Notre Dame, celebrata la prima Messa dopo l’incendio. Mons. Aupetit: “Un segno che la cattedrale è sempre viva”

Redazione1
di Redazione1 giugno 17, 2019 19:23

Notre Dame, celebrata la prima Messa dopo l’incendio. Mons. Aupetit: “Un segno che la cattedrale è sempre viva”

Nell’anniversario della dedicazione della chiesa cattedrale, è stata celebrata due giorni fa la prima eucaristica, presieduta  dall’Arcivescovo di Parigi. “Quest’anno siamo in pochi, qui dentro, ma a quanto pare sono milioni di persone a seguire i divini misteri che celebriamo” ha detto mons. Michel Aupetit, “Stiamo celebrando l’eucaristia quest’oggi, dopo tutto quanto le è accaduto, per dare un segno che la cattedrale è sempre viva”.

Elmetto bianco calcato sul capo, casula bianca con fregi di un bel celeste mariano – come riporta Giovanni Marcotullio – così  l’arcivescovo di Parigi, mons. Michel Aupetit, ha introdotto tra una ventina di presenti la messa nell’anniversario della dedicazione della chiesa cattedrale. Le macerie all’intorno e le immagini di KTO, televisione cattolica d’Oltralpe, a raccontare in esclusiva il sussulto umile e fermo di una Chiesa che è apparsa ben più viva di quanto comunemente si creda.

Limitata nello spazio per evidenti ragioni, a causa delle medesime la liturgia è stata raccolta anche nei tempi – il che non ha impedito il massimo decoro nei canti e nella liturgia (tocco di non sgradevole imprecisione nel salmista che ha intonato l’alleluia come se non fosse prevista la seconda lettura). Le letture comunemente previste dal lezionario romano per le celebrazioni nell’anniversario della dedicazione di una chiesa sono risuonate con particolare forza sotto le volute a tratti squarciate della cattedrale.

In particolare gli accenti mistici della pagina evangelica, tratta dal Vangelo secondo Giovanni, hanno segnato la riflessione omiletica dell’arcivescovo, risplendente di «nobile semplicità» (come richiede la Sacrosanctum Concilium): in essa il presule ha ricordato che la Chiesa è fatta di “pietre vive”, ma ancora di più che il tempio che Dio stesso si è costruito è la persona umana:

Ciò che celebriamo è la ragione profonda per cui la cattedrale di Notre-Dame è stata edificata. Essa è nata dalla fede dei nostri antenati, dallo slancio verso Dio. […] Una Madre che ci è stata data perché ci prendiamo cura di lei come lei si prende cura di noi, ecco perché questa cattedrale è stata donata a Maria.

Mons. Aupetit ha condiviso i riscontri raccolti tra quanti in queste settimane, sul cantiere, laddove ingegneri e architetti gli hanno confidato entusiasti di essere tornati a respirare l’ideale di quanti nei secoli hanno posto mano a un’opera così grande e così radicata che oltrepassa ogni generazione, nel passato e nel futuro.

Chiesa rifugio dei poveri e dei malati. Monsignor Aupetit è tornato a parlare del diritto di asilo (citando le celebri esclamazioni del Quasimodo di Hugo – Asilo, asilo!) e dell’opzione preferenziale della Chiesa per i poveri (opzione della Chiesa di sempre, di quell’unica che ha costruito Notre-Dame sulla fede degli Apostoli).

Sono loro – i poveri, i malati, gli esclusi – che hanno un posto privilegiato in questa cattedrale, come testimonia anche la tradizione di costruire accanto a simili edifici gli hôtel-Dieu – e speriamo di tornare presto a dare importanza a tale istituzione. Ma si sbaglierebbe chi pensasse che con ciò mons. Aupetit avrebbe “appiattito sul sociale” l’esistenza della Chiesa. Al contrario, costruendo una di per sé non inusitata analogia con “la grammatica architettonica” dell’edificio, il Vescovo ha additato nell’Agnello di Dio la Pietra Angolare dell’edificio e di ciò che esso misticamente significa.

Abbiamo vergogna della fede dei nostri antenati? Abbiamo vergogna della fede in Cristo? Ecco la questione che ci si pone: non ci sono turisti a Notre-Dame: anche quanti entrano come turisti, forse per curiosità, non escono alla stessa maniera, perché c’è una presenza implicita e incontestabile.

Per ignoranza o per etimologia sbagliano quanti separano la cultura dal culto, e non ho paura di dirlo: separando la cultura dal culto si produce un’incultura.

Per noi questa pietra angolare è Cristo: senza lui la cattedrale sarebbe una conchiglia vuota. La cattedrale è opera del genio umano, ma la persona umana è opera del genio divino, e questo significa che la persona umana – ogni persona umana – è depositaria di un valore indisponibile. Quando il genio umano e quello divino si accordano insieme si ha il contatto dell’immanente e del trascendente.

 

 

Redazione da Ag. di I.

 

 

Redazione1
di Redazione1 giugno 17, 2019 19:23


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Talitha Kum, da dieci anni in prima linea contro la tratta umana
    L’Unione Internazionale delle Superiore Generali dedica sette giorni a celebrare il decimo anniversario di Talitha Kum. Suor Gabriella Bottani, coordinatrice internazionale della Rete anti-tratta : “Noi donne dobbiamo trovare la forza di rinnovare costantemente questa denuncia”. Il 26 settembre, le 86 delegate presenti a Roma, incontreranno in udienza privata Papa Francesco Menu MENU PAPA VATICANO […]
    Vatican News
  • Quando e come è indicato dare il cellulare ai bambini: 8 regole
    Panda Security ha condotto una ricerca negli Stati Uniti in base a questo quesito. Incrociando, poi, i dati Panda con quelli resi pubblici in Italia da Auditel-Censis sugli stili di vita delle famiglie italiane è possibile fare un confronto tra le due nazioni La Generazione Z non conosce un mondo senza Internet. I più piccoli […]
    Agi
  • 4 punti chiave che vi permetteranno di raggiungere la vera felicità
    di Pablo Perazzo Chi non vuole essere felice? Chi non sperimenta nel cuore un anelito infinito di felicità? Una felicità che non finisca mai, che duri per tutta la vita. Una felicità che vada perfino al di là della morte. Per essere onesti, però, riconosciamo che non è frequente trovare persone che conoscono bene il […]
    Catholic Link
  • Il fibroma all’utero può ostacolare fertilità e sessualità?
    Questo tumore benigno così frequente nelle donne non deve essere sottovalutato per le conseguenze che è in grado di determinare.Un articolo interessante a cura della professoressa Alessandra Graziottin (direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia medica San Raffaele Resnati), sul nuovo numero di “BenEssere, la salute con l’anima” si occupa di una patologia molto diffusa […]
    Silvia Lucchetti
  • La Croce che si erge in mezzo alla foresta
    Nel cuore dell'Iguazú, il Parco Tematico della CroceLa provincia di Misiones ospita una delle principali attrattive turistiche dell’Argentina: le cascate dell’Iguazú. Il Parco Nazionale Iguazú, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, è il più importante parco nazionale del Paese. Nel 2018 ha accolto più di un milione e mezzo di turisti. Ma Misiones non vuol dire solo cascate. […]
    Esteban Pittaro
  • Vivere, non sopravvivere: la speranza dopo la strage
    Dawn è una maestra della scuola Sandy Hook di Newtown (USA). La mattina del 14dicembre 2012 era a scuola, quando il killer è entrato in azione, uccidendo 26 persone: 6adulti e 20 bambini. “Come ha potuto Dio permettere una cosa simile?” Dawn ripercorre gli avvenimenti: era in sala riunioni, con altre 8 persone. Ai primi […]
    Aleteia
  • India, tolto l’utero a migliaia di donne: senza mestruazioni lavorano di più
    Il sub continente indiano mostra ancora una volta le sue contraddizioni più atroci sul corpo e il destino delle donne: alle stesse latitudini si trovano donne ridotte a uteri in outsourcing per produrre bambini altrui e donne poverissime cui strappare il grembo perché le mestruazioni rallentano il lavoro.E’ la BBC a denunciare il fenomeno in […]
    Paola Belletti
  • Cristo è un povero, un familiare…? Sono io?
    Cristo “è tutto in tutti”, dice la lettera ai Colossesi...Quando mi chiedono cosa sia l’amore, penso a Gesù e a quello che fa ogni giorno per me… ma so che non tutti pensano a questo come prima cosa. In genere si collega l’amore umano al sentimento di amore per l’altro, all’emozione di stare con lui, […]
    Luisa Restrepo
  • Ariana Grande meritava parole ben più severe (e meno volgari) di quelle di Fabio Volo
    Una polemica di cui sembra colpevole solo Fabio Volo. Eppure non c'è difesa possibile per l'ennesima pop-star usata come merce sessuale per spostare sempre un po' più in là il limite dell'indecenza. Fabio Volo è un maschilista, Ariana Grande una coraggiosa ragazza libera. È più o meno così che l’intero coro del mondo social e […]
    Annalisa Teggi
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    "La questione non è di sapere se ho o non ho tempo per leggere, ma se mi concedo o no la gioia di essere lettore". (Daniel Pennac)Siete in cerca di nuovi libri per “la bella stagione che sta per finire”, come cantava Rino Gaetano? Anche questa settimana abbiamo fatto un po’ di ricerca per voi […]
    Silvia Lucchetti

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 14:
    • 211:
    settembre: 2019
    L M M G V S D
    « Ago    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

    Login