MESSINA – Padre Marrazzo “Il prete del popolo”, Incontro di studi sull’amato rogazionista seguace di Sant’Annibale

Redazione1
di Redazione1 aprile 28, 2018 18:10

MESSINA – Padre Marrazzo “Il prete del popolo”, Incontro di studi sull’amato rogazionista seguace di Sant’Annibale

Al nutrito numero di eccelsi fautori di santità, tra canonizzati e in via di esserlo, che fanno di Messina una privilegiata “Terra di santi”, si aggiunge P. Giuseppe Marrazzo, già avviato nel processo di beatificazione. Figura luminosa di sacerdote rogazionista e “messinese di fatto”, per aver vissuto 45 anni nella nostra città con la quale aveva un forte legame affettivo, di cui si parlerà in un importante Incontro di studi. 

A conclusione del Centenario della nascita di Padre Giuseppe

Marrazzo, venerdì 4 maggio, alle ore 16,30, nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università di Messina, si terrà un incontro di studi sul tema “Il ‘prete del popolo’ tra apostolato sociale e ministero della misericordia”. Il convegno, organizzato dai Padri Rogazionisti e l’Associazione Amici di Padre Marrazzo, si concluderà il giorno seguente, sabato 5, alle ore 18,00, nella Basilica Santuario di Sant’Antonio, con una celebrazione eucaristica presieduta da mons. Vittorio Mondello, Arcivescovo emerito di Reggio Calabria. Alle ore 19,00, sarà inaugurata la sala dei ricordi di P. Marrazzo.

Per la sezione generale dell’incontro, con inizio alle ore 16,30, coordinatore Antonio Baglio, interverranno i relatori: Angelo Sindoni, Giovanna Costanzo, Rosa Grazia Romano, mons. Josè Costa.

Per la seconda parte, dedicata alle Testimonianze, coordinatore mons. Giò Tavilla, dalle ore 18,00, interverranno: Giuseppina Gazzara, Annamaria Ternullo, P. Agostino Zamperini, Anastasio Majolino. Conclusioni di Rachele Gerace.

Intervento musicale della violinista Viola Adamova.

Padre Giuseppe Marrazzo (1927-1992), sacerdote rogazionista, è stato uomo mite, buono, umile, semplice e tanto paziente. Per questa sua umiltà e dedizione caritatevole per il prossimo, era inteso il “prete del popolo”. La gente comune trovava in lui il sacerdote che con voce pacata e suadente sapeva suscitare energie, infondere coraggio e serenità spirituale. Il prete buono di S. Antonio era un’autentica luce proiettata sul “sentiero rogazionista, ” tracciato dal Fondatore  Sant’Annibale, che padre Marrazzo percorreva con abnegazione. Fin dai primi giorni della sua permanenza a Messina, una delle attività principali che hanno caratterizzato il suo apostolato, è stata la particolare dedizione verso i più poveri, i bisognosi, gli anziani e i malati.

Il carisma basilare del suo fervoroso ministero sacerdotale era quello di essere soprattutto Confessore. Lo era in maniera instancabile, per ore e ore, nel Tempio della Rogazione Evangelica, e per questo delicato esercizio era ricercato da tanti messinesi e anche da numerosi sacerdoti, regolari e secolari, e da moltissime religiose della città e della provincia.

Un altro motivo caratterizzante la sua spiritualità, che si intrecciava intimamente con la sua grande devozione mariana, era quello della “maternità sacerdotale”; per cui attribuiva un particolare valore protettivo alle cosiddette mamme dei sacerdoti (le figure femminili votate a sostenere spiritualmente con la preghiera i consacrati presbiteri), vedendole come un proficuo prolungamento della Madre celeste.

“La fama di santità di cui don Peppino godeva quando era in vita, continua da morto, diffondendosi anche fuori d’Italia. Molti dei suoi penitenti attestano di aver intrapreso per suo merito la giusta strada e di aver ricevuto da lui consigli e ispirazioni preziosi per la propria esistenza. A fronte delle numerose segnalazioni di grazie e della persistente fama di santità, i Rogazionisti hanno chiesto all’Arcivescovo di Messina di aprire il processo di canonizzazione. Ottenuto il nulla osta da parte della Santa Sede, il 5 maggio 2008 è iniziata l’inchiesta diocesana conclusasi il 9 maggio 2015. Il 14 settembre 2016 la Congregazione per le Cause dei Santi ha emanato il decreto di validità giuridica. Attualmente si attende il decreto sull’eroicità delle virtù”.

Padre Giuseppe Marrazzo morì a Messina nel novembre del 1992. Il 9 maggio 2014; i suoi resti mortali sono stati traslati nel Santuario di Sant’Antonio e deposti nello stesso sepolcro dove, per oltre sessant’anni, erano state collocate le spoglie di Sant’Annibale Maria Di Francia.

 

Il programma degli interventi in dettaglio:

 

 

Redazione

Redazione1
di Redazione1 aprile 28, 2018 18:10


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Perché non fai ciò che è possibile e chiedi a Dio di compiere l’impossibile?
    Mi viene alla mente un sagace racconto di mio nonno: “un uomo si lamentava perché dopo essere finalmente riuscito a togliere al suo asino il vizio di mangiare gli era morto”.In quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire: “Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le […]
    Luigi Maria Epicoco
  • L’età di Gesù: è morto a 33 anni o si tratta di un numero simbolico?
    E' una data convenzionale oppure è vero?Si dice sempre che Gesù fu crocifisso a 33 anni: questa età risulta dai Vangeli, oppure è una convenzione, magari nata da elementi simbolici? (indirizzo email) Risponde don Stefano Tarocchi, docente di Sacra Scrittura alla facoltà teologica dell’Italia centrale. La crocifissione di Gesù fissata al trentatreesimo anno della sua […]
    Toscana Oggi
  • Cosa affermò il Concilio Vaticano II sugli angeli?
    Il Pontefice Paolo VI (G.B. Montini, 1963-1978) verrà canonizzato a Roma in piazza San Pietro il 14 ottobre prossimo. Egli è stato il Papa che ha portato avanti e concluso le fasi del Concilio Vaticano II. Quanto al fatto che il Vaticano II abbia parlato poco degli Angeli e dei demoni, ciò è avvenuto perché […]
    don Marcello Stanzione
  • La carità di Papa Francesco sfreccia come una Vespa
    Ad un mese dalla donazione al Papa di una Vespa 50R dell'anno ‘71, personalizzata e con una targa ad hoc, il ciclomotore è stato venduto e il ricavato è stato destinato all’Elemosineria Apostolica. Riviviamo il momento della consegnadi Benedetta Capelli – Città del Vaticano Giovanni Paolo II, nella Lettera apostolica Novo Millennio Ineunte al termine del Giubileo […]
    Vatican News
  • Le ultime parole di mons. Romero prima di essere assassinato (AUDIO)
    L'audio con il momento esatto in cui venne ucciso mentre celebrava la MessaLa messa che mons. Romero stava celebrando il 24 marzo 1980, giorno del suo assassinio, era in ricordo del primo anniversario della morte di Sara Meardi de Pinto, madre di Jorge de Pinto, redattore ed editore del settimanale salvadoregno «El Independiente». Il vangelo […]
    Aleteia
  • Costruire la pace sotto il sorriso di Romero e Paolo VI
    La Comunità di Sant'Egidio a Bologna inaugura la sua tre giorni con la benedizione di tre santi: Wojtyla, Montini, RomeroProprio oggi mentre a Piazza San Pietro verranno canonizzati papa Paolo VI e monsignor Oscar Romero, a Bologna la Comunità di Sant’Egidio sull’onda di quelle esperienze profetiche prova a continuare la strada della costruzione di “ponti […]
    Lucandrea Massaro
  • “Mio fratello Oscar…”. Parla Gaspar Romero, fratello del futuro santo
    Il giorno del suo compleanno, il 15 agosto Assunzione di Maria, ricordo perfettamente che mia madre mi disse che sarebbe arrivato in alto”Il calore, alle dieci del mattino ha già raggiunto i 30 gradi. Natale a 40° non è una rarità a queste latitudini dove gli alberi natalizi non conoscono i fiocchi di neve. Non […]
    Alver Metalli
  • 4 virtù per il bene del fidanzamento
    di Giselle Ferreira* L’essenza dell’amore è splendida in tutti i suoi aspetti, ma questa esperienza perfetta diventa delicata e negativa quando viene privata della sua regalità. Amare è un dono di Dio, ed è per questo che è un’esperienza tanto perfetta. Amare è un esercizio complesso e affascinante, in cui smettiamo di vivere esclusivamente il […]
    Destrave
  • Soppresso volontariamente neonato con patologia neurologica. Poteva vivere fino a 10 anni
    Con l'accordo dell'equipe medica e dei genitori il piccolo è stato ucciso. Si scrive eutanasia ma è infanticidio. E' il secondo caso ufficiale dal 2005 in Olanda di iniezione letale su neonato. Dobbiamo continuare a trovare la forza di scandalizzarci e di attaccare le ragioni alla base di queste e altre aberrazioni in aperta ostilità […]
    Paola Belletti
  • Quante difficoltà ha avuto Papa Montini per diventare sacerdote!
    Il futuro Paolo VI era tormentato da gravi problemi di salute sin da ragazzino, ma ebbe la forza e l'ostinazione di finire gli studiDa sacerdote a Papa, poi beato e infine santo. Ne ha fatto di strada Papa Paolo VI, al secolo Giovanni Battista Montini, che domenica 14 ottobre, sarà canonizzato in piazza San Pietro. […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 86:
    • 401:
    ottobre: 2018
    L M M G V S D
    « Set    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

    Login