Cattolici e politica. Appello di Bassetti: “Mai come oggi è fondamentale ricucire e ricostruire” per “guarire l’Italia e l’Europa”

Redazione1
di Redazione1 gennaio 19, 2019 10:26

Cattolici e politica. Appello di Bassetti: “Mai come oggi è fondamentale ricucire e ricostruire” per “guarire l’Italia e l’Europa”

Fermenti e tensioni diffusi rendono in atto contraddittorie, lacunose e inefficaci le varie forze politiche e sociali sia in Italia che in Europa. Sono fonte di confusione e incertezza che suscitano insoddisfazione, disinteresse e preoccupazione per il futuro. E la mancanza di prospettive produce inquietudini sociali che possono portare ad esiti imprevedibili e non facili da governare. Da parte della Chiesa giungono appelli rivolti ad una maggiore assunzione di responsabilità per i cattolici impegnati in politica: cosa che si impone per una svolta che eviti il precipizio. E’ conforme a questa linea un intervento del card. Bassetti.

 “Il XX secolo ha avuto come collante il cattolicesimo democratico, che trae la sua ispirazione dalla fede e dal rapporto che alcuni uomini e donne hanno avuto con il cristianesimo”. Lo ha messo in evidenza il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, presentando al Senato il libro “I miei santi in Paradiso”, scritto da mons. Leonardo Sapienza e dal giornalista Roberto Rotondo in occasione del centenario della nascita di Andreotti.

“Un rapporto intenso, fermissimo, fecondo”, ha commentato il cardinale: “Così fecondo da attraversare quasi tutto il secolo: dall’appello ai liberi e forti di don Luigi Sturzo del 1919 fino alla morte recente di quegli uomini come Andreotti che a quell’appello, in qualche modo, si sono sempre rifatti. Uomini diversi, con inclinazioni e attitudini differenti, ma che avevano una storia politica in comune la cui paternità risaliva anche a quell’appello di don Luigi Sturzo di cui proprio in questi giorni 

celebriamo il centenario”.

Nel volume edito dalla Lev, ha fatto notare Bassetti, “c’è una lunga carrellata di uomini – e anche di una donna –

che sono stati protagonisti indiscussi del secolo scorso: da Giorgio La Pira a don Primo Mazzolari, da don Carlo Gnocchi a don Zeno Saltini, da Papa Pio XII a Paolo VI, da San Giovanni Paolo II fino a Santa Teresa di Calcutta e San Pio da Pietrelcina. E ancora don Giuseppe Canovai, San Escrivà de Balaguer e il Beato Alvaro del Portillo”. “Una complessa ragnatela di esperienze, storie e rapporti umani – l’ha definita il porporato – che Andreotti ha tessuto già dalla fine degli anni Trenta, caratterizzata da una gravissima crisi economica e dallo sviluppo di alcuni regimi dittatoriali.

“In quell’epoca così violenta e carica di falsi profeti crescevano grandi personalità, grandi

uomini di Dio, tenaci nel servizio e

ardenti nella missione, che avrebbero dato vita, ad un cattolicesimo politico italiano basato

sull’umanesimo cristiano”, ha proseguito Bassetti: “Una civiltà  sulla dignità incalpestabile della persona umana.

“Oggi come ieri, la nostra missione evangelizzatrice si traduce nell’annunciare al mondo intero la luce redentrice del Cristo, come scrivono Sapienza e Rotondo, nel ricucire in modo più giusto e democratico il tessuto sociale del Paese”. Tutte le personalità, laici o consacrati, che entrano in contatto con Andreotti, per Bassetti “hanno un elemento in comune: sono accomunati da un’enorme capacità di capire e rispondere alle sofferenze del popolo. Ma poi durante e dopo la Seconda guerra

mondiale, quando l’Italia era sommersa dalle macerie, questi uomini di fede sono stati accanto al popolo e lo hanno aiutato concretamente a ‘mettere un mattone sull’altro nella ricostruzione sociale e morale del Paese’”.

“Mai come oggi è fondamentale saper coniugare questi due verbi: ricostruire e ricucire”, è il messaggio di Bassetti, “Ricostruire ciò che è distrutto. Ricucire ciò che è strappato. Ricostruire e ricucire con fede, con coraggio, con speranza, per poter “Guarire l’Italia, guarire l’Europa”. Un compito da affidare ai cattolici impegnati in politica, è stato l’appello del Presidente della Cei, nell’’intervento alla presentazione del volume “I miei santi in Paradiso”, che “non è solo un libro su Andreotti, ha precisato, ma ci fornisce la caratura spirituale e

culturale di una generazione di cattolici”, meritevole per aver ricostruito l’Italia dopo le macerie della guerra e aver dato una dignità internazionale ad un Paese sconfitto e distrutto”.

“Lasciatemi dire grazie a quella generazione di cattolici che, con grande lungimiranza, si sono battuti per collocare l’Italia “in un’Europa libera, democratica e di pace. Assegnandole all’inizio quei valori di carità e solidarietà che provengono dalle radici cristiane del continente europeo”. Il porporato ha concluso auspicando che “questa missione di pace e solidarietà sia ancora il cammino del futuro” citando le parole di una lettera che La Pira scrisse ad Andreotti nel 1972: dopo aver evocato la “Madonna” come “guaritrice delle nazioni”, La Pira scrive che occorre “guarire l’Italia e cooperare in modo essenziale alla guarigione dell’Europa – tutta – e del mondo”.

 

 

 

 

Redazione, da Ag. di I.

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 gennaio 19, 2019 10:26


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • I preziosi consigli di Madre Teresa per aspirare alla santità
    Pensate che non sarete mai in grado di raggiungere la santità? Dovrete ricredervi perché per toccarla con la punta delle dita, basta semplicemente rispettare qualche tappa importante. Spiegazioni con Madre Teresa di Calcutta. di padre Nicolas Buttet San Giovanni Paolo II aveva proposto la santità come programma pastorale per il III millennio cristiano con il […]
    Edifa
  • Il Papa sceglie “Vieni e vedi”. E chiede di comunicare come faceva Gesù
    Il 55° Messaggio per la Giornata delle Comunicazioni Sociali sollecita una comunicazione essenziale e più vicina alle persone “Vieni e vedi”. Queste parole dell’apostolo Filippo sono centrali nel Vangelo: l’annuncio cristiano prima che di parole, è fatto di sguardi, testimonianze, esperienze, incontri, vicinanza. In una parola, vita. Proprio quelle parole, citate nel Vangelo di Giovanni […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Come vedere l’aspetto positivo dei nostri difetti quando ci fanno soffrire?
    La nostra vita è come scalare una montagna su strade che spesso non scegliamo, e oltre che mal equipaggiati lo facciamo passando per luoghi pericolosi Ciò che è certo è che nel corso della vita non possiamo eliminare né le nostre virtù, né i nostri difetti. Lungo il cammino troveremo delle pietre, e nel paesaggio […]
    Orfa Astorga
  • «Sono stato io, li ho uccisi perché erano troppo felici»
    L’invidia per la felicità altrui, questa la confessione di Antonio De Marco per il duplice omicidio di Lecce. Il movente di questo orrendo delitto ci interroga. È arrivata la svolta –  si dice così in gergo giornalistico – nel caso dei fidanzati uccisi a Lecce. Ma non è una svolta, cioé una di quelle curve […]
    Annalisa Teggi
  • La lotta di una coppia con due figli affetti da schizofrenia
    La testimonianza di Philippe e Charlotte, che prima si sono sentiti impotenti e poi hanno scoperto un tesoro nella malattia dei loro figli Philippe e Charlotte Franc, entrambi di 80 anni, genitori di quattro figli e nonni di nove nipoti, offrono oggi la testimonianza di tutta una vita. Una vita segnata da tante difficoltà e […]
    Mathilde De Robien
  • Sapete qual è stata la prima basilica dedicata a San Michele?
    Si trova alla periferia di Roma, e ha una storia poco nota “Micheleion”: così si chiamava la prima basilica dedicata a San Michele arcangelo, fatta costruire dall’imperatore Costantino e situata su una collina alla periferia di Roma, lungo la famosa Via Salaria, al settimo miglio, in quella che oggi è la zona di Castel Giubileo. […]
    Maria Paola Daud
  • Il Governo britannico finanzia un gioco sessuale per alunni dai 13 anni in su
    Devono citare atti sessuali che possono essere praticati con la combinazione delle parole uscite da due dadi lanciati insieme Tra gli “strumenti di educazione sessuale” che il Governo britannico ha finanziato perché siano usati nelle scuole c’è un “gioco” in cui gli adolescenti devono lanciare due dadi e discutere gli atti sessuali collegati ai termini […]
    Aleteia
  • S.Giovanni Paolo II, “La bottega dell’orefice” e il nostro amore
    Tra i tanti anniversari legati al pontefice polacco c’è anche questo: il sessantesimo della sua opera teatrale forse più famosa e senza dubbio più salutare per la vita matrimoniale. Il 2020 è l’anno del centenario della nascita di San Giovanni Paolo II La vita di Giovanni Paolo II è stata così ricca e il suo […]
    Teologia del corpo and more
  • Come San Girolamo faceva fronte ai suoi accessi d’ira
    Il santo era noto per il fatto di non avere freni e di esprimere commenti furiosi, ma il suo pentimento lo ha salvato L’ira è un sentimento, e in sé non è peccaminosa. È perfino possibile che possa spingerci a fare qualcosa di eroico e a sostenere chi viene perseguitato. È molto più semplice, però, […]
    Philip Kosloski
  • Si bandisca dal cuore umano l’invidia.
    Il terribile omicidio di Lecce mosso da una incredibile confessione dell’assassino: “Erano troppo felici, ero invidioso”. Una motivazione terrificante “Ho ucciso per invidia, perché erano felici”. Pianificando nei dettagli crudeli fino all’estremo la loro eliminazione e la loro definitiva evaporazione, scomparsa. Cancellare tutto. Ogni cosa di vita e bella. Non possiamo considerare ciò che è […]
    Don Fortunato Di Noto

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 12:
    • 130:
    ottobre: 2020
    L M M G V S D
    « Set    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

    Login