
    Da Paolo VI a Francesco, il “sogno” di pieni diritti per la comunità afro-americana degli Stati Uniti ha trovato un sostegno appassionato da parte dei Pontefici che hanno indicato in Martin Luther King un esempio da seguire nella battaglia non violenta per l’uguaglianza La tragica morte di George Floyd ha mostrato in modo drammaticamente evidente […]
    Alessandro Gisotti

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 20:
    • 179:
    giugno: 2020
    L M M G V S D
    « Mag    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

    Login