MESSINA – Una storia vera, nel racconto di vissuti sofferti, sentimenti contrastanti e amore incondizionato

Redazione1
di Redazione1 agosto 8, 2018 21:41

MESSINA – Una storia vera, nel racconto di vissuti sofferti, sentimenti contrastanti e amore incondizionato

 

 

Un interessante libro di Lucia Abbate! Coinvolgente, veritiero, istruttivo. Narra con linguaggio appropriato, scorrevole e schietto i momenti difficili di una vita vissuta con forte volontà di affermazione, e con una ancor più intensa e profonda spinta interiore verso la gioia di vivere. Un percorso esistenziale vario e interessante che fa riflettere positivamente sul modo di affrontare alcune di quelle vicende poco belle che la realtà riserva; da cui però è sempre possibile venire fuori, specialmente se si attinge alle risorse umane più elevate, come quelle spirituali che fanno leva sul potere dell’amore autentico, incondizionato. (A.M.)

“Cani, amore e  ipocondria”. Queste tre parole del titolo sintetizzano gli aspetti cardine su cui si muovono gli eventi principali della vita della protagonista di questo libro (“CANI, AMORE e E IPOCONDRIA” – Ed. Campanotto Narrativa; 180 pag. E. 15,00). Il tutto inserito nella cornice di una città che l’autrice conosce bene: Messina, la sua città. Di cui ci fornisce un interessante spaccato storico-culturale riferito agli anni Cinquanta/Sessanta, con l’immancabile sfondo affascinante e unico dello Stretto.

Attraverso la storia di Lavinia, Lucia Abbate, professore associato di Linguistica presso l’Università degli studi di Messina, tratta il tema della comunicazione tra l’uomo e l’animale, nello specifico tra l’uomo e il cane, basata ovviamente sul linguaggio non verbale e sul sentimento che ne è il contenuto fondamentale.

L’autrice, in questo suo libro, mostra quanto tale rapporto uomo-animale sia importante per gli effetti benefici che produce, poiché, a riprova di quanto sostiene la “pet-therapy”, si rivela un sussidio validissimo nel superamento di momenti critici della nostra vita, oltre che di angosce e stati depressivi. Lavinia, infatti, riesce ad affrontare la crisi coniugale e la successiva separazione, con l’inevitabile conseguente reazione depressiva, grazie all’aiuto di Gioia, il suo primo cane. Attraverso la mediazione di Gioia, la protagonista, poi, riesce a distogliere la sua attenzione dai suoi malesseri e dalle sue paure immaginarie, ad avere più fiducia in se stessa, a non considerarsi più tanto fragile e indifesa. In altri termini, riesce ad imparare a gestire molto meglio la sua ipocondria.

Non solo, ma l’amore che un cane, o qualsiasi animale, ci dona è importante anche perché stimola a riflettere sull’amore, su come dovrebbe essere questo sentimento che nelle sue varie forme è di importanza psicologica centrale nella vita umana.

“Quando sei con lui non devi darti un tono, non ti vuole più magro, meno pigro o più ricco. Con lui non devi trattenere le lacrime e nemmeno l’allegria. Ti puoi mostrare nudo o indifeso. Non gli importa se hai un colore diverso dal suo o se sei troppo colorato. Con lui non devi parlare per forza.” Così recita un noto spot pubblicitario di alimenti per cani. Infatti, nella nostra relazione con gli animali, e in particolar modo con un cane, noi possiamo essere “naturali” al 100%.  Loro ci amano così come siamo. Di un amore incondizionato, fedele, sincero, che non richiede da parte nostra maschere, finzioni o messa in atto di strategie per nascondere i nostri difetti o per apparire più interessanti, intelligenti e affascinanti ai loro occhi. Un amore che ci donano in modo quasi del tutto gratuito: infatti, non si aspettano nient’altro da noi, se non di essere amati.

Ci insegnano, dunque, come dovrebbe essere il vero amore: libero dalle sovrastrutture con cui l’uomo lo inquina, costituite da pregiudizi, pretese egoistiche, insicurezze, barriere difensive, emozioni negative, passioni distruttive. Se imparassimo ad amare così come gli animali ci amano, forse ci verrebbe anche più facile superare l’ultimo gradino per raggiungere la perfezione spirituale dell’amore cristiano: amare non solo chi ci ama, ma anche chi non ci ama, ovvero i nostri nemici. Dunque: amare senza aspettarsi nulla in cambio, neanche di essere amati.

 

Fenia Abate

Redazione1
di Redazione1 agosto 8, 2018 21:41


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Assemblea Cei: obbligo morale di denunciare gli abusi sui minori
    Oltre alla tutela dei minori l'Assemblea Cei ha affrontato la difficile situazione nelle zone terremotate: il premier italiano Conte vedrà i 26 vescovi del Centro Italia. Il card. Bassetti: un Sinodo della Chiesa italiana richiede tempi lunghiLa Chiesa italiana intensifica la lotta agli abusi su minori e soggetti deboli. Si è chiusa in Vaticano l’Assemblea […]
    Vatican News
  • Le danze irlandesi producono sorprendenti benefici per chi soffre di Parkinson
    Un altro incontro virtuoso tra scienza e tradizione: il ritmo dei balli comunitari irlandesi tramandati dal medioevo aiuta il cervello a superare alcuni impedimenti neurologici nell'andatura.La tradizione è considerata spesso una fantasma da cui le nostre case dovrebbero essere disinfestate. Roba vecchia e stantia, zavorra ormai desueta di cui liberarsi. Chesterton era di altro parere […]
    Annalisa Teggi
  • Don Fabio Rosini, Abramo, i migranti: la Bibbia secondo Neri Marcorè
    L'attore e regista marchigiano racconta in che modo è stato ispirato dalle Sacre Scritture Ospite lo scorso 2 maggio alla serata inaugurale del Festival Biblico di Vicenza, il regista e attore Neri Marcorè è un cultore delle Sacre Scritture. Marcorè, intervistato da Famiglia Cristiana (23 maggio), cita una sua recente lettura: «Ho appena concluso un […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Anime e clichés: c’è un professionista che “aggiusta” la gente fotografandola
    Veterano della fotografia formatosi trent’anni fa presso l’istituto Louis Lumière, Pedro Lombardi ha scelto di mettere il suo talento a servizio dell’umano. Nel 2009 l’Associazione ASMAE di suor Emmanuelle si rivolge a lui: fu l’elemento scatenante di un’avventura al cuore dell’anima umana. Grazie a un atelier fotografico appositamente concepito e realizzato, l’artista riesce a riparare, […]
    Louise Alméras
  • Crocifissa e flagellata come Gesù: Santa Giulia ha resistito a chi le chiedeva di rinnegare la sua fede
    Il martirio è da brividi. Ma non tutti gli storici concordano su come si sarebbero svolti i fatti In Italia quello di Giulia è uno dei nomi femminili più popolari. Della Santa omonima (420-450), però, poco o nulla si sa, se non l’ essenziale: all’abiura della fede cristiana preferì il martirio. È una Passio alquanto […]
    Gelsomino Del Guercio
  • FOTO ESCLUSIVE: Volete dare un’occhiata all’interno di una clausura domenicana?
    In soli 12 mesi, le religiose del New Jersey sono riuscite a progettare e finanziare l'espansione del loro monastero“E come pensate di raccogliere il denaro necessario per questo progetto, sorella?”, hanno chiesto riferendosi alla proposta di espandere il loro antico monastero. La religiosa ha risposto sorridendo: “Dio provvederà!” E così è stato. Il 17 maggio, […]
    Jeffrey Bruno
  • La bellezza è inutile: è per questo che vale così tanto!
    L’amore non conserva, non calcola, non pensa a quello che resta, e per questo è bello. L’amore richiede uno spreco, la bellezza è uno spreco, ma per questo è così importante, perché ci fa comprendere come ragiona Dio.di Anna Mazzitelli Copio dal libro scritto da un mio amico, che inviterò tutti a comprare appena vedrà […]
    Piovono Miracoli 2.0
  • I testimoni che hanno visto lottare Natuzza Evolo contro il demonio
    Le ricostruzioni di Italia Giampà e del professore Marinelli sono agli atti del processo di beatificazione della mistica calabrese Natuzza Evolo, la mistica calabrese morta in concetto di santità il primo novembre 2009, nelle sua lunga vita, non ebbe a che fare solo con gli angeli buoni, ma purtroppo anche con gli spiriti maligni. Natuzza […]
    don Marcello Stanzione
  • Studenti di un’università cattolica vivono per un semestre in un monastero trecentesco
    Gli allievi dell'Università Francescana di Steubenville vanno ad abitare nella Kartause, un monastero certosino sulle Alpi austriacheIl pittoresco villaggio di Gaming è adagiato alle pendici delle Alpi austriache. Ogni anno centinaia di studenti dell’Università Francescana di Steubenville vi si recano per il loro semestre all’estero. Gli allievi vivono, pregano e imparano nel gioiello di Gaming, […]
    Carissa Pluta
  • E mentre l’uomo parla di eutanasia, la Madonna va in visita agli ammalati
    Il mese di maggio è tempo di processioni, la Madonna che visita le nostre strade e si avvicina alle nostre ferite ci ricorda che la ricerca del bene ci porta a incontrare Dio, mentre la venerazione del benessere ci chiude in trappole mortali.Ogni anno qui a Crotone potete assistere ad una processione davvero significativa. È […]
    Sposi&spose di Cristo

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 0:
    • 122:
    maggio: 2019
    L M M G V S D
    « Apr    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login