Nella lotta contro Covid-19: quante roboanti parole di guerra, ma anche preghiera e amore

Redazione1
di Redazione1 aprile 4, 2020 20:14

Nella lotta contro Covid-19: quante roboanti parole di guerra, ma anche preghiera e amore

Quando Walter Ricciardi, membro dell’esecutivo dell’Oms e consulente del ministero della Salute, ha  annunciato la seconda pandemia del XXI secolo dopo la SARS del 2002-2003, ha parlato di una lunga guerra che avrebbe richiesto un dispiegamento di forze senza precedenti e una grande compattezza.

Non mancano i continui riferimenti alle guerre mondiali del secolo scorso e non solo in Italia: Angela Merkel si è rivolta alla nazione con un messaggio in cui definisce la situazione odierna come la sfida più grande dopo la seconda guerra mondiale che non dipende solo, ma anche, da quanto ciascuno seguirà con disciplina le regole.

Mercoledì 11 marzo 2020, all’ospedale di Como, dopo avere contratto il coronavirus, è morto Roberto Stella, 67 anni, presidente dell’Ordine dei medici di Varese. È stato definito dai giornalisti “uno dei medici in prima linea”,  “un lottatore”, “un eroe”,  “ il comandante della battaglia”.  Come lui migliaia di altri combattenti, vittime del coronavirus “morti sul fronte”,  che hanno lasciato dietro di sé ammirazione, costernazione e dolore.

Si parla di un altro esercito in trincea per combattere il coronavirus: ‹‹quello discreto, quasi invisibile, delle suore. Che siano infermiere o di clausura, che si occupino di assistere i più poveri o che vadano in soccorso dei familiari delle persone colpite dalla malattia, tutte imbracciano due armi potenti: la preghiera e l’amore››.

Del linguaggio bellico con cui è trattata l’emergenza Covid-19 hanno parlato in tanti :  Siamo in guerra! Il Coronavirus e le sue metafore  è il titolo di un articolo di Daniele Cassandro, in  “Internazionale” del 22 marzo 2020, in cui si guarda all’impatto negativo che il concetto di guerra potrebbe avere sui malati. Salvarsi e non soccombere non è una questione di valore militare,  ma di ben altro, spesso anche di fortuna. Alcuni attribuiscono ai politici l’insistenza sulla metafora bellica: il sociologo Fabrizio Battistelli esorta a non sprecare metafore e concetti poco pertinenti, perché è diversa l’essenza di epidemia da quella della guerra.

Personalmente penso che il confronto con la guerra, al di là dei significati comuni come sofferenza, privazione, abnegazione, lotta, vita o morte nella solitudine e nello sconforto, non sia perfettamente calzante; se non altro perché, a differenza della guerra, in questo flagello manca l’intenzionalità dell’uomo nel fare del male. La realtà è già di per se stessa tragica: non aggiungiamo altri drammatici “significanti”.Corriamo il rischio di passare realmente alle armi, per “analogia”. In America si corre all’acquisto di pistole, mitragliatrici, munizioni: ‹‹Da Los Angeles a Houston, da Filadelfia a Denver in Colorado i negozi di armi hanno fatto più business che  mai››

Sarebbe il caso che ci limitassimo a usare parole che spaventano più di quanto il mondo intero non sia già spaventato. Lascerei al massimo il verbo “debellare”, fra le tante parole del lessico di guerra, che è almeno accettabile per il suo valore propiziatorio, dal latino debellare  “sconfiggere radicalmente”, da de ( “fuori da”, “completamente”) e un derivato di bellum “guerra”.

Si prenda esempio dal Presidente Mattarella che preferisce espressioni più schiette e pertinenti, come “difficile emergenza” “una pagina triste della nostra storia”, che almeno ci comunicano la transitorietà di questo momento. Avrà pensato alla guerra passata, certamente, ma con il pensiero rivolto a chi quella guerra l’ha realmente vissuta, come quando ha chiamato personalmente al telefono un anziano di Samo, comune della provincia di Reggio Calabria, ex partigiano di 98 anni, che gli aveva mandato un video messaggio, per esprimergli la sua ammirazione.

Il Papa, sul sagrato della Basilica di San Pietro, davanti a una piazza vuota, il 28 marzo scorso ha pregato per la fine della pandemia. Ha scelto un passo dal Vangelo secondo Marco, quando Cristo disse ai suoi discepoli di passare sull’altra riva. Ci fu una grande tempesta, durante la quale Gesù aveva dormito sereno; i discepoli lo svegliarono spaventati. Poi il vento e le acque si calmarono.“Perché avete paura? Non avete ancora fede?”. Anche oggi, ha spiegato il Pontefice, siamo stati furiosamente colpiti da un tempesta inaspettata. E siamo tutti sulla stessa barca, fragili e disorientati, importanti e necessari in un reciproco conforto.

La tempesta è una bella metafora, non implica malvagità, non nasce dall’odio fra fratelli, non ha bisogno di armi per essere allontanata: la tempesta come viene se ne va, lasciandoci sereni e più forti, se siamo uniti e fiduciosi.

 

Lucia Abbate

 

Redazione1
di Redazione1 aprile 4, 2020 20:14


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Compravendita immobile del Vaticano a Londra: svelata la truffa, arrestato broker
    In manette Gianluigi Torzi. Contestati vari episodi di estorsione, peculato, truffa aggravata e autoriciclaggio Il 5 giugno l’Ufficio del Promotore di Giustizia del Tribunale Vaticano, al termine dell’interrogatorio del broker Gianluigi Torzi, che era assistito dai propri legali di fiducia, ha spiccato nei suoi confronti mandato di cattura. Coinvolta una rete du funzionari Il provvedimento, […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Litigi da fidanzati: preavviso di una possibile separazione?
    Il tempo del fidanzamento non è necessariamente questo viaggio romantico-idilliaco di cui gli sposi a volte parlano con nostalgia. Litigi, esitazioni, anche momentanei allontanamenti esistono! Ma questo non significa che bisogna pensare subito alla rottura. di Denis Sonet Durante un fidanzamento, i giovani innamorati non sempre navigano nella felicità. Lo stress, le discussioni e i […]
    Edifa
  • I 10 Comandamenti di una famiglia numerosa e felice
    Una famiglia numerosa suscita spesso ammirazione e domande: com’è la vita quotidiana? Come è organizzato lo spazio? Ognuno riesce a trovare il suo posto? La risposta è semplice: crescere quattro o cinque figli, o anche più, richiede una buona organizzazione e il rispetto di alcune regole. di Stephanie Combe I genitori di famiglie numerose sono […]
    Edifa
  • Quando l’adozione avvicina a Dio
    Sapevate che alcuni santi sono stati adottati e che altri genitori santi hanno adottato dei bambini? Una bella opportunità per chiedere, attraverso la loro intercessione, un aiuto o un sostegno per chi vive in situazioni di adozione delicate Anche se il patrono dei bambini adottati è San Guglielmo di Rochester, del XII secolo, le famiglie […]
    Meg Hunter-Kilmer
  • Serie tv e documentari come su Netflix. Ma con un “taglio” cristiano: è nata VatiVision
    La piattaforma multimediale, funziona con la stessa logica di Netflix e tramite un app è visibile anche sugli smartphone. Da Padre Pio a Lourdes: ecco i contenuti proposti Nasce VativVision, una piattaforma di distribuzione streaming di film, documentari e serie televisive relativi al mondo cattolico, dai Papi ai Musei vaticani, dai film per famiglie alle […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Reddito minimo garantito o reddito universale di base?
    Il Papa ha lanciato un sasso e smosso le acque, sta alle forze sociali, ai laici, ai movimenti e alla politica trovare una soluzione, specie in questo periodo In occasione della Pasqua, il Papa ha inviato un messaggio, noto come “Lettera ai movimenti popolari” con cui da tempo il pontefice ha intessuto un dialogo, parlando […]
    Lucandrea Massaro
  • «Dal luminoso verde sono stati creati cielo e terra e tutta la bellezza del mondo»
    Al mondo intero che oggi abbraccia la causa del «verde» nella Giornata Mondiale dell’Ambiente osiamo proporre la sfida di un’ecologia integra, totale e innamorata: la viriditas di Santa Ildegarda. Ho riscoperto grazie a mia figlia quanto sia bello fare i puzzle. Non dico che possa diventare una forma di preghiera, ma sicuramente può essere un’attività […]
    Annalisa Teggi
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    Un giorno non lontano si troverà come il bruto delle caverne. Le caverne saranno alti grattacieli pieni di macchine meravigliose, ma lo spirito dell’uomo sarà quello del bruto delle caverne […] Signore, se è questo ciò che accadrà, cosa possiamo fare noi?”. Il Cristo sorrise: “Ciò che fa il contadino quando il fiume travolge gli […]
    Paola Belletti
  • La missione di una psichiatra sopravvissuta al virus: aiuto i miei colleghi a combattere gli incubi
    Le confidenze di Daniela Borella, una psichiatra cremonese guarita dal Covid-19, che oggi sostiene i colleghi reduci dalla trincea. “Li faccio parlare, li ascolto, cerco di aiutarli a riprendersi in mano la propria vita” Tra le tante storie di medici che si sono duramente confrontati con l’epidemia da coronavirus c’è anche quella di una psichiatra, […]
    Silvia Lucchetti
  • Giornata Mondiale dell’Ambiente, il Papa: la cura delle nostre vite e la natura sono connesse
    E i vescovi: pandemia è il segno di un mondo malato. La “Laudato Si” sia la nostra bussola! Il 5 giugno è il 46esimo anniversario del World Environment Day, la Giornata Mondiale per l’Ambiente. E’ stata istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 15 dicembre 1972 con la Risoluzione 2994. Il motto scelto per questa edizione […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 51:
    • 189:
    giugno: 2020
    L M M G V S D
    « Mag    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

    Login