Giornata della pace, il vescovo di Mondovì: “per giovare alla vita pubblica la politica deve nutrirsi di coraggio, responsabilità e cura quasi materna”

Redazione1
di Redazione1 gennaio 3, 2019 20:36

Giornata della pace, il vescovo di Mondovì: “per giovare alla vita pubblica la politica deve nutrirsi di coraggio, responsabilità e cura quasi materna”

Un anno che si conclude porta inevitabilmente a fare il bilancio di ciò che è accaduto, e a formulare auspici per quello che inizia. Ora, per ciò riguarda la valutazione di quanto ha caratterizzato l’anno trascorso, si impone preponderante il periodo difficile e deprecabile riguardante la nostra realtà sociopolitica. Una condizione perdurante ormai da diversi anni, per cui il nostro Paese vive una crisi che alle difficoltà dell’economia unisce il travaglio della fine di un ciclo politico, l’affievolirsi della capacità di affrontare i problemi e un vistoso limite culturale nel proporre soluzioni valide per la vita pubblica.

In questo contesto di gravi carenze, si va sempre più diffondendo l’idea che siamo governati da politici poco efficienti, se non addirittura incapaci, spesso corrotti, che riescono perlopiù a produrre effetti deleteri, invece che bene comune. Caratteristiche associate a segni di debolezza, irresponsabilità e inadeguatezza nelle funzioni che i politici dovrebbero svolgere per il bene della nazione.Pertanto, sulla base di queste premesse, il pensiero augurale, prioritario per tutti, non può che riferirsi a un cambiamento positivo

dell’attività sociopolitica, che è presupposto culturale necessario per la realizzazione del benessere comune.Per questo motivo ci sembra appropriato riportare il messaggio espresso da un vescovo italiano in occasione del primo dell’anno, Giornata mondiale della Pace. Messaggio che appare meritorio e assai calzante riguardo a quanto più giova per il bene del nostro Paese.

“Dovremmo sempre chiederci perché una persona sceglie di fare politica e confidare nella reale altezza della sua statura morale, nella sua reale dedizione agli altri. Se ha agito e agisce per il bene comune; se ha sguardo disinteressato e lungimirante, capace di andare oltre le miopi strategie della polemica di breve respiro e del consenso immediato. Questo, come dicevo all’inizio, è il coraggio vero, la responsabilità e la cura quasi ‘materna’ che è necessaria.

Ciò di cui si nutre la buona politica quando vuole giovare alla vita pubblica”. Lo ha affermato ieri il vescovo di Mondovì, mons. Egidio Miragoli, nell’omelia pronunciata nel corso della celebrazione che ha presieduto nella Giornata mondiale della pace. Nella solennità di Maria Santissima Madre di Dio, il vescovo ha sottolineato come la ricorrenza “inviti al coraggio, alla responsabilità e alla cura”. “Quando una madre genera un figlio – ha osservato mons. Miragoli –, compie anzitutto un atto di coraggio, perché sa di esporlo al rischio e alla bellezza della vita, e di esporsi alle sofferenze che, inevitabilmente, l’amore comporta, e quello materno più di altri, data la forza del legame che instaura”.

“Quanto alla responsabilità – ha proseguito –, credo non sia necessario sottolineare che chiunque, non solo una madre, quando genera qualcosa ne diviene responsabile, e sarebbe bene che tutti noi ci sentissimo più responsabili di tutto ciò che generiamo vivendo. Dei figli, certo; ma anche dei progetti; dei rapporti; dei sentimenti: di tutto ciò che nasce perché noi lo vogliamo dovremmo poi sentirci responsabili”. Da ciò “dovrebbe derivare anche l’attitudine ad averne ‘cura’, atteggiamento mai abbastanza raccomandato”. Il vescovo ha esortato a fare “nostra l’idea stessa di maternità ripromettendoci di avere davvero cura di tutto ciò cui la vita ci chiama: della nostra vocazione, del nostro lavoro, della nostra famiglia, del coniuge cui abbiamo promesso fedeltà e presenza, dei figli che abbiamo, appunto generato, della porzione di mondo in cui viviamo e che in qualche modo ci è temporaneamente affidata: Maria madre di Dio faccia di ciascuno di noi una ‘madre’ coraggiosa, responsabile e capace di cura”.

 

 

Redazione da A. di I.

Redazione1
di Redazione1 gennaio 3, 2019 20:36

RSS aleteia

  • Credere dopo la crisi: riscoprire la Chiesa domestica
    Nel nostro cammino di riflessione su pandemia, crisi e ritorno alla fede abbiamo individuato “tre cose da fare” e abbiamo già sottolineato l’importanza e l’urgenza di liberarci da tutte le false immagini di Dio, specialmente dinanzi per rinnovare il nostro modo di pensare e di annunciare Dio dinanzi al mistero della sofferenza, del male e […]
    Don Francesco Cosentino
  • Jane Goodall: nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali
    Nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali. “Ogni animale è un individuo, Dio nota anche quando muore un ragno, e quindi bisogna pensare ai tanti esseri che soffrono in questo mondo, non solo umani”, ha affermato l’etologa britannica Jane Goodall, 87 anni, pioniera nello studio degli scimpanzè selvaggi e nota messaggera di pace dell’ONU. […]
    Ary Waldir Ramos Díaz
  • Francesco: la preghiera vocale ci porta per mano a Dio
    “Non cadiamo nella superbia di disprezzare la preghiera vocale”, perché “le parole che pronunciamo ci prendono per mano”, “destano anche il più assonnato dei cuori” e sono le sole che, in maniera sicura “indirizzano a Dio le domande che Lui vuol ascoltare”. Così Papa Francesco nella catechesi dell’udienza generale di questa mattina, tenuta ancora nella […]
    Vatican News
  • L’incredibile storia di un bambino inghiottito dal mare e restituito un anno dopo
    Questa storia incredibile ha a che vedere con uno dei santi più venerati nell’antichità e terzo successore di Pietro, San Clemente Romano. Prima di raccontare questa leggenda straordinaria dobbiamo sapere com’è morto San Clemente, perché la storia ha uno stretto rapporto con il suo martirio. San Clemente Romano Documenti del IV secolo narrano che Papa […]
    Maria Paola Daud
  • La perfezione dell’imperfezione nella vita cristiana
    “Quanti giovani hanno abbandonato del tutto la Chiesa?” Questa domanda colpisce al cuore innumerevoli ministri giovanili, educatori, sacerdoti e genitori, ma capire perché tanti giovani lasciano è fondamentale per il futuro della Chiesa. Ad aver posto questa domanda è stato Doug Tooke, che ha più di 25 anni di esperienza a livello di ministero giovanile […]
    Theresa Civantos Barber
  • Quali rischi si corrono con i vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson?
    Vaccino anti Covid: tra il 14 e 20 aprile 2021, l’Agenzia Europea del Farmaco (Ema) ha aggiornato le linee guide sulla sicurezza di AstraZeneca e Johnson & Johnson, evidenziando quali rischi si possono generare per la salute di chi si vaccina. Facciamo chiarezza: si tratta di eventi molto rari, che però vanno spiegati in modo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Che cosa vuole donarci Dio?
    In quel tempo, disse Gesù alla folla: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai! Vi ho detto però che voi mi avete visto, eppure non credete.Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me: colui che viene a me, […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Hadjadj: «Andiamo verso una società senza odore»
    La chiamano «sindrome di Proust». È la capacità della nostra memoria olfattiva di ricordare una esperienza del passato, anche caduta nel dimenticatoio. Basta un odore, un profumo familiare ed ecco riaffiorare le emozioni collegate a quell’antica esperienza. Proprio come la celebre madeleine di Proust, il dolcetto imbevuto di tè che col suo sapore, all’inizio di […]
    Emiliano Fumaneri
  • Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid
    Una coppia di pensionati britannici separati da mesi a causa del Coronavirus si ritrova, e il loro video – condiviso sui social – commuove l’Inghilterra. The post Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Aleteia
  • Come aiutare i figli adolescenti a distinguere tra flirt e vero amore?
    di Christine Ponsard A cinque o sei anni, si gioca a “m’ama, non m’ama”, staccando ad uno ad uno i petali bianchi delle margherite, come se si recitasse una filastrocca. Dieci anni dopo, le cose cambiano e, margherita o no, dire “ti amo” non dovrebbe più essere così banale. Il flirt è un male o […]
    Edifa

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 104:
    • 187:
    aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

    Login