Vescovi australiani: immissione nel mondo del web diritto di tutti. “Necessità di comunità vive per diffondere il vangelo”

Redazione1
di Redazione1 settembre 13, 2019 20:32

Vescovi australiani: immissione nel mondo del web diritto di tutti. “Necessità di comunità vive per diffondere il vangelo”

Internet e piattaforme digitali sono talmente diffuse che “è impossibile immaginare un mondo senza comunicazione on line”. L’episcopato dell’Australia pubblica un corposo documento (“Making it real. Genuine human encounter in our digital world”) che – riferisce Sarah Numico – riflette sulle relazioni umane nell’era dei social. Opportunità e rischi del web e la necessità di costruire comunità vive che ogni giorno testimoniano il vangelo concretamente e “in prima persona”.

È possibile creare “incontri autentici” tra le persone nel mondo digitale. Bisogna però che tutti, utenti dei social media, responsabili politici, aziendali, responsabili di comunità, “facciano di più”. Lo pensano i vescovi australiani che hanno scritto e appena pubblicato un documento tutto dedicato a riflettere su come “rendere reali” gli incontri umani che oggi sempre più frequentemente nascono e crescono nel mondo virtuale. Quel passo del vangelo di Luca 10 dove Gesù viene interrogato da un dottore della legge su come fare per avere la vita eterna, è riproposto come se Gesù rispondesse alle domande di uno tra i suoi contatti WhatsApp: vale a dire, il messaggio di Gesù resta valido anche nel tempo del digitale. Come resta valida la sua indicazione che l’amore al prossimo è la legge fondamentale del cristiano, ovunque lo si incontri, anche sui social.

Benefici e rischi. Internet e piattaforme digitali sono talmente diffuse che “è virtualmente impossibile immaginare un mondo che non sia on line”, scrivono i vescovi ed elencano gli “immensi benefici” che ciò porta con sé. Mettono però anche in guardia da “solitudine, manipolazione, sfruttamento e violenza” che in quegli spazi virtuali concretamente trovano casa a danno della dignità umana.

Nessuno escluso. Se è stato trasformato il nostro modo di interagire a livello personale, è stato rivoluzionato anche il modo in cui interagiamo con lo Stato e beneficiamo di servizi. Il “e-qualsiasicosa” (come l’e-commerce, e-health, e-service, e-work) ha aperto nuove possibilità ma contemporaneamente creato spazi di nuove esclusioni rispetto a chi non “è nelle condizioni, non si può permettere, non è capace” di usare le tecnologie digitali (aborigeni, poveri, disabili… nell’elenco dei vescovi australiani). Proprio quelli che ne avrebbero più bisogno mancano all’appello del digitale e “le divisioni sociali si replicano online”. E siccome “i servizi essenziali si spostano sempre più on line, l’inclusione digitale diventa indispensabile per la più essenziale partecipazione sociale”, al punto che “dovrebbe essere considerata un diritto umano”.

Incontrare l’umanità. “L’esclusione digitale non è una questione meramente tecnica”, ma anche “morale e sociale”. Perché “la domanda fondamentale è se scegliamo di utilizzare la tecnologia digitale per rendere senza volto, senza nome e senz’anima gli esseri umani dall’altra parte dei nostri dispositivi o se scegliamo di incontrare autenticamente e rispettare la loro umanità e la nostra”.

Rischio fake news. Ci sono però anche una serie di problemi legati alle piattaforme stesse e che i vescovi sollevano: dalla questione della montagna di dati personali offerti in pasto ai “coccodrilli digitali”, il loro sfruttamento a beneficio economico delle grandi piattaforme, alle questioni legate all’informazione e alla diffusione di notizie false o manipolate.

Cosa possiamo fare? Quindi bisogna agire. E il documento dei vescovi australiani propone una serie di piste d’azione o raccomandazioni. Si comincia da ciò che possono fare i singoli utenti: trattare con rispetto gli altri secondo l’adagio “posta sugli account altrui ciò che vorresti che gli altri postassero sui tuoi”; stare con gli altri e limitare il tempo che si passa connessi da soli con il telefono; agire contro i soprusi, gli abusi e le violenze on line di cui si è testimoni o si viene a conoscenza.

Quanto alle comunità, la raccomandazione è che si dedichino a promuovere l’alfabetizzazione digitale o ancora che si impegnino concretamente, e “in prima persona”, in battaglie sociali e politiche di sensibilizzazione e attivismo. Invece ai leader politici e aziendali si chiedono “regole” sulla raccolta e uso dei dati personali, trasparenza e responsabilità, aderenza alla verità e onestà quando ad esempio si tratta di diffusione di notizie e informazioni. “Buoni Samaritani”. Anche la Chiesa ha compiti e responsabilità, come ad esempio, difendere “relazioni autenticamente umane che riconoscono la dignità dell’altro, fatto a immagine e somiglianza di Dio”;

contrastare la deriva da città-comunità a città-collezioni di individui; continuare a vivere la concretezza dell’incarnazione e della esperienza di fede che segna il cristianesimo, essendo “buoni Samaritani” con ogni fratello o sorella ferito, escluso, in difficoltà per le strade delle nostre città così come quelle del mondo virtuale.

 

 

Redazione da Ag. di I.

Redazione1
di Redazione1 settembre 13, 2019 20:32


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • La trasfigurazione di Gesù è avvenuta sul monte Tabor?
    Dopo sei giorni, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li portò sopra un monte alto, in un luogo appartato, loro soli. Si trasfigurò davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e discorrevano con Gesù. Prendendo […]
    padre Paweł Rytel-Andrianik
  • Nuovo rapimento in Nigeria, ma i media pensano ai cani di Lady Gaga
    Rapiti ieri 317 studenti dal dormitorio del liceo statale di Jangebe, nello stato nigeriano del Zamfara: è il terzo rapimento di massa in tre mesi. Su Twitter Obianuju Ekeocha ha denunciato: «C'è più attenzione mediatica per i cani rapiti di una star che per dei giovani nigeriani». Ieri, proprio mentre traducevamo l’intervista al pastore Gideon […]
    Giovanni Marcotullio
  • No dei vescovi USA all’Equality Act sul gender
    I leader religiosi mettono in guardia contro l'“imposizione di punti di vista nuovi e divisivi relativi al gender”L’Equality Act, che emenderebbe il Civil Rights Act del 1964 impedendo esplicitamente la discriminazione basata sull’orientamento sessuale e l’identità di genere, verrà votato questa settimana alla Camera dei Rappresentanti. Mercoledì, i vescovi cattolici degli Stati Uniti hanno diffuso […]
    John Burger
  • “Spero di riuscirci fino in fondo”. Il digiuno quaresimale di Etty Hillesum
    Fratel Semeraro ci racconta la Quaresima vissuta da Etty. L'intellettuale ebrea ebbe una vita libertina, ma nonostante ciò, tenne ferme le sue convinzioni religiose Il digiuno quaresimale di Etty Hillesum è un digiuno “libero”, “spontaneo”. Lo ha praticato persino nel campo di concentramento dove lavorava come assistente sociale, cioè a Westerbroke, in Olanda. Fratel Michael […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Una visione davvero terrificante della crocifissione di Gesù
    Un'ombra della Croce è l'unica indicazione della barbarie che ha appena avuto luogoI 40 giorni che Cristo ha trascorso nel deserto devono essere stati un tormento grande quasi quanto la crocifissione. Trovare immagini che combinino questi due aspetti delle ultime settimane di Nostro Signore è quasi impossibile. Questo dipinto del 1867 ospitato nel Museo d’Orsay, […]
    Lucien de Guise
  • Posso fare ciò che voglio a patto di non ferire gli altri?
    La vera giustizia è quindi, per essenza, una specie di generosità: va al di là della leggePosso davvero fare ciò che voglio? A volte non capiamo realmente il significato delle regole che ci vengono imposte, perché non riusciamo a vedere quanto siano utili e possano proteggerci. Non parlo solo del fatto di dover indossare una […]
    Jeanne Larghero
  • La basilica di San Pietro: nel cuore della Chiesa, ai piedi dell’apostolo
    Rivivi l’antica tradizione quaresimale dei cristiani di Roma. Alla scoperta delle “chiese stazionali”Il primo sabato di Quaresima ci porta nel cuore della cristianità: la basilica di S. Pietro. Siamo sulle pendici del Colle Vaticano. La basilica è stata costruita intorno al 325 dall’imperatore Costantino sul luogo del martirio e della sepoltura del “principe degli apostoli”. […]
    Marinella Bandini
  • La scienziata di 26 anni che ha lasciato tutto per Dio
    La storia di una giovane spagnola che si è dedicata alla Terapia Cellulare ma non seguirà il cammino abitualeMaría del Carmen Martín Astorga è di Málaga (Spagna) e ha 26 anni. Mentre leggete questo articolo, ‘Maricarmen’ – come la chiamano i suoi amici – si dedica alla ricerca in Terapia Cellulare in Medicina veterinaria e […]
    Javier González García
  • “Francesco nella Terra di Abramo”
    Rai Premium propone un reportage che anticipa i temi e i luoghi dello storico viaggio di Papa Francesco in IraqLa prima volta di un Papa in Iraq, la prima volta di un Papa nella terra di Abramo. Una visita storica. Domenica 28 febbraio alle 15.15, a pochi giorni dal viaggio di Francesco in Iraq, previsto […]
    Lucandrea Massaro
  • Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
    Grazie e miracoli sono stati riferiti dai pellegrini che si sono bagnati nelle acque del Santuario dell'Amore Misericorioso a Collevalenza “Non come un giudice per condannare la gente e infliggerle la Sua punizione, ma come un Padre amorevole che la perdona, che dimentica e non tiene conto delle offese commesse contro di LUI”. Madre Speranza […]
    Bret Thoman, OFS

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 15:
    • 181:
    febbraio: 2021
    L M M G V S D
    « Gen    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728

    Login