MESSINA – Rosa Gazzara Siciliano e l’avventuroso viaggio culturale che unisce il mondo classico alla lingua siciliana

Redazione1
di Redazione1 ottobre 11, 2017 10:09

MESSINA – Rosa Gazzara Siciliano e l’avventuroso viaggio culturale che unisce il mondo classico alla lingua siciliana

Guardando al difficile e imponente lavoro letterario compiuto da Rosa Gazzara Siciliano, con gli occhi della fantasia improntata alla storia del nostro atavico passato, mi piace vederlo come un metaforico  attraversamento del mitico Stretto, di omerica memoria, tra le insidie contrapposte di un difficoltoso “Scill’e Cariddi” linguistico. Dunque, come una navigazione culturale nel “mare tormentoso” di linguaggi tanto diversi tra loro – greco-latino-italiano da una parte, e siciliano dall’altra – che, nonostante le difficoltà di un lungo e avventuroso viaggio, ha raggiunto felicemente l’approdo prefissato.

Se ne è trattato, in modo piacevolmente celebrativo, nel teatro Vittorio Emanuele gremito di un pubblico molto attento, durante una manifestazione organizzata dalla Biblioteca Regionale Universitaria “Giacomo Longo” di Messina, sotto l’egida dell’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana.

Si è rappresentato così un dovuto riconoscimento tributato al coraggioso lavoro linguistico della intraprendente e tenace nostra concittadina, Rosa Gazzara, che ha permesso di realizzare una proficua e appassionata opera di raffinata trasposizione in siciliano di opere colossali, come Divina Commedia, Odissea ed Eneide.

Un impegno svolto in tanti anni con ammirevole costanza e perizia, mediante cui, in un affascinante ed epico percorso intellettualistico, attraverso opere importanti della letteratura classica, la Gazzara ha toccato sponde identitarie diverse, facendo si che vari poemi di valore universale, riguardanti antiche e importanti civiltà, potessero essere assaporati dai siciliani anche mediante l’uso della loro stessa lingua d’origine, cosa per noi messinesi ancora più apprezzabile.

C’è da rilevare inoltre che questa opera di trasposizione linguistica ha anche un altro merito importante: quello di ottenere un inevitabile effetto di valorizzazione, e quindi rafforzamento, dell’identità che ci riguarda. Ciò perché un linguaggio dialettale, in quanto intimamente legato a un dato luogo, costituisce una componente essenziale del bagaglio culturale che i relativi abitanti portano con sé, quale segno prioritario di appartenenza al gruppo di riferimento. E di conseguenza, il linguaggio locale rappresenta un fattore fondamentale che allo stesso tempo identifica e colloca ogni soggetto nel posto pertinente preciso, rispetto alle radici della sua storia personale e collettiva.     

Sotto questo profilo, in riferimento alla difesa e tutela del patrimonio identitario che ci appartiene, introducendo la serata, Maria Teresa Rodriquez, facente parte dei dirigenti dell’Istituto, ha evidenziato il senso e la validità di quanto si stava svolgendo, sottolineando la perfetta assonanza tra il tema della manifestazione e le finalità che la Biblioteca regionale messinese si propone assiduamente, in concomitanza con la ‘l’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana.

A rendere più piacevole e interessante la serata, – presentati da Patrizia Danzè, coordinatrice della manifestazione – sono stati recitati alcuni brani tratti dai Canti delle diverse opere classiche tradotte dalla Gazzara. Dall’Odissea: “Nausica”, e “Ulisse e Penelope”; dall’Eneide: “Maledizione di Didone”; dalla Divina Commedia: “Paolo e Francesca”,”Ugolino”, “Ulisse”. A recitare questi celebri passi è intervenuto l’artista catanese Pippo Pattavina, che con una brillante interpretazione ha fatto risaltare il valore artistico e lessicale della raffinata traduzione in siciliano, in cui Rosa Gazzara ha trasfuso tanto della sua sensibilità poetica.

Ad allietare la serata dal punto di vista musicale, c’è stata l’esibizione della compagnia di musica siciliana “Unavantaluna”, un noto ensemble particolarmente dedicato a valorizzare e diffondere i canti popolari della nostra terra, che ha presentato diversi brani musicali tra i più conosciuti, accompagnandosi con gli strumenti classici della tradizione popolare.

 

 

Anastasio Majolino

 

Redazione1
di Redazione1 ottobre 11, 2017 10:09


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Lezioni sulla gioia da un santo disabile
    Il beato Ermanno era affetto da palatoschisi, paralisi cerebrale e spina bifida, ma era il monaco più allegro del monastero Nella società moderna, la salute fisica è un obiettivo così valorizzato che quando ci ammaliamo o diventiamo gravemente disabili possiamo avere la tentazione di rinunciare alla vita. Possiamo essere tentati di cadere nella disperazione e […]
    Philip Kosloski
  • Il missionario cattolico che lavora in un sottomarino
    “Sul fondo del mare ho potuto vivere l’esperienza incredibile di recitare il Rosario in profondità. Ho sentito una pace e un silenzio interiore che solo chi lo ha vissuto riesce a descrivere” Il portale della Comunità Cattolica Shalom ha diffuso questo mese la testimonianza di Fabiano, brasiliano, militare, marito e padre di famiglia, che fa […]
    Comunità Shalom
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    Questa settimana vi propriamo un carteggio d’amore d’altri tempi, un thriller scientifico e alcuni scorci insoliti sulla fede. C’era una volta un bravissimo scrittore che era anche uno strano lettore, Federigo Tozzi. Sentite che metodo seguiva per valutare se un libro era scritto bene o male: Apro il libro a caso; ma, piuttosto, verso la […]
    Annalisa Teggi
  • Lorella Cuccarini accusata di omofobia: la sua risposta è una lezione di stile
    La famosa showgirl è stata accusata strumentalmente da Tommaso Zorzi, un concorrente del Grande Fratello Vip, di essere omofoba. La risposta della presentatrice è un manifesto di autentico rispetto e apertura al dialogo Ieri nel reality del Grande Fratello VIP il concorrente Tommaso Zorzi, influencer 25enne, ha insultato e accusato di omofobia Lorella Cuccarini durante […]
    Silvia Lucchetti
  • 3 misteri meravigliosi collegati alla morte di Padre Pio
    di Mauricio Montoya Ogni 23 settembre celebriamo la memoria di un santo molto speciale: Padre Pio da Pietrelcina, un uomo orante, amante dell’Eucaristia, totalmente mistico e dedito alla sua vocazione religiosa. Molti lo conoscono per la testimonianza delle sue stigmate, ma la verità è che anche se si tratta di qualcosa di magnifico, la santità […]
    Catholic Link
  • Apparizioni mariane: il messaggio di Pontmain
    Lourdes, Rue du Bac, Pontmain, Pellevoisin, La Salette… I nomi dei grandi santuari francesi costruiti su luoghi di apparizioni mariane sono ben noti. Ma quali sono i messaggi che la Vergine vi ha affidato? Aleteia vi propone di approfondire il loro senso. Oggi, il messaggio di Pontmain. Pontmain, in Mayenne, 17 gennaio 1871. È notte […]
    Aleteia
  • Prego e mi distraggo, ma la Madonna con la Sua grazia mi attrae
    Che meraviglia recitare il santo rosario immaginandosi tra le braccia di Maria, come fossimo dei bambini piccoli. Lo consigliava lo stesso San Josèmaria Escrivà. Proviamo anche noi… Devo confessare che mi distraggo molto quando recito il Rosario. Ultimamente ho trovato una maniera di concentrarmi che dà buoni risultati. Immagino di essere un bambino piccolo, come […]
    Giuseppe Corigliano
  • Quando sei nel buio professa la tua fede: “Tu sei il Cristo!”
    Davanti allo scandalo della croce, quando ciò che succede sembra smentire tutto ciò che abbiamo compreso e creduto, la nostra fede è chiamata ad approfondirsi e il nostro cuore a farsi più lieto: la Resurrezione è vicina! Dal Vangelo di ✠ Gesù Cristo secondo Luca (9,18-22) Un giorno, mentre Gesù si trovava in un luogo […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Che forma hanno gli angeli? Rispondono i mistici che li hanno visti
    Gli Angeli hanno dunque il privilegio dell’immortalità e dell’eternità, ma anche quello di una perpetua gioventù La definizione classica dell’Angelo dovrebbe risolvere la questione del corpo angelico, nella misura in cui il corpo è la parte tangibile dell’incarnazione, della materia, alla quale gli Angeli sono estranei. Ciò detto, i Padri e i Dottori della Chiesa […]
    don Marcello Stanzione
  • Angelica muore di tumore a 18 anni, nonostante una grande gara di solidarietà
    Un calvario cominciato a gennaio e sostenuto da una cordata umana di preghiere e donazioni. “La vita è la cosa più bella. La sua è stata breve. Ma di una qualità immensa” ha detto il sacerdote al funerale. Un tumore aggressivo al cervello non ha dato scampo a una giovane promessa siciliana della pallavolo; pochi […]
    Annalisa Teggi

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 160:
    • 149:
    settembre: 2020
    L M M G V S D
    « Ago    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login