“Ridestiamo l’identità’”, ricordando i campioni di messinesità: sapevate che l’inventore del cinema sonoro è un nostro concittadino?

Redazione1
di Redazione1 novembre 7, 2019 19:16

“Ridestiamo l’identità’”, ricordando i campioni di messinesità: sapevate che l’inventore del cinema sonoro è un nostro concittadino?

Abbiamo motivo di credere che non siano molti i messinesi che si sentono orgogliosi della loro

Giovanni Rappazzo

cittadinanza. Parecchi di loro appaiono più consapevoli dei loro difetti, per cui spesso si piangono addosso, anzichè dei loro pregi. Sappiamo che la crisi di identità che li attanaglia, derivante anche dalla perdita traumatica di tante testimonianze del loro passato, fa si che abbiano perso memorie preziose le cui radici risalgono a una storia millenaria. Ora, nell’intento di contribuire a risvegliare le sorti identitarie di Messina, ci sembra utile andare alla riscoperta selettiva e critica del patrimonio storico culturale nel quale l’identità ha le basi. Parlare infatti di caratteristiche identificative di una comunità è una questione concernente la memoria e il ricordo di un passato comune, e quindi di uno stesso significativo “universo simbolico” in cui si vive. Infatti, l’identità collettiva non è altro che appartenenza sociale divenuta partecipazione riflessiva, cioè cosciente, a una cultura che la fonda e che si compone di storia, tradizioni,  avvenimenti e personaggi importanti. Di questi ultimi ci piace richiamare la memoria, mettendo in rilievo personalità e opere di quelli che si sono dimostrati “campioni di messinesità”, come Giovanni Rappazzo.

Di questo primo straordinario personaggio, inventore, ci racconta aspetti importanti della sua storia la stessa affezionata nipote Celeste Fogliani. (A.M.)

Giovannino Rappazzo è un bambino allegro e vivacissimo che compie una serie interminabile di monellerie sia a casa che a scuola. I genitori, non riuscendo a domare in nessun modo la sua indole ribelle, decidono di affidarlo alle cure dell’autoritario fratello maggiore Luigi, che vive e lavora a Genova. Pertanto Giovannino ad appena 8 anni sarà costretto con molto dolore a lasciare la sua famiglia e la bellissima città dov’è nato, Messina, per trasferirsi nella capitale ligure. L’improvviso cambiamento di vita, con le conseguenti restrizioni alle quali sarà sottoposto dal fratello provocheranno in lui un forte turbamento, trasformandolo in un ragazzo triste e introverso. Ma in realtà Giovannino non si perderà affatto d’animo, poichè affiderà subito la libertà perduta a ciò che mai niente e nessuno gli potrà mai limitare: la sua brillante, incredibile Intelligenza. Perché Giovannino non è un bambino come tutti gli altri. Giovannino è un genio. E per tutta la sua futura, straordinaria vita, sarà Giovanni Rappazzo , L’ INVENTORE.

A Genova entra per la prima volta in un cinema dove proiettano i film muti di Ridolini e Polidoro ma l’iniziale divertimento si trasforma subito in una forte angoscia: quegli attori non parlano e si muovono con una gestualità innaturale ed esasperata, e tutto questo per Giovannino è insopportabile fino a non dormirci la notte. Decide così in cuor suo che avrebbe fatto qualsiasi cosa per riuscire a porre fine a quell’irritante, e frustrante mutismo. Ritornati a Messina dopo il sisma del 1908, Luigi e Giovanni lavorano insieme per la ricostruzione della loro martoriata città, ridotta dal terremoto ad uno spaventoso ammasso di macerie fumanti.

I primi segni in assoluto di questa volontà di rinascita sono il negozio bazar L’Au Bon Marchè ed il cinema L’Eden CINE Concerto, nel quale Giovanni avrà il magnifico lampo di genio, dopo un banale incidente di proiezione, che lo porterà all’invenzione del film sonoro. Brevetterà il sistema il 19 febbraio del 1921 e si darà subito da fare per cercare capitalisti finanziatori e offrire alle più famose case cinematografiche dell’epoca la sua miracolosa invenzione in grado di dare la voce al cinema. Ma riceverà da tutti un secco rifiuto.

Incompreso, perseguitato e ridotto in povertà non riuscirà più a pagare la tassa per il rinnovo dei brevetti del Suo film sonoro che gli verrà impietosamente usurpato dagli americani. Deluso, amareggiato, lasciato solo dalle istituzioni alle quali si rivolgerà inutilmente per avere giustizia, Giovanni Rappazzo

attingerà dall’amore della moglie Giacomina e dalla sua febbrile e incessante attività inventiva la titanica forza per resistere a tutte le durissime prove della sua esistenza. Il suo magnifico genio creativo gli farà produrre infatti in tempi diversi, un’incredibile serie di altre invenzioni tutte brevettate e documentate, alcune delle quali oggi diffusamente applicate.

Dopo esser sfuggito agli orrori della guerra del 15-18 e alla pandemia di spagnola, vivrà con la sua famiglia un’incredibile odissea durante il secondo conflitto mondiale, e all’età di 70 anni patirà grandi sofferenze per la perdita dell’amata figlia Caterina. Quest’ultima morirà nel partorire una bambina che Giovanni Rappazzo adotterà per evitare che il padre (noto pittore del tempo), sconvolto dal dolore, la metta subito in un istituto dopo averla fatta battezzare con il nome di Celeste.

Tra nonno e nipote s’instaurerà con il passare degli anni un rapporto intenso e particolare: Celeste si accorgerà crescendo di avere un nonno fuori dal comune ma solo dopo la sua morte (avvenuta nel 1995 dopo pochi mesi dalla sua nomina da parte del governo italiano a Grande Ufficiale al merito della Repubblica) scoprirà di essere l’erede dell’immensa mole dei suoi manoscritti attraverso i quali, nel leggerli, le sembrerà spesso di ascoltare il tremendo grido del Suo Genio derubato.

Celeste ritiene che Giovanni Rappazzo non avrà pace finchè non avvenga il Suo riconoscimento universale che lo consacri definitivamente come primo e unico inventore del film sonoro, e a questo scopo decide subito di scrivere un libro sulla sua fantastica esistenza. Quella bambina sono io che vi sto scrivendo, e sarà una grande gioia per me dare a Giovanni Rappazzo ulteriore visibilità raccontandovi altri momenti della sua avvincente storia come tributo di amore per ciò che ha fatto per me.

Celeste Fogliani 

Brevetto del 19 febbraio 1921, riguardante l’invenzione del cinema sonoro da parte di Giovanni Rappazzo :

 

 

Redazione1
di Redazione1 novembre 7, 2019 19:16


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Medjugorje, la Madonna disse ai veggenti che il 5 agosto era il suo compleanno
    Racconta la veggente Marija: “Le regalammo una torta”. Ma sulla autenticità di messaggi come questo non c’è alcuna conferma dal Vaticano. Il 5 agosto è una data “mariana”. Si ricorda il “miracolo della neve” compiuto dalla Vergine a Roma, con la nevicata straordinaria nella zona dell’Esquilino, dove sorge la Basilica di Santa Maria Maggiore. Un […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Brucia l’idolo della madre perfetta e della ribelle solitaria, resta una scintilla nelle anime
    L’incendio al centro della serie Little Fires Everywhere fa piazza pulita di una vita fondata sull’apparenza. Due madri, due vite opposte, nessuna anima candida e lo struggente bisogno che le nostre colpe non ci riducano in cenere. Si può avere un grande incendio nella propria anima, eppure nessuno è mai venuto a scaldarsi. I passanti […]
    Annalisa Teggi
  • L’immaginifico linguaggio dei Padri del monachesimo: i mercanti d’oro (3/6)
    Benché ritirati dal mondo, i progenitori della vita monastica cristiana hanno trasmesso i loro insegnamenti attraverso numerosi discepoli che andavano a rendere loro visita: ne sono risultate delle memorabili raccolte di aneddoti e di apoftegmi. La loro strategia comunicativa? Impiegare un linguaggio assai evocativo sul piano dell’immaginazione: cosa che rende il loro messaggio accessibile e […]
    Mathilde De Robien
  • L’immaginifico linguaggio dei Padri del monachesimo: la nave della vita (1/6)
    Benché ritirati dal mondo, i progenitori della vita monastica cristiana hanno trasmesso i loro insegnamenti attraverso numerosi discepoli che andavano a rendere loro visita: ne sono risultate delle memorabili raccolte di aneddoti e di apoftegmi. La loro strategia comunicativa? Impiegare un linguaggio assai evocativo sul piano dell’immaginazione: cosa che rende il loro messaggio accessibile e […]
    Mathilde De Robien
  • Sesso che rende felici vs sesso che danneggia
    Rapporti di dialogo, donazione, accettazione, significato, amore o al contrario di uso, possesso, egoismo, potere, inganno, immoralità, dipendenza, violenza Nel consultorio ho affrontato casi di frustrazione nella vita sessuale di coppie che riferendosi alla questione ricorrono all’espressione “fare l’amore”. Esistono sicuramente delle disfunzioni della sessualità da affrontare e curare, ma è bene chiarire l’errata interpretazione […]
    Orfa Astorga
  • “Essere diverso è quello che ti rende speciale”
    Il corto toccante che mi ha ricordato che per Dio tutti valiamo di Nory Camargo Essere affetti dalla sindrome di Down in una società che giudica e punta il dito contro tutto è molto difficile, e purtroppo i bambini possono diventare molto crudeli quando si trovano davanti a qualcuno che è “diverso”. Ma perché la […]
    Catholic Link
  • I ritiri Goum, spazio di libertà interiore
    Per il 50° anniversario dei Raid Goum, Xavier Malle, vescovo di Gap ed Embrun (Francia), che ne ha realizzati 19 a titolo personale, racconta ad Aleteia come questi cammini offrano un’esperienza spirituale indimenticabile I ritiri Goum spengono quest’anno 50 candeline. Sabato 1 e domenica 2 agosto si è svolto un incontro per celebrarli nella zona […]
    Domitille Farret d'Astiès
  • Il Papa: prego per i morti di Beirut. I dubbi del patriarca: esplosione misteriosa
    Chiesa in campo con una rete di soccorso. E al quartier generale della Caritas solo la provvidenza ha evitato che ci fossero vittime tra i volontari Papa Francesco ha rivolto, durante l’udienza di mercoledì’ 5 agosto in piazza San Pietro, il suo pensiero a tutto il Libano e in particolare a Beirut dove ieri si […]
    Gelsomino Del Guercio
  • USA: manifestanti bruciano una Bibbia, il video suscita indignazione
    Mentre le manifestazioni violente sembrano volgere al termine negli Stati Uniti, spunta un video in cui si vedono dei manifestanti bruciare una bibbia a Portland, nell’Oregon, durante la notte tra venerdì 31 luglio e sabato 1º agosto. Forte l’indignazione suscitata nel Paese. A Portland, nell’Oregon, in seguito alla morte di George Floyd si sono susseguite […]
    Bérengère Dommaigné
  • Adolescenti e giochi estremi: quali i più pericolosi e perché i ragazzi rischiano la vita
    È urgente una riflessione su come leggere ed affrontare la diffusione di comportamenti pericolosi tra i giovanissimi. Cosa spinge un adolescente a comportamenti pericolosi come i giochi estremi che qualche volta purtroppo finiscono tragicamente? Prova a rispondere Giovanni Sabato in un articolo dal titolo “L’età dell’incoscienza” sul numero in edicola di Mind che questo mese […]
    Silvia Lucchetti

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

  • Papa all’udienza: “Preghiamo per il Libano” 5 agosto 2020
    “La Chiesa, benché amministri la grazia risanante di Cristo mediante i sacramenti e benché provveda servizi sanitari negli angoli più remoti del pianeta, non è esperta nella prevenzione o nella cura della pandemia”, che spetta ai “dirigenti politici e sociali”. A precisarlo è stato il Papa, nella prima udienza generale dopo la consueta pausa di […]
  • Papa Francesco: udienza, appello per il Libano, “comunità internazionale lo aiuti ad affrontare questo momento così tragico e doloroso” 5 agosto 2020
    Un appello affinché il Libano “possa affrontare questo momento così tragico e doloroso e con l’aiuto della comunità internazionale possa superare la grave crisi che sta attraversando”. A rivolgerlo è stato il Papa, che, prima dei saluti ai fedeli di lingua italiana collegati in streaming, al termine dell’udienza generale ha fatto riferimento alla tragedia che […]
  • Papa Francesco: udienza, la cura della pandemia spetta “ai dirigenti politici e sociali”, ma la Chiesa è esperta di “principi sociali fondamentali” 5 agosto 2020
    “La Chiesa, benché amministri la grazia risanante di Cristo mediante i sacramenti e benché provveda servizi sanitari negli angoli più remoti del pianeta, non è esperta nella prevenzione o nella cura della pandemia”. A precisarlo è stato il Papa, nella prima udienza generale dopo la consueta pausa di luglio, trasmessa in diretta streaming dalla biblioteca […]
  • Fondazione Populorum Progressio: 168 progetti per 23 Paesi dell’America Latina e dei Caraibi 5 agosto 2020
    La complessa crisi provocata dalla pandemia da Covid-19 non ha impedito lo svolgimento della riunione annuale del Consiglio di amministrazione della Fondazione Populorum Progressio, tenutasi il 29 e 30 luglio 2020 in modalità telematica, durante la quale, oltre ad analizzare le conseguenze provocate dalla pandemia da coronavirus nella regione latinoamericana e nei Caraibi, tra i molti progetti di sviluppo […]
  • Papa Francesco: udienza, “Gesù guarisce tutto”, “in che modo possiamo aiutare a guarire il nostro mondo?” 5 agosto 2020
    “Gesù guarisce tutto”. Lo ha ricordato, a braccio, il Papa, nella prima udienza dopo la pausa estiva, dedicata al tema della guarigione, sulla scorta dell’episodio evangelico della guarigione del paralitico. “Il ministero di Gesù offre molti esempi di guarigione”, ha ricordato Francesco: “Quando risana coloro che sono affetti da febbre, da lebbra, da paralisi; quando […]
  • Papa Francesco: udienza, “la pandemia sta continuando a causare ferite profonde” 5 agosto 2020
    “La pandemia sta continuando a causare ferite profonde, smascherando le nostre vulnerabilità. Molti sono i defunti, moltissimi i malati, in tutti i continenti. Tante persone e tante famiglie vivono un tempo di incertezza, a causa dei problemi socio-economici, che colpiscono specialmente i più poveri”. Il Papa ha ripreso le udienze del mercoledì, dopo la consueta […]
  • Tv2000: domani alle 21 il Rosario dalla cattedrale di Aosta con mons. Lovignana 4 agosto 2020
    “Prega con noi”. Tv2000 e InBlu Radio invitano “i fedeli, le famiglie e le comunità religiose a ritrovarsi, domani, 5 agosto, alle 21, per recitare insieme il Rosario che verrà trasmesso da Tv2000 (canale 28 e 157 Sky), InBlu Radio, e su Facebook”. La preghiera andrà in onda dalla cattedrale Santa Maria Assunta e San […]
  • Mons. Chiarinelli: il cordoglio del Meic. “È stato davvero un amico dei laici” 4 agosto 2020
    “Quella di monsignor Lorenzo Chiarinelli è stata un’esistenza dal mistero di Dio, radicata in una spiritualità intensa ma asciutta, capace di tessere un costante dialogo tra il Vangelo e la cultura”. Così la presidenza nazionale del Meic ricorda mons. Chiarinelli, “che prima del ministero episcopale ha svolto un lungo e fecondo servizio pastorale prima nella […]
  • Papa Francesco: intenzione preghiera agosto, “senza i marittimi, in molte zone del mondo si soffrirebbe la fame” 4 agosto 2020
    “La vita del marinaio, del pescatore e delle loro famiglie è molto dura. A volte è caratterizzata dal lavoro forzato o dall’essere abbandonati in porti lontani”. Lo sottolinea Papa Francesco, nel video con l’intenzione di preghiera per il mese di agosto. “La concorrenza della pesca industriale e l’inquinamento rendono poi il lavoro ancor più complicato. […]
  • Giovanni Maria Vianney: patrono dei preti stropicciati 4 agosto 2020
    Oggi, 4 agosto, si fa memoria di uno dei pochissimi parroci canonizzati dalla Chiesa cattolica: san Giovanni Maria Vianney, il Curato d’Ars. Non che nella Chiesa manchino sacerdoti santi: di quelli ce n’è un esercito! Ma è interessante (e inquietante) che siano molto pochi quelli che come ministero abbiano svolto la cura d’anime in una […]

Commenti recenti

     

    • 47:
    • 226:
    agosto: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

    Login