Eruzione a Stromboli. Eolie in stato di allerta: paura onda anomala. Visita del vescovo ausiliare Cesare Di Pietro

Redazione1
di Redazione1 luglio 7, 2019 22:34

Eruzione a Stromboli.  Eolie in stato di allerta: paura onda anomala. Visita del vescovo ausiliare Cesare Di Pietro

Rimane viva la paura negli abitanti dell’isola e nei turisti dopo le violente esplosioni di mercoledì scorso sullo Stromboli, durante le quali una pioggia di lapilli infuocati ha acceso vari focolai nella campagna e nei canneti di Ginostra, per cui molta vegetazione è andata distrutta. Un escursionista che si sarebbe avventurato nella zona sommitale in compagnia di un amico e senza l’ausilio di guide, è morto colpito dalle emissioni del vulcano.

Per la violenta esplosione, “Abbiamo aperto le porte della chiesa per dare riparo e conforto a chi ne aveva bisogno e siamo corsi in strada con i nostri concittadini”. A parlare è don Giovanni Longo, parroco Chiese di Stromboli e Ginostra, che racconta quanto accaduto nelle ore in cui l’eruzione dello Stromboli alta due chilometri ha emesso una densa colonna di fumo e lapilli di varia grandezza.  “Una parrocchiana era in lacrime”, molta gente era pronta a scappare in fretta e furia”, aggiunge il parroco.

“Sembrava di stare all’inferno per il fuoco che veniva dal cielo per l’eruzione alta due chilometri”, una parrocchiana era in lacrime, spaventatissima”. A parlare è un parrocchiano che ha vissuto con grande paura la pioggia di lapilli in fiamme di varia grandezza che hanno innescato una serie di incendi. Tra i cittadini c’è stata gara di solidarietà tra loro e  nei confronti dei turisti presenti sull’isola. Sono stati questi ultimi i più spaventati da un fenomeno del quale pare non si abbia avuto alcun preavviso. A Stromboli le porte della chiesa sono rimaste aperte per coloro chi avessero avuto bisogno di aiuto e conforto. “Molta gente si è rifugiata proprio lì per paura, la chiesa infatti si trova più in alto rispetto al livello del mare”. “Si è pregato davanti a Gesù Eucaristia per chiedere aiuto, conforto e protezione”.

In questo momento c’è ancora molta paura su tutte le isole. Quanto accaduto oggi ha riportato alla mente quel che è successo nel 2002, quando un’eruzione simile provocò uno tsunami in tutto il basso Tirreno. Si teme che le cose possano ripetersi. Insomma la paura dell’onda anomala è tanta.

Ad esprime una “prossimità attenta e affettuosa”, agli abitanti dell’isola, provati dalle conseguenze dell’attività vulcanica dello scorso mercoledì, c’è stato di recente a Ginostra e Stromboli la visita del vescovo ausiliare di Messina mons. Cesare Di Pietro. Presente anche qualche turista. Il presule ha portato “il saluto paterno dell’arcivescovo mons. Giovanni Accolla e dell’intera comunità” dell’Arcidiocesi di Messina, Lipari e S. Lucia del Mela.

“Abbiamo voluto essere qui di persona – spiega mons. Di Pietro – non potevamo fare a meno di esserci: è una comunità che abbiamo nel cuore, figli amati, e gli abitanti lo sanno, ma quando si è nella sofferenza e nella difficoltà, la prossimità deve essere manifestata con maggiore concretezza”. La parte più lunga della visita del presule è dedicata proprio all’incontro e all’ascolto. “Questa terra è un angolo di paradiso – dice il vescovo – del resto qui la natura è stata generosa, ma le condizioni di vita sono aspre.

Un impegno assunto già prima che gli eventi ultimi e tragici si registrassero. “Uno dei nostri progetti è la sistemazione dei locali parrocchiali di Ginostra, luogo anche di aggregazione e di una coesione sociale che su un’isola riveste una importanza particolare”. Un “segno di speranza” che la comunità parrocchiale dell’isola chiede al vescovo,

presentandogli la più piccola delle residenti a Ginostra, una piccola figlia di genitori dello Sri Lanka da anni abitanti dell’isola, che dallo scorso 2 giugno, “col battesimo, è parte viva e gioiosa della chiesa locale”. In serata, nella parrocchia San Vincenzo Ferreri, a Stromboli, lo stesso vescovo ausiliare ha guidatol’adorazione eucaristica e la preghiera per “Implorare che il vulcano si fermi e che l’attività stromboliana torni alla normalità – spiega – che non ci siano ulteriori danni e soprattutto tragedie come quella che si è registrata e per la quale esprimiamo dolore e vicinanza”.

 

 

Redazione da Ag. di I.

Redazione1
di Redazione1 luglio 7, 2019 22:34


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • “Padre Pio ha scritto delle profezie sulla fine del mondo. Eccole”. State attenti ai messaggi falsi!
    In tempo di Coronavirus, i frati di San Giovanni Rotondo smentiscono con decisione gli annunci catastrofici attribuiti al santo di Pietrelcina «In questo periodo di ansia e di preoccupazione dilaganti, sono state diffuse nuovamente alcune profezie apocalittiche attribuite a san Pio da Pietrelcina, che sarebbero state rivelate ad alcuni sedicenti figli spirituali quando il santo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Ecco come celebrare in casa la quinta domenica di Quaresima
    Nei giorni e nelle settimane a venire, in parecchi fra noi saremo legittimamente impediti a partecipare alla messa domenicale. Ecco perché Aleteia si è mobilitata per proporvi, col concorso della rivista internazionale Magnificat, di santificare la V domenica di Quaresima con una celebrazione della Parola di Dio. Indicazioni per l’uso: Se si è soli, è […]
    Aleteia
  • Il vescovo di Pinerolo prima di essere intubato: “Pregate per me”
    L’ultimo messaggio di monsignor Derio Olivero è un accorato saluto alla sua diocesi. Sono oltre cinquanta i religiosi morti dall’inizio della pandemia «Purtroppo mi intubano per almeno 10 giorni. Fai pregare per me». Questo il messaggio che il vescovo di Pinerolo Derio Olivero ha inviato al vicario generale della diocesi, don Gustavo Bertea. Positivo al […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Niente lavanda dei piedi e messa crismale, Via Crucis a San Pietro: come cambia la Pasqua
    Ecco come si svolgeranno quest’anno i riti guidati da Papa Francesco: dalla Domenica delle Palme alla notte di Pasqua, tutte le novità L’emergenza coronavirus stravolge i riti pasquali officiati da Papa Francesco. Le indicazioni ufficiali di come come potranno o dovranno essere celebrati, sono state diffuse mercoledì scorso tramite un apposito decreto dalla Congregazione del […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Le vittime del coronavirus a cui nessuno pensa
    A tu per tu con don Pietro Sigurani, il prete dei poveri Il coronavirus sta mietendo vittime in tutto il mondo, non solo rubando vite, ma anche facendo danni enormi a livello economico, colpendo le fasce di popolazione più deboli. La conseguenza pratica? La crescita esponenziale dei poveri, di persone che non hanno di che […]
    Silvia Costantini
  • Il memento mori nell’arte: teschi, scheletri e frutta putrefatta per ricordarci la vanità della vita
    Nei secoli scorsi la mortalità era un pensiero costante, ma questi utili promemoria dell’inevitabilità della morte restano un tema artistico popolare anche oggi Con l’avvicinarsi della Quaresima, i pensieri cattolici si volgeranno alla morte – e alla resurrezione. In passato erano pensieri costanti, e la loro espressione più comune era il memento mori, ovvero “ricorda […]
    Lucien de Guise
  • Il Vaticano trasforma una vasta collezione di manoscritti in libri da colorare
    Nell’ultimo decennio, i Musei Vaticani hanno lavorato diligentemente per digitalizzare la loro vasta collezione di oltre 82.000 manoscritti, perché il mondo potesse condividere la storia universale dell’umanità. Questi manoscritti digitali, circa 20.000 dei quali già disponibili, sono una risorsa dal valore inestimabile sia per gli storici che per i semplici amatori, perché possono essere esaminati […]
    J.P. Mauro
  • Coronavirus: accorato appello di Pupi Avati contro la TV spazzatura
    “Far crescere culturalmente il paese”, chiede il regista In questo periodo di isolamento forzato, il regista bolognese Pupi Avati, uno dei personaggi più significativi del panorama cinematografico italiano e internazionale, ha scritto una commovente lettera appello indirizzata alla Rai e ai media in generale, perché approfittino di questo momento di grande incertezza per riscoprire la […]
    Silvia Costantini
  • Mattarella: “L’Europa comprenda la minaccia, prima che sia troppo tardi”
    Il discorso del Presidente della Repubblica: “Nostro senso di responsabilità ammirato in tutto il mondo” “Unita’ e coesione sociale sono indispensabili in questa condizione”. Lo dice il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in un messaggio alla nazione. “Vorrei ringraziare tutti voi. I sacrifici di comportamento che le misure indicate dal Governo richiedono a tutti sono accettati con grande senso […]
    Dire - Agenzia di Stampa Nazionale
  • Ruth, la missionaria colombiana in Africa che lotta contro il Coronavirus
    La minaccia del coronavirus è una delle situazioni più difficili che ha dovuto vivere suor Ruth, salesiana di Don Bosco dal 2006 in missione nel continente africano “Preghiamo che il virus non arrivi qui. Questa pandemia è davvero minacciosa, soprattutto per i Paesi africani”. Così diceva qualche tempo fa riferendosi alla pandemia mondiale di coronavirus […]
    Lucía Chamat

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 168:
    • 218:
    marzo: 2020
    L M M G V S D
    « Feb    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login