Un libro coraggioso, singolare e stimolante: per imparare le virtù alla scuola degli animali

Redazione1
di Redazione1 marzo 20, 2019 09:09

Un libro coraggioso, singolare e stimolante: per imparare le virtù alla scuola degli animali

“L’asina di Gesù – viaggio tra virtù umane e cristiane”. Titolo che incuriosisce. Di solito, infatti, per trattare un argomento così impegnativo come le virtù (umane e, a maggior ragione, cristiane) non si parte da un animale e per di più da un animale che nell’immaginario collettivo è indice di scarsa intelligenza, nonché di testardaggine e ostinazione, come l’asino.

Ma, non appena si legge l’introduzione dell’autore, mons. Pietro Aliquò, si apprende   come, in questo suo percorso tra le virtù “che rendono significativa, interessante e bella la vita degli uomini”, l’asina sia stata una sua compagna di viaggio, insieme ad altri animali “presenti nella vita e nell’insegnamento di Gesù”.

Gli animali, infatti, soprattutto nel Vangelo sono tutt’altro che irrilevanti figure marginali o elementi di secondo piano: Gesù, in realtà, dà loro grande importanza tanto da citarli come simboli carichi di significato, necessari per veicolare in modo chiaro il suo messaggio e indicare in modo comprensibile a tutti la via da percorrere per raggiungere la salvezza eterna.

Certo, mons. Aliquò, non è il primo autore ad occuparsi degli animali citati nei testi sacri. Ma lo fa in modo diverso, seguendo cioè proprio l’essenza dell’insegnamento di Gesù: un cammino volto al bene coltivando, mediante regole di autodisciplina, le virtù rappresentate dagli animali. Mentre ciascun animale eccelle solo in qualcosa (la colomba in purezza e semplicità, l’agnello in umiltà, la pecora in docilità, il cane in fedeltà, il gallo in vigilanza, il serpente in prudenza e l’asino non certo nell’ignoranza, che tra l’altro non gli appartiene, ma nell’altra sua caratteristica ossia la pazienza), l’uomo le ha tutte in nuce dentro di sé.

Sono chiaramente anche virtù umane e l’una o l’altra possono far parte del profilo caratteriale di ciascun uomo. Ma diventano cristiane allorché l’uomo mette in moto la sua capacità di svilupparle e potenziarle, tutte insieme, per avvicinarsi a Dio e conquistare la vita eterna. Se non vuole, per qualche aspetto, finire nel fango e ricordare l’animale che è simbolo di lussuria, avarizia, ingordigia, ozio o sporcizia, in altre parole somigliare ai porci.

Virtù, ovviamente, tutte presenti in modo perfetto in Dio, come è dimostrato dalle varie citazioni dell’Antico Testamento da parte di mons. Aliquò nei paragrafi “Virtù di Dio”. Tutte presenti, naturalmente, anche in Gesù che le ha vissute da uomo, calandole nella materialità con la sua incarnazione, per indicarci che è possibile vincere le imperfezioni e la fragilità della nostra condizione umana (paragrafi “Virtù di Gesù”).

Virtù in tutti i tempi poco amate dagli uomini, ma nella società odierna addirittura latitanti se non quasi disprezzate: la purezza, infatti, è considerata anacronistica, la semplicità e la docilità sono sinonimo di inettitudine, la fedeltà fa a pugni con l’egoismo imperante dell’uomo d’oggi, la prudenza e la pazienza sono ritenute inadeguate perché è più utile fare la voce grossa, ecc. Trovando, quindi, più moderni e interessanti quei vizi che, invece, “rendono pesante il passo di chi cammina lungo il sentiero della libertà interiore”.

Un libro coraggioso, quindi, questo di mons. Aliquò. Una delle poche voci, oggi, fuori dal coro che con delicatezza, discernimento e linearità, ci fornisce tanti spunti di riflessione.

Col linguaggio semplice, chiaro e scorrevole che cont0raddistingue tutto il suo libro (Ed. Giotto Stampa, Messina, pag. 130), l’autore prosegue questo viaggio lungo ed esauriente tra le virtù umane e cristiane, spaziando dai riferimenti al passato e alla tradizione popolare, ai confronti col presente vissuto dall’uomo dei tempi d’oggi, fino alla prospettiva del futuro, cioè alla meta di questo nostro peregrinare sulla terra, raggiungibile solo facendo crescere e maturare la nostra anima, perché possa nascere alla vera vita.

Infine, al termine di ogni tappa di questo viaggio inserisce il paragrafo “linee di spiritualità” in cui ci indica le linee guida indispensabili per attuare questo itinerario e trasformare le virtù umane in virtù cristiane.

 

 

Fenia Abate

 

Redazione1
di Redazione1 marzo 20, 2019 09:09


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il cardinale vicario del Papa ha il Coronavirus. È ricoverato al Gemelli
    Angelo De Donatis, vicario generale della diocesi di Roma, positivo al Covid-19 ma in buone condizioni. “Mi affido al Signore” Il cardinale Angelo De Donatis, vicario generale della diocesi di Roma, dopo la manifestazione di alcuni sintomi, è stato sottoposto al tampone per il Covid-19 ed è risultato positivo. È stato ricoverato al Policlinico “Gemelli” con la febbre, ma […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Chef Bottura: trasformare tonnellate di cibo in pasti per i poveri, una missione meravigliosa!
    La vocazione del cuoco vista dallo chef stellato e raccontata in una intervista su Tv 2000 con Don Marco Pozza «Ho sempre pensato che il cibo scartato fosse un’opportunità. E che questo non sia uno scarto, ma un surplus, cioè cibo prodotto in eccesso». Lo afferma lo chef Massimo Bottura, nella settima puntata del programma […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Gesù, l’angelo custode, e il tumore guarito alla serva di Dio Luigina Sinapi
    Dopo la sua guarigione miracolosa nel 1935, Luigina entrò al servizio d’una signora esigente e poco gentile. Accadeva che ella fosse rapita in estasi proprio mentre lavorava come domestica Samuele è il nome dello spirito celeste che appariva alla serva di Dio Luigina Sinapi (1916-1978). Il nome di questo angelo è assolutamente inedito in tutte […]
    don Marcello Stanzione
  • La martire cristiana delle origini che ispirò i cattolici durante la peste
    Quando la peste colpì la città di Este nel 1630, i suoi abitanti chiesero aiuto a Santa Tecla Santa Tecla è una delle martiri più importanti del cristianesimo delle origini. Nata in una nobile famiglia dell’Anatolia, nell’attuale Turchia, si unì all’apostolo Paolo nei suoi viaggi in Terra Santa e divenne una guaritrice. Come molti dei […]
    V. M. Traverso
  • Quando della confessione avvertiamo un bisogno quasi fisico
    Venerdì scorso Papa Francesco ha incantato e commosso tutto il mondo, coinvolgendo perfino non cattolici, non cristiani e non credenti. All’indomani di quell’evento, tuttavia, possono sorgere in alcuni delle domande su come perfezionare il dono di grazia ricevuto. L’altro ieri ho telefonato al mio parroco per sentirlo e per farmi sentire: penso che sia una […]
    Giovanni Marcotullio
  • Don Cirillo, prima di morire, mani al cielo e un messaggio: “Ci vedremo in Paradiso, pregate il Rosario”
    Stroncato dal coronavirus, il sacerdote del “Centro Don Orione” di Bergamo ha trascorso le ultime ore di vita ad incoraggiare gli altri ammalati Prima di morire ha alzato le mani al cielo in segno di esultanza, come se avesse segnato un gol. Un gesto di coraggio, grinta, che proviene da una lezione di vita che don […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Papa Francesco su Tv2000: parliamo con i nostri defunti, loro sono già davanti a Dio
    Il pontefice alla trasmissione “Io Credo”: “Se non crediamo alla resurrezione dei morti, la nostra fede è una stupidaggine” Si può «parlare con i defunti, con i nostri antenati: ‘Ma, dimmi, tu dove stai? Dove sei?’, perché c’è la prima resurrezione e poi sarà universale per tutti, ma loro già sono davanti a Dio». Lo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il Battesimo di tuo figlio è stato rinviato? Ecco cosa puoi fare nell’attesa
    In queste circostanze difficili la Chiesa non lascia solo nessuno, contempla ogni eccezione proprio in virtù dell’amore premuroso con cui Gesù vuole arrivare a tutti. La riduzione e sospensione dei Sacramenti in tempo di epidemia addolora, eppure è proprio nei tempi più duri e difficili che anche gli aspetti più tecnici e dottrinali della Chiesa […]
    Annalisa Teggi
  • Un miracolo nel caos del coronavirus
    Carla ha postato sulle reti sociali un messaggio perché i suoi amici pregassero per suo nonno, che avrebbe dovuto sottoporsi a un delicatissimo intervento Carla ha 23 anni e sta vivendo come tutti la pandemia mondiale del coronavirus, che colpisce migliaia di spagnoli. Ma ha anche un altro motivo di preoccupazione: suo nonno dev’essere operato, […]
    Javier González García
  • Famiglie e disabili intellettivi: per noi la passeggiata non è un capriccio
    Quanto più si protrae questa condizione di isolamento, tanto maggiore diventa la fatica per chi patisce situazioni di disabilità psichica e intellettiva. Per tantissime persone, allora, una breve passeggiata, con tutte le misure anti contagio previste, è una questione di vera sopravvivenza. Io resto a casa per tanti ha smesso da un pezzo di essere […]
    Paola Belletti

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 91:
    • 367:
    marzo: 2020
    L M M G V S D
    « Feb    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login