In un Paese in crisi diviso e confuso, i cristiani cosa fanno per dare aiuto?

Redazione1
di Redazione1 giugno 11, 2018 17:15

In un Paese in crisi diviso e confuso, i cristiani cosa fanno per dare aiuto?

Nei momenti difficili che il nostro Paese sta attraversando, tra fermenti e tensioni diffusi nelle varie forze politiche e sociali in crisi di identità, da più parti viene sollecitata una necessaria assunzione di responsabilità del laicato cattolico. Il card.Bassetti: cristiani “assenti o latitanti” rischiano “irrilevanza”.

In tempi difficili come quelli che il nostro Paese sta vivendo per i postumi di una crisi durissima, in cui alle difficoltà dell’economia si unisce il travaglio della fine di un ciclo politico, l’affievolirsi della capacità di affrontare i problemi, con un vistoso limite culturale nel proporre soluzioni valide ai numerosi problemi che gravano sulla nostra società, sono diversi coloro che si domandano: “ma i cristiani che fine hanno fatto?” Oppure, qualcun altro in modo più direttamente autoreferenziale: “dove siamo noi adulti cristiani per aiutare oggi?”.

Per cui, di fronte a tanti fermenti e tensioni diffusi nelle varie forze politiche e sociali e alle conseguenze che è facile immaginare per il futuro, come altre volte nella storia, in questo momento difficile si registra, da più parti, un affiorare di riflessioni sulla necessità di una assunzione di responsabilità del laicato cattolico.

Sotto questo profilo, un interrogativo che si ispira alle esortazioni evangeliche ci sembra particolarmente significativo: “Come ci stiamo attivando perché possiamo essere protagonisti della nostra storia nel rispetto delle relazioni intergenerazionali? Dove siamo noi cristiani oggi, per costruire con tutti gli uomini e le donne di buona volontà, al di là della diversità e nel rispetto reciproco, un mondo di giustizia e di pace, rispettoso di ogni persona e del creato?”  Perciò non si può tralasciare di pensare che inevitabilmente “il vuoto lasciato nella società dai cristiani oggi ci interpella…”.

In questo emergere di riflessioni e interrogativi, ovviamente, assumono particolare importanza le considerazioni espresse di recente dal cardinale Gualtiero Bassetti – arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, – che intervenendo all’incontro “Preghiera per l’Italia” promosso dalla Comunità di Sant’Egidio, ha usato toni decisi

sull’idea di fondo secondo cui “ci vuole una svolta per cominciare a lavorare insieme con  senso di responsabilità nelle parole e nei fatti, per ritessere tessuto umano in nome della pace civile e sociale”.

Entrando nel vivo dell’interessante argomento, Bassetti si è soffermato a spiegare che in un momento così serio della nostra storia, i cristiani non possono essere assenti o latitanti, con i loro valori, anzi – come diceva Paolo VI – quali esperti di umanità hanno una particolare responsabilità”. Ha affermato inoltre che disertare quel servizio al bene comune, che è fare politica in democrazia, si rischierebbe l’irrilevanza. “Non davanti agli uomini, ma soprattutto davanti al Signore”.

Anche perché “far luce non è dominare, ma nemmeno nascondersi sotto il moggio; per cui “e’ venuto il momento, come ho detto recentemente, di avviare nuovi processi, senza preoccuparsi di occupare spazi di potere, in cui i giovani – soprattutto i giovani – si sentano chiamati ad assumersi nuove responsabilità e ad elaborare nuove ‘idee ricostruttive’ per la democrazia del nostro Paese.

A tal proposito, Bassetti si è detto convinto che “le energie morali di questo Paese sono ancora tante e tantissimi siano i talenti, forse inespressi, forse nascosti, che necessitano di essere valorizzati”. “Preghiamo per l’Italia, perché lo Spirito del Signore soffi nel cuore dei responsabili e degli italiani, affinché s’impegnino per il bene comune, in particolare per le fasce più povere della popolazione – ha continuato Bassetti – memori che l’Italia – per la sua storia e la sua collocazione geografica in Europa e nel Mediterraneo – ha una particolare vocazione e una sua responsabilità. Possa essere il nostro Paese una vera madre per tutti i suoi cittadini e una presenza di pace e di soccorso nel mondo!”.

“È eticamente doveroso lavorare per il bene comune dell’Italia senza partigianeria, con carità e responsabilità, senza soffiare sul fuoco della frustrazione e della rabbia sociale”, ha ribadito il cardinale: “Che tutte le forze politiche, gli operatori della comunicazione, i responsabili a qualunque titolo non badino all’interesse immediato e di parte!”. “La conclusione di un periodo difficile, richiama tutti a un senso di responsabilità nelle parole e nei fatti, sempre tenendo conto del rispetto delle persone e del bene comune”.

 

 

 

Redazione da sito di informazione

 

Redazione1
di Redazione1 giugno 11, 2018 17:15


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Perché non fai ciò che è possibile e chiedi a Dio di compiere l’impossibile?
    Mi viene alla mente un sagace racconto di mio nonno: “un uomo si lamentava perché dopo essere finalmente riuscito a togliere al suo asino il vizio di mangiare gli era morto”.In quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire: “Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le […]
    Luigi Maria Epicoco
  • L’età di Gesù: è morto a 33 anni o si tratta di un numero simbolico?
    E' una data convenzionale oppure è vero?Si dice sempre che Gesù fu crocifisso a 33 anni: questa età risulta dai Vangeli, oppure è una convenzione, magari nata da elementi simbolici? (indirizzo email) Risponde don Stefano Tarocchi, docente di Sacra Scrittura alla facoltà teologica dell’Italia centrale. La crocifissione di Gesù fissata al trentatreesimo anno della sua […]
    Toscana Oggi
  • Cosa affermò il Concilio Vaticano II sugli angeli?
    Il Pontefice Paolo VI (G.B. Montini, 1963-1978) verrà canonizzato a Roma in piazza San Pietro il 14 ottobre prossimo. Egli è stato il Papa che ha portato avanti e concluso le fasi del Concilio Vaticano II. Quanto al fatto che il Vaticano II abbia parlato poco degli Angeli e dei demoni, ciò è avvenuto perché […]
    don Marcello Stanzione
  • La carità di Papa Francesco sfreccia come una Vespa
    Ad un mese dalla donazione al Papa di una Vespa 50R dell'anno ‘71, personalizzata e con una targa ad hoc, il ciclomotore è stato venduto e il ricavato è stato destinato all’Elemosineria Apostolica. Riviviamo il momento della consegnadi Benedetta Capelli – Città del Vaticano Giovanni Paolo II, nella Lettera apostolica Novo Millennio Ineunte al termine del Giubileo […]
    Vatican News
  • Le ultime parole di mons. Romero prima di essere assassinato (AUDIO)
    L'audio con il momento esatto in cui venne ucciso mentre celebrava la MessaLa messa che mons. Romero stava celebrando il 24 marzo 1980, giorno del suo assassinio, era in ricordo del primo anniversario della morte di Sara Meardi de Pinto, madre di Jorge de Pinto, redattore ed editore del settimanale salvadoregno «El Independiente». Il vangelo […]
    Aleteia
  • Costruire la pace sotto il sorriso di Romero e Paolo VI
    La Comunità di Sant'Egidio a Bologna inaugura la sua tre giorni con la benedizione di tre santi: Wojtyla, Montini, RomeroProprio oggi mentre a Piazza San Pietro verranno canonizzati papa Paolo VI e monsignor Oscar Romero, a Bologna la Comunità di Sant’Egidio sull’onda di quelle esperienze profetiche prova a continuare la strada della costruzione di “ponti […]
    Lucandrea Massaro
  • “Mio fratello Oscar…”. Parla Gaspar Romero, fratello del futuro santo
    Il giorno del suo compleanno, il 15 agosto Assunzione di Maria, ricordo perfettamente che mia madre mi disse che sarebbe arrivato in alto”Il calore, alle dieci del mattino ha già raggiunto i 30 gradi. Natale a 40° non è una rarità a queste latitudini dove gli alberi natalizi non conoscono i fiocchi di neve. Non […]
    Alver Metalli
  • 4 virtù per il bene del fidanzamento
    di Giselle Ferreira* L’essenza dell’amore è splendida in tutti i suoi aspetti, ma questa esperienza perfetta diventa delicata e negativa quando viene privata della sua regalità. Amare è un dono di Dio, ed è per questo che è un’esperienza tanto perfetta. Amare è un esercizio complesso e affascinante, in cui smettiamo di vivere esclusivamente il […]
    Destrave
  • Soppresso volontariamente neonato con patologia neurologica. Poteva vivere fino a 10 anni
    Con l'accordo dell'equipe medica e dei genitori il piccolo è stato ucciso. Si scrive eutanasia ma è infanticidio. E' il secondo caso ufficiale dal 2005 in Olanda di iniezione letale su neonato. Dobbiamo continuare a trovare la forza di scandalizzarci e di attaccare le ragioni alla base di queste e altre aberrazioni in aperta ostilità […]
    Paola Belletti
  • Quante difficoltà ha avuto Papa Montini per diventare sacerdote!
    Il futuro Paolo VI era tormentato da gravi problemi di salute sin da ragazzino, ma ebbe la forza e l'ostinazione di finire gli studiDa sacerdote a Papa, poi beato e infine santo. Ne ha fatto di strada Papa Paolo VI, al secolo Giovanni Battista Montini, che domenica 14 ottobre, sarà canonizzato in piazza San Pietro. […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 86:
    • 401:
    ottobre: 2018
    L M M G V S D
    « Set    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

    Login