Giorgio La Pira proclamato venerabile da Papa Francesco, da lui impariamo che la politica è servizio per il bene sociale

Redazione1
di Redazione1 luglio 24, 2018 23:03

Giorgio La Pira proclamato venerabile da Papa Francesco, da lui impariamo che la politica è servizio per il bene sociale

La Congregazione per le Cause dei Santi è stata autorizzata da Papa Francesco a promulgare il Decreto che riconosce le «virtù eroiche» di Giorgio La Pira, che quindi da adesso può essere chiamato Venerabile. Si conclude così la seconda fase della causa di beatificazione aperta nel 1986 a Firenze. Adesso l’eventuale riconoscimento di un miracolo a lui attribuito consentirebbe di proclamarlo Beato.  

Di Giorgio La Pira è stato detto e scritto molto. Certamente un uomo dalla fede dirompente, posseduto da una straordinaria speranza in Dio e nella bontà del prossimo, pervaso come era da una sconfinata carità cristiana nei confronti di tutti coloro che ha incontrato lungo il tragitto della sua vita.

Dunque, il fatto che Giorgio La Pira sia stato dichiarato Venerabile segna un evento gioioso e importante di grande gittata nel mondo e nella Chiesa. Un annuncio ancor più straordinario perché avvenuto per l’intervento diretto di Papa Francesco che ha rotto gli indugi, accelerando così il cammino verso la beatificazione del “Sindaco Santo di Firenze”. Infatti questa promulgazione è avvenuta per via della firma apposta al Decreto da parte del pontefice.

Un atto autorevole imprevisto che padre Gianni Festa, il Postulatore dei Domenicani che ha seguito in questi anni la Causa di beatificazione di Giorgio La Pira, ha definito un “passaggio importante a coronamento di un lungo percorso”. Un riconoscimento dell’elevato valore spirituale di un personaggio che i fiorentini chiamavano il “sindaco santo”, e che, come ha dichiarato Mario Primicerio, presidente della Fondazione La Pira, è un sindaco rimasto impresso nella memoria di Firenze. Un politico che ha dato un contributo importante alla stesura della Costituzione italiana, ma anche un personaggio che, con i suoi appelli alla pace e all’unità dei popoli, si è fatto conoscere in molti Paesi: “Lettere e messaggi per chiedere novità sulla beatificazione di La Pira ci arrivano da ogni parte del mondo, a testimonianza di quanto questa figura sia internazionale”.

Ora, la soddisfazione e la gioia suscitate da questa bella notizia, sono sentimenti che non possono non riguardare molto anche Messina dove egli ha vissuto e studiato per parecchi anni. Infatti La Pira, da Pozzallo, dove nacque nel 1904, venne ad abitare nella nostra città nel 1914, e vi rimase fino a corso di studi universitari quasi completato. Per cui un pezzo importante della sua vita giovanile di studente è strettamente legata al patrimonio di storia, religiosità e cultura che ci appartiene, di cui egli fece parte, e nel cui ambito trovò le condizioni propizie per la sua formazione.

Fu infatti dal contesto socio-culturale messinese “post terremoto” che egli trasse l’impronta identitaria di base che ne caratterizzò l’umanità, la religiosità e l’impegno politico e civile, avendo vissuto anche un intenso rapporto culturale, oltre che di amicizia, con personaggi di notevole livello intellettuale come Salvatore Quasimodo e Salvatore Pugliatti. A Messina avvenne anche la sua conversione, propiziata dalla sua frequentazione del Monastero di Montevergine, dove era entrata come postulante l’amata nipote Maria Angelino, e dove ha avuto come guida spirituale il cappellano dello stesso monastero, mons. Luigi Bensaja. E fu sempre a Messina che il giovane Giorgio divenne terziario domenicano nella chiesa di S. Domenico.  

Ebbene, a fronte di questi importanti anni vissuti a Messina, non si può non rimanere molto sorpresi nel constatare un fatto strano e incomprensibile. In quasi tutte le note informative di diversa origine riguardanti Giorgio La Pira, le notizie riferite al suo importante percorso culturale e religioso messinese, vengono il più spesso omesse.

Sarebbe interessante capire perché si verifica una così grossolana lacuna biografica. Chissà se qualcuno riesce a dare spiegazione di questo fenomeno deprecabile e incomprensibile.

 

 

A. M.

 

 

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 luglio 24, 2018 23:03


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Conoscete la Vergine della O?
    E la parola segreta nascosta in alcune antiche preghiere dell'ultima settimana d'Avvento?Quando qualcuno è sorpreso esclama “Oh!” Questa interiezione è stata scelta da chi parla spagnolo come invocazione per una Vergine ammirata per il mistero di un Dio che si fa uomo. “Maria della O” è uno dei nomi con cui viene chiamata la Vergine […]
    Aleteia
  • Un messaggio che fa riflettere scritto sulla porta di un paziente con demenza senile
    Un pastore dice che la seconda forza più potente nell'universo è la storiaBill Mead ha trascorso tutta la vita servendo gli altri – la sua famiglia, il suo Paese, la sua Chiesa. Nato in povertà, ha lavorato sodo, ha studiato, è entrato in Marina e in seguito è diventato pastore. Alla fine gli è stata […]
    Zoe Romanowsky
  • Come dare ai nostri piccoli atti quotidiani un valore di eternità?
    Un giorno, mentre ero in preghiera – tempo propizio per conversare con Dio, dal quale ci si sa amati – interrogavo il Signore perché mi mostrasse a che cosa assomigliano gli atti che poniamo nel corso della nostra giornata.Tutta la nostra vita consiste nel porre degli atti, è il segno stesso del nostro essere vivi. […]
    Alain Noël
  • Calendari, Erode, Magi… indovinare la data della nascita di Gesù è un rompicapo
    Il 4 a.C. sarebbe stato un anno assai impegnato, ma in realtà non è del tutto veroIndovinare i tempi biblici in cui si sono svolti gli eventi relativi a Betlemme e alla nascita di Gesù, il re Erode il Grande e l’omaggio dei Magi al Bambino Gesù come si legge nel Vangelo di San Matteo […]
    Russell E. Saltzman
  • La pedalata dei Babbi Natale che portano regali e offerte ai bambini malati oncologici (VIDEO)
    Il centro di Roma da alcuni anni vede la biciclettata dei Babbi Natale che riempiono di allegria e doni i piccoli pazienti e le loro famiglieUno squadrone di Babbi Natale in bicicletta ha invaso le vie del centro di Roma per andare a portare doni, offerte in denaro, sorrisi ai bambini onco-ematologici della casa famiglia […]
    Silvia Lucchetti
  • E se nessuno mi regala niente questo Natale?
    Il video che tutti dovremmo vedere ogni giornodi Rafael Pérez del Solar Tra i ricordi più belli dei Natali di quando ero bambino ci sono le cene tutti insieme, in famiglia (mio nonno era bravissimo a cucinare!) Ci riunivamo intorno a una grande tavola con zii, cugini e nonni. Era bellissimo anche quando pregavamo intorno […]
    Catholic Link
  • Quel che Giovanni Paolo II ci ha lasciato sui valori essenziali della vita
    Per trovare risposte alle diverse sfide della quotidianità, niente è come lasciarsi guidare dalla grande sapienza di san Giovanni Paolo II.La sapienza di Giovanni Paolo II va oltre il tempo. Rischiara il nostro quotidiano e si estende a numerosi argomenti contemporanei che il Papa polacco non ha mai eluso per tutto il corso del suo […]
    Marzena Wilkanowicz-Devoud
  • Il vostro Natale non sarà completo senza questo video straordinario
    di Gabriel Motoa Una delle cose che mi piacciono di più nel periodo natalizio è ascoltare e cantare i canti tipici del periodo. Ogni mattina di dicembre, mio padre sintonizza fin dalle prime ore del giorno emittenti radiofoniche che trasmettono queste canzoni, e da che mi ricordo mi rallegra molto iniziare ogni giorno del mese […]
    Catholic Link
  • Rissa tra mamme alla recita di Natale in una scuola elementare a Gela (VIDEO)
    Quando si dice che l'esempio è la più alta forma di educazione! Conviene correre ai ripari, o almeno a distanza di sicurezza da queste due manesche signore. Signore...Questi giorni, che dovrebbero essere scanditi dalla Novena di Natale non meno che dalla corsa ai regali che cerchiamo di non rendere troppo concitata, sono segnati anche per genitori e nonni dal susseguirsi di recite, concerti, saggi scolastici... […]
    Paola Belletti
  • L’allarme dei ricercatori: la metà dei Paesi del mondo sta scomparendo
    Il calo della fertilità può mettere a rischio la continuità della razza umanaI ricercatori si sono trovati di fronte a una “grande sorpresa” per quanto riguarda i dati demografici mondiali. Uno studio senza precedenti sulla popolazione mondiale ha rivelato che la metà dei Paesi del mondo è crollata al di sotto del tasso che può […]
    Tom Hoopes

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 21:
    • 62:
    dicembre: 2018
    L M M G V S D
    « Nov    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

    Login