Forum Davos, Oxfam: 26 multimiliardari hanno quanto la metà del mondo. In Italia il 5% ha quanto il 90% dei più poveri. Papa e Giornata mondiale dei poveri

Redazione1
di Redazione1 gennaio 23, 2019 00:34

Forum Davos, Oxfam: 26 multimiliardari hanno quanto la metà del mondo. In Italia il 5% ha quanto il 90% dei più poveri. Papa e Giornata mondiale dei poveri

Troppi poveri pochi super ricchi. La forbice tra i più ricchi e i poveri del pianeta si allarga sempre più. “Il sistema economico attuale consente solo a una ristretta élite di accumulare enormi fortune, mentre centinaia di milioni di persone lottano per la sopravvivenza con salari da fame“. la disuguaglianza desta seria preoccupazione anche in Italia. L’attuale sistema crea miseri e disuguali, offrendo lavori rischiosi, sotto-retribuiti e precari, abusando sistematicamente dei diritti di chi lavora.

Ad inizio del meeting annuale del Forum economico mondiale di Davos, Oxfam nel nuovo rapporto, “Bene pubblico o ricchezza privata?”, denuncia la “concentrazione di enormi fortune nelle mani di pochi, che evidenzia l’iniquità sociale e l’insostenibilità dell’attuale sistema economico”. A metà 2018, l’1% più ricco deteneva infatti poco meno della metà (47,2%) della ricchezza aggregata netta, contro un magro 0,4% assegnato alla metà più povera della popolazione mondiale, 3,8 miliardi di persone. In Italia il 20% più ricco dei nostri connazionali possedeva, nello stesso periodo, circa il 72% dell’intera ricchezza nazionale. Il 5% più ricco degli italiani era titolare da solo della stessa quota di ricchezza posseduta dal 90% più povero.

A questo si aggiunge il fatto che “dopo una drastica diminuzione, tra il 1990 e il 2015, del numero di persone che vivono con un reddito di meno di 1,90 dollari al giorno, ad allarmare è il calo del 40% del tasso annuo di riduzione della povertà estrema. Un aumento della povertà estrema che colpisce in primis i contesti più vulnerabili del globo, come l’Africa subsahariana”.

Il report “rivela come il persistente divario tra ricchi e poveri comprometta i progressi nella lotta alla povertà, danneggi le nostre economie e alimenti la rabbia sociale in tutto il mondo. Lo studio mette inoltre in evidenza le responsabilità dei governi, in ritardo nell’adottare misure efficaci per contrastare questa galoppante disuguaglianza”. “Un sistema così disuguale da produrre un costo umano altissimo: il taglio di servizi essenziali come sanità e istruzione, fa sì che 262 milioni di bambini non possano andare a scuola e 10 mila persone ogni giorno muoiano perché non hanno accesso alle cure”.

La nuova “Giornata mondiale dei poveri”, istituita da Papa Francesco risponde dunque ad un’ispirazione pienamente sollecita della nostra storia concreta, passata, presente e futura. Ma, come e più di tutte le altre “Giornate” di cui è costellato il

calendario – sia ecclesiale che civile (con quelle numerose indette così di frequente dall’Onu o da varie associazioni) – non può che essere una evidenziazione ed uno stimolo perché tutto l’anno possa poi improntarsi ad una maggiore attenzione sul tema. E questo in modo speciale, che ci provoca e ci interroga sicuramente ogni giorno o in circostanze vicine e vicinissime o in situazioni, in misura diversa, lontane.
La prospettiva che ci propone il Papa, però, è – oltre a quella necessaria di una maggiore perequazione, di una ricerca costante della giustizia e di una pratica quotidiana  della carità, tanto più sulle orme del Vangelo – di un “incontro con i poveri”, nella convinzione che essi – come sanno quanti li frequentano davvero – possono insegnarci molto. I tanti (o pochi, in proporzione) anch’essi “poveri”, consapevoli della propria pochezza e desiderosi dunque di condividere con i “fratelli” il pane e non solo; né soltanto “per beneficenza”.Quanto mai opportuna una riflessione sull’atteggiamento, personale e comunitario – oltre che organizzativo -, nei riguardi dell’amplissima questione della “povertà”, in tutte le sue dimensioni e sfaccettature; anzi nei riguardi dei “poveri” come persone o famiglie che fanno pienamente parte di noi e che vanno soprattutto “incontrate” ancor prima e ancor più che “aiutate”.
I “Centri di ascolto” e le svariate altre strutture e iniziative, sorte o sviluppate attorno alla Caritas diocesana, sono strumenti di questo “incontro” che, nel tentativo di offrire anche soluzioni e prospettive di riscatto, devono far percepire la vicinanza della comunità e dei cristiani, impegnati in un dialogo di promozione reciproca. Missione non solo dei cristiani, certamente, ma di tutti gli “uomini di buona volontà”, ai quali pure Papa Francesco si rivolge esplicitamente poiché la “questione” riguarda tutti, universalmente, e tutti – ricchi e poveri – possono e devono dare il proprio contributo.

 

 

Redazione da Ag. di I.

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 gennaio 23, 2019 00:34


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il cardinale vicario del Papa ha il Coronavirus. È ricoverato al Gemelli
    Angelo De Donatis, vicario generale della diocesi di Roma, positivo al Covid-19 ma in buone condizioni. “Mi affido al Signore” Il cardinale Angelo De Donatis, vicario generale della diocesi di Roma, dopo la manifestazione di alcuni sintomi, è stato sottoposto al tampone per il Covid-19 ed è risultato positivo. È stato ricoverato al Policlinico “Gemelli” con la febbre, ma […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Chef Bottura: trasformare tonnellate di cibo in pasti per i poveri, una missione meravigliosa!
    La vocazione del cuoco vista dallo chef stellato e raccontata in una intervista su Tv 2000 con Don Marco Pozza «Ho sempre pensato che il cibo scartato fosse un’opportunità. E che questo non sia uno scarto, ma un surplus, cioè cibo prodotto in eccesso». Lo afferma lo chef Massimo Bottura, nella settima puntata del programma […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Gesù, l’angelo custode, e il tumore guarito alla serva di Dio Luigina Sinapi
    Dopo la sua guarigione miracolosa nel 1935, Luigina entrò al servizio d’una signora esigente e poco gentile. Accadeva che ella fosse rapita in estasi proprio mentre lavorava come domestica Samuele è il nome dello spirito celeste che appariva alla serva di Dio Luigina Sinapi (1916-1978). Il nome di questo angelo è assolutamente inedito in tutte […]
    don Marcello Stanzione
  • La martire cristiana delle origini che ispirò i cattolici durante la peste
    Quando la peste colpì la città di Este nel 1630, i suoi abitanti chiesero aiuto a Santa Tecla Santa Tecla è una delle martiri più importanti del cristianesimo delle origini. Nata in una nobile famiglia dell’Anatolia, nell’attuale Turchia, si unì all’apostolo Paolo nei suoi viaggi in Terra Santa e divenne una guaritrice. Come molti dei […]
    V. M. Traverso
  • Quando della confessione avvertiamo un bisogno quasi fisico
    Venerdì scorso Papa Francesco ha incantato e commosso tutto il mondo, coinvolgendo perfino non cattolici, non cristiani e non credenti. All’indomani di quell’evento, tuttavia, possono sorgere in alcuni delle domande su come perfezionare il dono di grazia ricevuto. L’altro ieri ho telefonato al mio parroco per sentirlo e per farmi sentire: penso che sia una […]
    Giovanni Marcotullio
  • Don Cirillo, prima di morire, mani al cielo e un messaggio: “Ci vedremo in Paradiso, pregate il Rosario”
    Stroncato dal coronavirus, il sacerdote del “Centro Don Orione” di Bergamo ha trascorso le ultime ore di vita ad incoraggiare gli altri ammalati Prima di morire ha alzato le mani al cielo in segno di esultanza, come se avesse segnato un gol. Un gesto di coraggio, grinta, che proviene da una lezione di vita che don […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Papa Francesco su Tv2000: parliamo con i nostri defunti, loro sono già davanti a Dio
    Il pontefice alla trasmissione “Io Credo”: “Se non crediamo alla resurrezione dei morti, la nostra fede è una stupidaggine” Si può «parlare con i defunti, con i nostri antenati: ‘Ma, dimmi, tu dove stai? Dove sei?’, perché c’è la prima resurrezione e poi sarà universale per tutti, ma loro già sono davanti a Dio». Lo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il Battesimo di tuo figlio è stato rinviato? Ecco cosa puoi fare nell’attesa
    In queste circostanze difficili la Chiesa non lascia solo nessuno, contempla ogni eccezione proprio in virtù dell’amore premuroso con cui Gesù vuole arrivare a tutti. La riduzione e sospensione dei Sacramenti in tempo di epidemia addolora, eppure è proprio nei tempi più duri e difficili che anche gli aspetti più tecnici e dottrinali della Chiesa […]
    Annalisa Teggi
  • Un miracolo nel caos del coronavirus
    Carla ha postato sulle reti sociali un messaggio perché i suoi amici pregassero per suo nonno, che avrebbe dovuto sottoporsi a un delicatissimo intervento Carla ha 23 anni e sta vivendo come tutti la pandemia mondiale del coronavirus, che colpisce migliaia di spagnoli. Ma ha anche un altro motivo di preoccupazione: suo nonno dev’essere operato, […]
    Javier González García
  • Famiglie e disabili intellettivi: per noi la passeggiata non è un capriccio
    Quanto più si protrae questa condizione di isolamento, tanto maggiore diventa la fatica per chi patisce situazioni di disabilità psichica e intellettiva. Per tantissime persone, allora, una breve passeggiata, con tutte le misure anti contagio previste, è una questione di vera sopravvivenza. Io resto a casa per tanti ha smesso da un pezzo di essere […]
    Paola Belletti

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 92:
    • 367:
    marzo: 2020
    L M M G V S D
    « Feb    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login