Notre Dame, celebrata la prima Messa dopo l’incendio. Mons. Aupetit: “Un segno che la cattedrale è sempre viva”

Redazione1
di Redazione1 giugno 17, 2019 19:23

Notre Dame, celebrata la prima Messa dopo l’incendio. Mons. Aupetit: “Un segno che la cattedrale è sempre viva”

Nell’anniversario della dedicazione della chiesa cattedrale, è stata celebrata due giorni fa la prima eucaristica, presieduta  dall’Arcivescovo di Parigi. “Quest’anno siamo in pochi, qui dentro, ma a quanto pare sono milioni di persone a seguire i divini misteri che celebriamo” ha detto mons. Michel Aupetit, “Stiamo celebrando l’eucaristia quest’oggi, dopo tutto quanto le è accaduto, per dare un segno che la cattedrale è sempre viva”.

Elmetto bianco calcato sul capo, casula bianca con fregi di un bel celeste mariano – come riporta Giovanni Marcotullio – così  l’arcivescovo di Parigi, mons. Michel Aupetit, ha introdotto tra una ventina di presenti la messa nell’anniversario della dedicazione della chiesa cattedrale. Le macerie all’intorno e le immagini di KTO, televisione cattolica d’Oltralpe, a raccontare in esclusiva il sussulto umile e fermo di una Chiesa che è apparsa ben più viva di quanto comunemente si creda.

Limitata nello spazio per evidenti ragioni, a causa delle medesime la liturgia è stata raccolta anche nei tempi – il che non ha impedito il massimo decoro nei canti e nella liturgia (tocco di non sgradevole imprecisione nel salmista che ha intonato l’alleluia come se non fosse prevista la seconda lettura). Le letture comunemente previste dal lezionario romano per le celebrazioni nell’anniversario della dedicazione di una chiesa sono risuonate con particolare forza sotto le volute a tratti squarciate della cattedrale.

In particolare gli accenti mistici della pagina evangelica, tratta dal Vangelo secondo Giovanni, hanno segnato la riflessione omiletica dell’arcivescovo, risplendente di «nobile semplicità» (come richiede la Sacrosanctum Concilium): in essa il presule ha ricordato che la Chiesa è fatta di “pietre vive”, ma ancora di più che il tempio che Dio stesso si è costruito è la persona umana:

Ciò che celebriamo è la ragione profonda per cui la cattedrale di Notre-Dame è stata edificata. Essa è nata dalla fede dei nostri antenati, dallo slancio verso Dio. […] Una Madre che ci è stata data perché ci prendiamo cura di lei come lei si prende cura di noi, ecco perché questa cattedrale è stata donata a Maria.

Mons. Aupetit ha condiviso i riscontri raccolti tra quanti in queste settimane, sul cantiere, laddove ingegneri e architetti gli hanno confidato entusiasti di essere tornati a respirare l’ideale di quanti nei secoli hanno posto mano a un’opera così grande e così radicata che oltrepassa ogni generazione, nel passato e nel futuro.

Chiesa rifugio dei poveri e dei malati. Monsignor Aupetit è tornato a parlare del diritto di asilo (citando le celebri esclamazioni del Quasimodo di Hugo – Asilo, asilo!) e dell’opzione preferenziale della Chiesa per i poveri (opzione della Chiesa di sempre, di quell’unica che ha costruito Notre-Dame sulla fede degli Apostoli).

Sono loro – i poveri, i malati, gli esclusi – che hanno un posto privilegiato in questa cattedrale, come testimonia anche la tradizione di costruire accanto a simili edifici gli hôtel-Dieu – e speriamo di tornare presto a dare importanza a tale istituzione. Ma si sbaglierebbe chi pensasse che con ciò mons. Aupetit avrebbe “appiattito sul sociale” l’esistenza della Chiesa. Al contrario, costruendo una di per sé non inusitata analogia con “la grammatica architettonica” dell’edificio, il Vescovo ha additato nell’Agnello di Dio la Pietra Angolare dell’edificio e di ciò che esso misticamente significa.

Abbiamo vergogna della fede dei nostri antenati? Abbiamo vergogna della fede in Cristo? Ecco la questione che ci si pone: non ci sono turisti a Notre-Dame: anche quanti entrano come turisti, forse per curiosità, non escono alla stessa maniera, perché c’è una presenza implicita e incontestabile.

Per ignoranza o per etimologia sbagliano quanti separano la cultura dal culto, e non ho paura di dirlo: separando la cultura dal culto si produce un’incultura.

Per noi questa pietra angolare è Cristo: senza lui la cattedrale sarebbe una conchiglia vuota. La cattedrale è opera del genio umano, ma la persona umana è opera del genio divino, e questo significa che la persona umana – ogni persona umana – è depositaria di un valore indisponibile. Quando il genio umano e quello divino si accordano insieme si ha il contatto dell’immanente e del trascendente.

 

 

Redazione da Ag. di I.

 

 

Redazione1
di Redazione1 giugno 17, 2019 19:23


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Addio al maestro Ennio Morricone
    Il grande compositore che ha accompagnato con la sua musica tanti grandissimi film si è spento a 91 anni in una clinica romana Aveva 91, ha composto quasi fino all’ultimo, Ennio Morricone romano e “romanista”, anzi lui diceva di essere “più romanista che musicista”, che per un maestro del suo calibro che ha passato tutta […]
    Lucandrea Massaro
  • “Il ricordo di quel peccato vi tornerà sempre in mente, ma non perdete la pace”
    Un messaggio di padre Gabriel Vila Verde per chi si sente afflitto al ricordo dei propri peccati Padre Gabriel Vila Verde ha condiviso su Facebook un messaggio per chi si sente afflitto al ricordo dei propri peccati: “Il ricordo di quel peccato vi tornerà sempre in mente. È normale ricordare le cose che ci segnano […]
    Gabriel Vila Verde
  • Cosa possono dirci della coppia i capricci dei figli?
    I disagi del figlio, le accuse, i problemi di coppia. Occorre avere uno sguardo curioso e cercare strade di crescita percorribili. Spesso i bambini sono il termometro della relazione dei genitori. Di Marco Scarmagnani Sebbene non sia lecito creare una relazione causa-effetto lineare tra malessere dei genitori e malessere dei figli (è una forma di […]
    Semprenews
  • Il progetto di un mondo nuovo
    Conversazione con il premio Nobel Muhammad Yunus, ideatore del microcredito Il vaccino contro il covid-19 deve essere dichiarato “bene comune globale” «Una volta che sapremo dove andare, arrivarci sarà molto più semplice». Muhammad Yunus, economista, premio Nobel per la pace 2006, ideatore del microcredito moderno, ha idee piuttosto chiare sul cosa fare in un mondo […]
    Andrea Monda
  • “Portala fuori, la sera”. E questo sarebbe un consiglio da grande seduttore?
    Certo. Perché non avete ancora letto “dove” vi consiglia di portarla, il grande maestro dell’anti-metodo di seduzione. “Yeah”, l’anti-metodo di seduzione written by Giuseppe Signorin Non spaventarti se a volte i consigli che ti do sembrano contraddirsi o sembrano contraddire lo spirito di un anti-metodo come questo, oppure se capita di ripetermi come un nonno […]
    MIENMIUAIF - MIA MOGLIE ED IO
  • Il Dio vero non è fermo, è in cammino!
    Abbiamo spesso un’idea statica di Dio. Nel vangelo di oggi invece lo vediamo in movimento: Gesù cammina dietro questo padre disperato. “«Mia figlia è morta proprio ora; ma vieni, imponi la tua mano sopra di lei ed essa vivrà». Gesù si alzò e lo seguì con i suoi discepoli.” In quel tempo, [mentre Gesù parlava,] […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Mentre Padre Pio subiva le tre prove più dolorose, accanto a lui c’era San Michele
    Riportiamo le testimonianze del frate di Pietrelcina sugli aiuti ricevuti dall’arcangelo Michele, suo “angelo custode”, in particolari momenti di sofferenza (e non solo) La presenza dell’Angelo Custode nella vita di Padre Pio da Pietrelcina (1887-1968) viene segnalata già da quando è un giovane sacerdote: il cappuccino non chiude mai la porta di casa ogni volta […]
    don Marcello Stanzione
  • Estasi e conversioni: così San Michele arcangelo parlava a Giuseppina Berettoni
    La mistica romana ha documentato numerose dialoghi con l’arcangelo. Questi le consigliava sopratutto come convertire efficacemente i miscredenti La Serva di Dio Giuseppina Berettoni nacque a Roma il 6 agosto 1875. Trascorse la più tenera età sotto la cura dei genitori: Cesare Berettoni ed Orsola Marini. A soli otto anni, ebbe il desiderio di ricevere […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La scintilla del lunedì – Respira
    Il nostro podcast: 3 minuti per cominciare la settimana con un’ipotesi di bene che fa luce. Eccoci alla seconda puntata di questo podcast appena nato. L’idea non è tanto quella di forzare l’entusiasmo per vincere la pigrizia del lunedì mattina. Piuttosto vogliamo fare insieme gli esercizi di allenamento per impegnarci a iniziare davvero. E questo […]
    Annalisa Teggi
  • 12 consigli per dare una dimensione profonda e spirituale alle vostre amicizie
    Il Cardinale John Henry Newman, studiando le relazioni amicali, ha scoperto vari metodi per creare ed intrattenere delle vere amicizie. Scopriteli senza più aspettare e imparate a coltivare le vostre amicizie. Filosofo, teologo, poeta, l’inglese John Henry Newman (1801-1890) ha coltivato l’amicizia durante tutta la sua vita. Quest’uomo, canonizzato da papa Francesco nell’ottobre 2019, aveva […]
    Edifa

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 99:
    • 185:
    luglio: 2020
    L M M G V S D
    « Giu    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login