“Pro-vocati dal Vangelo”. A quando cristiani in età adulta umana e spirituale?

Redazione1
di Redazione1 settembre 30, 2019 18:28

“Pro-vocati dal Vangelo”. A quando cristiani in età adulta umana e spirituale?

Riflettendo con Diana Papa su alcune realtà essenziali della vita di oggi, ecco alcuni stimolanti  interrogativi proposti dal suo acuto pensiero che ci spingono a chiederci: in che modo noi cristiani siamo veramente in grado di dimostrare di aver raggiunto l’età adulta umana e spirituale, mediante cui poter dare un valido “contributo alla società che stenta a fare un salto di qualità?” Quali sono i passaggi necessari che giovano a passare dalla condizione adolescenziale a quella veramente adulta che ci faccia essere, in qualsiasi stato della nostra vita, validi promotori del bene nostro e di quello comune?  “Che cosa ci dice il Vangelo a questo proposito?”

Mentre tutto sembra scandito dal ritmo incalzante del tempo: dove sono io e dove sono gli altri in questa corsa? Ma che senso ha tutto questo e dove ci porta? Quale consapevolezza di noi che non siamo nati per caso e che viviamo sempre sotto lo sguardo d’amore di Dio, anche quando ce ne dimentichiamo?

Sprechiamo tante risorse che potrebbero essere impiegate per la cura di sé e del bene comune: non ci siamo né con la testa, né con il sentimento, né con l’azione, né con il corpo. Vaghiamo verso un futuro, anche prossimo, spesso privo di meta e ci lasciamo trasportare in un mondo che non c’è. Abbiamo paura dell’intimità, ci difendiamo mantenendo gli altri lontani, non riusciamo a gestire le relazioni, a tenere le redini della nostra vita tra le mani nel riconoscimento rispettoso di sé e di ogni altro.

Rincorriamo il benessere individuale a tutti i costi, anche se lasciamo sul campo spaccature, ferite, a volte distruzioni; non cerchiamo un’alternativa al disagio esistenziale, che si acuisce nella misura in cui ognuno pensa a se stesso. L’idolo dello stare bene a livello individuale porta ad interrompere o a distruggere anche le relazioni più significative, senza pensare alle conseguenze. Badiamo solo a noi stessi, non sempre in un modo sano, non ci preoccupiamo dei cuori lacerati che lasciamo alle spalle.

È questione di ripiegamento su se stessi o conseguenza di un’adolescenza prolungata, che non consente di compiere un salto di qualità? C’è chi, dopo i quarant’anni, abbandona la famiglia, perché ha dedicato tanto tempo al marito, alla moglie, ai figli e ormai ha bisogno del tempo per sé; c’è chi, dopo tanto tempo di vita consacrata, sente il bisogno di lasciare tutto, perché è alla ricerca di qualcosa che lo faccia vivere pienamente. Si desidera affannosamente il tempo per sé, per realizzarsi, mentre non si individua un canale che consenta di prendersi cura autentica di sé e di chi ci sta accanto.

Chi in qualsiasi stato di vita non ha concluso il periodo dell’adolescenza, benché avanti negli anni, cerca l’indipendenza, confondendola con l’autonomia che permette scelte adulte, rispettose di sé e degli altri, sempre in fedeltà al senso liberamente scelto, Gesù Cristo e il Vangelo, e al proprio stato di vita. La mancanza di un salto verso l’adultità lascia aperta la fase adolescenziale, che continua a caratterizzare l’individuo al di là del tempo e dello spazio. Egli si illude di poter gestire da adulto la propria vita, in realtà apre un altro periodo adolescenziale e poi, esaurito questo, un altro, ecc., soprattutto quando non cerca il confronto.

Mentre l’individuo consolida la propria identità, si riconosce un valore unico e irrepetibile e scopre anche il valore degli altri; in contemporanea, sviluppa il senso di appartenenza come apertura del cuore, capace di accogliere un altro/a o una comunità, in atteggiamento di dono totale di sé. Quando ciò avviene, sperimenta il senso di appartenenza, partecipa attivamente con gli altri e rimane connesso al di là della reciprocità, si coinvolge, interagisce con il contesto, senza modellarlo a propria immagine e somiglianza o secondo le proprie aspettative, aprendosi costantemente all’accoglienza della diversità.

L’esempio di Gesù insegna: la consapevolezza di sé quale Figlio di Dio lo porta a donare la vita anche per coloro che lo hanno tradito, rinnegato, deriso, calunniato, perseguitato … senza perdere l’identità o il senso dell’appartenenza. Oggi, partendo spesso dalle proprie aspettative, non si coltiva la consapevolezza evangelica che l’altro/a o la comunità sono importanti, perché dono gratuito di Dio. Il Signore affida a ciascuno una porzione di terra abitata da servire, da coltivare, da amare così com’è, per costruire insieme con gli altri il Regno di Dio.

Da qui l’urgenza, anche nelle nostre storie, di diventare adulti. Quando manca la maturità umana, fatichiamo a vivere in pienezza il Vangelo. Come noi cristiani stiamo curando l’adultità umana e spirituale, per poter portare un contributo valido oggi alla società, che stenta a fare un salto di qualità? Quale processi psicopedagogici da aprire, per passare dall’adolescenza alla sponsalità, alla paternità e alla maternità, alla generatività in qualsiasi stato di vita? Meditando la Parola, che cosa ci dice il Vangelo a questo proposito?

 

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 settembre 30, 2019 18:28


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • “Migranti in ogni parrocchia”. La proposta dell’Elemosiniere del Papa a vescovi, cardinali, preti
    “Apriamo, a cominciare da me, le nostre canoniche, i conventi, i monasteri per ospitare ognuno almeno una famiglia dei campi profughi di Lesbo, per poterli svuotare tutti” «Mi rivolgo ai cardinali, ai vescovi, ai presbiteri, ai religiosi: apriamo, a cominciare da me, le nostre canoniche, i conventi, i monasteri per ospitare ognuno almeno una famiglia […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La pornografia non svela troppo, ma troppo poco: questo è il vero male
    La pornografia fa male perché ci porta ad uscire dalla realtà, ad isolarci, a vedere l’altro solo come un corpo. Fa male perché svela troppo poco della persona, pur mostrandola senza veli: ci lascia orfani e assetati di una intimità che non è lei a poter soddisfare. Recentemente, su più fronti, siamo stati interpellati sul […]
    Matrimonio cristiano
  • 5 consigli per affrontare una conversazione difficile senza morire nell’intento
    di Andrés D’Angelo Il Lincoln Financial Group è un’impresa finanziaria statunitense che ha inventato un metodo geniale per promuovere i suoi progetti finanziari pensionistici. Per alcune sere, ha filmato varie famiglie reali in un vero ristorante per parlare della pianificazione economica della famiglia. Entrando nel ristorante, le persone scoprono che il menu non riporta il […]
    Catholic Link
  • Francesco a Santa Marta: fondiamo la nostra vita sul Signore e non sulle apparenze
    Non edifichiamo la nostra vita sulle cose passeggere, andiamo alla “roccia” che è il Signore e lì saremo felici. Questo l’invito al centro dell’omelia pronunciata dal Papa nella Messa mattutina a Casa Santa Marta, ispirata al Vangelo di Matteo: “Confidate nel Signore sempre, perché il Signore è una roccia, una roccia eterna” “L’elogio della solidità” […]
    Vatican News
  • Il miracolo eucaristico svizzero avvenuto dopo il furto dell’Ostia santa da parte di un satanista
    L’Ostia fluttuava in aria, circondata da una luce intensa e divisa in sette pezzi che si intrecciavano simili ai petali di un fiore L’adolescente italiano Carlo Acutis, di cui è in corso il processo di canonizzazione, ha organizzato nella sua breve vita terrena un’esposizione sui miracoli eucaristici registrati nel corso della storia. Uno dei casi […]
    Aleteia
  • Letterina di Natale di una mamma (… perché anche i grandi hanno tanti desideri!)
    Tra l’ironico e il molto serio, ecco alcune richieste a Gesù Bambino. Una soprattutto: cambia il mio cuore, fanne una capanna per accoglierTi dentro la vita. Cari San Nicola (alias Babbo Natale) e Gesù Bambino, cito entrambi così non si offende nessuno e raccatto consensi un po’ da tutte le fazioni possibili ed esistenti in […]
    Stile di vita di una folle donna cattolica
  • Faccio la sua volontà per purificarmi ed esplodere di gioia
    “Compiere la volontà di Dio” non significa chissà quale sacrificio della propria indipendenza e dei propri desideri; al contrario, in essa vi è l’incontro tra la gioia, il compiacimento e il desiderio ardente di Dio e dell’uomo. Le parole sono indifese, se ne possono servire gli assassini per uccidere e i santi per amare e […]
    Don Antonello Iapicca
  • Il messaggio segreto del pastore addormentato del presepe
    Video-serie “Il presepe e le sue storie” sul presepio e le storie che si nascondono dietro i suoi personaggi Il maestro presepista Franco Artese ci presenta Benino, il pastore addormentato del presepe. Il sonno rappresenta la pigrizia spirituale dell’umanità, risvegliata dagli angeli di fronte alla nascita del Salvatore. Questo risveglio è l’inizio di una nuova […]
    Aleteia
  • Non cercate la pace interiore, ma la lotta: quello è costruire la casa sulla roccia
    A volte pensiamo che la fede porti alla pace interiore, e in un certo senso è vero, ma non perché ci dà tutte le risposte, quanto perché suscita domande, stimola quella lotta interiore che ci ricorda davvero quanto siamo liberi. Liberi di scegliere, liberi di cadere, ma sapendo qual è la Roccia a cui possiamo […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Se il diavolo era un angelo, perché viene rappresentato come un mostro?
    Un’occhiata ad alcuni aspetti della storia occidentale della nozione della bellezza potrebbe spiegare alcuni degli elementi principali dell’iconografia demoniaca Fin dall’inizio, il cristianesimo ha ritenuto che sia possibile conoscere Dio, come origine e fine dell’universo, contemplando il movimento, l’ordine e la bellezza nella natura: “Poiché ciò che di Dio si può conoscere è loro manifesto; […]
    Daniel R. Esparza

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 128:
    • 150:
    dicembre: 2019
    L M M G V S D
    « Nov    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login