Papa Francesco: a Centri vocazioni d’Europa, “Il lavoro per le vocazioni non è proselitismo”. “Capire il linguaggio dei giovani”

Redazione1
di Redazione1 giugno 6, 2019 22:57

Papa Francesco: a Centri vocazioni d’Europa, “Il lavoro per le vocazioni non è proselitismo”. “Capire il linguaggio dei giovani”

Nel discorso rivolto ai partecipanti al congresso dei Centri nazionali per le vocazioni delle Chiese di Europa, ricevuti oggi nella Sala del Concistoro, Papa Francesco si è soffermato a precisare: “La santità, come chiamata che dà senso al cammino di tutta la vita; la comunione, come ‘humus’ delle vocazioni nella Chiesa; la vocazione stessa, come parola-chiave da preservare, coniugandola con le altre: ‘felicità’, ‘libertà’ e ‘insieme’; e infine declinandola come speciale consacrazione”. “Il discorso sulla vocazione porta sempre a pensare ai giovani”, ha evidenziato il Pontefice, per il quale “questo è bene, ma non dobbiamo dimenticare che la vocazione è un cammino che dura tutta la vita”. La pastorale, secondo il Papa, “non può che essere sinodale”, vale a dire capace di dare forma a un “camminare insieme”. E la sinodalità è “figlia della comunione. Si tratta di vivere di più la figliolanza e la fraternità, di favorire la stima reciproca, valorizzare la ricchezza di ciascuno, credere che il Risorto può operare meraviglie anche attraverso le ferite e le fragilità che fanno parte della storia di tutti. Dalla comunione della Chiesa nasceranno nuove vocazioni”.

Ma La parola “vocazione”, per Francesco, “non è scaduta”. “Conosco alcune comunità che hanno scelto di non pronunciare più la parola ‘vocazione’ nelle loro proposte giovanili, perché ritengono che i giovani ne abbiano paura e non partecipino alle loro attività – ha ricordato il Santo Padre –. Questa è una strategia fallimentare: togliere dal vocabolario della fede la parola ‘vocazione’ significa mutilarne il lessico correndo il rischio, presto o tardi, di non capirsi più. Abbiamo bisogno – invece – di uomini e donne, laici e consacrati appassionati, ardenti per l’incontro con Dio e trasformati nella loro umanità, capaci di annunciare con la vita la felicità che viene dalla loro vocazione”.

“Il lavoro per le vocazioni, con le vocazioni, non dev’essere, non è proselitismo. Non è ‘cercare nuovi soci per questo club’. No. Deve muoversi nella linea della crescita che Benedetto XVI tanto chiaramente ci ha detto: la crescita della Chiesa è per attrazione, non per proselitismo”. È il monito lanciato oggi da Papa Francesco nel suo intervento a braccio ai partecipanti al congresso dei Centri nazionali per le Vocazioni delle Chiese di Europa.

“Non si tratta di cercare dove prendere la gente”, ha chiarito il Papa, ribadendo che “lo spirito del proselitismo ci fa male”.

Francesco si è poi soffermato sulla “capacità delle persone che aiutano” chi è in ricerca. “Aiutare un giovane o una giovane a scegliere la vocazione della sua vita, sia come laico, laica, come sacerdote, religiosa, è aiutare a far sì che trovi il dialogo con il Signore”. “Non è un convincimento intellettuale”, perché “la scelta di una vocazione deve nascere dal dialogo con il Signore, qualunque sia la vocazione”. Dal Papa poi un monito sugli “atteggiamenti”. “Lavorare con i giovani – ha spiegato – esige tanta pazienza, tanta!, tanta capacità di ascolto, perché a volte i giovani si ripetono, si ripetono”. Per questo ci vuole “pazienza e capacità di ascolto”. Un’altra indicazione è quella di “ringiovanirsi: cioè mettersi in moto, in movimento con loro. Oggi il lavoro con i giovani, in genere, qualsiasi tipo, si fa in movimento”. E “questo stanca… Bisogna stancarsi! Non si può lavorare per le vocazioni senza stancarsi. È quello che ci chiede la vita, la realtà, il Signore, e tutti”.

Francesco ha poi invitato ad utilizzare “il linguaggio del Signore”. “A volte – ha osservato – noi parliamo ai giovani come siamo abituati a parlare agli adulti”. Ma “per loro, tante volte il nostro linguaggio è ‘esperanto’, è proprio come se parlassimo esperanto, perché non lo capiscono”. Bisogna cercare di “capire il loro linguaggio”.

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

Redazione1
di Redazione1 giugno 6, 2019 22:57


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il Papa ai carcerati di Gorgona: il Signore perdona i vostri sbagli. E invita alla conversione
    "Tutti noi facciamo sbagli nella vita e tutti siamo peccatori". La lettera consegnata dal cardinale (perseguitato) Ernest Simoni Una lettera di Papa Francesco ai carcerati. Consegnata da chi il carcere, pur innocente, lo ha conosciuto a lungo per dolorosa esperienza personale. I detenuti dell’Isola della Gorgona (livorno) hanno ricevuto il 23 giugno un doppio prezioso […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Vuoi imparare a corteggiare? Segui questi consigli semiseri degli scienziati!
    10 mosse dal mondo della scienza per donne e uomini in cerca dell'amore!L’attrazione fra due persone è un complesso meccanismo che risente sia di fattori genetici che ambientali, su cui la scienza si interroga e investiga da tempo senza riuscire ad esaurirne le numerose prospettive di approccio. Nonostante la grande mole di studi al riguardo, […]
    Silvia Lucchetti
  • Recitate questo salmo quando siete schiacciati dall’ansia
    Gridate a Dio e chiedete il suo aiuto per riportare la pace nella vostra vitaL’ansia può essere a volte un sentimento schiacciante, e spesso paralizza. Magari non siamo in grado di far nulla, e a volte c’è poco che sia in grado di riportare in pace il nostro cuore e la nostra mente. Se dovremmo […]
    Philip Kosloski
  • “Mi vuoi sposare?” Lo ha chiesto il sindaco eroe di Rocca di Papa prima di morire
    Emanuele Crestini è morto dopo aver soccorso i suoi colleghi nel Municipio colpito da un'esplosione. Prima di aggravarsi ha chiesto la mano della compagna Veronica: così a un passo dalla morte, l'uomo mette a fuoco il bisogno di vincoli duraturi, magari eterni. Avrebbe compiuto ieri 47 anni, quello che ora è conosciuto come il sindaco […]
    Annalisa Teggi
  • A Catania con Don Mario sboccia la carità: poliambulatorio gratis per i più poveri
    Attorno a un medico sacerdote, Don Mario Torracca, fiorisce un'opera al servizio dei più poveri e dimenticati: tanti i volontari e i benefattori che continuano a dare il loro contributo e centinaia i volontari al servizio di malati e indigenti.Sono incappata in questa notizia nella mia newsfeed di Facebook; ho tanto da contestare all’algoritmo di […]
    Paola Belletti
  • Notizia vera o “racconto mitico”? Come difendersi dal veleno della propaganda
    Siamo continuamente sottoposti a persuasione e manipolazione su ogni mezzo di comunicazione, ma abbiamo sempre la possibilità di difenderci e di informarci liberamente: il nuovo libro di Giuliano Guzzo è un'ottima mappa per orientarsi ed evitare le trappole più letali.di Emiliano Fumaneri Torna in libreria Giuliano Guzzo con Propagande , Edizioni La Vela, una appassionante […]
    Aleteia
  • La Natività di San Giovanni Battista e i “Natali trimestrali” della Chiesa
    Avete mai pensato a quelle che vengono chiamate le 4 gioie del Natale o i 4 momenti in cui il Natale “invade” l'anno?Natale è passato da sei mesi, e la Chiesa dice che è ora di un promemoria trimestrale del Bambin Gesù. Questa volta il promemoria arriva nella persona di Giovanni Battista, cugino di Gesù, […]
    Tom Hoopes
  • Essere luce e sale della terra…cosa intendeva Gesù?
    di Mauricio Montoya Il Vangelo ci dice che dobbiamo essere luce e sale della terra, ma sappiamo davvero cosa significa? Essere luce ed essere sale è qualcosa che riguarda la vita, che fa sì che nulla sia uguale, è donare la propria libertà e volontà perché non siano più le nostre ma quelle di Dio. […]
    Catholic Link
  • San Ivo assistette alla trasmutazione di un angelo
    Accadde in Bretagna. L'episodio è stato documentato nel processo di canonizzazioneIvo, chiamato anche Ivo Hèlory e Ivo di Bretagna era un avvocato molto compassionevole, benefattore dei poveri e degli oppressi, tanto che invitò alla sua tavola un angelo che gli era apparso travestito da mendicante. Divenuto prete e parroco a metà della sua vita. Dopo […]
    don Marcello Stanzione
  • È così, la Croce di Cristo ci attrae. E fa nuove tutte le cose
    Spesso, quando il male ci ferisce, la domanda spontanea è: perché Dio lo permette? Ma la speranza comincia solo fissando Cristo sofferente che ha vinto la morte.di Gianluca Carlin Parlare del dolore non è facile. È una dimensione intima e personale che tocca il cuore del nostro rapporto con Dio. Parlare del dolore altrui mi […]
    Fraternità San Carlo Borromeo

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 27:
    • 149:
    giugno: 2019
    L M M G V S D
    « Mag    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

    Login