Vittorio Bachelet, ricordo del figlio Giovanni nella ricorrenza dell’uccisione 40 anni fa

Redazione1
di Redazione1 febbraio 19, 2020 23:19

Vittorio Bachelet, ricordo del figlio Giovanni nella ricorrenza dell’uccisione 40 anni fa

Sono passati quarant’anni dal 12 febbraio 1980, quando Vittorio Bachelet fu ucciso, per mano delle Brigate Rosse, all’Università di Roma La Sapienza, dove insegnava Diritto alla Facoltà di Scienze politiche. Bachelet era vice presidente del Consiglio superiore della magistratura ed era stato presidente di Azione Cattolica dal 1964 al 1973. Per ricordarlo, il Sir ha intervistato il figlio Giovanni (Gigliola Alfaro).

Che ricordo ha di suo padre?

Me lo ricordo come un papà molto paziente e molto capace di ascoltare, ma anche di dare un’impronta, di guidare, non tanto con le prediche, quanto con l’esempio, con i fatti più che con le parole, mostrandomi, concretamente, che diamo la migliore testimonianza cristiana o democratica o sociale quando siamo credibili come persone, come lavoratori, come professionisti. Le attività di volontariato, di impegno sociale, politico, religioso non possono essere una compensazione di quello che non riusciamo a fare nella nostra vita familiare o professionale. Il nostro primo modo di rispondere alla vocazione di Dio nella nostra vita e di servire il Paese è quello di fare bene il nostro dovere.

Cosa ha rappresentato per la sua vita l’assassinio di suo padre?

Allora, purtroppo, era un evento non rarissimo la morte violenta nel corso di attentati terroristici o di violenze: c’erano bombe sui treni, nelle banche, omicidi. È difficile ricordare ai ragazzi di oggi quel clima perché per fortuna non c’è più da molti decenni. Ai tanti che si lamentano del presente, quelli che il mio papà e, prima ancora, Giovanni XXIII avrebbero chiamato “profeti di sventura” e che considerano il passato sempre migliore, ricorderei quel tempo in cui ogni settimana veniva ammazzato qualcuno, un momento di grande pericolo per le istituzioni, per la democrazia rappresentativa che allora era disprezzata e considerata una specie di orpello inutile del capitalismo, della borghesia. Oggi, forse, non riusciamo ad apprezzare e vivere con entusiasmo questi doni della libertà e delle elezioni libere dei propri rappresentanti: la ragione, probabilmente, è che quei tempi brutti sono passati, siamo tornati a una fisiologia della democrazia, difficile, ma pur sempre meno difficile di quegli anni.

Come giudica i rigurgiti antidemocratici attuali?

Io credo che siano diversi. Mio padre forse direbbe che ogni tempo ha le sue difficoltà da conoscere, che non bisogna adeguarsi alle mode del momento, ma che è necessario studiare il proprio tempo per poterlo trasformare e gettarvi dentro qualche seme buono di Vangelo o di principi di convivenza democratica. Ma non solo. Una volta mio padre disse: “Questo nostro tempo non è meno ricco di generosità, di bontà, di senso religioso, di santità, perfino, di quanto lo fossero i tempi passati”. In ogni tempo c’è una riserva di bontà e ci sono problemi da risolvere, basta affrontarli con coraggio, con serenità, con fiducia negli uomini che Dio ama, come il mio papà, da cristiano, ha sempre creduto: il Signore guida la nostra vita e la storia, attraverso tutte le difficoltà ci porta a un approdo di gioia e di bene.

Il mondo di oggi è molto diverso da allora, ma restano in agguato l’odio e la menzogna.

Ai tempi di mio padre sarebbe stato inconcepibile negare l’Olocausto o dire pubblicamente: “Mandiamo gli ebrei ai forni crematori” oppure “Buttiamo a mare tutti gli immigrati”. Quanto avviene oggi fa spavento sia in sé, sia perché negli anni di piombo prima sono iniziati i proclami di tipo ideologico e poi sono arrivati, piano piano, i sassi, le spranghe, le bombe molotov, le pistole. È necessario, pertanto, vigilare sempre. Ma anche rallegrarsi di opportunità allora impensabili che a mio padre piacerebbero di sicuro.  Se fosse vivo forse ci esorterebbe alla speranza e all’azione: ci direbbe che dobbiamo studiare il nostro tempo, amarlo e cercare di renderlo ancora più libero, più giusto, più umano.

Lei al funerale di suo padre usò la parola perdono nei confronti dei suoi assassini…

Anche altre famiglie, in quegli anni, nelle stesse condizioni dissero cose simili a quanto affermato dalla mia famiglia. Forse, le mie parole fecero scalpore perché era un momento particolarmente drammatico e c’erano tante telecamere, ma in Italia c’era e c’è ancora un humus cristiano e noi abbiamo detto solo quello che ci hanno insegnato al catechismo: la buona notizia dell’amore di Dio per noi, che spinge anche noi a perdonare agli altri così come noi speriamo di essere perdonati da Lui.

Chi sostiene che in quegli anni di piombo ci fosse la guerra civile fa un imbroglio culturale. Non c’erano due fronti contrapposti, non c’era nessuna simmetria e sarebbe davvero paradossale riscrivere quarant’anni dopo una storia che riconosca alle Brigate Rosse o ai neofascisti degli anni Settanta una dignità di combattenti di qualche guerra che non c’è mai stata. Erano criminali politici che grazie all’ordinamento costituzionale italiano hanno scontato la loro pena e in molti casi sono tornati ad essere uomini.

Oggi sente ancora vicino suo padre?

Per chi crede nella comunione dei santi, come ogni domenica diciamo recitando il Credo, l’amore è più forte della morte: vivi e morti rimangono uniti nell’amore di Dio, nel pane e nel vino di Gesù. Si era uniti da vivi nella preghiera anche quando si era lontani; anche oggi, nella messa, quando preghiamo e facciamo la Comunione, ci sentiamo e siamo ancora tutti uniti, con papà, con i nonni e con gli altri che non ci sono più.

 

 

 

 

 

 

Redazione da ag. di i.

 

 

Redazione1
di Redazione1 febbraio 19, 2020 23:19


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Niente sarà come prima ma le Tue parole, Signore, non passeranno
    Niente sarà come prima. E’ un bombardamento mediatico: ci prospettano scenari e futuro già compromessi, l’economia e il lavoro; e già laceranti lamenti, dopo la perdita di persone a noi care; il vuoto ci sovrasta e dopo un inno o un canto nei balconi, le iniziative di solidarietà non possono e devono crearci il vuoto […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Due gesti ribelli di San Francesco d’Assisi che non tutti conoscono
    L’elemosina e i briganti: due racconti ricavati dalle fonti francescane in cui esce fuori un Francesco sfrontato, ma dal cuore grande Gesti rivoluzionari, «ribelli», controcorrente. Il ribelle è infatti colui che dice di «no» a sistemi iniqui, perversi, accomodanti. Che rinuncia ai «sì» sporcati dal tornaconto personale o da compromessi che non rispettano le persone. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Coronavirus – Vademecum di sopravvivenza per genitori con figli in età prescolare
    Come trasformare in un periodo difficile in un momento di crescita Chi di noi con figli piccoli, trovandosi costretto a lavorare da casa, per un periodo tanto lungo, non sta rimpiangendo la routine dell’ufficio, l’aiuto delle nonne, delle babysitter…gli asili? Ebbene, ogni situazione per quanto drammatica possa sembrare, con lo spirito giusto e alcuni accorgimenti […]
    Silvia Costantini
  • Dichiarare il falso? In quarantena, non è solo un problema di coscienza
    Le indicazioni dell’avvocato, per non commettere reato Uscire di casa in questi giorni di quarantena, potrebbe rappresentare non solo un rischio per la propria e altrui salute, ma un vero e proprio reato, specie quando nell’autocertificazione (documento necessario per poter mettere piede fuori casa) non si dichiarano i veri motivi dell’uscita. D’altra parte è sempre […]
    Silvia Costantini
  • Comunicare la fede ai tempi del coronavirus: 10 lezioni imparate
    Internet diventa un vero aiuto per vivere la vita cristiana La crisi del coronavirus ha stimolato una reazione sociale, informativa e sanitaria senza precedenti. Stiamo scoprendo nuovi modi di relazionarci agli altri, di svolgere i compiti ordinari, di vivere una normalità diversa. Anche la vita cristiana ha dovuto adeguarsi a queste difficili circostanze.  Molte delle […]
    Juan Narbona
  • Nessuno vi tolga la fede o il desiderio di offrire questa crisi come sacrificio!
    di Alvaro Díaz Da alcune settimane stiamo assistendo a una realtà che ha sorpreso molti di questa generazione. Negli ultimi decenni è raro che si sia vista una situazione del genere: un’infezione che in poco tempo è diventata oggetto della preoccupazione di tutti. Ricordo che nei mesi precedenti consideravamo questa malattia lontana, confinata in Cina, […]
    Catholic Link
  • Ha salvato 7 bambini dall’annegamento in mare ed è poi morto stremato
    Pedro Manuel Salado de Alba ha dato la vita in Ecuador, dove assisteva più di 500 bambini nella scuola che aveva fondato a Quinindé Chiclana è una città costiera della provincia di Cadice, in Spagna. Il turismo ha reso la località un noto luogo di villeggiatura. A meno di 100 chilometri da lì si trova […]
    Dolors Massot
  • La preghiera di Papa Francesco per chi piange
    Nella Messa a Santa Marta, il Papa ha pregato per quanti sono nel dolore in questo tempo di afflizione. Nell’omelia ha ricordato che anche Gesù ha pianto: tante persone oggi piangono, chiediamo la grazia di saper piangere con loro Francesco ha presieduto questa mattina la Messa a Casa Santa Marta nella V Domenica di Quaresima. […]
    Vatican News
  • Se vi costa trovare Dio in mezzo a questa crisi, vi dico io dov’è
    di Fernando Merino Se vi siete chiesti dove sia Dio ora, questo post è per voi. Sono giorni molto difficili e strani per tutti. Sembra una serie di Netflix che non possiamo mettere in pausa. Il fatto di essere chiusi tra quattro mura inizia ad essere complicato. Le notizie ci spaventano, la paura di essere […]
    Catholic Link
  • Due giovani violoncellisti si esibiscono per una vicina anziana in autoisolamento…
    … che ha subito trasmesso l’evento ai suoi nipoti, anch’essi chiusi in casa in un altro continente Con milioni di persone chiuse in casa per evitare il contagio da coronavirus, la gente sta dimostrando creatività, decisione e compassione. Dai cantanti d’opera italiani che allietano i loro vicini alla finestra agli istruttori di fitness spagnoli che […]
    Cerith Gardiner

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 140:
    • 356:
    marzo: 2020
    L M M G V S D
    « Feb    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login