MESSINA – Maria SS. della Mercede, l’antica chiesetta da dove a Pasqua la “Vergine spagnola” esce per incontrare il Figlio risorto

Redazione1
di Redazione1 giugno 20, 2019 22:58

MESSINA –  Maria SS. della Mercede, l’antica chiesetta da dove a Pasqua la “Vergine spagnola” esce per incontrare il Figlio risorto

Tra le risorse del patrimonio storico culturale della nostra comunità, in cui si concentrano realtà, immagini e ricordi di un passato ricco di tradizioni, testimonianze, riti e festività che appartengono all’immaginario comune e concorrono a formare il senso di appartenenza su cui si fonda l’identità collettiva messinese, ci sono soprattutto chiese, luoghi e riti sacri. Uno di questi luoghi simbolo che contribuiscono a dare alla nostra città un’impronta particolare, ricca di significati che evidenziano la spiritualità della sua gente, c’è la chiesetta di Maria SS. della Mercede. Un piccolo e splendido tempio in cui sono custoditi i simulacri della bellissima “Vergine Spagnola” e del Cristo risorto, da cui, nella mattina di Pasqua, si muove la tradizionale e caratteristica processione. Ce ne dà un delizioso racconto Pinella Venuti Bonanno. (A.M.)                                                

“LA VERGINE SPAGNOLA”

e i suoi tre vestiti

La mia casa paterna, sulla via T . Cannizzaro , era muro a muro con la  Chiesa Maria Ss. della Mercede in S. Valentino. Fu mio padre, tesoriere della Congregazione, a spiegarmi che la Signora della porta accanto era stata l’ispiratrice dell’ordine dei Mercedari, fondato a Barcellona di Spagna intorno al 1200. Ed è per questo che la Madonna della Mercede, Signora della Grazia gratuita e della Misericordia, porta la mantiglia. E poi, senza alcun dubbio, la Vergine che si mostrava sulla nicchia nell’altare maggiore era la donna più elegante del Rione Portalegni, col suo abito di raso lucente color avorio adornato da bellissimi fiori ricamati con filo d’oro

La Madonna della Mercede ha tre vestiti: il più antico è conservato in bacheca in sacrestia, poi l’abito di tutti i giorni, e infine quello della festa, il più bello, dono di mio nonno materno, il governatore Lillo Bitto, che a suo tempo ha voluto la ristrutturazione dell’antica chiesa.

Ogni anno – quando manca un giorno alla Pasqua – nella Chiesa della Mercede in attesa dell’Alleluja pasquale, si rinnova la tradizione secolare della vestizione della Vergine.

La Confraternita si schiera al gran completo: gli anziani, i giovani, i bambini. La statua di Maria lascia la nicchia in alto e viene deposta davanti all’altare. Sul banco è adagiato l’abito stirato a dovere ed è già esposto il cambio di quei capi di biancheria che qualsiasi ragazza indossa sotto il vestito: la canottiera, la sottoveste con i merletti e i bottoncini sulle spalle.

Tutto è pronto per il cambio della veste!  Le donne si dispongono nei banchi; col segno della croce e con il canto Mira il tuo popolo … ha inizio la cerimonia.

Tolte la corona e la mantiglia, la Vergine scopre il suo bel viso con i capelli neri raccolti a chignon e le orecchie adorne di pendenti. Si fa avanti la ragazza con un lino per detergere e rinfrescare il volto e le mani.

Mentre si canta e si prega, ha inizio la spoliazione; viene tolto il pettorale, poi il grembiule e la tunica facendo passare con abilità gli indumenti attraverso le mani incrociate del simulacro.

Che dire? E’ forse questo il momento più indicibile ed emozionante! E’ come se fede e ragione in una dimensione surreale si fondessero in un sussulto.  Davanti all’altare ora sembra di vedere una qualsiasi ragazza di paese, a braccia scoperte, con la sottoveste sopra le caviglie e i sandali infradito  …

Ultimato il cambio della biancheria, si procede alla vestizione. Entrano in scena le bambine che portano sulle braccia tese i vari pezzi

dell’abito: la tunica, il grembiule, il pettorale. Piccoli gesti sapienti ricompongono poco per volta l’immagine che era scomparsa dal nostro campo visivo quando, per un momento, avevamo creduto che davanti ai nostri occhi ci fosse una semplice ragazza intenta a indossare l’abito della festa.

Ma bisogna attendere che siano poste sul capo la mantiglia e la corona e intorno ai fianchi il grembiulino  con  gli ex voto, preziosi  segni di devozione secolare, per ripristinare l’identità regale della Vergine della Mercede.

Davanti ai nostri occhi infine appare la madre di Cristo che vestita a festa va incontro al Figlio risorto.

 

Pinella Venuti Bonanno

Redazione1
di Redazione1 giugno 20, 2019 22:58


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Fidanzamenti frustrati: perché scelgo sempre male?Fidanzamenti frustrati: perché scelgo sempre male?
    Concentrarsi su un modello di scelta basato sull’amore vero che integra l’emozione con le motivazioni ragionevoli È probabilmente la cosa più importante che ci hanno proposto nella vita, ma nonostante questo continuiamo a prendere decisioni sbagliate quando si tratta di scegliere la persona con cui coinvolgerci in una relazione amorosa a lungo termine. Dopo tutto, […]
    Cecilia Zinicola
  • Con quale intenzione faccio le cose?
    Chi sono io per giudicare le intenzioni altrui? Spesso non so se l’intenzione con cui faccio le cose è quella che manifesto al farle o se ce n’è un’altra nascosta. Non so se c’è un unico motivo o ce ne sono vari. Non so nemmeno se le mie motivazioni sono quelle giuste. Mi costa sapere […]
    Carlos Padilla
  • “Finalmente potrò confessarmi!” 38 domande per fare meglio l’esame di coscienza
    di padre Juan Carlos Vásconez Quando ci manca la Confessione! All’inizio della quarantena, di fronte alla difficoltà ad andare in chiesa, Papa Francesco ci ha esortati dicendo: “Se tu non trovi un sacerdote per confessarti, parla con Dio, è tuo padre, e digli la verità: ‘Signore ho combinato questo, questo, questo… Scusami’, e chiedigli perdono […]
    Catholic Link
  • Perché pensare ad un amore di gioventù è pericoloso per la coppia?
    Gli amori di gioventù sono come un salvagente sentimentale a cui ci si aggrappa ad ogni delusione o momento di dubbio. Ma pensare al passato a volte può essere pericoloso. Come dire addio allora al nostro primo amore che tormenta la mente e mette a dura prova la nostra vita matrimoniale? Marie-Noël Florant “Ho rincontrato […]
    Edifa
  • Qui Salomè ha danzato e ha chiesto la testa di Giovanni Battista (FOTO)
    Scoperto il bagno rituale più grande di Macheronte, un sito archeologico eccezionale I bagni rituali ebraici (mikva’ot) sono piscine per l’immersione usate nella purificazione rituale, simili a quelle usate in alcune tradizioni cristiane per il Battesimo. Il bagno rituale più grande scoperto finora in Giordania è stato oggetto di scavi nel 2016 nel palazzo del […]
    Daniel R. Esparza
  • L’unica cosa vera de “I due Papi”
    Riflessioni sulla fortunatissima pellicola targata Netflix con Anthony Hopkins e Jonathan Pryce: la narrazione delle “due ecclesiologie antitetiche” è un usato garantito della divulgazione ecclesiale, però diventa insostenibile appena si voglia appoggiarla a un minimo di fondatezza documentaria. Invece c’è un’altra cosa che i documenti dicono… Non mi ero interessato a “I due Papi”, anche […]
    Giovanni Marcotullio
  • La preghiera da dire dopo un litigio con il proprio coniuge
    Per ricominciare su nuove basi dopo un litigio tra marito e moglie, perché non recitare una preghiera di riconciliazione? Comunicare con calma e cercare di capire l’altro è la chiave per fare pace con il proprio coniuge dopo un litigio, certo, ma la preghiera può anche aiutare a disinnescare definitivamente un conflitto. Padre François Banvillet, […]
    Anna Ashkova
  • Verginità, celibato e castità non sono la stessa cosa!
    di Daniel Torres Cox Verginità, celibato e castità non sono la stessa cosa. Hanno sicuramente dei punti in comune, e questo può farli confondere, ma non si identificano. In questo articolo, cercheremo di esporre brevemente in cosa consiste ciascun concetto. 1. Verginità: valorizzare la persona La verginità è la condizione di colui che non ha […]
    Catholic Link
  • 5 suggerimenti per navigare in mezzo alle tormente secondo monsignor Munilla
    di Mauricio Montoya Mi sono imbattuto in un podcast (il numero 31885) di monsignor Munilla in cui ci offre cinque consigli per affrontare le difficoltà, sottolineando come nelle prove dobbiamo essere consapevoli della molteplicità dei doni di cui disponiamo nella nostra vita. I doni sono la presenza della grazia di Dio nella nostra anima. Non […]
    Catholic Link
  • Allattamento, co-sleeping and more: domande e risposte
    Sempre molto informata e con tante letture da consigliarci, abbiamo tempestato di domande la nostra ostetrica Rachele Sagramoso, che, essendo anche una super mamma di famiglia numerosa, ci porta tanto del suo vissuto e delle sue utilissime fonti, per venire al nodo di alcune questioni davvero spinose e di pratiche più o meno dubbie nella gestione […]
    Martha, Mary and Me

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 110:
    • 185:
    luglio: 2020
    L M M G V S D
    « Giu    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login