Giorgio La Pira proclamato venerabile da Papa Francesco, da lui impariamo che la politica è servizio per il bene sociale

Redazione1
di Redazione1 luglio 24, 2018 23:03

Giorgio La Pira proclamato venerabile da Papa Francesco, da lui impariamo che la politica è servizio per il bene sociale

La Congregazione per le Cause dei Santi è stata autorizzata da Papa Francesco a promulgare il Decreto che riconosce le «virtù eroiche» di Giorgio La Pira, che quindi da adesso può essere chiamato Venerabile. Si conclude così la seconda fase della causa di beatificazione aperta nel 1986 a Firenze. Adesso l’eventuale riconoscimento di un miracolo a lui attribuito consentirebbe di proclamarlo Beato.  

Di Giorgio La Pira è stato detto e scritto molto. Certamente un uomo dalla fede dirompente, posseduto da una straordinaria speranza in Dio e nella bontà del prossimo, pervaso come era da una sconfinata carità cristiana nei confronti di tutti coloro che ha incontrato lungo il tragitto della sua vita.

Dunque, il fatto che Giorgio La Pira sia stato dichiarato Venerabile segna un evento gioioso e importante di grande gittata nel mondo e nella Chiesa. Un annuncio ancor più straordinario perché avvenuto per l’intervento diretto di Papa Francesco che ha rotto gli indugi, accelerando così il cammino verso la beatificazione del “Sindaco Santo di Firenze”. Infatti questa promulgazione è avvenuta per via della firma apposta al Decreto da parte del pontefice.

Un atto autorevole imprevisto che padre Gianni Festa, il Postulatore dei Domenicani che ha seguito in questi anni la Causa di beatificazione di Giorgio La Pira, ha definito un “passaggio importante a coronamento di un lungo percorso”. Un riconoscimento dell’elevato valore spirituale di un personaggio che i fiorentini chiamavano il “sindaco santo”, e che, come ha dichiarato Mario Primicerio, presidente della Fondazione La Pira, è un sindaco rimasto impresso nella memoria di Firenze. Un politico che ha dato un contributo importante alla stesura della Costituzione italiana, ma anche un personaggio che, con i suoi appelli alla pace e all’unità dei popoli, si è fatto conoscere in molti Paesi: “Lettere e messaggi per chiedere novità sulla beatificazione di La Pira ci arrivano da ogni parte del mondo, a testimonianza di quanto questa figura sia internazionale”.

Ora, la soddisfazione e la gioia suscitate da questa bella notizia, sono sentimenti che non possono non riguardare molto anche Messina dove egli ha vissuto e studiato per parecchi anni. Infatti La Pira, da Pozzallo, dove nacque nel 1904, venne ad abitare nella nostra città nel 1914, e vi rimase fino a corso di studi universitari quasi completato. Per cui un pezzo importante della sua vita giovanile di studente è strettamente legata al patrimonio di storia, religiosità e cultura che ci appartiene, di cui egli fece parte, e nel cui ambito trovò le condizioni propizie per la sua formazione.

Fu infatti dal contesto socio-culturale messinese “post terremoto” che egli trasse l’impronta identitaria di base che ne caratterizzò l’umanità, la religiosità e l’impegno politico e civile, avendo vissuto anche un intenso rapporto culturale, oltre che di amicizia, con personaggi di notevole livello intellettuale come Salvatore Quasimodo e Salvatore Pugliatti. A Messina avvenne anche la sua conversione, propiziata dalla sua frequentazione del Monastero di Montevergine, dove era entrata come postulante l’amata nipote Maria Angelino, e dove ha avuto come guida spirituale il cappellano dello stesso monastero, mons. Luigi Bensaja. E fu sempre a Messina che il giovane Giorgio divenne terziario domenicano nella chiesa di S. Domenico.  

Ebbene, a fronte di questi importanti anni vissuti a Messina, non si può non rimanere molto sorpresi nel constatare un fatto strano e incomprensibile. In quasi tutte le note informative di diversa origine riguardanti Giorgio La Pira, le notizie riferite al suo importante percorso culturale e religioso messinese, vengono il più spesso omesse.

Sarebbe interessante capire perché si verifica una così grossolana lacuna biografica. Chissà se qualcuno riesce a dare spiegazione di questo fenomeno deprecabile e incomprensibile.

 

 

A. M.

 

 

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 luglio 24, 2018 23:03


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Le insidie da evitare quando vostro figlio è disoccupato
    Per un giovane diplomato non è sempre facile ottenere il primo impiego. Tra consigli, aiuti e piccole attenzioni, come aiutarlo senza creare tensioni nella sua ricerca di lavoro? di Guilhem Dargnies Senza guardarla, Nicolina versa dell’acqua nel bicchiere della figlia: “Sei soddisfatta del tuo colloquio, cara?” Manon, prima di lasciare la stanza in preda alla […]
    Edifa
  • Il segreto per (ri)trovare la propria serenità
    La perdita del lavoro, la fine di un rapporto d’amore, le preoccupazioni finanziarie, la malattia di una persona cara… Spesso ci troviamo di fronte a delle contrarietà che ci feriscono interiormente e minano la tranquillità delle nostre notti e delle nostre giornate. Come possiamo affrontare le turbolenze della vita senza perdere la nostra serenità? di […]
    Edifa
  • Conoscete queste splendide statue cattoliche che si trovano sott’acqua?
    Dall’Italia alla Florida e alle Filippine, gli oceani ospitano alcune delle statue cattoliche più straordinarie del mondo Per secoli i cattolici hanno usato le statue e l’arte in generale come mezzo per condividere la propria fede e rendere omaggio alla Sacra Famiglia di Dio. Se la maggior parte di noi è abituata a vedere le […]
    V. M. Traverso
  • Santa Lidia, la donna della porpora
    Protagonista della prima conversione al cristianesimo documentata in Europa Era originaria della zona della Lidia, in Asia Minore, concretamente di Tiatira, dove oggi si trova la città turca di Akhisar. Si trasferì poi a Filippi, città situata nella zona orientale della Macedonia, nell’attuale Grecia, dove riuscì a intraprendere un prospero commercio della tinta porpora, motivo […]
    Aleteia
  • Riappare dopo 10 anni l’immagine della Madonna di Guadalupe a Monterrey
    Erano dieci anni che era scomparsa dal luogo in cui nel 1990 San Giovanni Paolo II l’aveva benedetta nella sua seconda e ultima visita alla città messicana di Monterrey, nello Stato settentrionale di Nuevo León. Nessuno sapeva dove fosse dopo che l’uragano “Alex” se l’era portata via tra i suoi venti e la sua pioggia. […]
    Jaime Septién
  • L’immagine della Madonna che ha accompagnato una gravidanza difficile
    Una donna ha dato alla luce tre gemelle identiche. Durante tutta la gestazione ha pregato Nostra Signora delle Grazie Victoria, Delfina e Julieta sono geneticamente identiche. Le tre gemelline sono nate da un tipo di gestazione che si verifica in un caso su 200 milioni, chiamato gravidanza gemellare monozigotica. Un unico ovulo, fecondato da un […]
    Esteban Pittaro
  • Era maestro di sci sulle Dolomiti, ora è missionario in Sud Sudan 
    Don Stefano Trevisan, 36 anni, sacerdote da poche settimane, missionario comboniano, e la sua toccante testimonianza di fede Dai paesaggi dolomitici e gelidi della Val Badia all’arido Sud Sudan. Una scelta di vita che porta don Stefano Trevisan, 36 anni, sacerdote da poche settimane, missionario comboniano, ad iniziare una vita che stravolge la precedente Originario […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Perché l’umiltà è la maniera migliore di amare Dio?
    Spesso l’umiltà è interpretato come una debolezza, eppure è lì che si trova il fondamento di ogni vita spirituale: giacché collega direttamente a Dio, essa è il modo migliore di amarLo. Senza umiltà non si può essere santi: il curato d’Ars, umilissimo prete la cui festa cade proprio all’inizio di agosto, l’ha compreso benissimo. È […]
    Marzena Wilkanowicz-Devoud
  • Perché noi credenti ci offendiamo tanto? Perché ci manca la carità
    di Silvana Ramos Carità. Quanta ne serve a tutti noi! Qualche settimana fa, monsignor Robert Barron, di Word on Fire, ha pubblicato un video sul suo canale che parla di una verità che purtroppo si verifica molto spesso su Internet: gli attacchi offensivi e senza misericordia tra cattolici. Credo che tutti noi evangelizzatori digitali abbiamo […]
    Catholic Link
  • La città di Venezia, per non essere sommersa, si è affidata a un potente arcangelo
    Nella Sacra Scrittura, Raffaele si contrappone al Demonio Asmodeo che è “colui che fa morire”. E in questa battaglia contro il demone che rientra la protezione della città lagunare Una importante città italiana è da secoli consacrata ad un potente arcangelo taumaturgo. Che in questo caso è invocato come protettore delle maree. Si tratta di […]
    don Marcello Stanzione

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 59:
    • 152:
    agosto: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

    Login