MESSINA – Rosa Gazzara Siciliano e l’avventuroso viaggio culturale che unisce il mondo classico alla lingua siciliana

Redazione1
di Redazione1 ottobre 11, 2017 10:09

MESSINA – Rosa Gazzara Siciliano e l’avventuroso viaggio culturale che unisce il mondo classico alla lingua siciliana

Guardando al difficile e imponente lavoro letterario compiuto da Rosa Gazzara Siciliano, con gli occhi della fantasia improntata alla storia del nostro atavico passato, mi piace vederlo come un metaforico  attraversamento del mitico Stretto, di omerica memoria, tra le insidie contrapposte di un difficoltoso “Scill’e Cariddi” linguistico. Dunque, come una navigazione culturale nel “mare tormentoso” di linguaggi tanto diversi tra loro – greco-latino-italiano da una parte, e siciliano dall’altra – che, nonostante le difficoltà di un lungo e avventuroso viaggio, ha raggiunto felicemente l’approdo prefissato.

Se ne è trattato, in modo piacevolmente celebrativo, nel teatro Vittorio Emanuele gremito di un pubblico molto attento, durante una manifestazione organizzata dalla Biblioteca Regionale Universitaria “Giacomo Longo” di Messina, sotto l’egida dell’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana.

Si è rappresentato così un dovuto riconoscimento tributato al coraggioso lavoro linguistico della intraprendente e tenace nostra concittadina, Rosa Gazzara, che ha permesso di realizzare una proficua e appassionata opera di raffinata trasposizione in siciliano di opere colossali, come Divina Commedia, Odissea ed Eneide.

Un impegno svolto in tanti anni con ammirevole costanza e perizia, mediante cui, in un affascinante ed epico percorso intellettualistico, attraverso opere importanti della letteratura classica, la Gazzara ha toccato sponde identitarie diverse, facendo si che vari poemi di valore universale, riguardanti antiche e importanti civiltà, potessero essere assaporati dai siciliani anche mediante l’uso della loro stessa lingua d’origine, cosa per noi messinesi ancora più apprezzabile.

C’è da rilevare inoltre che questa opera di trasposizione linguistica ha anche un altro merito importante: quello di ottenere un inevitabile effetto di valorizzazione, e quindi rafforzamento, dell’identità che ci riguarda. Ciò perché un linguaggio dialettale, in quanto intimamente legato a un dato luogo, costituisce una componente essenziale del bagaglio culturale che i relativi abitanti portano con sé, quale segno prioritario di appartenenza al gruppo di riferimento. E di conseguenza, il linguaggio locale rappresenta un fattore fondamentale che allo stesso tempo identifica e colloca ogni soggetto nel posto pertinente preciso, rispetto alle radici della sua storia personale e collettiva.     

Sotto questo profilo, in riferimento alla difesa e tutela del patrimonio identitario che ci appartiene, introducendo la serata, Maria Teresa Rodriquez, facente parte dei dirigenti dell’Istituto, ha evidenziato il senso e la validità di quanto si stava svolgendo, sottolineando la perfetta assonanza tra il tema della manifestazione e le finalità che la Biblioteca regionale messinese si propone assiduamente, in concomitanza con la ‘l’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana.

A rendere più piacevole e interessante la serata, – presentati da Patrizia Danzè, coordinatrice della manifestazione – sono stati recitati alcuni brani tratti dai Canti delle diverse opere classiche tradotte dalla Gazzara. Dall’Odissea: “Nausica”, e “Ulisse e Penelope”; dall’Eneide: “Maledizione di Didone”; dalla Divina Commedia: “Paolo e Francesca”,”Ugolino”, “Ulisse”. A recitare questi celebri passi è intervenuto l’artista catanese Pippo Pattavina, che con una brillante interpretazione ha fatto risaltare il valore artistico e lessicale della raffinata traduzione in siciliano, in cui Rosa Gazzara ha trasfuso tanto della sua sensibilità poetica.

Ad allietare la serata dal punto di vista musicale, c’è stata l’esibizione della compagnia di musica siciliana “Unavantaluna”, un noto ensemble particolarmente dedicato a valorizzare e diffondere i canti popolari della nostra terra, che ha presentato diversi brani musicali tra i più conosciuti, accompagnandosi con gli strumenti classici della tradizione popolare.

 

 

Anastasio Majolino

 

Redazione1
di Redazione1 ottobre 11, 2017 10:09


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • La mirabile moltiplicazione delle monache di Boulaur
    Alla fine degli anni 1970, le suore cistercensi dell’abbazia di Boulaur (Gers) si contavano sulle dita di una mano. Sono vicine di casa della famiglia di Claire de Castelbajac, e vi intrattengono da sempre vincoli di amicizia. Gli incontri e le preghiere sarebbero sbocciati in un’incredibile primavera. È una pioggia di occhiolini che da quarant’anni […]
    Bérengère Dommaigné
  • Esther, guarita da un cancro e vivificata dalla preghiera
    Proprio un anno fa Esther, colpita da un cancro al seno, riceveva l’Unzione degli infermi. Oggi rende grazie per la guarigione, per la preghiera della sua comunità parrocchiale e per la sua rinascita in Cristo. «Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò» (Mt 11,28), twittava all’inizio di gennaio […]
    Mathilde De Robien
  • 10 cose che ho imparato grazie ai miei cinque figli
    Al giorno d’oggi le famiglie numerose non sono di moda. Dire che ho cinque figli mi ha trasformata nella destinataria di espressioni di stupore e a volte di disapprovazione. Non manca mai qualcuno che dica “Siete pazzi”, al che rispondiamo sempre di sì, perché bisogna davvero essere un po’ folli per avventurarsi nel mondo delle […]
    María Verónica Degwitz
  • Crollo delle adozioni in Italia: tra nazionalismi e politiche da “ultima spiaggia”
    Crollano le adozioni nel nostro paese che si attestano sotto quota 1000 per la prima volta: pesano nazionalismi, instabilità di governo, ma anche politiche da “ultima spiaggia” che non tengono conto dei diritti dei bambini in primis. Nel mondo che mercifica i bambini, che li rende prodotti pre-confezionati con gli ingredienti e le avvertenze sempre […]
    Giovanna Binci
  • Non “fare” la preziosa, perché tu sei preziosa!
    Nella castità, prima patita e poi ammirata e sempre più compresa, ho scoperto l’amore. di Antonio e Luisa San Valentino è passato da pochi giorni. Per me e Luisa non è solo la ricorrenza della festa degli innamorati. Per noi è una data importante anche per la nostra personale storia d’amore. Ne approfitto per condividere […]
    Matrimonio cristiano
  • Nelle Filippine niente strette di mano allo scambio del segno della pace, mentre la paura per il coronavirus aumenta
    La Chiesa cattolica ha diffuso linee guida per ostacolare la diffusione della malattia In risposta alla minaccia del coronavirus, la Chiesa cattolica delle Filippine ha diffuso delle linee guida consigliando ai fedeli che vanno a Messa di evitare di stringersi la mano durante lo scambio della pace e di tenersi per mano quando si recita […]
    Padre Atilano Fajardo
  • Ambasciatori di una Chiesa missionaria
    La decisione del Papa di inserire un anno di missione nel curriculum formativo del personale diplomatico della Santa Sede La decisione papale di inserire nel curriculum formativo del personale diplomatico al servizio delle nunziature un anno da trascorrere in terra di missione arriva a pochi mesi dall’annuncio che lo stesso Francesco aveva fatto nel discorso […]
    Andrea Tornielli
  • Bambino di 5 anni lancia la sorellina dalla finestra e salva la sua famiglia dalle fiamme
    Noah si è svegliato e ha visto che la sua stanza era piena di fuoco e fumo. Aveva a disposizione solo una finestra, e non ha esitato “Avevamo saputo di bambini che avvertono la famiglia del fatto che è scoppiato un incendio, ma mai di un bambino di 5 anni che abbia agito in questo […]
    Dolors Massot
  • Puoi vedere negli altri… solo ciò che hai nel cuore!
    C’era una volta un vecchio saggio seduto ai bordi di un’oasi all’entrata di una città del Medio Oriente.​ Un giovane si avvicinò e gli domandò: “Non sono mai venuto da queste parti. Come sono gli abitanti di questa città?”​ L’uomo rispose a sua volta con una domanda: “Come erano gli abitanti della città da cui […]
    Don Giovanni Benvenuto
  • San Valentino per ritardatari: potete recuperare il 2 maggio!
    San Valentino, sì, ma quale? Se non avete festeggiato il 14 febbraio, se vi siete dimenticati, se dovete rimediare, ecco la storia che potrebbe salvarvi e l’occasione per recuperare è il 2 maggio! C’era una volta San Valentino. Era un pio cristiano di cui si sa poco o nulla, a parte il fatto che era […]
    Una penna spuntata

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 166:
    • 283:
    febbraio: 2020
    L M M G V S D
    « Gen    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    242526272829  

    Login