SAN GIOVANNI IN LATERANO – Papa Francesco ai parroci di Roma: “il punto fermo della nostra fede è la Croce di Cristo”.

Redazione1
di Redazione1 marzo 15, 2017 16:19

SAN GIOVANNI IN LATERANO – Papa Francesco ai parroci di Roma: “il punto fermo della nostra fede è la Croce di Cristo”.

Esortazione del Papa a trarre forza dalla memoria radicata nella fede della Chiesa, a camminare con fiducia e speranza per accrescere la nostra fede e rafforzare quella degli altri in Gesù.

Identità cristiana, memoria delle radici, progresso della fede fondato sulla Croce, cultura della carità e del perdono: sono Papa e parroci romani R °concetti che si intrecciano nell’esposizione di Papa Francesco, durante il suo tradizionale incontro con i parroci e i sacerdoti romani. Ad inizio di Quaresima, nella basilica di San Giovanni in Laterano, il tema centrale della meditazione trattato da Papa Francesco, è stato “Il progresso della fede nella vita del sacerdote”. Tre i punti chiave del suo intervento: la memoria, la speranza e il discernimento del momento.

Il testo citato a più riprese a San Giovanni in Laterano è l’Evangelii gaudium, definito un documento programmatico. Particolarmente significativa poi una singolare metafora sportiva che Francesco propone: quella del “giocatore di basket, che gioca con un piede inchiodato come un perno a terra e compie movimenti per proteggere la palla, o per trovare uno spazio per passarla, o per prendere la rincorsa e andare a canestro. Per noi quel piede inchiodato al suolo, intorno al quale facciamo perno, è la Croce di Cristo; e cita un motto di San Bruno e dei Certosini scritto sul muro della cappella della Casa di Esercizi di San Miguel, a Buenos Aires che diceva: “Fissa sta la Croce, mentre il mondo gira”.

Il Pontefice tiene a sottolineare l’importanza che ha la consapevolezza delle radici, del richiamo critico del passato, del riconoscersi nell’identità cristiana, sapendo che guardando nella memoria si possono richiamare “tesori ed esperienze che erano dimenticati e che molte volte contengono le chiavi per comprendere il presente”. Ricorda anche che “un cammino di formazione e di maturazione della fede avviene attraverso gli incontri con il Signore nel corso Papa Francesco 2 R °della vita”.

Questi incontri custoditi come un tesoro nella memoria sono la nostra fede viva, in una storia di salvezza personale”. Invita quindi a trarre forza dalla memoria radicata nella fede della Chiesa, “dei nostri padri”, perché è molto importante “cercare le radici” della nostra fede, per rafforzare gli altri nella fede in Gesù”, tenendo conto che “ci sono circostanze nelle quali siamo chiamati a “essere persone-anfore per dare da bere agli altri”.

Francesco esorta poi a confidare nella speranza, spiegando ai parroci, che la nostra non è una fede “davanti a un muro”, la speranza – assicura – “ti porta all’orizzonte”. Raccomanda poi il discernimento che “concretizza la fede”, nel distinguere al momento ciò che è bene e ciò che è male”. Afferma inoltre che “la fede, il progresso, la crescita nella fede, il trionfo cristiano, si fondano sempre sulla Croce, ma una Croce che al tempo stesso è vessillo di vittoria, che si porta con una tenerezza combattiva contro gli assalti del male”.

Soffermandosi sul senso di sconfitta che rende “pessimisti scontenti e disincantati dalla faccia scura”, il Pontefice esorta a combattere questa che è «una delle tentazioni più serie che soffocano il fervore e l’audacia»; avvertendo che nell’intraprendere una battaglia si deve confidare pienamente nel trionfo. “Chi Papa FRancesco e i parroci R°comincia senza fiducia ha perso in anticipo metà della battaglia e sotterra i propri talenti”. Invita dunque a “non scoraggiarsi e andare avanti senza perdersi d’animo o darsi per vinti”; esortando a essere paterni e a non chiudersi in se stessi.

Questa, in sintesi, la riflessione del Papa a San Giovanni in Laterano, riguardanti la missione dei parroci, che è, però, un invito rivolto a tutti a “continuare a camminare”, a mettersi alla prova, perchè, venendo confermati nella fede, “noi possiamo confermare quella dei nostri fratelli, del popolo”.
Alla fine della riflessione, Francesco dona ai partecipanti una copia del libro di un anziano cappuccino di Buenos Aires, un “grande confessore”, padre Luis Dri, dal titolo: “Non avere paura di perdonare”. ”.“Forse ci aiuterà a crescere nella fede nel Signore, che è tanto misericordioso a perdonare”.

 

 

Redazione, da Agenzia di informazione

Redazione1
di Redazione1 marzo 15, 2017 16:19


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • La mirabile moltiplicazione delle monache di Boulaur
    Alla fine degli anni 1970, le suore cistercensi dell’abbazia di Boulaur (Gers) si contavano sulle dita di una mano. Sono vicine di casa della famiglia di Claire de Castelbajac, e vi intrattengono da sempre vincoli di amicizia. Gli incontri e le preghiere sarebbero sbocciati in un’incredibile primavera. È una pioggia di occhiolini che da quarant’anni […]
    Bérengère Dommaigné
  • Esther, guarita da un cancro e vivificata dalla preghiera
    Proprio un anno fa Esther, colpita da un cancro al seno, riceveva l’Unzione degli infermi. Oggi rende grazie per la guarigione, per la preghiera della sua comunità parrocchiale e per la sua rinascita in Cristo. «Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò» (Mt 11,28), twittava all’inizio di gennaio […]
    Mathilde De Robien
  • 10 cose che ho imparato grazie ai miei cinque figli
    Al giorno d’oggi le famiglie numerose non sono di moda. Dire che ho cinque figli mi ha trasformata nella destinataria di espressioni di stupore e a volte di disapprovazione. Non manca mai qualcuno che dica “Siete pazzi”, al che rispondiamo sempre di sì, perché bisogna davvero essere un po’ folli per avventurarsi nel mondo delle […]
    María Verónica Degwitz
  • Crollo delle adozioni in Italia: tra nazionalismi e politiche da “ultima spiaggia”
    Crollano le adozioni nel nostro paese che si attestano sotto quota 1000 per la prima volta: pesano nazionalismi, instabilità di governo, ma anche politiche da “ultima spiaggia” che non tengono conto dei diritti dei bambini in primis. Nel mondo che mercifica i bambini, che li rende prodotti pre-confezionati con gli ingredienti e le avvertenze sempre […]
    Giovanna Binci
  • Non “fare” la preziosa, perché tu sei preziosa!
    Nella castità, prima patita e poi ammirata e sempre più compresa, ho scoperto l’amore. di Antonio e Luisa San Valentino è passato da pochi giorni. Per me e Luisa non è solo la ricorrenza della festa degli innamorati. Per noi è una data importante anche per la nostra personale storia d’amore. Ne approfitto per condividere […]
    Matrimonio cristiano
  • Nelle Filippine niente strette di mano allo scambio del segno della pace, mentre la paura per il coronavirus aumenta
    La Chiesa cattolica ha diffuso linee guida per ostacolare la diffusione della malattia In risposta alla minaccia del coronavirus, la Chiesa cattolica delle Filippine ha diffuso delle linee guida consigliando ai fedeli che vanno a Messa di evitare di stringersi la mano durante lo scambio della pace e di tenersi per mano quando si recita […]
    Padre Atilano Fajardo
  • Ambasciatori di una Chiesa missionaria
    La decisione del Papa di inserire un anno di missione nel curriculum formativo del personale diplomatico della Santa Sede La decisione papale di inserire nel curriculum formativo del personale diplomatico al servizio delle nunziature un anno da trascorrere in terra di missione arriva a pochi mesi dall’annuncio che lo stesso Francesco aveva fatto nel discorso […]
    Andrea Tornielli
  • Bambino di 5 anni lancia la sorellina dalla finestra e salva la sua famiglia dalle fiamme
    Noah si è svegliato e ha visto che la sua stanza era piena di fuoco e fumo. Aveva a disposizione solo una finestra, e non ha esitato “Avevamo saputo di bambini che avvertono la famiglia del fatto che è scoppiato un incendio, ma mai di un bambino di 5 anni che abbia agito in questo […]
    Dolors Massot
  • Puoi vedere negli altri… solo ciò che hai nel cuore!
    C’era una volta un vecchio saggio seduto ai bordi di un’oasi all’entrata di una città del Medio Oriente.​ Un giovane si avvicinò e gli domandò: “Non sono mai venuto da queste parti. Come sono gli abitanti di questa città?”​ L’uomo rispose a sua volta con una domanda: “Come erano gli abitanti della città da cui […]
    Don Giovanni Benvenuto
  • San Valentino per ritardatari: potete recuperare il 2 maggio!
    San Valentino, sì, ma quale? Se non avete festeggiato il 14 febbraio, se vi siete dimenticati, se dovete rimediare, ecco la storia che potrebbe salvarvi e l’occasione per recuperare è il 2 maggio! C’era una volta San Valentino. Era un pio cristiano di cui si sa poco o nulla, a parte il fatto che era […]
    Una penna spuntata

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 166:
    • 283:
    febbraio: 2020
    L M M G V S D
    « Gen    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    242526272829  

    Login