MESSINA – Padre Marrazzo “Il prete del popolo”, Incontro di studi sull’amato rogazionista seguace di Sant’Annibale

Redazione1
di Redazione1 aprile 28, 2018 18:10

MESSINA – Padre Marrazzo “Il prete del popolo”, Incontro di studi sull’amato rogazionista seguace di Sant’Annibale

Al nutrito numero di eccelsi fautori di santità, tra canonizzati e in via di esserlo, che fanno di Messina una privilegiata “Terra di santi”, si aggiunge P. Giuseppe Marrazzo, già avviato nel processo di beatificazione. Figura luminosa di sacerdote rogazionista e “messinese di fatto”, per aver vissuto 45 anni nella nostra città con la quale aveva un forte legame affettivo, di cui si parlerà in un importante Incontro di studi. 

A conclusione del Centenario della nascita di Padre Giuseppe

Marrazzo, venerdì 4 maggio, alle ore 16,30, nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università di Messina, si terrà un incontro di studi sul tema “Il ‘prete del popolo’ tra apostolato sociale e ministero della misericordia”. Il convegno, organizzato dai Padri Rogazionisti e l’Associazione Amici di Padre Marrazzo, si concluderà il giorno seguente, sabato 5, alle ore 18,00, nella Basilica Santuario di Sant’Antonio, con una celebrazione eucaristica presieduta da mons. Vittorio Mondello, Arcivescovo emerito di Reggio Calabria. Alle ore 19,00, sarà inaugurata la sala dei ricordi di P. Marrazzo.

Per la sezione generale dell’incontro, con inizio alle ore 16,30, coordinatore Antonio Baglio, interverranno i relatori: Angelo Sindoni, Giovanna Costanzo, Rosa Grazia Romano, mons. Josè Costa.

Per la seconda parte, dedicata alle Testimonianze, coordinatore mons. Giò Tavilla, dalle ore 18,00, interverranno: Giuseppina Gazzara, Annamaria Ternullo, P. Agostino Zamperini, Anastasio Majolino. Conclusioni di Rachele Gerace.

Intervento musicale della violinista Viola Adamova.

Padre Giuseppe Marrazzo (1927-1992), sacerdote rogazionista, è stato uomo mite, buono, umile, semplice e tanto paziente. Per questa sua umiltà e dedizione caritatevole per il prossimo, era inteso il “prete del popolo”. La gente comune trovava in lui il sacerdote che con voce pacata e suadente sapeva suscitare energie, infondere coraggio e serenità spirituale. Il prete buono di S. Antonio era un’autentica luce proiettata sul “sentiero rogazionista, ” tracciato dal Fondatore  Sant’Annibale, che padre Marrazzo percorreva con abnegazione. Fin dai primi giorni della sua permanenza a Messina, una delle attività principali che hanno caratterizzato il suo apostolato, è stata la particolare dedizione verso i più poveri, i bisognosi, gli anziani e i malati.

Il carisma basilare del suo fervoroso ministero sacerdotale era quello di essere soprattutto Confessore. Lo era in maniera instancabile, per ore e ore, nel Tempio della Rogazione Evangelica, e per questo delicato esercizio era ricercato da tanti messinesi e anche da numerosi sacerdoti, regolari e secolari, e da moltissime religiose della città e della provincia.

Un altro motivo caratterizzante la sua spiritualità, che si intrecciava intimamente con la sua grande devozione mariana, era quello della “maternità sacerdotale”; per cui attribuiva un particolare valore protettivo alle cosiddette mamme dei sacerdoti (le figure femminili votate a sostenere spiritualmente con la preghiera i consacrati presbiteri), vedendole come un proficuo prolungamento della Madre celeste.

“La fama di santità di cui don Peppino godeva quando era in vita, continua da morto, diffondendosi anche fuori d’Italia. Molti dei suoi penitenti attestano di aver intrapreso per suo merito la giusta strada e di aver ricevuto da lui consigli e ispirazioni preziosi per la propria esistenza. A fronte delle numerose segnalazioni di grazie e della persistente fama di santità, i Rogazionisti hanno chiesto all’Arcivescovo di Messina di aprire il processo di canonizzazione. Ottenuto il nulla osta da parte della Santa Sede, il 5 maggio 2008 è iniziata l’inchiesta diocesana conclusasi il 9 maggio 2015. Il 14 settembre 2016 la Congregazione per le Cause dei Santi ha emanato il decreto di validità giuridica. Attualmente si attende il decreto sull’eroicità delle virtù”.

Padre Giuseppe Marrazzo morì a Messina nel novembre del 1992. Il 9 maggio 2014; i suoi resti mortali sono stati traslati nel Santuario di Sant’Antonio e deposti nello stesso sepolcro dove, per oltre sessant’anni, erano state collocate le spoglie di Sant’Annibale Maria Di Francia.

 

Il programma degli interventi in dettaglio:

 

 

Redazione

Redazione1
di Redazione1 aprile 28, 2018 18:10


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il Papa apre a donne lettori e accoliti? Cosa significa?
    Innovazione? Eversione? A ben guardare, il motu proprio “Spiritus Domini” del Santo Padre appare piuttosto un atto di ferma restaurazione storica e teologica. Un insigne domenicano ci guida nel capire perché. Con la Lettera Apostolica Spiritus Domini dell’11 gennaio 2021, papa Francesco ha aperto alle donne il lettorato e l’accolitato. Ci si potrebbe domandare che […]
    Thomas Michelet
  • Il Cristo di ghiaccio: in ricordo delle vittime di Rigopiano
    Padre Maurizio Patriciello nel quarto anniversario della tragedia di Rigopiano: “Fratelli e sorelle che a Rigopiano avete trovato la morte, riposate in pace” In ricordo delle vittime di Rigopiano: abbiamo sprimentato in questi giorni l’amarissimo sapore del limite. Abbiamo sofferto e pregato. Vi abbiamo tenuto compagnia di giorno e di notte, fratelli e sorelle imprigionati […]
    Padre Maurizio Patriciello
  • Don Patriciello: “Genitore 1 e Genitore 2 mi ricorda le addizioni in prima elementare”
    Bufera sulle parole del parroco giornalista di Caivano per aver bocciato il provvedimento del ministero dell’Interno che cancella “madre” e “padre” su alcuni documenti dei minorenni Don Maurizio Patriciello nell’occhio del ciclone per avere espresso contrarietà a alla nuova dicitura “Genitore 1” e “Genitore 2” al posto di “madre” e “padre”, da apporre su alcuni […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il beato Alberione e la prodigiosa “semina” delle medaglie di San Giuseppe
    Il beato Giacomo Alberione era devotissimo di San Giuseppe. E’ rimasta testimonianza di un prodigio avvenuto sui terreni che ospitarono i primi istituti di vita religiosa fondati dal beato Il beato Giacomo Alberione era molto devoto a San Giuseppe. Di questa devozione sono rimaste numerose testimonianze. In particolare quella di un prodigio avvenuto su terreni […]
    don Marcello Stanzione
  • Enrico Vanzina: mio fratello è morto con il rosario donatogli dal Papa tra le mani
    Il regista racconta che la fede lo ha aiutato moltissimo quando ha perso il fratello. E nell’ultimo periodo il suo sguardo è rivolto a San Francesco Enrico Vanzina, Papa Francesco e quel regalo che fino all’ultimo ha stretto tra le mani, prima di morire, suo fratello Carlo. Lo racconta a In Terris Enrico, noto sceneggiatore, […]
    Gelsomino Del Guercio
  • L’amore per i bambini di Giovanni Paolo I
    A Canale d’Agordo, nella Chiesa parrocchiale, è collocata una statua di Albino Luciani (Papa Giovanni Paolo I) con un bambino che accarezza e tiene in mano la mitria, opera di Riccardo Cenedese a dimostrazione di quanto amava ‘soprattutto i bambini’ e quanto i bambini lo aiutavano con la loro imprevedibilità e spontaneità. Da alcune testimonianze […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Blue Monday? Vieni, cara tristezza, a parlarci di noi!
    Alessandro D’Avenia, proprio di lunedì, non smette di offrirci occasione di riflettere e di tornare con una presa più forte alla nostra vita di questi giorni, così faticosi e così pieni di una grazia speciale. La tristezza è una buona notizia Oggi Alessandro D’Avenia dal suo ultimo banco sul CorSera ha parlato proprio di quello […]
    Paola Belletti
  • Comunione in mano o in bocca, cos’è che conta?
    Stiamo parlando di cose importanti ma non fondamentali, e stiamo dimenticando l’essenziale… Mia moglie ed io siamo tornati alle Messe virtuali per via della ferrea quarantena in vigore nel nostro Paese, Panama. Tutti i pomeriggi, dopo aver preso il caffè con il pane caldo con burro e marmellata, ci sediamo ad ascoltare la Messa. Questo […]
    Claudio De Castro
  • Restituiscono l’auto rubata a una disabile: “Anche noi abbiamo un cuore”
    I ladri, oltre a restituire la vettura, hanno lasciato un biglietto di scuse. La raccolta fondi per aiutare la donna derubata sarà ora impiegata per comprare un’auto che altri disabili potranno noleggiare gratuitamente. Un gesto insolito e degno di nota: un’auto rubata il 13 gennaio è stata restituita il 16 gennaio con le scuse da […]
    Annalisa Teggi
  • Cos’è il tabernacolo, e perché visitarlo dà tanta pace?
    Una risposta efficace alla domanda relativa a cosa fare nei momenti difficili che stiamo vivendo nel mondo Mi appassiona parlare e scrivere della presenza reale e vera di Gesù VIVO nel tabernacolo. Alcuni si chiedono cosa sia il tabernacolo e perché ne parlo tanto – o meglio, chi vi abita. Il tabernacolo è il punto […]
    Claudio De Castro

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 100:
    • 145:
    gennaio: 2021
    L M M G V S D
    « Dic    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

    Login