Giorgio La Pira proclamato venerabile da Papa Francesco, da lui impariamo che la politica è servizio per il bene sociale

Redazione1
di Redazione1 luglio 24, 2018 23:03

Giorgio La Pira proclamato venerabile da Papa Francesco, da lui impariamo che la politica è servizio per il bene sociale

La Congregazione per le Cause dei Santi è stata autorizzata da Papa Francesco a promulgare il Decreto che riconosce le «virtù eroiche» di Giorgio La Pira, che quindi da adesso può essere chiamato Venerabile. Si conclude così la seconda fase della causa di beatificazione aperta nel 1986 a Firenze. Adesso l’eventuale riconoscimento di un miracolo a lui attribuito consentirebbe di proclamarlo Beato.  

Di Giorgio La Pira è stato detto e scritto molto. Certamente un uomo dalla fede dirompente, posseduto da una straordinaria speranza in Dio e nella bontà del prossimo, pervaso come era da una sconfinata carità cristiana nei confronti di tutti coloro che ha incontrato lungo il tragitto della sua vita.

Dunque, il fatto che Giorgio La Pira sia stato dichiarato Venerabile segna un evento gioioso e importante di grande gittata nel mondo e nella Chiesa. Un annuncio ancor più straordinario perché avvenuto per l’intervento diretto di Papa Francesco che ha rotto gli indugi, accelerando così il cammino verso la beatificazione del “Sindaco Santo di Firenze”. Infatti questa promulgazione è avvenuta per via della firma apposta al Decreto da parte del pontefice.

Un atto autorevole imprevisto che padre Gianni Festa, il Postulatore dei Domenicani che ha seguito in questi anni la Causa di beatificazione di Giorgio La Pira, ha definito un “passaggio importante a coronamento di un lungo percorso”. Un riconoscimento dell’elevato valore spirituale di un personaggio che i fiorentini chiamavano il “sindaco santo”, e che, come ha dichiarato Mario Primicerio, presidente della Fondazione La Pira, è un sindaco rimasto impresso nella memoria di Firenze. Un politico che ha dato un contributo importante alla stesura della Costituzione italiana, ma anche un personaggio che, con i suoi appelli alla pace e all’unità dei popoli, si è fatto conoscere in molti Paesi: “Lettere e messaggi per chiedere novità sulla beatificazione di La Pira ci arrivano da ogni parte del mondo, a testimonianza di quanto questa figura sia internazionale”.

Ora, la soddisfazione e la gioia suscitate da questa bella notizia, sono sentimenti che non possono non riguardare molto anche Messina dove egli ha vissuto e studiato per parecchi anni. Infatti La Pira, da Pozzallo, dove nacque nel 1904, venne ad abitare nella nostra città nel 1914, e vi rimase fino a corso di studi universitari quasi completato. Per cui un pezzo importante della sua vita giovanile di studente è strettamente legata al patrimonio di storia, religiosità e cultura che ci appartiene, di cui egli fece parte, e nel cui ambito trovò le condizioni propizie per la sua formazione.

Fu infatti dal contesto socio-culturale messinese “post terremoto” che egli trasse l’impronta identitaria di base che ne caratterizzò l’umanità, la religiosità e l’impegno politico e civile, avendo vissuto anche un intenso rapporto culturale, oltre che di amicizia, con personaggi di notevole livello intellettuale come Salvatore Quasimodo e Salvatore Pugliatti. A Messina avvenne anche la sua conversione, propiziata dalla sua frequentazione del Monastero di Montevergine, dove era entrata come postulante l’amata nipote Maria Angelino, e dove ha avuto come guida spirituale il cappellano dello stesso monastero, mons. Luigi Bensaja. E fu sempre a Messina che il giovane Giorgio divenne terziario domenicano nella chiesa di S. Domenico.  

Ebbene, a fronte di questi importanti anni vissuti a Messina, non si può non rimanere molto sorpresi nel constatare un fatto strano e incomprensibile. In quasi tutte le note informative di diversa origine riguardanti Giorgio La Pira, le notizie riferite al suo importante percorso culturale e religioso messinese, vengono il più spesso omesse.

Sarebbe interessante capire perché si verifica una così grossolana lacuna biografica. Chissà se qualcuno riesce a dare spiegazione di questo fenomeno deprecabile e incomprensibile.

 

 

A. M.

 

 

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 luglio 24, 2018 23:03


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Assemblea Cei: obbligo morale di denunciare gli abusi sui minori
    Oltre alla tutela dei minori l'Assemblea Cei ha affrontato la difficile situazione nelle zone terremotate: il premier italiano Conte vedrà i 26 vescovi del Centro Italia. Il card. Bassetti: un Sinodo della Chiesa italiana richiede tempi lunghiLa Chiesa italiana intensifica la lotta agli abusi su minori e soggetti deboli. Si è chiusa in Vaticano l’Assemblea […]
    Vatican News
  • Le danze irlandesi producono sorprendenti benefici per chi soffre di Parkinson
    Un altro incontro virtuoso tra scienza e tradizione: il ritmo dei balli comunitari irlandesi tramandati dal medioevo aiuta il cervello a superare alcuni impedimenti neurologici nell'andatura.La tradizione è considerata spesso una fantasma da cui le nostre case dovrebbero essere disinfestate. Roba vecchia e stantia, zavorra ormai desueta di cui liberarsi. Chesterton era di altro parere […]
    Annalisa Teggi
  • Don Fabio Rosini, Abramo, i migranti: la Bibbia secondo Neri Marcorè
    L'attore e regista marchigiano racconta in che modo è stato ispirato dalle Sacre Scritture Ospite lo scorso 2 maggio alla serata inaugurale del Festival Biblico di Vicenza, il regista e attore Neri Marcorè è un cultore delle Sacre Scritture. Marcorè, intervistato da Famiglia Cristiana (23 maggio), cita una sua recente lettura: «Ho appena concluso un […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Anime e clichés: c’è un professionista che “aggiusta” la gente fotografandola
    Veterano della fotografia formatosi trent’anni fa presso l’istituto Louis Lumière, Pedro Lombardi ha scelto di mettere il suo talento a servizio dell’umano. Nel 2009 l’Associazione ASMAE di suor Emmanuelle si rivolge a lui: fu l’elemento scatenante di un’avventura al cuore dell’anima umana. Grazie a un atelier fotografico appositamente concepito e realizzato, l’artista riesce a riparare, […]
    Louise Alméras
  • Crocifissa e flagellata come Gesù: Santa Giulia ha resistito a chi le chiedeva di rinnegare la sua fede
    Il martirio è da brividi. Ma non tutti gli storici concordano su come si sarebbero svolti i fatti In Italia quello di Giulia è uno dei nomi femminili più popolari. Della Santa omonima (420-450), però, poco o nulla si sa, se non l’ essenziale: all’abiura della fede cristiana preferì il martirio. È una Passio alquanto […]
    Gelsomino Del Guercio
  • FOTO ESCLUSIVE: Volete dare un’occhiata all’interno di una clausura domenicana?
    In soli 12 mesi, le religiose del New Jersey sono riuscite a progettare e finanziare l'espansione del loro monastero“E come pensate di raccogliere il denaro necessario per questo progetto, sorella?”, hanno chiesto riferendosi alla proposta di espandere il loro antico monastero. La religiosa ha risposto sorridendo: “Dio provvederà!” E così è stato. Il 17 maggio, […]
    Jeffrey Bruno
  • La bellezza è inutile: è per questo che vale così tanto!
    L’amore non conserva, non calcola, non pensa a quello che resta, e per questo è bello. L’amore richiede uno spreco, la bellezza è uno spreco, ma per questo è così importante, perché ci fa comprendere come ragiona Dio.di Anna Mazzitelli Copio dal libro scritto da un mio amico, che inviterò tutti a comprare appena vedrà […]
    Piovono Miracoli 2.0
  • I testimoni che hanno visto lottare Natuzza Evolo contro il demonio
    Le ricostruzioni di Italia Giampà e del professore Marinelli sono agli atti del processo di beatificazione della mistica calabrese Natuzza Evolo, la mistica calabrese morta in concetto di santità il primo novembre 2009, nelle sua lunga vita, non ebbe a che fare solo con gli angeli buoni, ma purtroppo anche con gli spiriti maligni. Natuzza […]
    don Marcello Stanzione
  • Studenti di un’università cattolica vivono per un semestre in un monastero trecentesco
    Gli allievi dell'Università Francescana di Steubenville vanno ad abitare nella Kartause, un monastero certosino sulle Alpi austriacheIl pittoresco villaggio di Gaming è adagiato alle pendici delle Alpi austriache. Ogni anno centinaia di studenti dell’Università Francescana di Steubenville vi si recano per il loro semestre all’estero. Gli allievi vivono, pregano e imparano nel gioiello di Gaming, […]
    Carissa Pluta
  • E mentre l’uomo parla di eutanasia, la Madonna va in visita agli ammalati
    Il mese di maggio è tempo di processioni, la Madonna che visita le nostre strade e si avvicina alle nostre ferite ci ricorda che la ricerca del bene ci porta a incontrare Dio, mentre la venerazione del benessere ci chiude in trappole mortali.Ogni anno qui a Crotone potete assistere ad una processione davvero significativa. È […]
    Sposi&spose di Cristo

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 0:
    • 122:
    maggio: 2019
    L M M G V S D
    « Apr    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login