La memoria storico culturale di un mitico toponimo di Messina, richiamata dalla festività della”Luminara” di S. Ranieri, patrono di Pisa

Redazione1
di Redazione1 giugno 28, 2017 13:27

La memoria storico culturale di un mitico toponimo di Messina, richiamata dalla festività della”Luminara” di S. Ranieri, patrono di Pisa

In una Terra di Santi, qual è Messina, che ha dato i natali a luminose figure di Faro di S. Raineri °altissima spiritualità, ma anche città naturalmente incline ad attirare e propiziare religiosità, sono stati numerosi i personaggi fautori di santità che l’anno attraversata e in essa vissuto anche per tanti anni. Uno di questi, un santo laico, pellegrino e penitente, risalente al XII secolo, che qui ha vissuto per tanto tempo ma di cui si è sbiadito molto il ricordo, ci viene richiamato, di recente, dalla suggestiva festa che a Pisa viene celebrata il 17 giugno in onore del suo santo Patrono. Il cui nome, ma anche parecchie somiglianze, e persino un intervento prodigioso, lo ricollegano indubbiamente alla nostra città.

luminara S. Raineri °Anche quest’anno la bella feasta celebrata in onore di San Ranieri, patrono di Pisa,  alla presenza di parecchie decine di migliaia di cittadini e turisti, assiepati sui lungarni per ammirare l’incantevole spettacolo della “Luminara”, si è svolta con successo. Un evento molto partecipato dai pisani, che riesce a creare un’atmosfera suggestiva di colori e di luci per via dei circa 100.000 lumini che, a partire dalle prime ore del tramonto, vengono accesi e in larga parte fatti scorrere liberamente sulle acque dell’Arno.

Pisa_Luminara°Lumini (chiamati lampanini) che, sistemati in parte su telai in legno, vengono applicati a palazzi, chiese, e torri dei lungarni, in modo da metterne in risalto le forme architettoniche, mentre un’altra quantità di queste luci viene affidata alla corrente del fiume, così da formare una magica scia luccicante che ondeggia sull’Arno.

Dunque, una celebrazione davvero singolare e di straordinario effetto in grado di suscitare suggestioni emozionanti. Per i messinesi, però, dato il nome della figura festeggiata, questa celebrazione ha un motivo in più per essere interessante, e persino sentita come familiare. Il richiamo alla nostraBraccio S. Raineri ° città è dovuto al fatto che il nome di questo santo è praticamente lo stesso dato alla nostra “Zona falcata” o “Braccio di San Raineri” – luogo fin dall’antichità assai rappresentativo dell’identità storica della nostra città – di cui, però, a partire dal Settecento si è prodotta una progressiva perdita della memoria collettiva. Santo riferito ad un personaggio laico del XII secolo, dedito al romitaggio, vissuto in astinenza e povertà, cui è attribuita l’opera generosa di segnalatore a vantaggio dei naviganti nello Stretto, dalla striscia di terra (Lingua del Faro) protesa nel “mare grosso” di Messina.

Di questo personaggio misterioso e controverso è stato scritto un saggio,Copertina-libro° frutto di approfondita ricerche, da parte di Sergio Bertolami e Rosa Manuli (Ex Aqua – Il Braccio di San Raineri, Ed. Esperiences, Messina) che ne hanno studiato a fondo aspetti storici e letterari assai interessanti.

Comunque sia, per quanto riguarda “il Santo pisano, Ranieri o Raineri (1118-1161), sappiamo che ha condotto, da ‘romitello’, in astinenza e povertà, parte della propria esistenza in Terra Santa. Dal 1633 è patrono di Pisa, dove, nella Cattedrale, sono conservate le sue spoglie. La sua vita è narrata in due manoscritti medievali, ma è solo nell’iconografia il momento più rappresentativo per dimostrare l’attestazione del toponimo riferito alla Falce del porto della nostra città. Speciale considerazione, infatti, va posta al ‘Miracolo di Messina’ affrescato nel Campo Santo monumentale di Pisa, dove il santo divide il vino dall’acqua (ex aqua) che un oste disonesto vi ha mescolato”.

Miracolo di Messina Campo S. monumentale di Pisa

Miracolo di Messina –  Campo S. monumentale di Pisa

In ogni caso, sia che il poco conosciuto S. Raineri di Messina, laico e forestiero (di cui nella nostra terra si trovano reliquie, ma anche chiese e cappelle a lui dedicate), corrisponda a quello pisano (con cui invero ci sono diverse caratteristiche in comune) oppure no, il soggiorno nella nostra città di questo Santo pellegrino e penitente, rafforza l’esigenza di riscoprire e valorizzare i fondamenti del nostro patrimonio storico, culturale e spirituale che tanto giova a rinsaldare la nostra identità collettiva.

 

A.M.

Redazione1
di Redazione1 giugno 28, 2017 13:27


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il cardinale vicario del Papa ha il Coronavirus. È ricoverato al Gemelli
    Angelo De Donatis, vicario generale della diocesi di Roma, positivo al Covid-19 ma in buone condizioni. “Mi affido al Signore” Il cardinale Angelo De Donatis, vicario generale della diocesi di Roma, dopo la manifestazione di alcuni sintomi, è stato sottoposto al tampone per il Covid-19 ed è risultato positivo. È stato ricoverato al Policlinico “Gemelli” con la febbre, ma […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Chef Bottura: trasformare tonnellate di cibo in pasti per i poveri, una missione meravigliosa!
    La vocazione del cuoco vista dallo chef stellato e raccontata in una intervista su Tv 2000 con Don Marco Pozza «Ho sempre pensato che il cibo scartato fosse un’opportunità. E che questo non sia uno scarto, ma un surplus, cioè cibo prodotto in eccesso». Lo afferma lo chef Massimo Bottura, nella settima puntata del programma […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Gesù, l’angelo custode, e il tumore guarito alla serva di Dio Luigina Sinapi
    Dopo la sua guarigione miracolosa nel 1935, Luigina entrò al servizio d’una signora esigente e poco gentile. Accadeva che ella fosse rapita in estasi proprio mentre lavorava come domestica Samuele è il nome dello spirito celeste che appariva alla serva di Dio Luigina Sinapi (1916-1978). Il nome di questo angelo è assolutamente inedito in tutte […]
    don Marcello Stanzione
  • La martire cristiana delle origini che ispirò i cattolici durante la peste
    Quando la peste colpì la città di Este nel 1630, i suoi abitanti chiesero aiuto a Santa Tecla Santa Tecla è una delle martiri più importanti del cristianesimo delle origini. Nata in una nobile famiglia dell’Anatolia, nell’attuale Turchia, si unì all’apostolo Paolo nei suoi viaggi in Terra Santa e divenne una guaritrice. Come molti dei […]
    V. M. Traverso
  • Quando della confessione avvertiamo un bisogno quasi fisico
    Venerdì scorso Papa Francesco ha incantato e commosso tutto il mondo, coinvolgendo perfino non cattolici, non cristiani e non credenti. All’indomani di quell’evento, tuttavia, possono sorgere in alcuni delle domande su come perfezionare il dono di grazia ricevuto. L’altro ieri ho telefonato al mio parroco per sentirlo e per farmi sentire: penso che sia una […]
    Giovanni Marcotullio
  • Don Cirillo, prima di morire, mani al cielo e un messaggio: “Ci vedremo in Paradiso, pregate il Rosario”
    Stroncato dal coronavirus, il sacerdote del “Centro Don Orione” di Bergamo ha trascorso le ultime ore di vita ad incoraggiare gli altri ammalati Prima di morire ha alzato le mani al cielo in segno di esultanza, come se avesse segnato un gol. Un gesto di coraggio, grinta, che proviene da una lezione di vita che don […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Papa Francesco su Tv2000: parliamo con i nostri defunti, loro sono già davanti a Dio
    Il pontefice alla trasmissione “Io Credo”: “Se non crediamo alla resurrezione dei morti, la nostra fede è una stupidaggine” Si può «parlare con i defunti, con i nostri antenati: ‘Ma, dimmi, tu dove stai? Dove sei?’, perché c’è la prima resurrezione e poi sarà universale per tutti, ma loro già sono davanti a Dio». Lo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il Battesimo di tuo figlio è stato rinviato? Ecco cosa puoi fare nell’attesa
    In queste circostanze difficili la Chiesa non lascia solo nessuno, contempla ogni eccezione proprio in virtù dell’amore premuroso con cui Gesù vuole arrivare a tutti. La riduzione e sospensione dei Sacramenti in tempo di epidemia addolora, eppure è proprio nei tempi più duri e difficili che anche gli aspetti più tecnici e dottrinali della Chiesa […]
    Annalisa Teggi
  • Un miracolo nel caos del coronavirus
    Carla ha postato sulle reti sociali un messaggio perché i suoi amici pregassero per suo nonno, che avrebbe dovuto sottoporsi a un delicatissimo intervento Carla ha 23 anni e sta vivendo come tutti la pandemia mondiale del coronavirus, che colpisce migliaia di spagnoli. Ma ha anche un altro motivo di preoccupazione: suo nonno dev’essere operato, […]
    Javier González García
  • Famiglie e disabili intellettivi: per noi la passeggiata non è un capriccio
    Quanto più si protrae questa condizione di isolamento, tanto maggiore diventa la fatica per chi patisce situazioni di disabilità psichica e intellettiva. Per tantissime persone, allora, una breve passeggiata, con tutte le misure anti contagio previste, è una questione di vera sopravvivenza. Io resto a casa per tanti ha smesso da un pezzo di essere […]
    Paola Belletti

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 103:
    • 367:
    marzo: 2020
    L M M G V S D
    « Feb    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login