Suore anti-tratta (“Talitha Kum”): “Liberare donne, bambini e uomini dalle condizioni di schiavitù”.

Redazione1
di Redazione1 ottobre 4, 2019 19:01

Suore anti-tratta (“Talitha Kum”): “Liberare donne, bambini e uomini dalle condizioni di schiavitù”.

Sono enormi le disuguaglianze che caratterizzano l’umanità nel mondo di oggi, da cui derivano meccanismi che generano ingiustizia e quindi schiavitù disumane e globali. La tratta degli esseri umani è il terzo business illecito più redditizio dopo il traffico di droga e di armi: un fenomeno che riguarda direttamente almeno 40 milioni di persone, di cui Il 70% sono donne e bambini. Tra le cause che aggravano la situazione dell’orrendo mercato, la perdita delle attività di sostentamento e sgretolamento dei meccanismi di protezione sociale. Preziosa l’opera delle suore del “Talitha Kum”.

Papa Francesco ha incontrato in udienza privata le 86 delegate, provenienti da 48 Paesi, della rete delle religiose contro la tratta “Talitha kum”. Sono in questi giorni a Roma per l’assemblea generale in occasione dei dieci anni dalla nascita di questo grande network presente in 92 Paesi, con 44 reti nazionali nei cinque continenti. Dieci suore sono state premiate per il loro impegno: da Nigeria, Italia, Thailandia, Perù, Canada, Stati Uniti, Australia, Filippine, India. Tutte unite e determinate nella lotta a tutte le forme di schiavitù del XXI secolo, fenomeno che coinvolge nel mondo almeno 40 milioni di persone, di cui il 70% donne e bambini

Le chiamano suore anti-tratta, ma il termine è riduttivo rispetto all’impegno di frontiera, delicato e rischioso, che portano avanti da dieci anni tramite la rete Talitha Kum: liberare donne, bambini e uomini dalle condizioni di schiavitù in cui si trovano. Papa Francesco ha voluto incontrarle in udienza privata, durante l’assemblea generale che le ha portate a Roma dal 21 al 27 settembre. 86 delegate provenienti da 48 Paesi, tutte parte di questo grande network presente in 92 Paesi, con 44 reti nazionali nei cinque continenti. Dieci di loro sono state premiate per il loro impegno: da Nigeria, Italia, Thailandia, Perù, Canada, Stati Uniti, Australia, Filippine, India. Tutte unite e determinate nella lotta a tutte le forme di schiavitù del XXI secolo, fenomeno che coinvolge nel mondo almeno 40 milioni di persone, di cui il 70% sono donne e bambini.

La tratta delle spose in India. Tra le premiate c’è suor Jyoti Pinto, indiana di Mangalore, della Congregazione delle Sorelle del piccolo fiore di Betania, che ha sede proprio nella capitale dello Stato del Karnataka. Mentre era alla guida della sua congregazione ha contribuito alla nascita e alla crescita di Amrat-Talitha kum, che in sanscrito significa “dare vita”. Tant’è che ad oggi vi partecipano 70 congregazioni e 600 religiose. Suor Jyoti non si stanca di telefonare, scrivere, incontrare personalmente le superiori generali per chiedere loro di entrare a far parte della rete. Le suore indiane hanno a che fare con la tratta delle spose, con lo sfruttamento sessuale nei giri della prostituzione, con i bambini costretti a lavorare nelle fabbriche di mattoni, nell’edilizia, con gli uomini usati come manovalanza a basso costo nell’agricoltura.

La tratta delle spose, ad esempio, coinvolge migliaia di donne e ragazze provenienti dalle zone più disagiate dell’India, come gli Stati orientali di Orissa, Bihar, Jarkand, West Bengala. “In molti villaggi del nord, negli Stati di Punjab e Haryana, non ci sono donne perché preferiscono i figli maschi – racconta suor Jyoti -. Così le ragazze vengono adescate in altri Stati e trafficate a questo scopo”. Lo spostamento avviene attraverso agenzie legali e illegali che si occupano della ricerca della candidata giusta per conto delle famiglie, organizzano l’incontro, le feste di matrimonio. “Le ragazze – spiega –  vengono ingannate. Pensano di trovare una buona famiglia e un buon lavoro, non si rendono conto di essere vittima di tratta, di violenza e abusi sessuali.

Le suore anti-tratta hanno messo a disposizione un numero verde – 1818 – per denunciare eventuali situazioni, perché “le persone non devono essere né comprate né vendute”. Tra il 2010 e il 2018 sono state 6.574 le denunce, in continuo aumento. L’85% delle vittime erano donne e bambine, il 64% ha meno di 17 anni. La maggioranza sono peruviane.

Suor Maria Isabel Chavez Figueroa, peruviana, della Congregazione di Nostra Signora della Carità del Buon pastore lavora dal 1994 nel centro “Maria Agustina Rivas”, dove incontra giovani donne sfruttate a scopo di prostituzione. Anche lei ha ricevuto un premio per l’impegno profuso nel diffondere la rete in tutta l’America Latina. “Lavoriamo molto nella sensibilizzazione – dice al Sir -.

Facciamo lavoro di prevenzione con giovani e bambini”. In Perù ci sono tante bambine e donne in condizioni di vulnerabilità, abbandono, povertà e mancanza di educazione. “Vengono adescate nei villaggi con la promessa di un buon lavoro e portate nelle grandi città o nei centri minerari per farle prostituire, soprattutto a Madre de Dios e Puerto Maldonado – spiega suor Maria Isabel -. Gli uomini giovani della zona andina sono invece sfruttati come manovalanza nelle miniere d’oro”.

Da ex vittima a educatrice sociale con altre donne. “Vivo tutti i giorni con le donne vittime di tratta. È una sofferenza senza fine”. Helen sa bene di cosa parla, tant’è che durante il suo intervento all’assemblea è scoppiata in un pianto dirotto: “Siccome ho vissuto in prima persona queste sensazioni ringrazio Dio per essermi salvata”. Aveva 20 anni quando incontrò in carcere una religiosa di Talitha Kum che le diede fiducia e aiuto.

Arrivata in Italia dalla Nigeria con la promessa di un lavoro, si è ritrovata in strada, sottoposta a violenze fisiche e psicologiche e costretta a ripagare un debito enorme per il viaggio. Ora Helen è felice, ha un marito e due figlie e fa l’educatrice sociale in una località protetta in Sicilia. Aiuta altre donne ad uscire dalla situazione di schiavitù in cui si trovano.

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

Redazione1
di Redazione1 ottobre 4, 2019 19:01


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • 2 giugno, Mattarella chiede unità: ​«Non brandire il dolore gli uni contro gli altri»
    Per il Presidente della Repubblica bisogna ​ripartire dai valori espressi dalla festa del 2 giugno. Anche in un periodo così particolare. Segno importante anche la visita a Codogno, luogo simbolo di questa pandemia Le sofferenze di questi mesi “non vanno brandite gli uni contro gli altri”. Sergio Mattarella celebra la Festa della Repubblica in uno […]
    Agi
  • Progetto per una vita in Cristo
    Su Internet circolano delle immagini con un percorso da seguire per avere una vita di successo, che insegna elementi importanti e punta a temi come etica, pianificazione, superamento, creatività ed efficacia. E se facessimo, allo stesso modo, un progetto di vita per seguire Gesù? Ho immaginato questi aspetti: 1 – Decisione: come tutto quello che […]
    Mário Scandiuzzi
  • Tesori del magistero di Papa Francesco nella “Laudato si’”
    Uno degli aspetti più ammirevoli del testo è il suo invito insistente a un dialogo tra saperi e tra conoscenza scientifica, bellezza, arte e saggezza Nella commemorazione del suo quinto anniversario (24 maggio), l’enciclica Laudato si’ (LS) di Papa Francesco mantiene tutto il suo impatto e la sua attualità, e con la pandemia mondiale e […]
    Francisco Borba Ribeiro Neto
  • Sapevate che ogni cristiano deve saper battezzare qualcuno?
    In pericolo di morte, qualsiasi persona può e perfino deve amministrare il Battesimo d’emergenza Sulla sua pagina Facebook, padre José Eduardo Oliveira ricorda un elemento assai importante circa il sacramento del Battesimo: il fatto che tutti noi, in situazioni d’urgenza, possiamo battezzare qualcuno, e dovremmo essere pronti a un’eventualità del genere. “Ogni cattolico, ogni cristiano, […]
    José Eduardo De Oliveira E Silva
  • “Il mio viaggio in cielo accanto alla Madonna”. Il desiderio della piccola Sara Matteucci
    Da brividi i dialoghi con sua madre. “Mamma, se ti dico che ne voglio un po’ di più alla Madonnina che a te, ti offendi?”. L’ultimo viaggio a Medjugorje Tutta la breve vita di Sara Matteucci (1978-1985) è caratterizzata da un legame privilegiato con la Madonna, verso la quale si sente fortemente attratta. Lo racconta […]
    Gelsomino Del Guercio
  • “Prega, che le cose migliorano”
    La preghiera è un rimedio che cura molti mali, ma si deve basare su almeno tre pilastri Una volta ho letto una frase che mi è rimasta impressa nella memoria: “Prega, che le cose migliorano”. La preghiera è un rimedio che cura molti mali, ma si deve basare su almeno tre pilastri: umiltà, perseveranza e […]
    Mário Scandiuzzi
  • Se gli angeli sono creature perfette, in grazia con Dio, perché si sono fatti la guerra tra loro?
    Immaginiamo la scena della Grande Ribellione: nel silenzio solenne che segue i primi giubili degli angeli, dall’alto di una delle gerarchie superiori parte un grido di rivolta La teologia ci insegna che poco dopo la creazione degli angeli avviene una profonda divisione tra di essi, gli uni che si rivoltano contro Dio, gli altri che […]
    don Marcello Stanzione
  • Cos’è il Cenacolo?
    Il luogo dell’Ultima Cena e della Pentecoste, a Gerusalemme ma anche in ogni cuore… Il Cenacolo è il luogo in cui erano chiusi i discepoli per paura dei giudei dopo l’ascensione di Gesù al cielo. Erano lì riuniti con Maria, perseveranti nella preghiera, 50 giorni dopo la Pasqua. Il Cenacolo dei giorni prima di Pentecoste […]
    Carlos Padilla
  • Papa Francesco benedice un’ambulanza e la regala ai poveri di Roma
    Si tratta di un nuovo dono del Santo Padre, affidato alla Elemosineria Apostolica, in favore dei più poveri, in particolare dei senza fissa dimora che vivono le difficoltà della strada e cercano rifugio nei dintorni del Vaticano Nella mattinata di ieri, domenica di Pentecoste, prima della Celebrazione Eucaristica, Papa Francesco ha benedetto un’ambulanza per i […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La vita di preghiera, ben oltre le parole
    Anche i nostri gesti sono una preghiera, come il nostro atteggiamento che aiuta a promuovere il bene e a portare speranza ai bisognosi In vari passi, gli evangelisti mostrano che Gesù pregava spesso. Solo questo sarebbe sufficiente a mostrarci l’importanza della preghiera. Nel Catechismo della Chiesa Cattolica, il paragrafo 2560 ci insegna che “la preghiera […]
    Mário Scandiuzzi

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 165:
    • 183:
    giugno: 2020
    L M M G V S D
    « Mag    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

    Login