MESSINA – Una storia vera, nel racconto di vissuti sofferti, sentimenti contrastanti e amore incondizionato

Redazione1
di Redazione1 agosto 8, 2018 21:41

MESSINA – Una storia vera, nel racconto di vissuti sofferti, sentimenti contrastanti e amore incondizionato

 

 

Un interessante libro di Lucia Abbate! Coinvolgente, veritiero, istruttivo. Narra con linguaggio appropriato, scorrevole e schietto i momenti difficili di una vita vissuta con forte volontà di affermazione, e con una ancor più intensa e profonda spinta interiore verso la gioia di vivere. Un percorso esistenziale vario e interessante che fa riflettere positivamente sul modo di affrontare alcune di quelle vicende poco belle che la realtà riserva; da cui però è sempre possibile venire fuori, specialmente se si attinge alle risorse umane più elevate, come quelle spirituali che fanno leva sul potere dell’amore autentico, incondizionato. (A.M.)

“Cani, amore e  ipocondria”. Queste tre parole del titolo sintetizzano gli aspetti cardine su cui si muovono gli eventi principali della vita della protagonista di questo libro (“CANI, AMORE e E IPOCONDRIA” – Ed. Campanotto Narrativa; 180 pag. E. 15,00). Il tutto inserito nella cornice di una città che l’autrice conosce bene: Messina, la sua città. Di cui ci fornisce un interessante spaccato storico-culturale riferito agli anni Cinquanta/Sessanta, con l’immancabile sfondo affascinante e unico dello Stretto.

Attraverso la storia di Lavinia, Lucia Abbate, professore associato di Linguistica presso l’Università degli studi di Messina, tratta il tema della comunicazione tra l’uomo e l’animale, nello specifico tra l’uomo e il cane, basata ovviamente sul linguaggio non verbale e sul sentimento che ne è il contenuto fondamentale.

L’autrice, in questo suo libro, mostra quanto tale rapporto uomo-animale sia importante per gli effetti benefici che produce, poiché, a riprova di quanto sostiene la “pet-therapy”, si rivela un sussidio validissimo nel superamento di momenti critici della nostra vita, oltre che di angosce e stati depressivi. Lavinia, infatti, riesce ad affrontare la crisi coniugale e la successiva separazione, con l’inevitabile conseguente reazione depressiva, grazie all’aiuto di Gioia, il suo primo cane. Attraverso la mediazione di Gioia, la protagonista, poi, riesce a distogliere la sua attenzione dai suoi malesseri e dalle sue paure immaginarie, ad avere più fiducia in se stessa, a non considerarsi più tanto fragile e indifesa. In altri termini, riesce ad imparare a gestire molto meglio la sua ipocondria.

Non solo, ma l’amore che un cane, o qualsiasi animale, ci dona è importante anche perché stimola a riflettere sull’amore, su come dovrebbe essere questo sentimento che nelle sue varie forme è di importanza psicologica centrale nella vita umana.

“Quando sei con lui non devi darti un tono, non ti vuole più magro, meno pigro o più ricco. Con lui non devi trattenere le lacrime e nemmeno l’allegria. Ti puoi mostrare nudo o indifeso. Non gli importa se hai un colore diverso dal suo o se sei troppo colorato. Con lui non devi parlare per forza.” Così recita un noto spot pubblicitario di alimenti per cani. Infatti, nella nostra relazione con gli animali, e in particolar modo con un cane, noi possiamo essere “naturali” al 100%.  Loro ci amano così come siamo. Di un amore incondizionato, fedele, sincero, che non richiede da parte nostra maschere, finzioni o messa in atto di strategie per nascondere i nostri difetti o per apparire più interessanti, intelligenti e affascinanti ai loro occhi. Un amore che ci donano in modo quasi del tutto gratuito: infatti, non si aspettano nient’altro da noi, se non di essere amati.

Ci insegnano, dunque, come dovrebbe essere il vero amore: libero dalle sovrastrutture con cui l’uomo lo inquina, costituite da pregiudizi, pretese egoistiche, insicurezze, barriere difensive, emozioni negative, passioni distruttive. Se imparassimo ad amare così come gli animali ci amano, forse ci verrebbe anche più facile superare l’ultimo gradino per raggiungere la perfezione spirituale dell’amore cristiano: amare non solo chi ci ama, ma anche chi non ci ama, ovvero i nostri nemici. Dunque: amare senza aspettarsi nulla in cambio, neanche di essere amati.

 

Fenia Abate

Redazione1
di Redazione1 agosto 8, 2018 21:41


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Perché non fai ciò che è possibile e chiedi a Dio di compiere l’impossibile?
    Mi viene alla mente un sagace racconto di mio nonno: “un uomo si lamentava perché dopo essere finalmente riuscito a togliere al suo asino il vizio di mangiare gli era morto”.In quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire: “Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le […]
    Luigi Maria Epicoco
  • L’età di Gesù: è morto a 33 anni o si tratta di un numero simbolico?
    E' una data convenzionale oppure è vero?Si dice sempre che Gesù fu crocifisso a 33 anni: questa età risulta dai Vangeli, oppure è una convenzione, magari nata da elementi simbolici? (indirizzo email) Risponde don Stefano Tarocchi, docente di Sacra Scrittura alla facoltà teologica dell’Italia centrale. La crocifissione di Gesù fissata al trentatreesimo anno della sua […]
    Toscana Oggi
  • Cosa affermò il Concilio Vaticano II sugli angeli?
    Il Pontefice Paolo VI (G.B. Montini, 1963-1978) verrà canonizzato a Roma in piazza San Pietro il 14 ottobre prossimo. Egli è stato il Papa che ha portato avanti e concluso le fasi del Concilio Vaticano II. Quanto al fatto che il Vaticano II abbia parlato poco degli Angeli e dei demoni, ciò è avvenuto perché […]
    don Marcello Stanzione
  • La carità di Papa Francesco sfreccia come una Vespa
    Ad un mese dalla donazione al Papa di una Vespa 50R dell'anno ‘71, personalizzata e con una targa ad hoc, il ciclomotore è stato venduto e il ricavato è stato destinato all’Elemosineria Apostolica. Riviviamo il momento della consegnadi Benedetta Capelli – Città del Vaticano Giovanni Paolo II, nella Lettera apostolica Novo Millennio Ineunte al termine del Giubileo […]
    Vatican News
  • Le ultime parole di mons. Romero prima di essere assassinato (AUDIO)
    L'audio con il momento esatto in cui venne ucciso mentre celebrava la MessaLa messa che mons. Romero stava celebrando il 24 marzo 1980, giorno del suo assassinio, era in ricordo del primo anniversario della morte di Sara Meardi de Pinto, madre di Jorge de Pinto, redattore ed editore del settimanale salvadoregno «El Independiente». Il vangelo […]
    Aleteia
  • Costruire la pace sotto il sorriso di Romero e Paolo VI
    La Comunità di Sant'Egidio a Bologna inaugura la sua tre giorni con la benedizione di tre santi: Wojtyla, Montini, RomeroProprio oggi mentre a Piazza San Pietro verranno canonizzati papa Paolo VI e monsignor Oscar Romero, a Bologna la Comunità di Sant’Egidio sull’onda di quelle esperienze profetiche prova a continuare la strada della costruzione di “ponti […]
    Lucandrea Massaro
  • “Mio fratello Oscar…”. Parla Gaspar Romero, fratello del futuro santo
    Il giorno del suo compleanno, il 15 agosto Assunzione di Maria, ricordo perfettamente che mia madre mi disse che sarebbe arrivato in alto”Il calore, alle dieci del mattino ha già raggiunto i 30 gradi. Natale a 40° non è una rarità a queste latitudini dove gli alberi natalizi non conoscono i fiocchi di neve. Non […]
    Alver Metalli
  • 4 virtù per il bene del fidanzamento
    di Giselle Ferreira* L’essenza dell’amore è splendida in tutti i suoi aspetti, ma questa esperienza perfetta diventa delicata e negativa quando viene privata della sua regalità. Amare è un dono di Dio, ed è per questo che è un’esperienza tanto perfetta. Amare è un esercizio complesso e affascinante, in cui smettiamo di vivere esclusivamente il […]
    Destrave
  • Soppresso volontariamente neonato con patologia neurologica. Poteva vivere fino a 10 anni
    Con l'accordo dell'equipe medica e dei genitori il piccolo è stato ucciso. Si scrive eutanasia ma è infanticidio. E' il secondo caso ufficiale dal 2005 in Olanda di iniezione letale su neonato. Dobbiamo continuare a trovare la forza di scandalizzarci e di attaccare le ragioni alla base di queste e altre aberrazioni in aperta ostilità […]
    Paola Belletti
  • Quante difficoltà ha avuto Papa Montini per diventare sacerdote!
    Il futuro Paolo VI era tormentato da gravi problemi di salute sin da ragazzino, ma ebbe la forza e l'ostinazione di finire gli studiDa sacerdote a Papa, poi beato e infine santo. Ne ha fatto di strada Papa Paolo VI, al secolo Giovanni Battista Montini, che domenica 14 ottobre, sarà canonizzato in piazza San Pietro. […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 86:
    • 401:
    ottobre: 2018
    L M M G V S D
    « Set    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

    Login