MESSINA – Una storia vera, nel racconto di vissuti sofferti, sentimenti contrastanti e amore incondizionato

Redazione1
di Redazione1 agosto 8, 2018 21:41

MESSINA – Una storia vera, nel racconto di vissuti sofferti, sentimenti contrastanti e amore incondizionato

 

 

Un interessante libro di Lucia Abbate! Coinvolgente, veritiero, istruttivo. Narra con linguaggio appropriato, scorrevole e schietto i momenti difficili di una vita vissuta con forte volontà di affermazione, e con una ancor più intensa e profonda spinta interiore verso la gioia di vivere. Un percorso esistenziale vario e interessante che fa riflettere positivamente sul modo di affrontare alcune di quelle vicende poco belle che la realtà riserva; da cui però è sempre possibile venire fuori, specialmente se si attinge alle risorse umane più elevate, come quelle spirituali che fanno leva sul potere dell’amore autentico, incondizionato. (A.M.)

“Cani, amore e  ipocondria”. Queste tre parole del titolo sintetizzano gli aspetti cardine su cui si muovono gli eventi principali della vita della protagonista di questo libro (“CANI, AMORE e E IPOCONDRIA” – Ed. Campanotto Narrativa; 180 pag. E. 15,00). Il tutto inserito nella cornice di una città che l’autrice conosce bene: Messina, la sua città. Di cui ci fornisce un interessante spaccato storico-culturale riferito agli anni Cinquanta/Sessanta, con l’immancabile sfondo affascinante e unico dello Stretto.

Attraverso la storia di Lavinia, Lucia Abbate, professore associato di Linguistica presso l’Università degli studi di Messina, tratta il tema della comunicazione tra l’uomo e l’animale, nello specifico tra l’uomo e il cane, basata ovviamente sul linguaggio non verbale e sul sentimento che ne è il contenuto fondamentale.

L’autrice, in questo suo libro, mostra quanto tale rapporto uomo-animale sia importante per gli effetti benefici che produce, poiché, a riprova di quanto sostiene la “pet-therapy”, si rivela un sussidio validissimo nel superamento di momenti critici della nostra vita, oltre che di angosce e stati depressivi. Lavinia, infatti, riesce ad affrontare la crisi coniugale e la successiva separazione, con l’inevitabile conseguente reazione depressiva, grazie all’aiuto di Gioia, il suo primo cane. Attraverso la mediazione di Gioia, la protagonista, poi, riesce a distogliere la sua attenzione dai suoi malesseri e dalle sue paure immaginarie, ad avere più fiducia in se stessa, a non considerarsi più tanto fragile e indifesa. In altri termini, riesce ad imparare a gestire molto meglio la sua ipocondria.

Non solo, ma l’amore che un cane, o qualsiasi animale, ci dona è importante anche perché stimola a riflettere sull’amore, su come dovrebbe essere questo sentimento che nelle sue varie forme è di importanza psicologica centrale nella vita umana.

“Quando sei con lui non devi darti un tono, non ti vuole più magro, meno pigro o più ricco. Con lui non devi trattenere le lacrime e nemmeno l’allegria. Ti puoi mostrare nudo o indifeso. Non gli importa se hai un colore diverso dal suo o se sei troppo colorato. Con lui non devi parlare per forza.” Così recita un noto spot pubblicitario di alimenti per cani. Infatti, nella nostra relazione con gli animali, e in particolar modo con un cane, noi possiamo essere “naturali” al 100%.  Loro ci amano così come siamo. Di un amore incondizionato, fedele, sincero, che non richiede da parte nostra maschere, finzioni o messa in atto di strategie per nascondere i nostri difetti o per apparire più interessanti, intelligenti e affascinanti ai loro occhi. Un amore che ci donano in modo quasi del tutto gratuito: infatti, non si aspettano nient’altro da noi, se non di essere amati.

Ci insegnano, dunque, come dovrebbe essere il vero amore: libero dalle sovrastrutture con cui l’uomo lo inquina, costituite da pregiudizi, pretese egoistiche, insicurezze, barriere difensive, emozioni negative, passioni distruttive. Se imparassimo ad amare così come gli animali ci amano, forse ci verrebbe anche più facile superare l’ultimo gradino per raggiungere la perfezione spirituale dell’amore cristiano: amare non solo chi ci ama, ma anche chi non ci ama, ovvero i nostri nemici. Dunque: amare senza aspettarsi nulla in cambio, neanche di essere amati.

 

Fenia Abate

Redazione1
di Redazione1 agosto 8, 2018 21:41


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Nonna Ada ce la fa! A 104 anni sconfigge il coronavirus e torna a recitare il suo Rosario
    Appena guarita, tra le prime cose che ha fatto questa super nonnina dalla grandissima fede, è stata la preghiera alla Madonna! A 104 anni, dopo due guerre, ha superato anche la battaglia contro il coronavirus. Ed è una delle più anziane sopravvissute al mondo a questa pandemia. La sua storia è ancora più eccezionale poiché […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 11 gioie nascoste della quarantena
    E non riguarda solo il fatto di stare tutto il giorno in pigiama! Molti sono ormai da giorni chiusi in casa per rispettare le misure di contenimento del contagio del COVID-19, e anch’io sono da tre settimane in isolamento nel mio appartamento con quattro figli tra i 12 e i 21 anni. È un’esperienza che […]
    Cerith Gardiner
  • La levitazione di Suor Candida di Gesù, trattenuta in aria dal suo angelo
    Un fenomeno straordinario per la santa spagnola, canonizzata da Benedetto XVI, riportato nelle testimonianze del suo processo di canonizzazione Juana Cipitria y Barriola nacque in Spagna a Berrospe il 31 maggio1845 e morì il 9 agosto1912 a Salamanca, fondatrice sotto il nome di Candida Maria di Gesù della congregazione delle Figlie di Gesù di Salamanca. […]
    don Marcello Stanzione
  • L’Angelus della domenica delle Palme. Il Papa: Stringiamoci spiritualmente a chi soffre
    Cari fratelli e sorelle, prima di concludere questa celebrazione, desidero salutare quanti vi hanno preso parte attraverso i mezzi di comunicazione sociale. In particolare, il mio pensiero va ai giovani di tutto il mondo, che vivono in maniera inedita, a livello diocesano, l’odierna Giornata Mondiale della Gioventù. Oggi era previsto il passaggio della Croce dai […]
    Aleteia
  • Omelia di Papa Francesco per la Domenica delle Palme
    “Davanti a Dio che ci serve fino a dare la vita, chiediamo la grazia di vivere per servire” Pubblichiamo di seguito l’omelia che Papa Francesco ha pronunciato in occasione della Domenica delle Palme, dopo la proclamazione della Passione del Signore secondo Matteo: * * * Gesù «svuotò se stesso, assumendo una condizione di servo» (Fil […]
    Sala Stampa della Santa Sede
  • Vivere in casa il Lunedì Santo
    Aleteia si mobilita per proporvi – col concorso della rivista Magnificat – di celebrare questo secondo giorno della Settimana Santa con una celebrazione della Parola di Dio. Indicazioni per l’uso: Se si è soli, è preferibile leggere semplicemente le letture e le orazioni della messa della domenica nel messalina e/o seguire la messa in televisione. […]
    Aleteia
  • 🚨LIVE 🚨 Santa Messa e Angelus con il Papa nella Domenica delle Palme
    La Santa Sede si appresta a vivere una Settimana Santa del tutto speciale a causa della crisi sanitaria che il mondo sta vivendo per la diffusione del coronavirus: tutte le celebrazioni, dunque dalla Domenica delle Palme alla Pasqua di Resurrezione, che si celebrerà il 12 aprile, compresa la Via Crucis del Venerdì Santo, saranno celebrate […]
    Aleteia
  • In questo tempo incerto, scopri le 8 “Beatitudini digitali” che ti avvicinano a Gesù
    Provate a seguire questi consigli dell’arcidiocesi di Torino per trascorrere con serenità e fede questo periodo a casa, in cui siamo spesso connessi su smartphone e pc Il servizio per l’Apostolato digitale dell’arcidiocesi di Torino propone otto Beatitudini per vivere con sapienza una situazione in cui il web è diventato ancora più indispensabile nelle nostre […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 10 idee per decorare la vostra casa per la Settimana Santa e per Pasqua
    Non potendo andare in chiesa, quest’anno possiamo fare della nostra casa un luogo ancor più speciale e adatto a crescere nella vita interiore, lavorando in famiglia La maggior parte di noi non può andare in chiesa per via della quarantena o del confino per evitare il contagio da coronavirus. Nella Settimana Santa, questo rappresenta per […]
    Adriana Bello
  • Quando non è possibile assistere alla sepoltura di una persona cara
    Bisogna lasciare che i morti seppelliscano i loro morti? Il coronavirus sta facendo sì che molte persone non possano congedarsi da un familiare o un amico defunto come avrebbero fatto in altre circostanze, accompagnandolo al momento della morte e assistendo alla sua sepoltura. Ci sono sacerdoti che stanno celebrando “funerali espressi” di pochi minuti da […]
    Aleteia

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 240:
    • 188:
    aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login