“Ridestiamo l’identità’”, ricordando i campioni di messinesità: sapevate che l’inventore del cinema sonoro è un nostro concittadino?

Redazione1
di Redazione1 novembre 7, 2019 19:16

“Ridestiamo l’identità’”, ricordando i campioni di messinesità: sapevate che l’inventore del cinema sonoro è un nostro concittadino?

Abbiamo motivo di credere che non siano molti i messinesi che si sentono orgogliosi della loro

Giovanni Rappazzo

cittadinanza. Parecchi di loro appaiono più consapevoli dei loro difetti, per cui spesso si piangono addosso, anzichè dei loro pregi. Sappiamo che la crisi di identità che li attanaglia, derivante anche dalla perdita traumatica di tante testimonianze del loro passato, fa si che abbiano perso memorie preziose le cui radici risalgono a una storia millenaria. Ora, nell’intento di contribuire a risvegliare le sorti identitarie di Messina, ci sembra utile andare alla riscoperta selettiva e critica del patrimonio storico culturale nel quale l’identità ha le basi. Parlare infatti di caratteristiche identificative di una comunità è una questione concernente la memoria e il ricordo di un passato comune, e quindi di uno stesso significativo “universo simbolico” in cui si vive. Infatti, l’identità collettiva non è altro che appartenenza sociale divenuta partecipazione riflessiva, cioè cosciente, a una cultura che la fonda e che si compone di storia, tradizioni,  avvenimenti e personaggi importanti. Di questi ultimi ci piace richiamare la memoria, mettendo in rilievo personalità e opere di quelli che si sono dimostrati “campioni di messinesità”, come Giovanni Rappazzo.

Di questo primo straordinario personaggio, inventore, ci racconta aspetti importanti della sua storia la stessa affezionata nipote Celeste Fogliani. (A.M.)

Giovannino Rappazzo è un bambino allegro e vivacissimo che compie una serie interminabile di monellerie sia a casa che a scuola. I genitori, non riuscendo a domare in nessun modo la sua indole ribelle, decidono di affidarlo alle cure dell’autoritario fratello maggiore Luigi, che vive e lavora a Genova. Pertanto Giovannino ad appena 8 anni sarà costretto con molto dolore a lasciare la sua famiglia e la bellissima città dov’è nato, Messina, per trasferirsi nella capitale ligure. L’improvviso cambiamento di vita, con le conseguenti restrizioni alle quali sarà sottoposto dal fratello provocheranno in lui un forte turbamento, trasformandolo in un ragazzo triste e introverso. Ma in realtà Giovannino non si perderà affatto d’animo, poichè affiderà subito la libertà perduta a ciò che mai niente e nessuno gli potrà mai limitare: la sua brillante, incredibile Intelligenza. Perché Giovannino non è un bambino come tutti gli altri. Giovannino è un genio. E per tutta la sua futura, straordinaria vita, sarà Giovanni Rappazzo , L’ INVENTORE.

A Genova entra per la prima volta in un cinema dove proiettano i film muti di Ridolini e Polidoro ma l’iniziale divertimento si trasforma subito in una forte angoscia: quegli attori non parlano e si muovono con una gestualità innaturale ed esasperata, e tutto questo per Giovannino è insopportabile fino a non dormirci la notte. Decide così in cuor suo che avrebbe fatto qualsiasi cosa per riuscire a porre fine a quell’irritante, e frustrante mutismo. Ritornati a Messina dopo il sisma del 1908, Luigi e Giovanni lavorano insieme per la ricostruzione della loro martoriata città, ridotta dal terremoto ad uno spaventoso ammasso di macerie fumanti.

I primi segni in assoluto di questa volontà di rinascita sono il negozio bazar L’Au Bon Marchè ed il cinema L’Eden CINE Concerto, nel quale Giovanni avrà il magnifico lampo di genio, dopo un banale incidente di proiezione, che lo porterà all’invenzione del film sonoro. Brevetterà il sistema il 19 febbraio del 1921 e si darà subito da fare per cercare capitalisti finanziatori e offrire alle più famose case cinematografiche dell’epoca la sua miracolosa invenzione in grado di dare la voce al cinema. Ma riceverà da tutti un secco rifiuto.

Incompreso, perseguitato e ridotto in povertà non riuscirà più a pagare la tassa per il rinnovo dei brevetti del Suo film sonoro che gli verrà impietosamente usurpato dagli americani. Deluso, amareggiato, lasciato solo dalle istituzioni alle quali si rivolgerà inutilmente per avere giustizia, Giovanni Rappazzo

attingerà dall’amore della moglie Giacomina e dalla sua febbrile e incessante attività inventiva la titanica forza per resistere a tutte le durissime prove della sua esistenza. Il suo magnifico genio creativo gli farà produrre infatti in tempi diversi, un’incredibile serie di altre invenzioni tutte brevettate e documentate, alcune delle quali oggi diffusamente applicate.

Dopo esser sfuggito agli orrori della guerra del 15-18 e alla pandemia di spagnola, vivrà con la sua famiglia un’incredibile odissea durante il secondo conflitto mondiale, e all’età di 70 anni patirà grandi sofferenze per la perdita dell’amata figlia Caterina. Quest’ultima morirà nel partorire una bambina che Giovanni Rappazzo adotterà per evitare che il padre (noto pittore del tempo), sconvolto dal dolore, la metta subito in un istituto dopo averla fatta battezzare con il nome di Celeste.

Tra nonno e nipote s’instaurerà con il passare degli anni un rapporto intenso e particolare: Celeste si accorgerà crescendo di avere un nonno fuori dal comune ma solo dopo la sua morte (avvenuta nel 1995 dopo pochi mesi dalla sua nomina da parte del governo italiano a Grande Ufficiale al merito della Repubblica) scoprirà di essere l’erede dell’immensa mole dei suoi manoscritti attraverso i quali, nel leggerli, le sembrerà spesso di ascoltare il tremendo grido del Suo Genio derubato.

Celeste ritiene che Giovanni Rappazzo non avrà pace finchè non avvenga il Suo riconoscimento universale che lo consacri definitivamente come primo e unico inventore del film sonoro, e a questo scopo decide subito di scrivere un libro sulla sua fantastica esistenza. Quella bambina sono io che vi sto scrivendo, e sarà una grande gioia per me dare a Giovanni Rappazzo ulteriore visibilità raccontandovi altri momenti della sua avvincente storia come tributo di amore per ciò che ha fatto per me.

Celeste Fogliani 

Brevetto del 19 febbraio 1921, riguardante l’invenzione del cinema sonoro da parte di Giovanni Rappazzo :

 

 

Redazione1
di Redazione1 novembre 7, 2019 19:16


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • La figlia spirituale di Padre Pio che ha diffuso il culto di San Michele arcangelo
    La storia di Lina Fiorellini e della sua corrispondenza inedita con il santo di Pietrelcina Lina Fiorellini, originaria di Parma, nacque il 1892 e morì nel 1974. Lina aveva conosciuto Padre Pio da Pietrelcina fin dal 1919, ed era stata subito attratta dalla santità del frate del Gargano, tanto da trasferirsi appena possibile a San […]
    don Marcello Stanzione
  • Il sacerdote cappuccino che lottò contro il razzismo sulla via della canonizzazione
    Padre Stephen Eckert lavorò instancabilmente per l’uguaglianza razziale a Milwaukee Nato in Canada, padre Stephen Eckert si unì all’ordine cappuccino, venne ordinato nel 1896 e come primo incarico venne inviato a New York. Mentre era lì si innamorò degli afroamericani, e sentì il desiderio di servire le loro necessità spirituali, cosa rara nell’America dell’epoca. Questa […]
    Philip Kosloski
  • Sanremo, Festival delle donne: arrabbiarsi, ma per le cose sbagliate
    Dal “passo indietro” alla Novello, alla richiesta di esclusione del rapper Junior Cally, fino a Elettra Lamborghini e il twerking: le polemiche sul Festival di San Remo 2020 mettono al centro la donna … Sì, ma quale? Poi gli uomini ci dicono che siamo complicate. Dolcemente però, che altrimenti chi ci sente? Ma certe volte, […]
    Giovanna Binci
  • Genitori scoraggiati? Queste citazioni bibliche vi ricaricheranno
    Talvolta essere genitori è usurante. E allora, se siete scoraggiati, sfiniti, di tanto in tanto anche perduti, meditate queste parole della Bibbia. Esse contengono consigli che possono farvi dare veri e propri colpi di reni nella vostra vita quotidiana. Conoscete bene la scena: chiedete qualcosa a vostro figlio, lui vi ignora completamente. Sapete bene che […]
    Cerith Gardiner
  • Perché San Sebastiano è il santo patrono degli atleti?
    Non ha mai praticato uno sport, ma la sua straordinaria resistenza fisica lo ha reso un santo popolare tra gli atleti San Sebastiano è noto in tutto il mondo come il “santo patrono degli atleti”, ma perché? Ha mai partecipato a qualche evento sportivo? Si sa relativamente poco di questo santo, martire cristiano del III […]
    Philip Kosloski
  • Una inedita Chiara Lubich raccontata in un documentario tv (FOTO e VIDEO)
    A 100 anni dalla nascita, la fondatrice del Movimento dei Focolari viene ricordata per il dialogo ecumenico e l’economia di comunione da chi l’ha conosciuta di persona Tv2000, in occasione dell’anniversario della nascita di Chiara Lubich la fondatrice del Movimento dei Focolari, trasmette il documentario ‘Essere fuoco’ in onda mercoledì 22 gennaio ore 23 e […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Boom dei sandali realizzati dai monaci benedettini francesi
    Sono così richiesti che i religiosi non riescono a far fronte alla domanda Il nuovo anno è iniziato da pochissimo, ma i monaci benedettini del monastero di La Gard (Francia) sono già stati inondati di ordini per i loro sandali realizzati a mano. Dalla fondazione nel 2003, i religiosi del monastero di Sainte-Marie de La […]
    J.P. Mauro
  • I primi tre nomi di Gesù (secondo Matteo)
    La lettura del Vangelo secondo Matteo, nel tempo di Natale, ci fa scoprire tre nomi attribuiti a Gesù che rappresentano come uno scorcio inaugurale della sua esistenza, della sua missione e della sua identità. “Figlio di Davide”, “Emmanuele” e “Nazareno”: questi sono i tre nomi che il Vangelo secondo san Matteo dà a Gesù nei […]
    Jean-Michel Castaing
  • La Cappella Sistina di Madrid
    In un angolo del centro di Madrid si nasconde uno dei tesori custoditi meglio della capitale spagnola Nel pieno centro di Madrid, vicino a calle Fuencarral, circondata da negozi, bar e ristoranti alla moda, si nasconde una delle grandi meraviglie della capitale spagnola. Pochi conoscono questa piccola chiesa che fa angolo tra calle de la […]
    Alvaro Real
  • Come avere un figlio con la sindrome di Down ha cambiato la musica di questa rock star
    La nascita prematura del figlio Down di Cormac Neeson ha avuto un effetto profondamente positivo sul musicista Nel 2014 Cormac Neeson, del gruppo dell’Irlanda del Nord The Answer, è diventato padre per la prima volta. L’arrivo del figlio Dabhog ha cambiato non solo la sua prospettiva nella vita, ma anche la sua creatività. In un’intervista […]
    Cerith Gardiner

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 97:
    • 263:
    gennaio: 2020
    L M M G V S D
    « Dic    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login