Inondazione a Venezia. Basilica danneggiata, Campostrini: “Urgente mettere in funzione Mose e altre opere a difesa della città

Redazione1
di Redazione1 novembre 17, 2019 18:32

Inondazione a Venezia. Basilica danneggiata, Campostrini: “Urgente mettere in funzione Mose e altre opere a difesa della città

A Venezia continua la conta dei danni dopo la notte da incubo che nei giorni scorsi ha visto un picco di marea di 187 centimetri con diversi danni e una vittima. Per il procuratore della basilica di san Marco sono urgenti le opere di difesa della città, mai portate a termine. Il patriarca Francesco Moraglia ha attivato la Caritas e le parrocchie.

Questa volta in laguna si è toccata la seconda misura nella storia della città, dopo i 194 centimetri del 1966, che ha procurato parecchi danni: magazzini, negozi e case al pianterreno allagati; gondole e barche strappate dagli ormeggi e spinte sulle rive, tre vaporetti affondati in Riva degli Schiavoni, imbarcazioni alla deriva. L’acqua ha invaso anche la basilica di san Marco dove la cripta è stata interamente sommersa e dentro la basilica, nel momento di picco di marea, sulla pavimentazione è stato registrato quasi un metro e 10 di acqua che ha intaccato le colonne e i marmi danneggiati, sostituiti nel 2018. Per valutare i danni il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini ha inviato gli ispettori dicendosi “pronto a finanziare quanto richiesto dalla Soprintendenza per tutelare la basilica”.

“Danni non visibili a prima vista ma reali – spiega l’ingegner Pierpaolo Campostrini, procuratore della basilica di san Marco, interrogato da Acistampa  –  l’acqua salata che impregna pavimenti e pareti evapora, ma rimangono i sali che fanno disgregare i mattoni, i marmi, e gli intonaci su cui sono appoggiati i mosaici. Sono processi cumulativi che non si creano con un singolo evento, ma con la frequenza di eventi che colpendo la basilica negli anni hanno provocato danni molto rilevanti”. La cripta sotto l’altare maggiore è stata completamente sommersa. “L’acqua – racconta – è stata aspirata dalle pompe e il nostro personale ha messo in salvo i manufatti più preziosi”.

Per il procuratore “questo non sarebbe accaduto se lo Stato avesse adempiuto alla promessa fatta ai veneziani e al mondo di mantenere indenne la città dalle acque alte con le barriere mobili del Mose (Modulo sperimentale elettromeccanico, sistema di 78 paratoie mobili installate nelle tre bocche di porto lagunari), opera mai portata a termine. E’ questo il vero scandalo, davvero inspiegabile. Cinque anni fa è stato scoperto un giro di corruzione e malaffare, lo Stato ha deciso di intervenire ma evidentemente non è stato sufficiente per concludere i lavori.

Mi auguro che il governo intraprenda immediatamente le misure necessarie per mettere il Mose in grado di funzionare e per completare le altre opere di difesa dalle acque alte, inclusa l’impermeabilizzazione di piazza San Marco, uno dei punti più bassi della città, attraverso l’innalzamento della sua pavimentazione secondo un progetto del 1998 mai realizzato”. Samo contenti quando i ministri vengono a inaugurare manifestazioni, ma vorremmo però risposte da parte del governo per la nostra sicurezza. Sarebbe inoltre opportuno sapere che cosa ne sarà del Mose, che cosa possiamo aspettarci dopo tante promesse e attese”.La basilica ha subìto gravi danni, e il mondo intero è preoccupato per la possibilità di perdere un’eredità culturale incalcolabile. Una chiesa che, a differenza delle altre grandi basiliche e cattedrali del mondo, non spicca per l’altezza ma per la lunghezza, visto che Venezia è costruita su un terreno sabbioso e la base non potrebbe sostenere un peso eccessivo, per cui le gravi inondazioni mettono a serio rischio la sua stabilità.

 

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

 

Redazione1
di Redazione1 novembre 17, 2019 18:32


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Tre barzellette sulla vita religiosa
    Un benedettino, un domenicano, un francescano e un gesuita sono in ritiro spirituale nello stesso luogo… Domenicani, Francescani, Benedettini, Gesuiti, Carmelitani, Clarisse Povere… Nella Chiesa ci sono innumerevoli ordini e congregazioni religiose. Si dice che Dio stesso non sia in grado di conoscere il numero esatto delle congregazioni femminili sulla Terra. Ogni ordine ha una […]
    Rachel Molinatti
  • Gli archeologi scoprono una delle chiese cristiane più antiche
    Il ritrovamento di una basilica in Etiopia solleva domande su quando sia avvenuta la diffusione del cristianesimo nella zona Gli archeologi hanno scoperto di recente la più antica chiesa cristiana nota nell’Africa sub-sahariana, in una zona dell’Etiopia che una volta ospitava l’impero axumita. Il ritrovamento di un’antica basilica, costruita verso l’epoca in cui Costantino legalizzò […]
    John Burger
  • Avete paura di andare a confessarvi? Recitate questa preghiera per avere coraggio!
    Chiedete a Dio di portare luce nell’oscurità perché vi aiuti ad accostarvi al sacramento della sua misericordia Andare a confessarsi non è sempre facile. Spesso l’imbarazzo o la vergogna per i osntri peccati ci impediscono di andare da un sacerdote a chiedere la misericordia di Dio. La Confessione, però, è un gran bene per l’anima, […]
    Philip Kosloski
  • “Padre, mi battezzi perché voglio vivere!”, un racconto di amore e conversione in Venezuela
    Questa la richiesta di un giovane che stava per morire in un ospedale di Caracas All’inizio dell’Avvento – periodo di attesa –, un gruppo di volontari, accompagnati da un giovane sacerdote, visitava un noto ospedale della capitale venezuelana, Caracas. È un gruppo composto dai genitori degli allievi di una scuola agostiniana – venezuelani di origine […]
    Macky Arenas
  • “Il pianto di Gesù”. La storia del canto di Natale “Tu scendi dalle stelle” (VIDEO)
    Ad idearlo fu Sant’Alfonso ed un tenerissimo monologo del Santo ma, nelle sue intenzioni, dovrebbe esserlo di ogni anima con Gesù, il “Creatore del mondo” Tu scendi dalle stelle, il più famoso dei cantici natalizi italiani, fu composto nel 1754 a Nola (Napoli) o, secondo altre fonti, a Deliceto (Foggia). Testo e musica furono opera […]
    don Marcello Stanzione
  • #XmasFacts: “che cosa siete andati a vedere nel deserto?”
    Quindicesima puntata di una produzione di Cube Radio dello IUSVE, che uscirà tutti i giorni fino a Natale In quel tempo, Giovanni, che era in carcere, avendo sentito parlare delle opere del Cristo, per mezzo dei suoi discepoli mandò a dirgli: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». Gesù rispose loro: […]
    IUSVE Cube Radio
  • Il cardinale organizza l’asta e raccoglie 125mila anche grazie al Papa e Mattarella
    Il porporato di Napoli Crescenzio Sepe in campo per potenziare gli ospedali pediatrici: con questo evento facciamo catechesi a tutta la città Il sombrero di Papa Francesco, la teiera del capo dello Stato Sergio Mattarella, una coppa in vetro murano della presidente del Senato Casellati, una scultura di Salvador Dalì (ceduta dal console di Bulgaria […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il Vaticano promuove Greta Thunberg: è in campo per difendere il Creato
    Il cardinale Turkson, Prefetto del dicastero vaticano per la promozione dello Sviluppo umano integrale, sostiene la linea dell’attivista: chiede coerenza e impegno per l’ambiente La giovane attivista Greta Thunberg, che ha conquistato la copertina del Time come persona dell’anno per il suo impegno a favore dell’ambiente, è una «grande testimone» per la salvaguardia della “casa […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La Perdonanza Celestiniana è Patrimonio Unesco. E voi la conoscete? (VIDEO)
    L’evento, che quest’anno ha celebrato a L’Aquila la sua 725 edizione, è precursore del primo Giubileo istituito da papa Bonifacio VIII nel 130 La Perdonanza Celestiniana (“The Celestinian Forgiveness”) è stata ufficialmente iscritta nella Lista Rappresentativa del Patrimonio Culturale immateriale dell’Unesco dopo il parere favorevole espresso dal Comitato intergovernativo a Bogotà (Colombia). La candidatura, sostenuta […]
    Gelsomino Del Guercio
  • #XmasFacts: “anche il Figlio dell’uomo dovrà soffrire”
    Quattordicesima puntata di una produzione di Cube Radio dello IUSVE, che uscirà tutti i giorni fino a Natale Mentre scendevano dal monte, i discepoli domandarono a Gesù: «Perché dunque gli scribi dicono che prima deve venire Elìa?». Ed egli rispose: «Sì, verrà Elìa e ristabilirà ogni cosa. Ma io vi dico: Elìa è già venuto […]
    IUSVE Cube Radio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 200:
    • 170:
    dicembre: 2019
    L M M G V S D
    « Nov    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login