Vittorio Bachelet, ricordo del figlio Giovanni nella ricorrenza dell’uccisione 40 anni fa

Redazione1
di Redazione1 febbraio 19, 2020 23:19

Vittorio Bachelet, ricordo del figlio Giovanni nella ricorrenza dell’uccisione 40 anni fa

Sono passati quarant’anni dal 12 febbraio 1980, quando Vittorio Bachelet fu ucciso, per mano delle Brigate Rosse, all’Università di Roma La Sapienza, dove insegnava Diritto alla Facoltà di Scienze politiche. Bachelet era vice presidente del Consiglio superiore della magistratura ed era stato presidente di Azione Cattolica dal 1964 al 1973. Per ricordarlo, il Sir ha intervistato il figlio Giovanni (Gigliola Alfaro).

Che ricordo ha di suo padre?

Me lo ricordo come un papà molto paziente e molto capace di ascoltare, ma anche di dare un’impronta, di guidare, non tanto con le prediche, quanto con l’esempio, con i fatti più che con le parole, mostrandomi, concretamente, che diamo la migliore testimonianza cristiana o democratica o sociale quando siamo credibili come persone, come lavoratori, come professionisti. Le attività di volontariato, di impegno sociale, politico, religioso non possono essere una compensazione di quello che non riusciamo a fare nella nostra vita familiare o professionale. Il nostro primo modo di rispondere alla vocazione di Dio nella nostra vita e di servire il Paese è quello di fare bene il nostro dovere.

Cosa ha rappresentato per la sua vita l’assassinio di suo padre?

Allora, purtroppo, era un evento non rarissimo la morte violenta nel corso di attentati terroristici o di violenze: c’erano bombe sui treni, nelle banche, omicidi. È difficile ricordare ai ragazzi di oggi quel clima perché per fortuna non c’è più da molti decenni. Ai tanti che si lamentano del presente, quelli che il mio papà e, prima ancora, Giovanni XXIII avrebbero chiamato “profeti di sventura” e che considerano il passato sempre migliore, ricorderei quel tempo in cui ogni settimana veniva ammazzato qualcuno, un momento di grande pericolo per le istituzioni, per la democrazia rappresentativa che allora era disprezzata e considerata una specie di orpello inutile del capitalismo, della borghesia. Oggi, forse, non riusciamo ad apprezzare e vivere con entusiasmo questi doni della libertà e delle elezioni libere dei propri rappresentanti: la ragione, probabilmente, è che quei tempi brutti sono passati, siamo tornati a una fisiologia della democrazia, difficile, ma pur sempre meno difficile di quegli anni.

Come giudica i rigurgiti antidemocratici attuali?

Io credo che siano diversi. Mio padre forse direbbe che ogni tempo ha le sue difficoltà da conoscere, che non bisogna adeguarsi alle mode del momento, ma che è necessario studiare il proprio tempo per poterlo trasformare e gettarvi dentro qualche seme buono di Vangelo o di principi di convivenza democratica. Ma non solo. Una volta mio padre disse: “Questo nostro tempo non è meno ricco di generosità, di bontà, di senso religioso, di santità, perfino, di quanto lo fossero i tempi passati”. In ogni tempo c’è una riserva di bontà e ci sono problemi da risolvere, basta affrontarli con coraggio, con serenità, con fiducia negli uomini che Dio ama, come il mio papà, da cristiano, ha sempre creduto: il Signore guida la nostra vita e la storia, attraverso tutte le difficoltà ci porta a un approdo di gioia e di bene.

Il mondo di oggi è molto diverso da allora, ma restano in agguato l’odio e la menzogna.

Ai tempi di mio padre sarebbe stato inconcepibile negare l’Olocausto o dire pubblicamente: “Mandiamo gli ebrei ai forni crematori” oppure “Buttiamo a mare tutti gli immigrati”. Quanto avviene oggi fa spavento sia in sé, sia perché negli anni di piombo prima sono iniziati i proclami di tipo ideologico e poi sono arrivati, piano piano, i sassi, le spranghe, le bombe molotov, le pistole. È necessario, pertanto, vigilare sempre. Ma anche rallegrarsi di opportunità allora impensabili che a mio padre piacerebbero di sicuro.  Se fosse vivo forse ci esorterebbe alla speranza e all’azione: ci direbbe che dobbiamo studiare il nostro tempo, amarlo e cercare di renderlo ancora più libero, più giusto, più umano.

Lei al funerale di suo padre usò la parola perdono nei confronti dei suoi assassini…

Anche altre famiglie, in quegli anni, nelle stesse condizioni dissero cose simili a quanto affermato dalla mia famiglia. Forse, le mie parole fecero scalpore perché era un momento particolarmente drammatico e c’erano tante telecamere, ma in Italia c’era e c’è ancora un humus cristiano e noi abbiamo detto solo quello che ci hanno insegnato al catechismo: la buona notizia dell’amore di Dio per noi, che spinge anche noi a perdonare agli altri così come noi speriamo di essere perdonati da Lui.

Chi sostiene che in quegli anni di piombo ci fosse la guerra civile fa un imbroglio culturale. Non c’erano due fronti contrapposti, non c’era nessuna simmetria e sarebbe davvero paradossale riscrivere quarant’anni dopo una storia che riconosca alle Brigate Rosse o ai neofascisti degli anni Settanta una dignità di combattenti di qualche guerra che non c’è mai stata. Erano criminali politici che grazie all’ordinamento costituzionale italiano hanno scontato la loro pena e in molti casi sono tornati ad essere uomini.

Oggi sente ancora vicino suo padre?

Per chi crede nella comunione dei santi, come ogni domenica diciamo recitando il Credo, l’amore è più forte della morte: vivi e morti rimangono uniti nell’amore di Dio, nel pane e nel vino di Gesù. Si era uniti da vivi nella preghiera anche quando si era lontani; anche oggi, nella messa, quando preghiamo e facciamo la Comunione, ci sentiamo e siamo ancora tutti uniti, con papà, con i nonni e con gli altri che non ci sono più.

 

 

 

 

 

 

Redazione da ag. di i.

 

 

Redazione1
di Redazione1 febbraio 19, 2020 23:19


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • I preziosi consigli di Madre Teresa per aspirare alla santità
    Pensate che non sarete mai in grado di raggiungere la santità? Dovrete ricredervi perché per toccarla con la punta delle dita, basta semplicemente rispettare qualche tappa importante. Spiegazioni con Madre Teresa di Calcutta. di padre Nicolas Buttet San Giovanni Paolo II aveva proposto la santità come programma pastorale per il III millennio cristiano con il […]
    Edifa
  • Il Papa sceglie “Vieni e vedi”. E chiede di comunicare come faceva Gesù
    Il 55° Messaggio per la Giornata delle Comunicazioni Sociali sollecita una comunicazione essenziale e più vicina alle persone “Vieni e vedi”. Queste parole dell’apostolo Filippo sono centrali nel Vangelo: l’annuncio cristiano prima che di parole, è fatto di sguardi, testimonianze, esperienze, incontri, vicinanza. In una parola, vita. Proprio quelle parole, citate nel Vangelo di Giovanni […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Come vedere l’aspetto positivo dei nostri difetti quando ci fanno soffrire?
    La nostra vita è come scalare una montagna su strade che spesso non scegliamo, e oltre che mal equipaggiati lo facciamo passando per luoghi pericolosi Ciò che è certo è che nel corso della vita non possiamo eliminare né le nostre virtù, né i nostri difetti. Lungo il cammino troveremo delle pietre, e nel paesaggio […]
    Orfa Astorga
  • «Sono stato io, li ho uccisi perché erano troppo felici»
    L’invidia per la felicità altrui, questa la confessione di Antonio De Marco per il duplice omicidio di Lecce. Il movente di questo orrendo delitto ci interroga. È arrivata la svolta –  si dice così in gergo giornalistico – nel caso dei fidanzati uccisi a Lecce. Ma non è una svolta, cioé una di quelle curve […]
    Annalisa Teggi
  • La lotta di una coppia con due figli affetti da schizofrenia
    La testimonianza di Philippe e Charlotte, che prima si sono sentiti impotenti e poi hanno scoperto un tesoro nella malattia dei loro figli Philippe e Charlotte Franc, entrambi di 80 anni, genitori di quattro figli e nonni di nove nipoti, offrono oggi la testimonianza di tutta una vita. Una vita segnata da tante difficoltà e […]
    Mathilde De Robien
  • Sapete qual è stata la prima basilica dedicata a San Michele?
    Si trova alla periferia di Roma, e ha una storia poco nota “Micheleion”: così si chiamava la prima basilica dedicata a San Michele arcangelo, fatta costruire dall’imperatore Costantino e situata su una collina alla periferia di Roma, lungo la famosa Via Salaria, al settimo miglio, in quella che oggi è la zona di Castel Giubileo. […]
    Maria Paola Daud
  • Il Governo britannico finanzia un gioco sessuale per alunni dai 13 anni in su
    Devono citare atti sessuali che possono essere praticati con la combinazione delle parole uscite da due dadi lanciati insieme Tra gli “strumenti di educazione sessuale” che il Governo britannico ha finanziato perché siano usati nelle scuole c’è un “gioco” in cui gli adolescenti devono lanciare due dadi e discutere gli atti sessuali collegati ai termini […]
    Aleteia
  • S.Giovanni Paolo II, “La bottega dell’orefice” e il nostro amore
    Tra i tanti anniversari legati al pontefice polacco c’è anche questo: il sessantesimo della sua opera teatrale forse più famosa e senza dubbio più salutare per la vita matrimoniale. Il 2020 è l’anno del centenario della nascita di San Giovanni Paolo II La vita di Giovanni Paolo II è stata così ricca e il suo […]
    Teologia del corpo and more
  • Come San Girolamo faceva fronte ai suoi accessi d’ira
    Il santo era noto per il fatto di non avere freni e di esprimere commenti furiosi, ma il suo pentimento lo ha salvato L’ira è un sentimento, e in sé non è peccaminosa. È perfino possibile che possa spingerci a fare qualcosa di eroico e a sostenere chi viene perseguitato. È molto più semplice, però, […]
    Philip Kosloski
  • Si bandisca dal cuore umano l’invidia.
    Il terribile omicidio di Lecce mosso da una incredibile confessione dell’assassino: “Erano troppo felici, ero invidioso”. Una motivazione terrificante “Ho ucciso per invidia, perché erano felici”. Pianificando nei dettagli crudeli fino all’estremo la loro eliminazione e la loro definitiva evaporazione, scomparsa. Cancellare tutto. Ogni cosa di vita e bella. Non possiamo considerare ciò che è […]
    Don Fortunato Di Noto

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

  • Italia-Vaticano: Roma, il 1° e il 2 ottobre un convegno sulla breccia di Porta Pia con il card. Parolin 30 settembre 2020
    Il 2 ottobre, alle 9, nella sala capitolare del chiostro del convento di Santa Maria sopra Minerva presso il Senato della Repubblica (piazza della Minerva 38), il cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, terrà una prolusione sul tema “II 20 settembre nella memoria della Santa Sede”, nell’ambito del convegno internazionale di studi “La Breccia di […]
  • San Francesco: card. Bassetti, “non c’è nulla di più attuale della sua vita e del suo messaggio” 30 settembre 2020
    “Non c’è nulla di più attuale della vita e del messaggio di Francesco. Alcuni anni fa, nel corso di una catechesi, Benedetto XVI lo definì un ‘autentico gigante della santità’, che con la sua gioia ‘continua ad affascinare moltissime persone di ogni età e di ogni credo religioso’. Tra la gioia e la santità c’è […]
  • Coronavirus Covid-19: don Falabretti (Cei), “i ragazzi hanno toccato con mano la fragilità della vita” 30 settembre 2020
    “I nostri ragazzi hanno toccato con mano la fragilità della vita. Tocca a noi dare loro ascolto, cura, nuovi cammini e accompagnamento”: è quanto afferma don Michele Falabretti, responsabile del Servizio nazionale per la pastorale giovanile (Snpg) in una newsletter, diffusa oggi, in cui affronta il tema giovani e pandemia. Con il virus “è caduto […]
  • Papa Francesco: promulga i decreti per 7 nuovi santi e beati 30 settembre 2020
    Il Papa ha autorizzato ieri la Congregazione delle Cause dei Santi a promulgare i decreti riguardanti 7 nuovi santi e beati. Lo rende noto la Sala Stampa della Santa Sede. I decreti riguardano il miracolo, attribuito all’intercessione della venerabile Serva di Dio Gaetana Tolomeo, detta Nuccia, nata il 10 aprile 1936 a Catanzaro e ivi morta il 24 […]
  • Papa Francesco: lettera su San Girolamo, “modello di sinodalità” e di “inflessibile testimonianza della verità” 30 settembre 2020
    “Modello di sinodalità anche per noi, per i nostri tempi e per le diverse istituzioni culturali dela Chiesa”. Così il Papa, nella lettera apostolica “Scripturae Sacrae affettus”, definisce la figura di San Girlamo, nel XVI centenario della morte. “Imponente figura della storia della Chiesa”, caratterizzata dal “grande amore per Cristo”, prosegue il Santo Padre, che […]
  • Papa all’udienza: “guarire anche i virus socioeconomici”, ma con la “tenerezza” 30 settembre 2020
    “Il malessere c’era già, la pandemia l’ha accentuato”: per guarire non basta trovare una cura per il Covid-19, occorre curare anche “i grandi virus umani e socioeconomici”. Lo ha ribadito il Papa, che nella catechesi dell’udienza di oggi, pronunciata nel Cortile di San Damaso davanti a 500 persone, ha chiesto di non tornare alla “normalità”, […]
  • Pope at audience: “cure also socio-economic viruses”, with “tenderness” 30 settembre 2020
    “The malaise was already there: the pandemic highlighted it more”: we must find the cure not only for the coronavirus but also “for the great human and socio-economic viruses”, said the Pope in the catechesis of today’s general audience held in the Saint Damasus Courtyard, attended by 500 people. The Holy Father asked not to […]
  • Papa Francesco: a Studia Moralia, “andare alle periferie” 30 settembre 2020
    “La pandemia è una crisi universale. Tutto dipenderà dal come gli Stati programmeranno il post-Covid: se in modo umano, o se solo in modo tecnico, ossia se guarderanno prevalentemente allo sviluppo economico, finanziario, oppure se sceglieranno di ripartire dalle persone, che ovviamente valgono sempre molto di più di un semplice profitto o di un dato finanziario”. È quanto dichiara il Papa, […]
  • Delle Foglie (Mcl): “Il Movimento deve tornare a mettere al centro la dimensione ecclesiale” 30 settembre 2020
    “La guida di Mcl è stata del tutto inaspettata. Il Movimento ha attraversato una fase difficile con l’uscita del mio predecessore, Carlo Costalli, dopo vent’anni di governo. L’elezione è stata la prima a maggioranza nella storia del Movimento, con problemi durante il voto e dopo. Ho accettato per un servizio ecclesiale. Più condivisione, più partecipazione, […]
  • Papa Francesco: udienza, “ho firmato una lettera apostolica su San Girolamo” 30 settembre 2020
    Al termine dell’udienza di oggi, prima dei saluti ai fedeli di lingua italiana, il Papa ha annunciato di aver firmato oggi una lettera apostolica su San Girolamo, nel sedicesimo centenario della morte. “Un esempio di un grande padre della Chiesa, che ha messo la Bibbia al centro della vita della Chiesa”, lo ha definito Francesco. […]

Commenti recenti

     

    • 12:
    • 130:
    ottobre: 2020
    L M M G V S D
    « Set    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

    Login