La memoria storico culturale di un mitico toponimo di Messina, richiamata dalla festività della”Luminara” di S. Ranieri, patrono di Pisa

Redazione1
di Redazione1 giugno 28, 2017 13:27

La memoria storico culturale di un mitico toponimo di Messina, richiamata dalla festività della”Luminara” di S. Ranieri, patrono di Pisa

In una Terra di Santi, qual è Messina, che ha dato i natali a luminose figure di Faro di S. Raineri °altissima spiritualità, ma anche città naturalmente incline ad attirare e propiziare religiosità, sono stati numerosi i personaggi fautori di santità che l’anno attraversata e in essa vissuto anche per tanti anni. Uno di questi, un santo laico, pellegrino e penitente, risalente al XII secolo, che qui ha vissuto per tanto tempo ma di cui si è sbiadito molto il ricordo, ci viene richiamato, di recente, dalla suggestiva festa che a Pisa viene celebrata il 17 giugno in onore del suo santo Patrono. Il cui nome, ma anche parecchie somiglianze, e persino un intervento prodigioso, lo ricollegano indubbiamente alla nostra città.

luminara S. Raineri °Anche quest’anno la bella feasta celebrata in onore di San Ranieri, patrono di Pisa,  alla presenza di parecchie decine di migliaia di cittadini e turisti, assiepati sui lungarni per ammirare l’incantevole spettacolo della “Luminara”, si è svolta con successo. Un evento molto partecipato dai pisani, che riesce a creare un’atmosfera suggestiva di colori e di luci per via dei circa 100.000 lumini che, a partire dalle prime ore del tramonto, vengono accesi e in larga parte fatti scorrere liberamente sulle acque dell’Arno.

Pisa_Luminara°Lumini (chiamati lampanini) che, sistemati in parte su telai in legno, vengono applicati a palazzi, chiese, e torri dei lungarni, in modo da metterne in risalto le forme architettoniche, mentre un’altra quantità di queste luci viene affidata alla corrente del fiume, così da formare una magica scia luccicante che ondeggia sull’Arno.

Dunque, una celebrazione davvero singolare e di straordinario effetto in grado di suscitare suggestioni emozionanti. Per i messinesi, però, dato il nome della figura festeggiata, questa celebrazione ha un motivo in più per essere interessante, e persino sentita come familiare. Il richiamo alla nostraBraccio S. Raineri ° città è dovuto al fatto che il nome di questo santo è praticamente lo stesso dato alla nostra “Zona falcata” o “Braccio di San Raineri” – luogo fin dall’antichità assai rappresentativo dell’identità storica della nostra città – di cui, però, a partire dal Settecento si è prodotta una progressiva perdita della memoria collettiva. Santo riferito ad un personaggio laico del XII secolo, dedito al romitaggio, vissuto in astinenza e povertà, cui è attribuita l’opera generosa di segnalatore a vantaggio dei naviganti nello Stretto, dalla striscia di terra (Lingua del Faro) protesa nel “mare grosso” di Messina.

Di questo personaggio misterioso e controverso è stato scritto un saggio,Copertina-libro° frutto di approfondita ricerche, da parte di Sergio Bertolami e Rosa Manuli (Ex Aqua – Il Braccio di San Raineri, Ed. Esperiences, Messina) che ne hanno studiato a fondo aspetti storici e letterari assai interessanti.

Comunque sia, per quanto riguarda “il Santo pisano, Ranieri o Raineri (1118-1161), sappiamo che ha condotto, da ‘romitello’, in astinenza e povertà, parte della propria esistenza in Terra Santa. Dal 1633 è patrono di Pisa, dove, nella Cattedrale, sono conservate le sue spoglie. La sua vita è narrata in due manoscritti medievali, ma è solo nell’iconografia il momento più rappresentativo per dimostrare l’attestazione del toponimo riferito alla Falce del porto della nostra città. Speciale considerazione, infatti, va posta al ‘Miracolo di Messina’ affrescato nel Campo Santo monumentale di Pisa, dove il santo divide il vino dall’acqua (ex aqua) che un oste disonesto vi ha mescolato”.

Miracolo di Messina Campo S. monumentale di Pisa

Miracolo di Messina –  Campo S. monumentale di Pisa

In ogni caso, sia che il poco conosciuto S. Raineri di Messina, laico e forestiero (di cui nella nostra terra si trovano reliquie, ma anche chiese e cappelle a lui dedicate), corrisponda a quello pisano (con cui invero ci sono diverse caratteristiche in comune) oppure no, il soggiorno nella nostra città di questo Santo pellegrino e penitente, rafforza l’esigenza di riscoprire e valorizzare i fondamenti del nostro patrimonio storico, culturale e spirituale che tanto giova a rinsaldare la nostra identità collettiva.

 

A.M.

Redazione1
di Redazione1 giugno 28, 2017 13:27


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Papa Francesco: chi fa la guerra non sa dominare le proprie passioni
    “Quando si accoglie la Legge di Dio nel cuore si capisce che bisogna abbandonare uno stile di vita fatto di promesse non mantenute”, di passioni che travolgono. All’Angelus in Piazza San Pietro, Francesco ricorda che non amare il prossimo significa uccidere se stessi, che l’amore di Gesù aiuta a vincere i sentimenti egoistici e possessivi […]
    Vatican News
  • Nel 2022 il prossimo Sinodo dei vescovi. Il tema all’esame di Francesco
    Fra due anni, in autunno, si svolgerà la XVI Assemblea generale ordinaria. Francesco lo ha deciso in occasione della riunione della Segreteria del Sinodo. Al Pontefice è stata presentata una terna di possibili argomenti La prossima Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi è indetta “per l’autunno 2022”, in modo da assicurare un “maggior coinvolgimento” […]
    Vatican News
  • Sei frustrato per quello che ti manca e non valorizzi ciò che hai?
    Ossessionarti per quello che non hai ti acceca Il giorno in cui mi sono laureata è stato uno dei più tristi della mia vita. Avevo conseguito il titolo tanto sognato per anni prima di entrare all’università e per altrettanti studiando e lavorando per ottenerlo. E finalmente eccolo lì, ma non sapevo cosa fare. Avevo raggiunto […]
    Maria José Fuenteálamo
  • Ecco perché essere single non significa solitudine o tristezza
    di María Belén Andrada “E il fidanzato?”. Spesso negli incontri familiari qualche zia indiscreta pone questa temuta domanda. “Non c’è”, rispondiamo, e vorremmo aggiungere “Sono single, sola con me stessa, sola contro il mondo”. Beh, forse no, è un po’ esagerato. Oggi, però, vorrei parlarvi di come affrontare il tema dell’essere single, come guardarsi in […]
    Catholic Link
  • Angeli sotto forma di “personaggi misteriosi”, che hanno salvato la vita delle persone
    “Tim pregò: “Dio mio, solo voi potete venirci in aiuto”. Subito, i ragazzi scorsero una macchina che si affiancò ad essi. Da dove veniva?” Numerosi libri attuali riportano le esperienze di contemporanei che affermano di essere stati, in un modo o in un altro, contattati da un personaggio misterioso in cui essi hanno riconosciuto un […]
    don Marcello Stanzione
  • Perché la Madonna è stata concepita senza peccato?
    Comprendere il dogma dell’Immacolata Concezione L’8 dicembre la Chiesa celebra la solennità dell’Immacolata Concezione della Vergine Maria, e spiega che per essere la Madre del Salvatore Maria è stata arricchita da Dio “di doni degni di una così grande missione”. Al momento dell’Annunciazione, l’angelo Gabriele la saluta come “piena di grazia”; ovvero senza peccato, colei […]
    Felipe Aquino
  • 109 anni di normalità e una certezza: «La fede è la chiave della mia vita»
    Jewell Hutson vive in una modesta casa in Texas, è stata una maestra per 50 anni, si è sposata e ha avuto un figlio. Ora è vedova e nessuno le ha mai sentito pronunciare cose cattive sugli altri. Una troupe televisiva entra in una piccola casa di quartiere. Che sarà successo? Un efferato delitto? Ormai […]
    Annalisa Teggi
  • Casa per casa: la messa “itinerante” di don Alfredo Levis
    Il parroco, per limiti di età diventato collaboratore parrocchiale, è stato l’ “inventore”, in provincia di Belluno, di un nuovo modo di far avvicinare le famiglie indigenti a Cristo Sono tanti i parroci di montagna che d’inverno vanno a celebrare la Messa in casa di anziani o ammalati, in continuo aumento. Come a Sospirolo e […]
    Gelsomino Del Guercio
  • “L’angelo era una bellissima donna”. Le visioni della veggente di Akita
    Suor Agnese Katsuko Sasagawa racconta la prima volta che ha visto uno spirito celeste, quando era in ospedale a Myoko: insieme avrebbero recitato la corona del Rosario In Giappone, in relazione coi prodigi che si produssero dal 1973 al 1981 su di una statua della Vergine Maria “Signora di tutti i popoli” nella comunità delle […]
    don Marcello Stanzione
  • 11 consigli di Santa Teresa di Gesù per una buona vita di preghiera
    “Non parlare mai male di nessuno, e non ascoltare mai, a meno che non si tratti di se stesso” Nella sua opera “Preghiere di tutti i tempi della Chiesa”, il professor Felipe Aquino elenca questi 11 consigli per la vita di preghiera, dati da una delle più grandi mistiche della storia del cristianesimo: Santa Teresa […]
    Aleteia Brasil

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 79:
    • 283:
    febbraio: 2020
    L M M G V S D
    « Gen    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    242526272829  

    Login