MESSINA – Maria SS. della Mercede, l’antica chiesetta da dove a Pasqua la “Vergine spagnola” esce per incontrare il Figlio risorto

Redazione1
di Redazione1 giugno 20, 2019 22:58

MESSINA –  Maria SS. della Mercede, l’antica chiesetta da dove a Pasqua la “Vergine spagnola” esce per incontrare il Figlio risorto

Tra le risorse del patrimonio storico culturale della nostra comunità, in cui si concentrano realtà, immagini e ricordi di un passato ricco di tradizioni, testimonianze, riti e festività che appartengono all’immaginario comune e concorrono a formare il senso di appartenenza su cui si fonda l’identità collettiva messinese, ci sono soprattutto chiese, luoghi e riti sacri. Uno di questi luoghi simbolo che contribuiscono a dare alla nostra città un’impronta particolare, ricca di significati che evidenziano la spiritualità della sua gente, c’è la chiesetta di Maria SS. della Mercede. Un piccolo e splendido tempio in cui sono custoditi i simulacri della bellissima “Vergine Spagnola” e del Cristo risorto, da cui, nella mattina di Pasqua, si muove la tradizionale e caratteristica processione. Ce ne dà un delizioso racconto Pinella Venuti Bonanno. (A.M.)                                                

“LA VERGINE SPAGNOLA”

e i suoi tre vestiti

La mia casa paterna, sulla via T . Cannizzaro , era muro a muro con la  Chiesa Maria Ss. della Mercede in S. Valentino. Fu mio padre, tesoriere della Congregazione, a spiegarmi che la Signora della porta accanto era stata l’ispiratrice dell’ordine dei Mercedari, fondato a Barcellona di Spagna intorno al 1200. Ed è per questo che la Madonna della Mercede, Signora della Grazia gratuita e della Misericordia, porta la mantiglia. E poi, senza alcun dubbio, la Vergine che si mostrava sulla nicchia nell’altare maggiore era la donna più elegante del Rione Portalegni, col suo abito di raso lucente color avorio adornato da bellissimi fiori ricamati con filo d’oro

La Madonna della Mercede ha tre vestiti: il più antico è conservato in bacheca in sacrestia, poi l’abito di tutti i giorni, e infine quello della festa, il più bello, dono di mio nonno materno, il governatore Lillo Bitto, che a suo tempo ha voluto la ristrutturazione dell’antica chiesa.

Ogni anno – quando manca un giorno alla Pasqua – nella Chiesa della Mercede in attesa dell’Alleluja pasquale, si rinnova la tradizione secolare della vestizione della Vergine.

La Confraternita si schiera al gran completo: gli anziani, i giovani, i bambini. La statua di Maria lascia la nicchia in alto e viene deposta davanti all’altare. Sul banco è adagiato l’abito stirato a dovere ed è già esposto il cambio di quei capi di biancheria che qualsiasi ragazza indossa sotto il vestito: la canottiera, la sottoveste con i merletti e i bottoncini sulle spalle.

Tutto è pronto per il cambio della veste!  Le donne si dispongono nei banchi; col segno della croce e con il canto Mira il tuo popolo … ha inizio la cerimonia.

Tolte la corona e la mantiglia, la Vergine scopre il suo bel viso con i capelli neri raccolti a chignon e le orecchie adorne di pendenti. Si fa avanti la ragazza con un lino per detergere e rinfrescare il volto e le mani.

Mentre si canta e si prega, ha inizio la spoliazione; viene tolto il pettorale, poi il grembiule e la tunica facendo passare con abilità gli indumenti attraverso le mani incrociate del simulacro.

Che dire? E’ forse questo il momento più indicibile ed emozionante! E’ come se fede e ragione in una dimensione surreale si fondessero in un sussulto.  Davanti all’altare ora sembra di vedere una qualsiasi ragazza di paese, a braccia scoperte, con la sottoveste sopra le caviglie e i sandali infradito  …

Ultimato il cambio della biancheria, si procede alla vestizione. Entrano in scena le bambine che portano sulle braccia tese i vari pezzi

dell’abito: la tunica, il grembiule, il pettorale. Piccoli gesti sapienti ricompongono poco per volta l’immagine che era scomparsa dal nostro campo visivo quando, per un momento, avevamo creduto che davanti ai nostri occhi ci fosse una semplice ragazza intenta a indossare l’abito della festa.

Ma bisogna attendere che siano poste sul capo la mantiglia e la corona e intorno ai fianchi il grembiulino  con  gli ex voto, preziosi  segni di devozione secolare, per ripristinare l’identità regale della Vergine della Mercede.

Davanti ai nostri occhi infine appare la madre di Cristo che vestita a festa va incontro al Figlio risorto.

 

Pinella Venuti Bonanno

Redazione1
di Redazione1 giugno 20, 2019 22:58


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il bambino di 6 anni che si alza presto per distribuire il caffè ai senzatetto
    Popolare tra i volontari, la maggior parte dei quali ex tossicodipendenti, il piccolo Alfie si è già guadagnato il soprannome di “Angioletto” Alfie Roncero ha 6 anni e vive a Edimburgo, in Scozia. Insieme al padre Richard, di 36 anni, si alza presto tutti i giorni con un obiettivo speciale e concreto: portare bevande calde […]
    Sempre Família
  • Paura di sposarsi? Liberi si diventa amando l’altro!
    Nella universale ricerca di libertà – che tocca ciascuno di noi – sono numerosi quelli che hanno paura di impegnarsi nel matrimonio, poiché c’è una forte confusione tra la “piccola libertà” – quella che si vuole tenere stretti a sé – e la vera libertà di darsi agli altri. È rinunciando a questa concezione depauperata […]
    Paul Habsburg
  • Quando l’amore pone davanti a una decisione difficile
    Basta anteporre il bene dell’altro al mio Giorni fa pensavo al potere dell’amore. Posso donare la vita per amore. Senza tenere niente per me, senza preservarmi. L’amore tira fuori il meglio dalla mia anima, e mi rende capace di sogni impossibile. L’amore che dono, l’amore che ricevo. Chi ama desidera la persona amata. Cerca il […]
    Carlos Padilla
  • Assassinato un parroco e suo padre in Siria. L’Isis rivendica: “Crociati eliminati”
    Il sacerdote era impegnato nella restaurazione di una chiesa nella regione di Deir ez-Zor, distrutta dai fondamentalisti nel 2014 Un prete cattolico armeno e suo padre sono stati uccisi oggi in un agguato rivendicato dal Daesh nel distretto siriano di Busayra, nella regione di Deir ez-Zor sotto controllo delle forze curdo-siriane. La zona si trova […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Perché ci preoccupiamo per cose che non accadranno mai?
    Avete paura di tutto? Di fronte a una sfida rimanete paralizzati? Vedete rischi e minacce ovunque? Preferite non agire perché non vi succeda niente di male? In genere tendiamo a proiettarci nel futuro per poter stabilire le attività che svolgeremo a breve termine. Chi vuole un posto di lavoro, ad esempio, cerca di formarsi nel […]
    María del Castillo
  • Può lo yoga aiutarci a pregare meglio?
    Alcuni cristiani pensano di poter pregare meglio grazie allo yoga, che insegna la concentrazione. Nulla di pericoloso vedono in queste tecniche orientali di meditazione. Resta tuttavia la domanda: è possibile combinare yoga e fede cristiana? Le tecniche di meditazione orientali sono molto seducenti. Esse costituiscono potenti mezzi per ritirarci dal mondo esteriore, fugace e volubile, […]
    Joseph-Marie Verlinde
  • Papa Francesco: il diavolo distrugge l’uomo perché Dio si è fatto come noi
    Papa Francesco, nell’omelia della Messa a Casa Santa Marta, analizza la Prima Lettura dal Libro della Sapienza e sottolinea che per l’invidia di Gesù che si è fatto uomo, il Grande Bugiardo ci tenta per distruggere l’umanità Il diavolo esiste e per la sua invidia per il Figlio di Dio che si è fatto uomo, […]
    Vatican News
  • “Non sei abbastanza bella per stare con lui!” … e se fossi tu a essere giudicata così?
    Keanu Reeves si è mostrato in pubblico con Alexandra Grant e sono piovuti su di lei un mare di giudizi pesanti perché è una bellezza “solo”normale. Sparlare è il verbo preferito degli invidiosi, ricordiamo loro che prediligere ciascuno è il verbo di Dio. Questo articolo aveva un’origine diversa, volevo partire da altro, poi leggendo in […]
    Stile di vita di una folle donna cattolica
  • Il messaggio che ha emozionato il Papa da parte della sorella
    Consegnata al Pontefice un’opera che rappresenta la mano di sua sorella, accompagnata da un bel messaggio Un artista plastico argentino ha regalato a Papa Francesco una scultura replica della mano sinistra di sua sorella, María Elena, che il Pontefice non vede da quando ha assunto la cattedra di Pietro, nel 2013. Gustavo Masó, che di […]
    Esteban Pittaro
  • Il “Codex Amiatinus”, il più antico manoscritto sopravvissuto della Bibbia completa in vulgata latina
    È anche considerato la copia più accurata della traduzione originale di San Girolamo Anche se non sappiamo molto di San Ceolfrido, conosciamo almeno qualche dato a lui relativo: era sicuramente l’abate anglosassone del monastero di San Paolo, in Inghilterra, ed era guardiano di Beda il Venerabile. Sappiamo anche che alla fine del VII secolo commissionò […]
    Daniel R. Esparza

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 63:
    • 181:
    novembre: 2019
    L M M G V S D
    « Ott    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

    Login