In un Paese in crisi diviso e confuso, i cristiani cosa fanno per dare aiuto?

Redazione1
di Redazione1 giugno 11, 2018 17:15

In un Paese in crisi diviso e confuso, i cristiani cosa fanno per dare aiuto?

Nei momenti difficili che il nostro Paese sta attraversando, tra fermenti e tensioni diffusi nelle varie forze politiche e sociali in crisi di identità, da più parti viene sollecitata una necessaria assunzione di responsabilità del laicato cattolico. Il card.Bassetti: cristiani “assenti o latitanti” rischiano “irrilevanza”.

In tempi difficili come quelli che il nostro Paese sta vivendo per i postumi di una crisi durissima, in cui alle difficoltà dell’economia si unisce il travaglio della fine di un ciclo politico, l’affievolirsi della capacità di affrontare i problemi, con un vistoso limite culturale nel proporre soluzioni valide ai numerosi problemi che gravano sulla nostra società, sono diversi coloro che si domandano: “ma i cristiani che fine hanno fatto?” Oppure, qualcun altro in modo più direttamente autoreferenziale: “dove siamo noi adulti cristiani per aiutare oggi?”.

Per cui, di fronte a tanti fermenti e tensioni diffusi nelle varie forze politiche e sociali e alle conseguenze che è facile immaginare per il futuro, come altre volte nella storia, in questo momento difficile si registra, da più parti, un affiorare di riflessioni sulla necessità di una assunzione di responsabilità del laicato cattolico.

Sotto questo profilo, un interrogativo che si ispira alle esortazioni evangeliche ci sembra particolarmente significativo: “Come ci stiamo attivando perché possiamo essere protagonisti della nostra storia nel rispetto delle relazioni intergenerazionali? Dove siamo noi cristiani oggi, per costruire con tutti gli uomini e le donne di buona volontà, al di là della diversità e nel rispetto reciproco, un mondo di giustizia e di pace, rispettoso di ogni persona e del creato?”  Perciò non si può tralasciare di pensare che inevitabilmente “il vuoto lasciato nella società dai cristiani oggi ci interpella…”.

In questo emergere di riflessioni e interrogativi, ovviamente, assumono particolare importanza le considerazioni espresse di recente dal cardinale Gualtiero Bassetti – arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, – che intervenendo all’incontro “Preghiera per l’Italia” promosso dalla Comunità di Sant’Egidio, ha usato toni decisi

sull’idea di fondo secondo cui “ci vuole una svolta per cominciare a lavorare insieme con  senso di responsabilità nelle parole e nei fatti, per ritessere tessuto umano in nome della pace civile e sociale”.

Entrando nel vivo dell’interessante argomento, Bassetti si è soffermato a spiegare che in un momento così serio della nostra storia, i cristiani non possono essere assenti o latitanti, con i loro valori, anzi – come diceva Paolo VI – quali esperti di umanità hanno una particolare responsabilità”. Ha affermato inoltre che disertare quel servizio al bene comune, che è fare politica in democrazia, si rischierebbe l’irrilevanza. “Non davanti agli uomini, ma soprattutto davanti al Signore”.

Anche perché “far luce non è dominare, ma nemmeno nascondersi sotto il moggio; per cui “e’ venuto il momento, come ho detto recentemente, di avviare nuovi processi, senza preoccuparsi di occupare spazi di potere, in cui i giovani – soprattutto i giovani – si sentano chiamati ad assumersi nuove responsabilità e ad elaborare nuove ‘idee ricostruttive’ per la democrazia del nostro Paese.

A tal proposito, Bassetti si è detto convinto che “le energie morali di questo Paese sono ancora tante e tantissimi siano i talenti, forse inespressi, forse nascosti, che necessitano di essere valorizzati”. “Preghiamo per l’Italia, perché lo Spirito del Signore soffi nel cuore dei responsabili e degli italiani, affinché s’impegnino per il bene comune, in particolare per le fasce più povere della popolazione – ha continuato Bassetti – memori che l’Italia – per la sua storia e la sua collocazione geografica in Europa e nel Mediterraneo – ha una particolare vocazione e una sua responsabilità. Possa essere il nostro Paese una vera madre per tutti i suoi cittadini e una presenza di pace e di soccorso nel mondo!”.

“È eticamente doveroso lavorare per il bene comune dell’Italia senza partigianeria, con carità e responsabilità, senza soffiare sul fuoco della frustrazione e della rabbia sociale”, ha ribadito il cardinale: “Che tutte le forze politiche, gli operatori della comunicazione, i responsabili a qualunque titolo non badino all’interesse immediato e di parte!”. “La conclusione di un periodo difficile, richiama tutti a un senso di responsabilità nelle parole e nei fatti, sempre tenendo conto del rispetto delle persone e del bene comune”.

 

 

 

Redazione da sito di informazione

 

Redazione1
di Redazione1 giugno 11, 2018 17:15


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il Coro angelico dei Troni
    Alla pari dei Serafini e dei Cherubini, con i quali compongono il primo ordine, i Troni sono angeli che bruciano dell’amore di Dio e dell’intelligenza divina, così come scrive Daniele: “Il suo trono era fiamme e fuoco”. “Attorno al trono c’erano ventiquattro troni su cui stavano seduti ventiquattro anziani vestiti di vesti bianche e con […]
    don Marcello Stanzione
  • Un cavallo al posto di Gesù. Il vescovo: niente benedizione al “drappellone” del Palio di Siena
    L'animale, simbolo del Palio, è in braccio a  Maria. Un'immagine... tutt'altro che cristiana! Ed è scontro con il sindaco«E’ un’opera d’arte moderna ma non rispetta i caratteri della cultura mariana e per questo benedico la città, ma non il drappellone».  Così l’arcivescovo di Siena Antonio Buoncristiani, durante la cerimonia dell’offerta dei ceri e dei “censi” […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Genova. Mamma insieme alla figlia sotto le macerie: “Non prendete me, salvate lei!” (VIDEO)
    Marina ha tenuto stretta la mano di sua figlia sotto le macerie ed è grazie a questo gesto di tenerezza e d'amore che i Vigili del Fuoco sono riusciti a salvare la ragazza“C’è mia figlia Camilla, tiratela fuori!” Questo è il grido disperato di mamma Marina sommersa dalle macerie insieme alla figlia dopo il crollo […]
    Silvia Lucchetti
  • Global warming e fake news sull’anno Mille: essere cattolici non significa essere climatoscettici
    Non esiste riscaldamento globale. Anzi, forse esiste ma non ci farà niente: ne abbiamo già visti altri, ad esempio i tre secoli di “POM”… Girano online questa e altre amenità per minimizzare il dato del riscaldamento globale (e poter quindi nicchiare sulle responsabilità antropiche). Degli studiosi di medioevo hanno simpaticamente illustrato una dettagliata smentita, che […]
    Giovanni Marcotullio
  • La Chiesa che piace a Papa Francesco: in Irlanda visiterà un Centro per i senzatetto
    Blitz nel pomeriggio del 25 agosto. Ogni giorno la struttura sforna 700 pasti per i poveri di Dublino e migliaia di visite gratuite e assistenza ai bambini homelessCi sarà una tappa molto speciale nella visita pastorale di Papa Francesco a Dublino, in Irlanda, prevista il 25 e 26 agosto in occasione del “Festival delle famiglie“. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La vergogna dei 301 preti pedofili in Pennsylvania. Nel mirino anche i vescovi insabbiatori
    Una triste storia che scuote gli Stati Uniti. Il Vaticano: abusi riprovevoli1356 pagine di pura vergogna. Quasi 70 anni, 1000 vittime, 301 preti coinvolti. Una parte della Chiesa malata continua a far danni. Al centro delle cronache, dopo la triste vicenda del Cile, ancora una volta gli abusi sessuali del clero sui bambini. Lo scandalo della […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Una sorpresa recapitata direttamente da Dio (VIDEO)
    Nessuno si aspettava di trovare dietro un telo nero un capolavoro così prezioso ...Cosa sarà? Un gruppo di persone viene invitato ad ammirare un’opera d’arte nascosta dietro un telo nero. Ciascuno, a turno, entra e si siede di fronte al misterioso capolavoro in attesa che cali il sipario. Vang Gogh? Monet? Una fotografia meravigliosa? L’attesa […]
    Annalisa Teggi
  • Alla ricerca del tempo perduto: i benefici dello slow life style
    Prendersi del tempo non significa perdere del tempo. Il fatto che i movimenti slow emergano testimoniano una vera volontà di rinsaldare i vincoli con la semplicità, di essere attenti a sé e agli altri e, in ultima analisi, di passare dal versante materiale a quello spirituale della vita.Nel 2011 usciva Time Out, film americano di […]
    Axelle Partaix
  • Quante volte ci siamo illlusi che qualcosa e non Qualcuno potesse regalarci la felicità?
    "Questo desiderio di felicità ce l’ha messo Lui nel cuore, e solo Lui può colmarlo, ma allora perché non lo fa e basta, invece di lasciarci questa libertà a causa della quale la maggior parte delle volte andiamo a sbattere contro un muro, e ci facciamo anche male?"di Anna Mazzitelli È un bel po’ che […]
    Piovono Miracoli
  • Frérè Roger di Taizé, preghiera e riconciliazione per i giovani
    Il 16 agosto 2005, durante la preghiera serale, frérè Roger Schutz, fondatore della comunità ecumenica di Taizé, veniva ucciso da una squilibrata. Le sue parole ai giovani: fate una vita semplice e costruite comunione“Canterò in eterno la misericordia del Signore”. Dodicimila cuori nella chiesa della Riconciliazione di Taizé, e milioni, uniti spiritualmente a loro, pregavano […]
    Vatican News

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 30:
    • 154:
    agosto: 2018
    L M M G V S D
    « Lug    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login