SAN GIOVANNI IN LATERANO – Papa Francesco ai parroci di Roma: “il punto fermo della nostra fede è la Croce di Cristo”.

Redazione1
di Redazione1 marzo 15, 2017 16:19

SAN GIOVANNI IN LATERANO – Papa Francesco ai parroci di Roma: “il punto fermo della nostra fede è la Croce di Cristo”.

Esortazione del Papa a trarre forza dalla memoria radicata nella fede della Chiesa, a camminare con fiducia e speranza per accrescere la nostra fede e rafforzare quella degli altri in Gesù.

Identità cristiana, memoria delle radici, progresso della fede fondato sulla Croce, cultura della carità e del perdono: sono Papa e parroci romani R °concetti che si intrecciano nell’esposizione di Papa Francesco, durante il suo tradizionale incontro con i parroci e i sacerdoti romani. Ad inizio di Quaresima, nella basilica di San Giovanni in Laterano, il tema centrale della meditazione trattato da Papa Francesco, è stato “Il progresso della fede nella vita del sacerdote”. Tre i punti chiave del suo intervento: la memoria, la speranza e il discernimento del momento.

Il testo citato a più riprese a San Giovanni in Laterano è l’Evangelii gaudium, definito un documento programmatico. Particolarmente significativa poi una singolare metafora sportiva che Francesco propone: quella del “giocatore di basket, che gioca con un piede inchiodato come un perno a terra e compie movimenti per proteggere la palla, o per trovare uno spazio per passarla, o per prendere la rincorsa e andare a canestro. Per noi quel piede inchiodato al suolo, intorno al quale facciamo perno, è la Croce di Cristo; e cita un motto di San Bruno e dei Certosini scritto sul muro della cappella della Casa di Esercizi di San Miguel, a Buenos Aires che diceva: “Fissa sta la Croce, mentre il mondo gira”.

Il Pontefice tiene a sottolineare l’importanza che ha la consapevolezza delle radici, del richiamo critico del passato, del riconoscersi nell’identità cristiana, sapendo che guardando nella memoria si possono richiamare “tesori ed esperienze che erano dimenticati e che molte volte contengono le chiavi per comprendere il presente”. Ricorda anche che “un cammino di formazione e di maturazione della fede avviene attraverso gli incontri con il Signore nel corso Papa Francesco 2 R °della vita”.

Questi incontri custoditi come un tesoro nella memoria sono la nostra fede viva, in una storia di salvezza personale”. Invita quindi a trarre forza dalla memoria radicata nella fede della Chiesa, “dei nostri padri”, perché è molto importante “cercare le radici” della nostra fede, per rafforzare gli altri nella fede in Gesù”, tenendo conto che “ci sono circostanze nelle quali siamo chiamati a “essere persone-anfore per dare da bere agli altri”.

Francesco esorta poi a confidare nella speranza, spiegando ai parroci, che la nostra non è una fede “davanti a un muro”, la speranza – assicura – “ti porta all’orizzonte”. Raccomanda poi il discernimento che “concretizza la fede”, nel distinguere al momento ciò che è bene e ciò che è male”. Afferma inoltre che “la fede, il progresso, la crescita nella fede, il trionfo cristiano, si fondano sempre sulla Croce, ma una Croce che al tempo stesso è vessillo di vittoria, che si porta con una tenerezza combattiva contro gli assalti del male”.

Soffermandosi sul senso di sconfitta che rende “pessimisti scontenti e disincantati dalla faccia scura”, il Pontefice esorta a combattere questa che è «una delle tentazioni più serie che soffocano il fervore e l’audacia»; avvertendo che nell’intraprendere una battaglia si deve confidare pienamente nel trionfo. “Chi Papa FRancesco e i parroci R°comincia senza fiducia ha perso in anticipo metà della battaglia e sotterra i propri talenti”. Invita dunque a “non scoraggiarsi e andare avanti senza perdersi d’animo o darsi per vinti”; esortando a essere paterni e a non chiudersi in se stessi.

Questa, in sintesi, la riflessione del Papa a San Giovanni in Laterano, riguardanti la missione dei parroci, che è, però, un invito rivolto a tutti a “continuare a camminare”, a mettersi alla prova, perchè, venendo confermati nella fede, “noi possiamo confermare quella dei nostri fratelli, del popolo”.
Alla fine della riflessione, Francesco dona ai partecipanti una copia del libro di un anziano cappuccino di Buenos Aires, un “grande confessore”, padre Luis Dri, dal titolo: “Non avere paura di perdonare”. ”.“Forse ci aiuterà a crescere nella fede nel Signore, che è tanto misericordioso a perdonare”.

 

 

Redazione, da Agenzia di informazione

Redazione1
di Redazione1 marzo 15, 2017 16:19

RSS aleteia

  • Credere dopo la crisi: riscoprire la Chiesa domestica
    Nel nostro cammino di riflessione su pandemia, crisi e ritorno alla fede abbiamo individuato “tre cose da fare” e abbiamo già sottolineato l’importanza e l’urgenza di liberarci da tutte le false immagini di Dio, specialmente dinanzi per rinnovare il nostro modo di pensare e di annunciare Dio dinanzi al mistero della sofferenza, del male e […]
    Don Francesco Cosentino
  • Jane Goodall: nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali
    Nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali. “Ogni animale è un individuo, Dio nota anche quando muore un ragno, e quindi bisogna pensare ai tanti esseri che soffrono in questo mondo, non solo umani”, ha affermato l’etologa britannica Jane Goodall, 87 anni, pioniera nello studio degli scimpanzè selvaggi e nota messaggera di pace dell’ONU. […]
    Ary Waldir Ramos Díaz
  • Francesco: la preghiera vocale ci porta per mano a Dio
    “Non cadiamo nella superbia di disprezzare la preghiera vocale”, perché “le parole che pronunciamo ci prendono per mano”, “destano anche il più assonnato dei cuori” e sono le sole che, in maniera sicura “indirizzano a Dio le domande che Lui vuol ascoltare”. Così Papa Francesco nella catechesi dell’udienza generale di questa mattina, tenuta ancora nella […]
    Vatican News
  • L’incredibile storia di un bambino inghiottito dal mare e restituito un anno dopo
    Questa storia incredibile ha a che vedere con uno dei santi più venerati nell’antichità e terzo successore di Pietro, San Clemente Romano. Prima di raccontare questa leggenda straordinaria dobbiamo sapere com’è morto San Clemente, perché la storia ha uno stretto rapporto con il suo martirio. San Clemente Romano Documenti del IV secolo narrano che Papa […]
    Maria Paola Daud
  • La perfezione dell’imperfezione nella vita cristiana
    “Quanti giovani hanno abbandonato del tutto la Chiesa?” Questa domanda colpisce al cuore innumerevoli ministri giovanili, educatori, sacerdoti e genitori, ma capire perché tanti giovani lasciano è fondamentale per il futuro della Chiesa. Ad aver posto questa domanda è stato Doug Tooke, che ha più di 25 anni di esperienza a livello di ministero giovanile […]
    Theresa Civantos Barber
  • Quali rischi si corrono con i vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson?
    Vaccino anti Covid: tra il 14 e 20 aprile 2021, l’Agenzia Europea del Farmaco (Ema) ha aggiornato le linee guide sulla sicurezza di AstraZeneca e Johnson & Johnson, evidenziando quali rischi si possono generare per la salute di chi si vaccina. Facciamo chiarezza: si tratta di eventi molto rari, che però vanno spiegati in modo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Che cosa vuole donarci Dio?
    In quel tempo, disse Gesù alla folla: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai! Vi ho detto però che voi mi avete visto, eppure non credete.Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me: colui che viene a me, […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Hadjadj: «Andiamo verso una società senza odore»
    La chiamano «sindrome di Proust». È la capacità della nostra memoria olfattiva di ricordare una esperienza del passato, anche caduta nel dimenticatoio. Basta un odore, un profumo familiare ed ecco riaffiorare le emozioni collegate a quell’antica esperienza. Proprio come la celebre madeleine di Proust, il dolcetto imbevuto di tè che col suo sapore, all’inizio di […]
    Emiliano Fumaneri
  • Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid
    Una coppia di pensionati britannici separati da mesi a causa del Coronavirus si ritrova, e il loro video – condiviso sui social – commuove l’Inghilterra. The post Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Aleteia
  • Come aiutare i figli adolescenti a distinguere tra flirt e vero amore?
    di Christine Ponsard A cinque o sei anni, si gioca a “m’ama, non m’ama”, staccando ad uno ad uno i petali bianchi delle margherite, come se si recitasse una filastrocca. Dieci anni dopo, le cose cambiano e, margherita o no, dire “ti amo” non dovrebbe più essere così banale. Il flirt è un male o […]
    Edifa

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 97:
    • 187:
    aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

    Login