MESSINA – Maria SS. della Mercede, l’antica chiesetta da dove a Pasqua la “Vergine spagnola” esce per incontrare il Figlio risorto

Redazione1
di Redazione1 giugno 20, 2019 22:58

MESSINA –  Maria SS. della Mercede, l’antica chiesetta da dove a Pasqua la “Vergine spagnola” esce per incontrare il Figlio risorto

Tra le risorse del patrimonio storico culturale della nostra comunità, in cui si concentrano realtà, immagini e ricordi di un passato ricco di tradizioni, testimonianze, riti e festività che appartengono all’immaginario comune e concorrono a formare il senso di appartenenza su cui si fonda l’identità collettiva messinese, ci sono soprattutto chiese, luoghi e riti sacri. Uno di questi luoghi simbolo che contribuiscono a dare alla nostra città un’impronta particolare, ricca di significati che evidenziano la spiritualità della sua gente, c’è la chiesetta di Maria SS. della Mercede. Un piccolo e splendido tempio in cui sono custoditi i simulacri della bellissima “Vergine Spagnola” e del Cristo risorto, da cui, nella mattina di Pasqua, si muove la tradizionale e caratteristica processione. Ce ne dà un delizioso racconto Pinella Venuti Bonanno. (A.M.)                                                

“LA VERGINE SPAGNOLA”

e i suoi tre vestiti

La mia casa paterna, sulla via T . Cannizzaro , era muro a muro con la  Chiesa Maria Ss. della Mercede in S. Valentino. Fu mio padre, tesoriere della Congregazione, a spiegarmi che la Signora della porta accanto era stata l’ispiratrice dell’ordine dei Mercedari, fondato a Barcellona di Spagna intorno al 1200. Ed è per questo che la Madonna della Mercede, Signora della Grazia gratuita e della Misericordia, porta la mantiglia. E poi, senza alcun dubbio, la Vergine che si mostrava sulla nicchia nell’altare maggiore era la donna più elegante del Rione Portalegni, col suo abito di raso lucente color avorio adornato da bellissimi fiori ricamati con filo d’oro

La Madonna della Mercede ha tre vestiti: il più antico è conservato in bacheca in sacrestia, poi l’abito di tutti i giorni, e infine quello della festa, il più bello, dono di mio nonno materno, il governatore Lillo Bitto, che a suo tempo ha voluto la ristrutturazione dell’antica chiesa.

Ogni anno – quando manca un giorno alla Pasqua – nella Chiesa della Mercede in attesa dell’Alleluja pasquale, si rinnova la tradizione secolare della vestizione della Vergine.

La Confraternita si schiera al gran completo: gli anziani, i giovani, i bambini. La statua di Maria lascia la nicchia in alto e viene deposta davanti all’altare. Sul banco è adagiato l’abito stirato a dovere ed è già esposto il cambio di quei capi di biancheria che qualsiasi ragazza indossa sotto il vestito: la canottiera, la sottoveste con i merletti e i bottoncini sulle spalle.

Tutto è pronto per il cambio della veste!  Le donne si dispongono nei banchi; col segno della croce e con il canto Mira il tuo popolo … ha inizio la cerimonia.

Tolte la corona e la mantiglia, la Vergine scopre il suo bel viso con i capelli neri raccolti a chignon e le orecchie adorne di pendenti. Si fa avanti la ragazza con un lino per detergere e rinfrescare il volto e le mani.

Mentre si canta e si prega, ha inizio la spoliazione; viene tolto il pettorale, poi il grembiule e la tunica facendo passare con abilità gli indumenti attraverso le mani incrociate del simulacro.

Che dire? E’ forse questo il momento più indicibile ed emozionante! E’ come se fede e ragione in una dimensione surreale si fondessero in un sussulto.  Davanti all’altare ora sembra di vedere una qualsiasi ragazza di paese, a braccia scoperte, con la sottoveste sopra le caviglie e i sandali infradito  …

Ultimato il cambio della biancheria, si procede alla vestizione. Entrano in scena le bambine che portano sulle braccia tese i vari pezzi

dell’abito: la tunica, il grembiule, il pettorale. Piccoli gesti sapienti ricompongono poco per volta l’immagine che era scomparsa dal nostro campo visivo quando, per un momento, avevamo creduto che davanti ai nostri occhi ci fosse una semplice ragazza intenta a indossare l’abito della festa.

Ma bisogna attendere che siano poste sul capo la mantiglia e la corona e intorno ai fianchi il grembiulino  con  gli ex voto, preziosi  segni di devozione secolare, per ripristinare l’identità regale della Vergine della Mercede.

Davanti ai nostri occhi infine appare la madre di Cristo che vestita a festa va incontro al Figlio risorto.

 

Pinella Venuti Bonanno

Redazione1
di Redazione1 giugno 20, 2019 22:58


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • 5 buoni motivi per guardare la serie Suits
    Per una volta un contenuto tv è davvero buono, equilibrato, positivo. I buoni sono buoni, i cattivi non sono per niente affascinanti, l'amore è nella coppia, l'amicizia è un valore.Accendere la televisione è come passeggiare in trincea, non sai quando e dove, ma sicuramente ti spareranno. Tutto è ideologizzato, tutto è costruito affinché menti ingenue […]
    Martha, Mary and Me
  • Come posso accettare e perdonare la mia debolezza?
    Serve molta umiltà per accettare il perdono...È sempre possibile rinascere. Posso sempre tornare all’inizio del cammino già percorso. Servono sforzo, lotta e dedizione, è vero. È una decisione di testa, della volontà che dice che vuole e del cuore che abbraccia il primo passo compiuto. Ho mai dovuto tornare sui miei passi? Ho dovuto tornare […]
    Carlos Padilla
  • La missione è dire al mondo che la Verità ci tiene per mano
    Dissuaso dall'usare la parola "verità" per testimoniare il Vangelo, un sacerdote riscopre coi suoi alunni la grande novità del Cristianesimo: essere testimoni di un'esperienza di bene che cambia la vita.di Luca Speziale Un paio di mesi dopo il nostro arrivo in Inghilterra siamo stati invitati dalla diocesi a partecipare a un corso organizzato dalla Conferenza […]
    Fraternità San Carlo Borromeo
  • Esorcismi e Unione Antidemoniaca: così San Giuseppe Pallotti sfidava il diavolo
    "“Non io ma Dio Padre, Dio Figlio, Dio Spirito Santo comanda, o demonio, a te e ai tuoi satelliti di non sottovalutare alcun ordine" San Vincenzo Pallotti (1795-1850), protettore del clero, ebbe sempre una particolare sensibilità nella lotta contro il demonio Nei primi giorni del suo sacerdozio, il 26 maggio 1818, in una lettera a […]
    don Marcello Stanzione
  • Per chi dice che non va più in Chiesa per colpa dei preti o di alcuni cristiani…
    Ricordate che in Chiesa non si va né per la simpatia dei ministri né per la cordialità dei parrocchiani. E se delle volte un buon sacerdote o un buon cristiano sono un formidabile aiuto alla propria fede, è pur vero che ciò che conta quando si ha sete è l’acqua e non la qualità del […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Quali sono le mancanze gravi nei confronti del primo comandamento?
    Mettere Dio al secondo posto nella vita, dopo il denaro, ad esempio, è una di questeI comandamenti di Dio iniziano dicendo “Amerai Dio al di sopra di tutto”. Il primo comandamento si riferisce all’amore di Dio, e Gesù lo ha riassunto in questo modo: “Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con […]
    Reginaldo Manzotti
  • E voi, care donne, lasciate caricare la lavastoviglie alle amiche?
    Noi donne abbiamo una certa difficoltà a lasciare usare la lavastoviglie a qualcun altro. Eppure se imparassimo a farlo romperemmo con il perfezionismo e con la mania di volere tutto come diciamo noi. di Anita Baldisserotto Se siamo amiche mi lasci fare la tua lavastoviglie? Vi sembrerà strano ma ora vi racconto: ho notato che […]
    MIENMIUAIF - MIA MOGLIE ED IO
  • Un grande miracolo per il piccolo Gabry: trovato donatore compatibile!
    Gabriele ha 2 anni ed ha una malattia genetica rarissima: la Sifd. Finalmente è stato identificato il donatore di midollo osseo: «Non sappiamo chi sia ma gli dobbiamo tutto» le parole del padre.Gabriele, anzi, “Gabry Little Hero”, come è intitolata la pagina Facebook creata dai genitori per raccontare la sua storia, è un guerriero di […]
    Silvia Lucchetti
  • Cari genitori, 5 regole per evitare che i vostri figli siano vittime di internet e chat perverse
    Dal cyberbullismo al sexting: come prevenire adescamento e violazioni della privacy Con la ripresa della scuola e il moltiplicarsi delle occasioni delle relazioni tra pari anche tramite social e smartphone è più facile che un ragazzo possa cadere in una delle tante trappole della rete come prevaricazioni, cyberbullismo, sexting e sextortion, adescamento, violazioni della privacy, […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La verità dietro gli adolescenti autolesionisti
    Gli adolescenti che effettuano il cutting o si infliggono altri tipi di ferite stanno chiedendo disperatamente aiutoL’autolesionismo tra gli adolescenti non è una moda o un tentativo di attirare l’attenzione. Quando diffondiamo punti di vista del genere, proviamo a molti adolescenti che hanno ragione a sentirsi soli di fronte ai loro problemi. L’autolesionismo ha cause […]
    Małgorzata Rybak

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 41:
    • 130:
    settembre: 2019
    L M M G V S D
    « Ago    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

    Login