MESSINA – Maria SS. della Mercede, l’antica chiesetta da dove a Pasqua la “Vergine spagnola” esce per incontrare il Figlio risorto

Redazione1
di Redazione1 giugno 20, 2019 22:58

MESSINA –  Maria SS. della Mercede, l’antica chiesetta da dove a Pasqua la “Vergine spagnola” esce per incontrare il Figlio risorto

Tra le risorse del patrimonio storico culturale della nostra comunità, in cui si concentrano realtà, immagini e ricordi di un passato ricco di tradizioni, testimonianze, riti e festività che appartengono all’immaginario comune e concorrono a formare il senso di appartenenza su cui si fonda l’identità collettiva messinese, ci sono soprattutto chiese, luoghi e riti sacri. Uno di questi luoghi simbolo che contribuiscono a dare alla nostra città un’impronta particolare, ricca di significati che evidenziano la spiritualità della sua gente, c’è la chiesetta di Maria SS. della Mercede. Un piccolo e splendido tempio in cui sono custoditi i simulacri della bellissima “Vergine Spagnola” e del Cristo risorto, da cui, nella mattina di Pasqua, si muove la tradizionale e caratteristica processione. Ce ne dà un delizioso racconto Pinella Venuti Bonanno. (A.M.)                                                

“LA VERGINE SPAGNOLA”

e i suoi tre vestiti

La mia casa paterna, sulla via T . Cannizzaro , era muro a muro con la  Chiesa Maria Ss. della Mercede in S. Valentino. Fu mio padre, tesoriere della Congregazione, a spiegarmi che la Signora della porta accanto era stata l’ispiratrice dell’ordine dei Mercedari, fondato a Barcellona di Spagna intorno al 1200. Ed è per questo che la Madonna della Mercede, Signora della Grazia gratuita e della Misericordia, porta la mantiglia. E poi, senza alcun dubbio, la Vergine che si mostrava sulla nicchia nell’altare maggiore era la donna più elegante del Rione Portalegni, col suo abito di raso lucente color avorio adornato da bellissimi fiori ricamati con filo d’oro

La Madonna della Mercede ha tre vestiti: il più antico è conservato in bacheca in sacrestia, poi l’abito di tutti i giorni, e infine quello della festa, il più bello, dono di mio nonno materno, il governatore Lillo Bitto, che a suo tempo ha voluto la ristrutturazione dell’antica chiesa.

Ogni anno – quando manca un giorno alla Pasqua – nella Chiesa della Mercede in attesa dell’Alleluja pasquale, si rinnova la tradizione secolare della vestizione della Vergine.

La Confraternita si schiera al gran completo: gli anziani, i giovani, i bambini. La statua di Maria lascia la nicchia in alto e viene deposta davanti all’altare. Sul banco è adagiato l’abito stirato a dovere ed è già esposto il cambio di quei capi di biancheria che qualsiasi ragazza indossa sotto il vestito: la canottiera, la sottoveste con i merletti e i bottoncini sulle spalle.

Tutto è pronto per il cambio della veste!  Le donne si dispongono nei banchi; col segno della croce e con il canto Mira il tuo popolo … ha inizio la cerimonia.

Tolte la corona e la mantiglia, la Vergine scopre il suo bel viso con i capelli neri raccolti a chignon e le orecchie adorne di pendenti. Si fa avanti la ragazza con un lino per detergere e rinfrescare il volto e le mani.

Mentre si canta e si prega, ha inizio la spoliazione; viene tolto il pettorale, poi il grembiule e la tunica facendo passare con abilità gli indumenti attraverso le mani incrociate del simulacro.

Che dire? E’ forse questo il momento più indicibile ed emozionante! E’ come se fede e ragione in una dimensione surreale si fondessero in un sussulto.  Davanti all’altare ora sembra di vedere una qualsiasi ragazza di paese, a braccia scoperte, con la sottoveste sopra le caviglie e i sandali infradito  …

Ultimato il cambio della biancheria, si procede alla vestizione. Entrano in scena le bambine che portano sulle braccia tese i vari pezzi

dell’abito: la tunica, il grembiule, il pettorale. Piccoli gesti sapienti ricompongono poco per volta l’immagine che era scomparsa dal nostro campo visivo quando, per un momento, avevamo creduto che davanti ai nostri occhi ci fosse una semplice ragazza intenta a indossare l’abito della festa.

Ma bisogna attendere che siano poste sul capo la mantiglia e la corona e intorno ai fianchi il grembiulino  con  gli ex voto, preziosi  segni di devozione secolare, per ripristinare l’identità regale della Vergine della Mercede.

Davanti ai nostri occhi infine appare la madre di Cristo che vestita a festa va incontro al Figlio risorto.

 

Pinella Venuti Bonanno

Redazione1
di Redazione1 giugno 20, 2019 22:58


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • La Chiesa pentecostale ha almeno tre aspetti negativi
    Il movimento di ispirazione cristiana ha buoni numeri sopratutto nel sud America. Ma la dottrina presenta vistose lacuneI Pentecostali sono il gruppo evangelico di matrice protestante più diffuso in Italia e abbracciano numerose comunità molto diverse l’una dall’altra ed esprimono una realtà molto complessa sotto il profili dottrinale e sociale. Gli stessi studiosi di religione […]
    don Marcello Stanzione
  • Il volto oscuro di FaceApp, tra razzismo, privacy e identità in balia dei filtri
    È molto simpatico il filtro Nonno, magari tra un po' ci faranno credere che il selfie invecchia al posto nostro come fu per Dorian Gray. Di sicuro questa applicazione non è trasparente sulla gestione dei dati personali...«Ecco la generazione che ti cerca, cerca il Tuo volto Dio di Giacobbe», era uno dei miei versetti preferiti […]
    Annalisa Teggi
  • Video divertente: Papa Francesco fa giochi di magia
    Scena originale alla Casa Santa Marta: “Cosa può spezzare il cuore dell'uomo?”La Casa Santa Marta ha ospitato una scena divertente. San Giovanni Bosco usava la magia per predicare ai giovani e ai bambini che incontrava, e sulla sua scia il sacerdote messicano José Luis González Santoscoy, dell’arcidiocesi di Guadalajara, si è presentato davanti a Papa […]
    Ary Waldir Ramos Díaz
  • Come scegliere i padrini per la Cresima e i testimoni del matrimonio
    Non sono persone che servono per “decorare” l'altareAlcuni sacramenti della Chiesa ci permettono di scegliere dei padrini, ma non sempre consideriamo quello che secondo la Chiesa è l’aspetto fondamentale per compiere questa scelta. Oltre a questo, a volte non compiamo bene il nostro ruolo di figliocci. Per comprendere meglio la questione, abbiamo parlato con il […]
    Jovens de Maria
  • Dio ha un sogno incredibile per ogni coppia
    Conservo nel mio cuore un canto decisamente commovente che mi torna spesso in testa. È quello del poeta tedesco Rainhard May, “Menschenjunges” (cucciolo d’uomo). Descrive un padre davanti alla culla del suo nuovo nato. Mentre guarda il piccolo s’immagina le mille vite che quello vivrà. Con emozione, pensa anche a tutto ciò che lui e […]
    Paul Habsburg
  • Il sacerdote brasiliano aggredito davanti a 50.000 fedeli e il suo perdono
    Spinto da un'altezza di più di un metro da una 40enne con problemi mentaliPadre Marcelo Rossi è diventato negli ultimi giorni uno dei protagonisti delle reti sociali. Il 14 luglio, mentre stava parlando davanti a 50.000 persone durante una celebrazione eucaristica in occasione della chiusura del campo giovanile Por Hoje Não (PHN), nella città brasiliana […]
    Aleteia
  • La missione di alcuni gesuiti presso i rifugiati iracheni
    In Iraq il Servizio gesuita per i rifugiati (JRS) s’impegna presso numerosi sfollati in condizione di grande difficoltà, specialmente psicologica. Recentemente padre Joseph Cassar, presidente del JRS in Iraq, confidava la propria speranza di vedere una popolazione unita.Il Servizio gesuita per i rifugiati (JRS) è presente in 56 Paesi per accompagnare, servire e difendere la […]
    Colombe de Barmon
  • Cosa ci dice di noi la smania di condividere foto e video sui social?
    Prima di calare la scure della condanna morale e del "dove andremo a finire", fermiamoci ad osservare questo fenomeno che riguarda tutti noi: l'uso dei social e la condivisione spesso eccessiva di foto della nostra vita di tutti i giorni, figli compresi, ci dicono qualcosa di come pensiamo a noi, agli altri e al valore […]
    Paola Belletti
  • Preti sposati anche in Italia: il caso della Chiesa greco-cattolica ucraina
    In Italia è stata ufficialmente inquadrata dal Papa come Esarcato Apostolico. Conta 70mila fedeli Preti sposati anche in Italia: ma solo se greco-cattolici di rito bizantino. È quanto sarà possibile d’ora in avanti grazie alla decisione presa da Papa Francesco che ha dato forma istituzionale alla presenza della forte comunità di fedeli ucraini greco-cattolici inquadrata […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Pregate per la guarigione con questa novena a Nostra Signora di Lourdes
    La Madonna di Lourdes è nota per la sua intercessione per la guarigione sia fisica che spiritualeGesù è noto come il “Medico Divino”, e mentre era sulla Terra ha guarito molte persone. Dio desidera guarire le nostre ferite e ci ha lasciato vari modi per tornare alla piena salute. Nel secolo scorso, Dio è intervenuto […]
    Philip Kosloski

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 29:
    • 113:
    luglio: 2019
    L M M G V S D
    « Giu    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

    Login