MESSINA – Montevergine, celebrato rito di Professione perpetua dei voti solenni di giovane clarissa dell’Ordine “Sorelle povere di S. Chiara

Redazione1
di Redazione1 dicembre 9, 2017 19:40

MESSINA – Montevergine,  celebrato rito di Professione perpetua dei voti solenni di giovane clarissa dell’Ordine “Sorelle povere di S. Chiara

E’ stato un momento celebrativo gioioso e coinvolgente, che ha suscitato viva partecipazione ed intensi richiami spirituali, il rito durante il quale, nella chiesa di S. Eustochia, si è compiuta la Professione perpetua dei voti solenni di suor Maria Chiara Speranza Grassia, del Preziosissimo Sangue; intenso il coinvolgimento emotivo suscitato sia nella Comunità delle “Sorelle povere di Santa Chiara”, di cui la clarissa ora è entrata a far parte per sempre, che nei parenti e nei numerosi fedeli presenti.

Una cerimonia dunque esaltante, cui si è avuto la fausta opportunità di assistere che, per il suo alto significato umano e religioso, non può non suscitare elevate risonanze spirituali, ma anche profonde riflessioni di carattere esistenziale sulla impegnativa e assoluta decisione di fede, difficilmente comprensibile per molti, proclamata da una donna così giovane. Anche perchè la scelta totalizzante che ella ha compiuto con l’offerta sacrificale della sua vita a Dio, fatta per sempre, appare molto discordante col modo di vivere in un mondo in cui le promesse di fedeltà non sono certo molto praticate, e spesso troppo poco mantenute.

Alla solenne cerimonia di consacrazione della giovane clarissa, hanno presenziato numerosi padri francescani, Frati minori e Cappuccini, e parecchi presbiteri della Diocesi. Il rito, durante il quale si sono succeduti i momenti che hanno segnato i passaggi simbolici di questa Professione Perpetua, e la

celebrazione eucaristica che ne è seguita,

sono stati presieduti dall’Arcivescovo mons. Giovanni Accolla.

“In questo giorno dedicato a Cristo Re – ha affermato l’arcivescovo nell’omelia – stiamo vivendo un momento di gioia emozionante perché la nuova clarissa accetta di farsi piccola nell’umiltà, come si è fatto

piccolo Dio in Gesù Cristo, rendendosi simile a ognuno di noi: è infatti nella piccolezza in cui si è calato Gesù che consiste la regalità di Cristo Re. Grazie dunque a Maria Chiara – ha continuato l’arcivescovo – per questa testimonianza di discrezione, di fragilità e insieme di forza al servizio della Chiesa, nella vita monastica che è palestra di vita senza clamore. Grazie per la scommessa di una vita dedicata a dare risposta alla chiamata di Dio in castità, obbedienza e povertà, facendo un cammino inverso a quello del mondo, e per la salvezza del mondo”.

 

La cerimonia religiosa, quindi, è entrata nel vivo del suo svolgimento attraverso i passaggi simbolici che hanno scandito i momenti più significativi del rito di consacrazione, iniziando con l’atto dell’accettazione. Durante il quale Maria Chiara ha dato risposta, con i suoi convinti “si, lo voglio”, alle interrogazioni del celebrante circa l’intenzione di accettare l’osservanza della Regola monastica di Santa Chiara.

Il rito è proseguito poi con lo svolgimento dei punti salienti della consacrazione: particolarmente coinvolgente il momento dell’invocazione dei presenti a Dio per la conferma del santo proposito di Maria Chiara, mediante l’intonazione delle vibranti note della litania

dei santi, con la clarissa che stava distesa per terra, prona, in segno di umiltà; poi la lettura della formula della professione scritta di suo pugno; la solenne benedizione di consacrazione da parte dell’arcivescovo, che, in fine, ha consegnato alla neopromessa l’anello nuziale, pegno di fedeltà verso lo sposo Gesù, e la corona di spine simbolo di compartecipazione alla missione sacrificale di Cristo per la salvezza delle anime.

A completamento del rito di consacrazione, si è assistito al momento più toccante: quello dell’atto di accoglienza della nuova clarissa nella Comunità di Montevergine, quando l’Abbadassa, suor Chiara Agnese, tra l’applauso dei presenti, ha stretto a se con un commovente abbraccio la neoprofessa, ricevendola come sorella, consacrata per sempre, quale appartenente alla Famiglia delle Sorelle povere di Santa Chiara.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anastasio Majolino

Redazione1
di Redazione1 dicembre 9, 2017 19:40


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Un medico nel focolaio di Alzano Lombardo: nel volto dei miei colleghi la vittoria di Cristo
    Da primario di ortopedia, Luca Salvi viene catapultato nel pieno dell’emergenza coronavirus. Nuovi protocolli, nuovi assetti, tutto riconvertito per fronteggiare la richiesta crescente dovuta all’espandersi del contagio. E in questa prova la riscoperta di sè, del valore dei legami, del senso del lavoro e dell’amicizia. Dal carisma di Don Giussani una capacità di sguardo nuova […]
    Paola Belletti
  • Coronavirus: come accompagnare i più piccoli nel lutto
    Da diverse settimane, ogni giorno, i bambini si confrontano con la morte sugli schermi televisivi. Il Covid-19 ha infatti già mietuto molte vittime. Ma quando il dolore colpisce una persona molto cara, è una tragedia insopportabile. Più che per un adulto, la morte di una persona cara è devastante nella la vita di un bambino. […]
    Edifa
  • La Corona di Spine di Cristo è sopravvissuta a guerre, rivoluzioni e all’incendio di Notre-Dame
    Le spine della reliquia della Crocifissione si ritrovano in collezioni delle chiese e perfino al British Museum Un anno fa ci si è preoccupati molto per la Corona di Spine di Cristo. Quando un incendio ha quasi distrutto la cattedrale di Notre-Dame, a Parigi, è stato il primo oggetto che un sacerdote indomito è corso […]
    Lucien de Guise
  • Quello che Dio vuole da noi in questo momento è purificarci
    Come interpretare la Bibbia? Cosa dice all’uomo di oggi? Quali perle nascondono i suoi testi? Oscar García Aguado è un sacerdote di Madrid autore di due brevi opere: Aprende a manejar la Biblia. Aproximación al Antiguo Testamento e Aprende a manejar la Biblia. Para disfrutar del Nuevo Testamento. Si tratta di due libri nati da […]
    Alvaro Real
  • I santuari d’Europa per un tour virtuale di Pasqua
    Il COMECE lancia un nuovo servizio nei giorni del Triduo Pasquale per aiutare i fedeli d’Europa Nel contesto dell’attuale pandemia di Covid-19 e dell’impossibilità per molti di partecipare fisicamente alle celebrazioni e ai momenti di preghiera della Chiesa, giovedì 9 aprile 2020, pochi giorni prima di Pasqua, viene lanciato dal COMECE – l’unione delle conferenze […]
    Lucandrea Massaro
  • Vivete la Via Crucis a casa con i vostri figli
    Molti cristiani dovranno vivere il Venerdì Santo senza poter uscire di casa. Ecco consigli e idee per organizzare una Via Crucis a casa con i figli. di Christine Ponsard  Molte famiglie vivranno la Settimana Santa isolati nelle loro case e non potranno andare in chiesa. Tra tutto ciò che viene proposto in questa settimana per […]
    Edifa
  • Una meditazione del Venerdì Santo per trovare la via della santità
    Il Venerdì Santo la Chiesa commemora la Crocifissione e la Morte di Gesù sulla croce. Come il Buon Ladrone crocifisso accanto a Cristo imploriamo la Sua misericordia. di Christine Ponsard Non si può capire in cosa consiste la santità senza guardare all’unico santo canonizzato da Gesù stesso: il Buon Ladrone. Non sappiamo quasi nulla di […]
    Edifa
  • «Diaconato femminile: necessario un rapporto dinamico con la tradizione», parla Anne-Marie Pelletier
    «Non sono sicura che ci sia molto da guadagnare nel particolarizzare il ministero» di donne già al servizio della Chiesa, confida con prudenza Anne-Marie Pelletier, nominata membro della nuova Commissione di studio sul diaconato femminile appena creata da Papa Francesco. Abbiamo intervistato la teologa francese, che si rallegra di vedere che la questione viene ancora […]
    Claire Guigou
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    La lettura può accompagnarci a guardare quelle zone più esposte del nostro io che chiedono aiuto. Brancolare e tentennare sono i verbi che descrivono le mie giornate in quarantena con la famiglia. La fase propositiva-entusiasta del «organizzerò cose fantastiche!» è passata; pesa la fatica – oggettivamente piccola ma non insignificante – di gestire la casa, […]
    Annalisa Teggi
  • Su coronavirus e peste: Dio è con noi, non contro di noi
    La storia delle pesti ci lascia con una speranza inaspettata: in mezzo a questi mali naturali, Dio ci fa sapere che è il Signore Il 6 dicembre 1666, sulla scia dello scoppio della Morte Nera che uccise il 15% della popolazione inglese, il reverendo Josiah Hunter di York pronunciò un sermone intitolato “L’Orrore della Peste”. […]
    Gabriel Torretta, O.P.

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 199:
    • 216:
    aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login