MESSINA – Celebrato il 60° di ordinazione sacerdotale di mons. Vincenzo D’Arrigo, parroco dell’Annunziata sempre dedito al bene delle anime a lui affidate

Redazione1
di Redazione1 agosto 9, 2017 23:09

MESSINA – Celebrato il 60° di ordinazione sacerdotale di mons. Vincenzo D’Arrigo, parroco dell’Annunziata sempre dedito al bene delle anime a lui affidate

Il costante impegno dedicato con carità e operosità per il bene del prossimo, che il messinese Vincenzo D’Arrigo ha profuso appassionatamente nella parrocchia dell’Annunziata seguendo il modello di Cristo, concorre con efficacia a far risaltare, rendendolo tangibile, il profondo senso di religiosità che forgia e anima l’identità di Messina. 

(Gazzetta del Sud)

Un padre, un fratello, un amico, un sacerdote di strada che si è sempre posto in prima linea per il bene della sua 60° D'ArrigoR°

amata comunità, il popolo dell’Annunziata, in un territorio di confine carico di criticità, che non ha mai fatto mancare al suo pastore l’affetto e il calore di una vera famiglia. Così mons. Vincenzo D’Arrigo, classe 1930, ha ricordato il sessantesimo anniversario di ordinazione sacerdotale. Tanta gente, la sua, i confratelli sacerdoti, gli operatori pastorali e poi gli amici di sempre, i familiari e le autorità che hanno ricordato con piacere le numerose battaglie sociali portate avanti da questo soldato di Cristo. Era il 4 agosto 1957 quando Vincenzo, a 27 anni, veniva ordinato sacerdote, insieme ad altri nove compagni, dall’arcivescovo Angelo Paino, nel cortile del Seminario Arcivescovile. Dopo alcuni anni da vice parroco prima a S. Pier Niceto e poi a S. Caterina V.M., il 10 ottobre 1965 riceve la nomina a parroco della comunità Maria SS. Annunziata. Nel 2005 Papa Benedetto XVI lo annunziata messinanomina Cappellano di Sua Santità e nel 2014 entra a far parte del Capitolo della Cattedrale come Canonico. Una messa semplice, presieduta domenica 6 agosto da mons. Giovanni Accolla nel piazzale dell’istituto delle suore del Divino Zelo (dove è stato per tanti anni cappellano), con i ricordi di chi questo sacerdote ha avuto la gioia di affiancarlo negli anni. Tra i presenti, il presidente dell’ARS Giovanni Ardizzone, l’ex onorevole Luciano Ordile, il presidente della quinta circoscrizione Santino Morabito, l’architetto Nino Principato. E poi alcuni sacerdoti amici, da padre Antonio Sofia parroco di S. Eustochia – alla quale mons. D’Arrigo ha sempre guardato come modello di vocazione – a don Giovanni Ferrari, suo collaboratore negli ultimi anni, a padre Alessandro Marzullo parroco di Bisconte, che nei quattro anni vissuti all’Annunziata come vice parroco ha imparato da lui “la bellezza della vita sacerdotale”. Nell’omelia, mons. Accolla ha sottolineato la bellezza dello stupore della vocazione che ogni sacerdote deve trasmettere alla propria gente, anche dopo un ministero lungo sessant’anni. “Lo stupore – ha detto – passa attraverso le cose piccole e indifese, attraverso la sofferenza quotidiana che condividiamo con i fratelli e la costante donazione di sé. Oggi, dinanzi a una cultura dell’appiattimento, per la quale spesso attribuiamo anche ai simboli sacri un valore che non corrisponde a una vera testimonianza, il ministero sacerdotale ha qualcosa di nuovo Mons. D'Arrigoe bello da dire, stupendo anche chi non è più capace di farlo”. Questo, come altri anniversari sono segno, ha detto il Presule, della bellezza di un presbiterio – quello messinese – che ha saputo donare alla comunità ecclesiale le proprie fatiche. E di fatiche mons. D’Arrigo ne ha sopportate tante e tante le battaglie portate avanti con le istituzioni: dallo smantellamento delle baracche del villaggio Matteotti, al ritrovamento dei corpi della famiglia Carità morta nell’alluvione del 27 settembre 1998, alle opere di misericordia verso coloro i quali si fermavano in fondo a quella piccola chiesa parrocchiale, sempre aperta in segno di costante accoglienza. Di Mons. D’Arrigo i messinesi ricordano il vigore e il fervore del suo “Viva Maria” gridato ai piedi della Vara, della quale è storico cappellano. Per lui anche gli auguri del Santo Padre, attraverso un messaggio del cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato di Papa Bergoglio. La celebrazione è stata animata dai canti della corale “Santa Maria Goretti.

 

Rachele Gerace

 

Redazione1
di Redazione1 agosto 9, 2017 23:09


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • 2 giugno, Mattarella chiede unità: ​«Non brandire il dolore gli uni contro gli altri»
    Per il Presidente della Repubblica bisogna ​ripartire dai valori espressi dalla festa del 2 giugno. Anche in un periodo così particolare. Segno importante anche la visita a Codogno, luogo simbolo di questa pandemia Le sofferenze di questi mesi “non vanno brandite gli uni contro gli altri”. Sergio Mattarella celebra la Festa della Repubblica in uno […]
    Agi
  • Progetto per una vita in Cristo
    Su Internet circolano delle immagini con un percorso da seguire per avere una vita di successo, che insegna elementi importanti e punta a temi come etica, pianificazione, superamento, creatività ed efficacia. E se facessimo, allo stesso modo, un progetto di vita per seguire Gesù? Ho immaginato questi aspetti: 1 – Decisione: come tutto quello che […]
    Mário Scandiuzzi
  • Tesori del magistero di Papa Francesco nella “Laudato si’”
    Uno degli aspetti più ammirevoli del testo è il suo invito insistente a un dialogo tra saperi e tra conoscenza scientifica, bellezza, arte e saggezza Nella commemorazione del suo quinto anniversario (24 maggio), l’enciclica Laudato si’ (LS) di Papa Francesco mantiene tutto il suo impatto e la sua attualità, e con la pandemia mondiale e […]
    Francisco Borba Ribeiro Neto
  • Sapevate che ogni cristiano deve saper battezzare qualcuno?
    In pericolo di morte, qualsiasi persona può e perfino deve amministrare il Battesimo d’emergenza Sulla sua pagina Facebook, padre José Eduardo Oliveira ricorda un elemento assai importante circa il sacramento del Battesimo: il fatto che tutti noi, in situazioni d’urgenza, possiamo battezzare qualcuno, e dovremmo essere pronti a un’eventualità del genere. “Ogni cattolico, ogni cristiano, […]
    José Eduardo De Oliveira E Silva
  • “Il mio viaggio in cielo accanto alla Madonna”. Il desiderio della piccola Sara Matteucci
    Da brividi i dialoghi con sua madre. “Mamma, se ti dico che ne voglio un po’ di più alla Madonnina che a te, ti offendi?”. L’ultimo viaggio a Medjugorje Tutta la breve vita di Sara Matteucci (1978-1985) è caratterizzata da un legame privilegiato con la Madonna, verso la quale si sente fortemente attratta. Lo racconta […]
    Gelsomino Del Guercio
  • “Prega, che le cose migliorano”
    La preghiera è un rimedio che cura molti mali, ma si deve basare su almeno tre pilastri Una volta ho letto una frase che mi è rimasta impressa nella memoria: “Prega, che le cose migliorano”. La preghiera è un rimedio che cura molti mali, ma si deve basare su almeno tre pilastri: umiltà, perseveranza e […]
    Mário Scandiuzzi
  • Se gli angeli sono creature perfette, in grazia con Dio, perché si sono fatti la guerra tra loro?
    Immaginiamo la scena della Grande Ribellione: nel silenzio solenne che segue i primi giubili degli angeli, dall’alto di una delle gerarchie superiori parte un grido di rivolta La teologia ci insegna che poco dopo la creazione degli angeli avviene una profonda divisione tra di essi, gli uni che si rivoltano contro Dio, gli altri che […]
    don Marcello Stanzione
  • Cos’è il Cenacolo?
    Il luogo dell’Ultima Cena e della Pentecoste, a Gerusalemme ma anche in ogni cuore… Il Cenacolo è il luogo in cui erano chiusi i discepoli per paura dei giudei dopo l’ascensione di Gesù al cielo. Erano lì riuniti con Maria, perseveranti nella preghiera, 50 giorni dopo la Pasqua. Il Cenacolo dei giorni prima di Pentecoste […]
    Carlos Padilla
  • Papa Francesco benedice un’ambulanza e la regala ai poveri di Roma
    Si tratta di un nuovo dono del Santo Padre, affidato alla Elemosineria Apostolica, in favore dei più poveri, in particolare dei senza fissa dimora che vivono le difficoltà della strada e cercano rifugio nei dintorni del Vaticano Nella mattinata di ieri, domenica di Pentecoste, prima della Celebrazione Eucaristica, Papa Francesco ha benedetto un’ambulanza per i […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La vita di preghiera, ben oltre le parole
    Anche i nostri gesti sono una preghiera, come il nostro atteggiamento che aiuta a promuovere il bene e a portare speranza ai bisognosi In vari passi, gli evangelisti mostrano che Gesù pregava spesso. Solo questo sarebbe sufficiente a mostrarci l’importanza della preghiera. Nel Catechismo della Chiesa Cattolica, il paragrafo 2560 ci insegna che “la preghiera […]
    Mário Scandiuzzi

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 149:
    • 183:
    giugno: 2020
    L M M G V S D
    « Mag    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

    Login