MESSINA – Montevergine, Santa Eustochia Smeralda: mediatrice di grazie premurosa e comunicativa

Redazione1
di Redazione1 febbraio 16, 2019 13:12

MESSINA – Montevergine, Santa Eustochia Smeralda: mediatrice di grazie premurosa e comunicativa

Negli scritti di una nostra pubblicazione abbiamo affermato che una delle tendenze che   contraddistinguono la psicologia dei messinesi è data dalla particolare predisposizione che essi hanno per i valori della spiritualità. Una conferma di questo assunto ci proviene dall’esempio dei numerosi concittadini che si sono distinti per santità di vita consacrata, di cui la figura più antica e luminosa, elevata all’onore degli altari l’11 giugno 1988, è Eustochia Smeralda Calafato (1434-1485). A questa   fulgida personalità si aggiunge quella di un altro eminente figlio di questa città, Annibale Maria Di Francia, la cui santità è stata proclamata il 16 maggio 2004.

Due grandi Santi, dunque, precursori di un nutrito gruppo di altri appartenenti alla Chiesa messinese già avviati nel processo di canonizzazione, che fanno di Messina una privilegiata Terra di santi. Un prezioso patrimonio spirituale sovraindividuale che rappresenta motivo di coesione e arricchimento, assai caratterizzante, della nostra identità collettiva.

Ora, riguardo all’importante ruolo di intermediazione che fa di ogni santo un ponte fra l’essere umano e la Divinità, ci preme guardare in particolar modo alla grande mistica francescana, Santa Eustochia Smeralda, l’umile clarissa innamorata del Crocifisso e Fondatrice del Monastero di Montevergine, da cui irradia una spiritualità che da secoli è ispiratrice di religiosità e vita consacrata. Non solo, ma anche per il fatto che la testimonianza delle tante persone che ne hanno invocato l’intercessione, ha messo in evidenza il suo carisma di mediatrice di grazie particolarmente premurosa e comunicativa.

Una Santa che risponde sollecita a chi le si rivolge con fede per chiederle aiuto nei momenti difficili, con i favori divini da lei ottenuti che spesso sono associati a segni straordinari: soprattutto odore di incenso, oppure profumo di rose, o di altri fiori, o con apparizioni in sogno, visioni o sensazioni di intensa gioia.

Riteniamo pertanto interessante, oltre che edificante, riferire di volta in volta qualcuna di queste testimonianze di grazie ottenute dai tanti fedeli, raccolte dalle clarisse di Montevergine.

Una di tali attestazioni ci proviene da Enza Cacopardo, che afferma di aver ricevuto una doppia grazia dalla nostra Santa prima della sua canonizzazione, e così ce la racconta.

Già una volta mio padre era stato oggetto di un evento quasi miracoloso. Affetto da una gravissima malattia al polmone destro, non si era ottenuto l’esito desiderato neanche con un intervento chirurgico e con altri rimedi di cui disponeva la scienza medica. Era guarito invece in seguito alle mie preghiere rivolte alla Beata Eustochia, e alla mia promessa di entrare a far parte della Sua Associazione. Inizialmente partecipai alle riunioni di preghiera ma poi con indolenza me ne allontanai.

In seguito mio padre ebbe una ricaduta. Questa volta senza speranza di guarigione. Una notte, non posso asserire se fu un sogno o una visione, ma certamente vidi una monaca, che altro non poteva essere che la nostra Beata, che vegliava al capezzale del mio povero padre. Umiliata, mi ricordai del mio mancato voto e, pentita, mi rivolsi ad Eustochia con le preghiere più fervide, assicurando che non avrei più commesso il precedente errore. Il male frattanto condusse mio padre in fin di vita e i medici affermavano che solo un miracolo avrebbe potuto salvarlo. Ed è stato proprio così. Mio padre guarì tra lo stupore di tutti. Infatti ancora ora non trovo parole per esprimere l’illimitata riconoscenza verso la nostra Beata per la sua tenera attenzione ai nostri bisogni”.

 

 

A.M.

Redazione1
di Redazione1 febbraio 16, 2019 13:12


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il cardinale vicario del Papa ha il Coronavirus. È ricoverato al Gemelli
    Angelo De Donatis, vicario generale della diocesi di Roma, positivo al Covid-19 ma in buone condizioni. “Mi affido al Signore” Il cardinale Angelo De Donatis, vicario generale della diocesi di Roma, dopo la manifestazione di alcuni sintomi, è stato sottoposto al tampone per il Covid-19 ed è risultato positivo. È stato ricoverato al Policlinico “Gemelli” con la febbre, ma […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Chef Bottura: trasformare tonnellate di cibo in pasti per i poveri, una missione meravigliosa!
    La vocazione del cuoco vista dallo chef stellato e raccontata in una intervista su Tv 2000 con Don Marco Pozza «Ho sempre pensato che il cibo scartato fosse un’opportunità. E che questo non sia uno scarto, ma un surplus, cioè cibo prodotto in eccesso». Lo afferma lo chef Massimo Bottura, nella settima puntata del programma […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Gesù, l’angelo custode, e il tumore guarito alla serva di Dio Luigina Sinapi
    Dopo la sua guarigione miracolosa nel 1935, Luigina entrò al servizio d’una signora esigente e poco gentile. Accadeva che ella fosse rapita in estasi proprio mentre lavorava come domestica Samuele è il nome dello spirito celeste che appariva alla serva di Dio Luigina Sinapi (1916-1978). Il nome di questo angelo è assolutamente inedito in tutte […]
    don Marcello Stanzione
  • La martire cristiana delle origini che ispirò i cattolici durante la peste
    Quando la peste colpì la città di Este nel 1630, i suoi abitanti chiesero aiuto a Santa Tecla Santa Tecla è una delle martiri più importanti del cristianesimo delle origini. Nata in una nobile famiglia dell’Anatolia, nell’attuale Turchia, si unì all’apostolo Paolo nei suoi viaggi in Terra Santa e divenne una guaritrice. Come molti dei […]
    V. M. Traverso
  • Quando della confessione avvertiamo un bisogno quasi fisico
    Venerdì scorso Papa Francesco ha incantato e commosso tutto il mondo, coinvolgendo perfino non cattolici, non cristiani e non credenti. All’indomani di quell’evento, tuttavia, possono sorgere in alcuni delle domande su come perfezionare il dono di grazia ricevuto. L’altro ieri ho telefonato al mio parroco per sentirlo e per farmi sentire: penso che sia una […]
    Giovanni Marcotullio
  • Don Cirillo, prima di morire, mani al cielo e un messaggio: “Ci vedremo in Paradiso, pregate il Rosario”
    Stroncato dal coronavirus, il sacerdote del “Centro Don Orione” di Bergamo ha trascorso le ultime ore di vita ad incoraggiare gli altri ammalati Prima di morire ha alzato le mani al cielo in segno di esultanza, come se avesse segnato un gol. Un gesto di coraggio, grinta, che proviene da una lezione di vita che don […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Papa Francesco su Tv2000: parliamo con i nostri defunti, loro sono già davanti a Dio
    Il pontefice alla trasmissione “Io Credo”: “Se non crediamo alla resurrezione dei morti, la nostra fede è una stupidaggine” Si può «parlare con i defunti, con i nostri antenati: ‘Ma, dimmi, tu dove stai? Dove sei?’, perché c’è la prima resurrezione e poi sarà universale per tutti, ma loro già sono davanti a Dio». Lo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il Battesimo di tuo figlio è stato rinviato? Ecco cosa puoi fare nell’attesa
    In queste circostanze difficili la Chiesa non lascia solo nessuno, contempla ogni eccezione proprio in virtù dell’amore premuroso con cui Gesù vuole arrivare a tutti. La riduzione e sospensione dei Sacramenti in tempo di epidemia addolora, eppure è proprio nei tempi più duri e difficili che anche gli aspetti più tecnici e dottrinali della Chiesa […]
    Annalisa Teggi
  • Un miracolo nel caos del coronavirus
    Carla ha postato sulle reti sociali un messaggio perché i suoi amici pregassero per suo nonno, che avrebbe dovuto sottoporsi a un delicatissimo intervento Carla ha 23 anni e sta vivendo come tutti la pandemia mondiale del coronavirus, che colpisce migliaia di spagnoli. Ma ha anche un altro motivo di preoccupazione: suo nonno dev’essere operato, […]
    Javier González García
  • Famiglie e disabili intellettivi: per noi la passeggiata non è un capriccio
    Quanto più si protrae questa condizione di isolamento, tanto maggiore diventa la fatica per chi patisce situazioni di disabilità psichica e intellettiva. Per tantissime persone, allora, una breve passeggiata, con tutte le misure anti contagio previste, è una questione di vera sopravvivenza. Io resto a casa per tanti ha smesso da un pezzo di essere […]
    Paola Belletti

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 107:
    • 367:
    marzo: 2020
    L M M G V S D
    « Feb    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login