“Ridestiamo l’identità’”, ricordando i campioni di messinesità: sapevate che l’inventore del cinema sonoro è un nostro concittadino?

Redazione1
di Redazione1 novembre 7, 2019 19:16

“Ridestiamo l’identità’”, ricordando i campioni di messinesità: sapevate che l’inventore del cinema sonoro è un nostro concittadino?

Abbiamo motivo di credere che non siano molti i messinesi che si sentono orgogliosi della loro

Giovanni Rappazzo

cittadinanza. Parecchi di loro appaiono più consapevoli dei loro difetti, per cui spesso si piangono addosso, anzichè dei loro pregi. Sappiamo che la crisi di identità che li attanaglia, derivante anche dalla perdita traumatica di tante testimonianze del loro passato, fa si che abbiano perso memorie preziose le cui radici risalgono a una storia millenaria. Ora, nell’intento di contribuire a risvegliare le sorti identitarie di Messina, ci sembra utile andare alla riscoperta selettiva e critica del patrimonio storico culturale nel quale l’identità ha le basi. Parlare infatti di caratteristiche identificative di una comunità è una questione concernente la memoria e il ricordo di un passato comune, e quindi di uno stesso significativo “universo simbolico” in cui si vive. Infatti, l’identità collettiva non è altro che appartenenza sociale divenuta partecipazione riflessiva, cioè cosciente, a una cultura che la fonda e che si compone di storia, tradizioni,  avvenimenti e personaggi importanti. Di questi ultimi ci piace richiamare la memoria, mettendo in rilievo personalità e opere di quelli che si sono dimostrati “campioni di messinesità”, come Giovanni Rappazzo.

Di questo primo straordinario personaggio, inventore, ci racconta aspetti importanti della sua storia la stessa affezionata nipote Celeste Fogliani. (A.M.)

Giovannino Rappazzo è un bambino allegro e vivacissimo che compie una serie interminabile di monellerie sia a casa che a scuola. I genitori, non riuscendo a domare in nessun modo la sua indole ribelle, decidono di affidarlo alle cure dell’autoritario fratello maggiore Luigi, che vive e lavora a Genova. Pertanto Giovannino ad appena 8 anni sarà costretto con molto dolore a lasciare la sua famiglia e la bellissima città dov’è nato, Messina, per trasferirsi nella capitale ligure. L’improvviso cambiamento di vita, con le conseguenti restrizioni alle quali sarà sottoposto dal fratello provocheranno in lui un forte turbamento, trasformandolo in un ragazzo triste e introverso. Ma in realtà Giovannino non si perderà affatto d’animo, poichè affiderà subito la libertà perduta a ciò che mai niente e nessuno gli potrà mai limitare: la sua brillante, incredibile Intelligenza. Perché Giovannino non è un bambino come tutti gli altri. Giovannino è un genio. E per tutta la sua futura, straordinaria vita, sarà Giovanni Rappazzo , L’ INVENTORE.

A Genova entra per la prima volta in un cinema dove proiettano i film muti di Ridolini e Polidoro ma l’iniziale divertimento si trasforma subito in una forte angoscia: quegli attori non parlano e si muovono con una gestualità innaturale ed esasperata, e tutto questo per Giovannino è insopportabile fino a non dormirci la notte. Decide così in cuor suo che avrebbe fatto qualsiasi cosa per riuscire a porre fine a quell’irritante, e frustrante mutismo. Ritornati a Messina dopo il sisma del 1908, Luigi e Giovanni lavorano insieme per la ricostruzione della loro martoriata città, ridotta dal terremoto ad uno spaventoso ammasso di macerie fumanti.

I primi segni in assoluto di questa volontà di rinascita sono il negozio bazar L’Au Bon Marchè ed il cinema L’Eden CINE Concerto, nel quale Giovanni avrà il magnifico lampo di genio, dopo un banale incidente di proiezione, che lo porterà all’invenzione del film sonoro. Brevetterà il sistema il 19 febbraio del 1921 e si darà subito da fare per cercare capitalisti finanziatori e offrire alle più famose case cinematografiche dell’epoca la sua miracolosa invenzione in grado di dare la voce al cinema. Ma riceverà da tutti un secco rifiuto.

Incompreso, perseguitato e ridotto in povertà non riuscirà più a pagare la tassa per il rinnovo dei brevetti del Suo film sonoro che gli verrà impietosamente usurpato dagli americani. Deluso, amareggiato, lasciato solo dalle istituzioni alle quali si rivolgerà inutilmente per avere giustizia, Giovanni Rappazzo

attingerà dall’amore della moglie Giacomina e dalla sua febbrile e incessante attività inventiva la titanica forza per resistere a tutte le durissime prove della sua esistenza. Il suo magnifico genio creativo gli farà produrre infatti in tempi diversi, un’incredibile serie di altre invenzioni tutte brevettate e documentate, alcune delle quali oggi diffusamente applicate.

Dopo esser sfuggito agli orrori della guerra del 15-18 e alla pandemia di spagnola, vivrà con la sua famiglia un’incredibile odissea durante il secondo conflitto mondiale, e all’età di 70 anni patirà grandi sofferenze per la perdita dell’amata figlia Caterina. Quest’ultima morirà nel partorire una bambina che Giovanni Rappazzo adotterà per evitare che il padre (noto pittore del tempo), sconvolto dal dolore, la metta subito in un istituto dopo averla fatta battezzare con il nome di Celeste.

Tra nonno e nipote s’instaurerà con il passare degli anni un rapporto intenso e particolare: Celeste si accorgerà crescendo di avere un nonno fuori dal comune ma solo dopo la sua morte (avvenuta nel 1995 dopo pochi mesi dalla sua nomina da parte del governo italiano a Grande Ufficiale al merito della Repubblica) scoprirà di essere l’erede dell’immensa mole dei suoi manoscritti attraverso i quali, nel leggerli, le sembrerà spesso di ascoltare il tremendo grido del Suo Genio derubato.

Celeste ritiene che Giovanni Rappazzo non avrà pace finchè non avvenga il Suo riconoscimento universale che lo consacri definitivamente come primo e unico inventore del film sonoro, e a questo scopo decide subito di scrivere un libro sulla sua fantastica esistenza. Quella bambina sono io che vi sto scrivendo, e sarà una grande gioia per me dare a Giovanni Rappazzo ulteriore visibilità raccontandovi altri momenti della sua avvincente storia come tributo di amore per ciò che ha fatto per me.

Celeste Fogliani 

Brevetto del 19 febbraio 1921, riguardante l’invenzione del cinema sonoro da parte di Giovanni Rappazzo :

 

 

Redazione1
di Redazione1 novembre 7, 2019 19:16


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Se il sacerdote consacra pane e vino, perché ci comunichiamo solo con il pane?
    Risponde padre Cido Pereira, dell’arcidiocesi di San Paolo Nella sua rubrica sul quotidiano O São Paulo, dell’arcidiocesi brasiliana di San Paolo, padre Cido Pereira ha risposto questa settimana a questo dubbio di una lettrice: “Se vengono consacrati pane e vino, perché in genere la Comunione è data solo in una specie?” Ecco la risposta di […]
    Arcidiocesi di San Paolo
  • Come Dio agisce attraverso i segni sacri
    Dio, conoscendo il cuore umano e la necessità dell’uomo, usa vari segni per salvarci di Fábio Nunes I significati della parola “segno” sono molti. Se cerchiamo in un dizionario cosa vuol dire “segnale”, troviamo come definizione “cosa che ne richiama alla memoria un’altra, che ricorda, che fa ricordare”. Si trova anche “indizio”, “vestigia”, “tratto”, e […]
    Canção Nova
  • Suor Fulvia: la Parola è seme che matura per la forza che gli ha impresso Dio (VIDEO)
    Seconda catechesi del capitolo generale Monastero WiFi del 19 ottobre. Il Padre è certo della bontà del seme e anche di quella del terreno. Suor Fulvia Sieni è una monaca di clausura agostiniana che chi ha partecipato al primo capitolo generale del monastero WiFi già conosce, ed è la voce della seconda catechesi in programma […]
    Paola Belletti
  • Paura: qual è il confine tra normalità e malattia?
    La paura è una delle emozioni primarie che derivano dall’avversione naturale alla minaccia, presente sia negli animali che negli esseri umani La paura è un’emozione caratterizzata da un intenso sentimento, in genere sgradevole, provocato dalla percezione di un pericolo, presente o futuro, reale o supposto. È una delle emozioni primarie che derivano dall’avversione naturale alla […]
    Canção Nova
  • Allarme: sempre più neonati nascono in crisi d’astinenza
    Casi sempre più frequenti negli ospedali di tutta la penisola e a monte di questa tragedia un dato allarmante: da gennaio nei porti italiani sono state sequestrate 5 tonnellate di cocaina, il 168% in più del 2018.   Un episodio preoccupante, ma purtroppo non unico in Italia. Al Policlinico Casilino di Roma sono venuti alla luce […]
    Annalisa Teggi
  • Si può trovare il paradiso già in questo mondo?
    Mi servono, si prendono cura di me, ho tante cose che mi danno soddisfazione, ma… è questo il cielo che mi rende felice? Dei sadducei interrogano Gesù. Non credono alla resurrezione e la mettono in discussione ricorrendo a un caso quasi impossibile: “C’erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. […]
    Carlos Padilla
  • Sapete quale Papa dobbiamo ringraziare per le udienze del mercoledì?
    Leone Magno era disposto a predicare e a guidare il suo gregge anche di fronte al pericolo Un turista che visita Roma si rende subito conto che anche se amici e familiari a casa gli hanno detto “Saluta il Papa da parte mia” non è certo facile. Il Santo Padre ha un programma giornaliero incredibilmente […]
    Kathleen Hattrup
  • Chiara Lubich, chiusa la prima fase della causa di beatificazione
    A Frascati, nel pomeriggio, la cerimonia di chiusura della fase diocesana della causa di beatificazione e canonizzazione della Serva di Dio Chiara Lubich. Il processo passa ora alla Congregazione per le Cause dei Santi in Vaticano. Della figura e della spiritualità della fondatrice dei Focolari parla, ai nostri microfoni, Jesús Morán, co-presidente del Movimento Una […]
    Vatican News
  • Il santuario che si è salvato per miracolo da un maremoto
    È anche noto come la “Lourdes d’Oriente” Vailankanni, nota anche come la “Lourdes d’Oriente”, situata sulla costa del Golfo del Bengala, nella zona meridionale dell’India, deve gran parte della sua fama a Nostra Signora della Salute. La città di Vailankanni, nello Stato indiano del Tamil Nadu, accoglie ogni anno migliaia di pellegrini che accorrono a […]
    H2O Studio
  • Conoscete le nuove prove scientifiche sull’aldilà?
    Una questione inevitabile è un’ottima opportunità per condividere la fede Il XXI secolo ha offerto inaspettatamente ai cristiani un’ottima opportunità per condividere la propria fede riguardo a un argomento su cui quasi tutti sono curiosi. È un argomento che apre la mente delle persone al soprannaturale e cambia il comportamento di chi lo prende sul […]
    Tom Hoopes

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 42:
    • 147:
    novembre: 2019
    L M M G V S D
    « Ott    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

    Login