Camaro, antico e popoloso rione di Messina: origini, significati linguistici e tradizioni. La venerazione di San Giacomo Apostolo

Redazione1
di Redazione1 agosto 22, 2017 11:18

Camaro, antico e popoloso rione di Messina: origini, significati linguistici e tradizioni. La venerazione di San Giacomo Apostolo

Ecco un’altra dotta ricerca  su origini, toponomastica, significati e radici religiose legate a un Santo e grande Apostolo, riferite a un antico rione messinese. Tutte interessanti annotazioni che fanno cogliere il forte senso di appartenenza che collega un quartiere periferico al centro cittadino, concorrendo a formare e consolidare l’identità culturale della città, specialmente riguardo al suo prezioso patrimonio spirituale.

Camaro (in dialetto messinese: I Cammari) è un torrente, che Camaro R°nasce dai monti Peloritani, e un rione di Messina, che si divide in Camaro Superiore e Camaro Inferiore; è un toponimo di antica attestazione: ‹‹Cammari lat. Camaris…Tra la porta e il Municipio è la fiumara di Camari, o un fiumicello le di cui acque deduconsi alla città sin dal 1547›› Amico (1855-56). Il nome deriva dall’arabo hammar ‘asinaio’, ‘colui che guida i muli’.

Nell’antichità probabilmente era zona di mulattieri. Alcuni ritengono che derivi dal greco kàmmaros ‘tipo di pianta, aconito’, ma è improbabile, sia per l’accento, che in greco è diverso, sia per la forma antica e quella dialettale, al plurale, Cammari, che fa propendere per ‘i mulattieri’ (stesso significato di Bordonaro, che fra l’altro è a poca distanza da Camaro, e deriva dal greco burdonàrios ‘asinaio’).

Il patrono di Camaro Superiore, a cui i cammaroti sono molto devoti, è ‘San Giacomo Apostolo’, detto il Maggiore, martire a Gerusalemme intorno all’anno 44.

Il culto di questo Santo, a Messina, risale ad epoca normanna, intorno all’XI­-XII secolo, quando fu probabilmente costruita la Chiesa di San Giacomo. Dell’antica Chiesa, situata dietro al Duomo, che era stata fortemente danneggiata dal  terremoto del 1783, sono stati trovati dei resti, in seguito a degli scavi relativamente recenti, vicino all’attuale Largo San Giacomo.

Il Santo è noto anche con il soprannome di Ammazzamori (Santiago El Matamoros, da “Sant’Yago”, forma arcaica spagnola di ‘Giacomo’), spesso raffigurato su un cavallo, mentre calpesta i corpi dei musulmani sconfitti, grazie a un suo miracolo, secondo la leggenda, in Spagna. San Giacomo è il patrono della Spagna e della Galizia, al cui capoluogo, ‘Santiago de Campostela’, ha dato il nome, perché, secondo la tradizione, alcuni discepoli, dopo la Chiesa CamaroR°decapitazione del Santo a Gerusalemme, ne portarono le sacre spoglie lì dove poi fu costruito il Santuario, sin dal Medioevo meta di continui pellegrinaggi da fedeli di tutto il mondo.

La fede nel Santo a Messina si rinforzò con la dominazione degli Spagnoli; intorno al 1550, fu costituita la ‘Confraternita di S. Giacomo Apostolo il Maggiore’, ancora oggi, a Camaro, importante punto di riferimento del culto e della grande devozione verso il loro Patrono. Interessante anche il Museo, voluto e ideato da Padre Antonino Cento, parroco della Chiesa di Santa Maria Incoronata (XVI sec.)  a Camaro Superiore, che contiene preziosi arredi sacri ed ex voto ( XVII – inizio XX secolo).

Ogni anno, a fine luglio, si svolge a Messina la processione del Ferculum del Santo ( parola latina, che significa ‘carretta’, dove si mettevano le statue degli dei, portate in processione), realizzato nel 1666 dai fratelli Juvarra, noti argentieri messinesi. La processione parte dalla parrocchia di Camaro, in direzione del Duomo.

S. GiacomoR°Il ‘Fercolo’ viene portato a spalla dai fedeli, con la classica andatura ondeggiante detta ‘a nnacata’, insieme ai devoti della Confraternita di San Giacomo’. Durante la sosta in Piazza Duomo, si svolge l’emozionante rituale dei bambini piccoli fatti passare sotto il ‘Fercolo’ per ottenere la protezione del Santo. Dopo la Messa in Cattedrale viene posto sul Ferculum  il ‘Sacro Capello della Madonna della Lettera’, portata in processione nelle strade intorno al Duomo per poi farvi ritorno, riprendendo la statua del Santo per riportarla a Camaro. Caratteristico è il rientro, a tutta velocità, nella Chiesa di Camaro, quasi a simulare un modo di scappare a un tentativo di furto avvenuto nel Settecento.

Accanto alla tradizione religiosa, c’è anche quella legata alle leggende popolari, che vedono Camaro al centro delle vicende di Mata e Grifone, i due leggendari giganti, fondatori della città di Messina  (il quartiere di Camaro si è chiamato anche di  ‘Mata e Grifone’, e a Messina c’è anche una nuova via ‘Mata e Grifone’). Secondo la tradizione, Giganti Messina R°proprio a Camaro era nata Mata (nome dialettale di Marta), figlia di re Cosimo II da Castelluccio; durante la dominazione araba, intorno al 970, un gigantesco invasore moro di nome Hassas Ibn-Hammar, sbarcò a Messina per saccheggiarla, ma quando vide la bella ‘cammarota’, se ne innamorò e la rapì.

Ma la fanciulla acconsentì al suo amore, solo dopo la sua conversione alla fede cristiana. Egli cambiò il nome in Grifone, si sposarono ed ebbero parecchi figli, secondo la leggenda, i capostipiti dei messinesi. Ancora oggi, a Messina, u Giganti e a Gigantissa, due enormi statue di cartapesta su due cavalli, poco prima di Ferragosto, vengono portati in giro per la città fra danze e canti folcloristici. I giganti sono stati identificati con vari personaggi mitologici, Kronos e Rea, Zanclo e Rea, Cam e Rea: da questi ultimi in particolare si vorrebbe trarre l’origine del nome Camaro. Ma anche questa è una leggenda, in quanto l’etimologia di Camaro, come si è visto sopra, è ben diversa.

 

Lucia Abbate

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 agosto 22, 2017 11:18


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il Papa apre a donne lettori e accoliti? Cosa significa?
    Innovazione? Eversione? A ben guardare, il motu proprio “Spiritus Domini” del Santo Padre appare piuttosto un atto di ferma restaurazione storica e teologica. Un insigne domenicano ci guida nel capire perché. Con la Lettera Apostolica Spiritus Domini dell’11 gennaio 2021, papa Francesco ha aperto alle donne il lettorato e l’accolitato. Ci si potrebbe domandare che […]
    Thomas Michelet
  • Il Cristo di ghiaccio: in ricordo delle vittime di Rigopiano
    Padre Maurizio Patriciello nel quarto anniversario della tragedia di Rigopiano: “Fratelli e sorelle che a Rigopiano avete trovato la morte, riposate in pace” In ricordo delle vittime di Rigopiano: abbiamo sprimentato in questi giorni l’amarissimo sapore del limite. Abbiamo sofferto e pregato. Vi abbiamo tenuto compagnia di giorno e di notte, fratelli e sorelle imprigionati […]
    Padre Maurizio Patriciello
  • Don Patriciello: “Genitore 1 e Genitore 2 mi ricorda le addizioni in prima elementare”
    Bufera sulle parole del parroco giornalista di Caivano per aver bocciato il provvedimento del ministero dell’Interno che cancella “madre” e “padre” su alcuni documenti dei minorenni Don Maurizio Patriciello nell’occhio del ciclone per avere espresso contrarietà a alla nuova dicitura “Genitore 1” e “Genitore 2” al posto di “madre” e “padre”, da apporre su alcuni […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il beato Alberione e la prodigiosa “semina” delle medaglie di San Giuseppe
    Il beato Giacomo Alberione era devotissimo di San Giuseppe. E’ rimasta testimonianza di un prodigio avvenuto sui terreni che ospitarono i primi istituti di vita religiosa fondati dal beato Il beato Giacomo Alberione era molto devoto a San Giuseppe. Di questa devozione sono rimaste numerose testimonianze. In particolare quella di un prodigio avvenuto su terreni […]
    don Marcello Stanzione
  • Enrico Vanzina: mio fratello è morto con il rosario donatogli dal Papa tra le mani
    Il regista racconta che la fede lo ha aiutato moltissimo quando ha perso il fratello. E nell’ultimo periodo il suo sguardo è rivolto a San Francesco Enrico Vanzina, Papa Francesco e quel regalo che fino all’ultimo ha stretto tra le mani, prima di morire, suo fratello Carlo. Lo racconta a In Terris Enrico, noto sceneggiatore, […]
    Gelsomino Del Guercio
  • L’amore per i bambini di Giovanni Paolo I
    A Canale d’Agordo, nella Chiesa parrocchiale, è collocata una statua di Albino Luciani (Papa Giovanni Paolo I) con un bambino che accarezza e tiene in mano la mitria, opera di Riccardo Cenedese a dimostrazione di quanto amava ‘soprattutto i bambini’ e quanto i bambini lo aiutavano con la loro imprevedibilità e spontaneità. Da alcune testimonianze […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Blue Monday? Vieni, cara tristezza, a parlarci di noi!
    Alessandro D’Avenia, proprio di lunedì, non smette di offrirci occasione di riflettere e di tornare con una presa più forte alla nostra vita di questi giorni, così faticosi e così pieni di una grazia speciale. La tristezza è una buona notizia Oggi Alessandro D’Avenia dal suo ultimo banco sul CorSera ha parlato proprio di quello […]
    Paola Belletti
  • Comunione in mano o in bocca, cos’è che conta?
    Stiamo parlando di cose importanti ma non fondamentali, e stiamo dimenticando l’essenziale… Mia moglie ed io siamo tornati alle Messe virtuali per via della ferrea quarantena in vigore nel nostro Paese, Panama. Tutti i pomeriggi, dopo aver preso il caffè con il pane caldo con burro e marmellata, ci sediamo ad ascoltare la Messa. Questo […]
    Claudio De Castro
  • Restituiscono l’auto rubata a una disabile: “Anche noi abbiamo un cuore”
    I ladri, oltre a restituire la vettura, hanno lasciato un biglietto di scuse. La raccolta fondi per aiutare la donna derubata sarà ora impiegata per comprare un’auto che altri disabili potranno noleggiare gratuitamente. Un gesto insolito e degno di nota: un’auto rubata il 13 gennaio è stata restituita il 16 gennaio con le scuse da […]
    Annalisa Teggi
  • Cos’è il tabernacolo, e perché visitarlo dà tanta pace?
    Una risposta efficace alla domanda relativa a cosa fare nei momenti difficili che stiamo vivendo nel mondo Mi appassiona parlare e scrivere della presenza reale e vera di Gesù VIVO nel tabernacolo. Alcuni si chiedono cosa sia il tabernacolo e perché ne parlo tanto – o meglio, chi vi abita. Il tabernacolo è il punto […]
    Claudio De Castro

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 97:
    • 145:
    gennaio: 2021
    L M M G V S D
    « Dic    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

    Login