TERZO MONDO – La Chiesa in aiuto dei miseri sfollati del Kurdistan, grazie anche ai fondi Cei dell’8xmille.

Redazione1
di Redazione1 marzo 11, 2017 21:12

TERZO MONDO – La Chiesa in aiuto dei miseri sfollati del Kurdistan, grazie anche ai fondi Cei dell’8xmille.

Nello Spirito cristiano di carità e solidarietà, una serie di interventi a favore dei profughi più deboli vittime delle atrocità dell’Isis. Il drammatico racconto delle gravi sofferenze dei profughi, fra cui tanti bambini, anziani, donne, malati, disabili.

Nell’ultima riunione del Comitato per gli interventi caritativi a favore del terzo mondo, grazie anche ai fondi 8xmille, si è deciso di devolvere parte della cifra Emergenza in-Kurdistan °(un totale di 18 milioni di euro per 119 progetti nel mondo), ad una serie di interventi in Kurdistan a favore della popolazione sfollata più vulnerabile: bambini, anziani, disabili, donne, malati cronici. I fondi verranno gestiti dalla Focsiv che in Kurdistan ha avviato da tempo un progetto articolato di aiuti in varie città. Parla Terry Dutto che coordina il progetto: “È vero, è solo una goccia. Ma noi non possiamo sapere che effetto può avere una goccia”

Il tempo per i rifugiati a Erbil è sospeso. Tra il desiderio di tornare a casa e la paura di farlo. Tra la fatica di ripensare a una vita futura guardando avanti e la prospettiva di rifare i pochi bagagli e tornare indietro. A raccontare lo stato d’animo delle famiglie che vivono nei campi profughi di Erbil è Terry Dutto, operatore della Focsiv che nella città irachena vive dal 2014, giunto lì tre anni fa, per coordinare progetti e iniziative di aiuto alla popolazione. “Da lì poi ci si muove nei dintorni, a Qaraqosh, Mosul, Kirkuk dove c’è una postazione non ancora lasciata dall’Isis”.

A circa 300 famiglie verrà distribuito un pacco mensile di cibo e latte in polvere per i neonati e, infine, ad Al Kosh, cittadina isolata e in gravissima difficoltà.  Sono oltre 40mila gli sfollati nel Distretto di Ainkawa (provincia di Erbil), in gran parte della Chiesa caldea della Piana di Ninive, oltre ad altri 10mila yazidi provenienti dalle montagne nella zona di Sinjar. Nel campo attrezzato, conosciuto con il nome Ainkawa 2, sono presenti più di 1.000 container forniti di acqua potabile e di fognatura. E sono ospitate circa 1.200 famiglie, pari a circa 6.000 persone, con oltre il 50% di giovani. “I Cei fondi8xmille Kurdistan °container – racconta Terry – sono diventati ormai delle casette: le persone che ci abitano, tentano un radicamento ma è una condizione di vita che può essere solo temporanea. Il fatto però di stabilirsi, fa sentire a casa”. La maggior parte delle persone vengono da Qaraqosh, la città cristiana più importante dell’Iraq che contava più di 60mila abitanti. Ora è una città fantasma. È stata occupata per due anni dalle bandiere nere dell’Isis. Nominata capoluogo dello Stato islamico per la Piana di Ninive, è stata liberata a fine ottobre.

“Siamo andati a Qaraqosh – dice Terry – ma non è rimasto molto. Le case sono state saccheggiate, bruciate, bombardate. Ogni cosa non trasportabile è stata distrutta. Nei negozi hanno fatto scoppiare bombole di gas. I bombardamenti hanno lasciato un mucchio di macerie. Non c’è energia elettrica né acqua. È impossibile viverci”.
Non tutti hanno la possibilità di migrare all’estero ospiti di parenti. L’unica prospettiva è allora quella di tornare a casa, ma il rientro è difficile, attualmente impossibile. “La gente non si sente sicura. La speranza c’è ma finché non è garantita la sicurezza, le persone non si muovono. E poi ci sono i giovani che sono arrivati qui quando avevano 7/8 anni. Loro dicono addirittura di voler rimanere a Erbil perché si sentono ormai parte di questa città”.
Ricoverati in una chiesa °Gli uomini sono quelli che risentono di più il colpo duro del cambiamento: senza più lavoro, soldi, casa hanno perso la loro funzione di capo famiglia. Chi resta punto di riferimento per la famiglia sono le donne. “Se vogliamo organizzare qualcosa nel campo – racconta Terry – chiamiamo loro”.

All’interno del campo, Focsiv ha realizzato “Hope Center – Centro Speranza”, uno spazio attrezzato dove i volontari offrono una serie di attività: asili, centro di arti marziali; una grande aula completamente attrezzata per interventi formativi di diverso genere; un campo di calcio e pallavolo che coinvolge 250 giovani.
I discorsi e i racconti che si ascoltano nei campi fanno venire “i brividi alla schiena”, confessa Terry. Non è facile seguirli. “Ricordo un gruppo di bambine di 8 e 10 anni che hanno cominciato a chiacchierare con una nostra assistente. Kurdistan_asilo °Le raccontavano quanto erano cattivi quelli dell’Isis. Avevano visto tagliare la testa ad una persona solo perché stava fumando. Colpire di botte un uomo fino a rompergli le gambe perché aveva preso le difese di una donna. Questi bambini hanno subito un trauma. Lo vedi, lo senti. Hanno vissuto esperienze brutali e tu non sai che effetto avranno su di loro. Sai solo che quando vai e li fai giocare, disegnare, parlare, vedere un film, doni momenti di serenità che cambiano loro la vita almeno per quell’istante, ridiventano bambini almeno per un breve spazio di tempo, ritorna il sorriso, scoprono l’amicizia”. Una goccia in un mare di dolore. “È vero, è solo una goccia. Ma noi non possiamo sapere che effetto può avere una goccia. Sappiamo che se non ci fosse questa goccia, sarebbe un mondo più buio, un mondo in cui i bambini sono lasciati soli e imparano solo ad essere violenti e aggressivi”.

 

 

Redazione, da Agenzia di informazione

Redazione1
di Redazione1 marzo 11, 2017 21:12


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Le insidie da evitare quando vostro figlio è disoccupato
    Per un giovane diplomato non è sempre facile ottenere il primo impiego. Tra consigli, aiuti e piccole attenzioni, come aiutarlo senza creare tensioni nella sua ricerca di lavoro? di Guilhem Dargnies Senza guardarla, Nicolina versa dell’acqua nel bicchiere della figlia: “Sei soddisfatta del tuo colloquio, cara?” Manon, prima di lasciare la stanza in preda alla […]
    Edifa
  • Il segreto per (ri)trovare la propria serenità
    La perdita del lavoro, la fine di un rapporto d’amore, le preoccupazioni finanziarie, la malattia di una persona cara… Spesso ci troviamo di fronte a delle contrarietà che ci feriscono interiormente e minano la tranquillità delle nostre notti e delle nostre giornate. Come possiamo affrontare le turbolenze della vita senza perdere la nostra serenità? di […]
    Edifa
  • Conoscete queste splendide statue cattoliche che si trovano sott’acqua?
    Dall’Italia alla Florida e alle Filippine, gli oceani ospitano alcune delle statue cattoliche più straordinarie del mondo Per secoli i cattolici hanno usato le statue e l’arte in generale come mezzo per condividere la propria fede e rendere omaggio alla Sacra Famiglia di Dio. Se la maggior parte di noi è abituata a vedere le […]
    V. M. Traverso
  • Santa Lidia, la donna della porpora
    Protagonista della prima conversione al cristianesimo documentata in Europa Era originaria della zona della Lidia, in Asia Minore, concretamente di Tiatira, dove oggi si trova la città turca di Akhisar. Si trasferì poi a Filippi, città situata nella zona orientale della Macedonia, nell’attuale Grecia, dove riuscì a intraprendere un prospero commercio della tinta porpora, motivo […]
    Aleteia
  • Riappare dopo 10 anni l’immagine della Madonna di Guadalupe a Monterrey
    Erano dieci anni che era scomparsa dal luogo in cui nel 1990 San Giovanni Paolo II l’aveva benedetta nella sua seconda e ultima visita alla città messicana di Monterrey, nello Stato settentrionale di Nuevo León. Nessuno sapeva dove fosse dopo che l’uragano “Alex” se l’era portata via tra i suoi venti e la sua pioggia. […]
    Jaime Septién
  • L’immagine della Madonna che ha accompagnato una gravidanza difficile
    Una donna ha dato alla luce tre gemelle identiche. Durante tutta la gestazione ha pregato Nostra Signora delle Grazie Victoria, Delfina e Julieta sono geneticamente identiche. Le tre gemelline sono nate da un tipo di gestazione che si verifica in un caso su 200 milioni, chiamato gravidanza gemellare monozigotica. Un unico ovulo, fecondato da un […]
    Esteban Pittaro
  • Era maestro di sci sulle Dolomiti, ora è missionario in Sud Sudan 
    Don Stefano Trevisan, 36 anni, sacerdote da poche settimane, missionario comboniano, e la sua toccante testimonianza di fede Dai paesaggi dolomitici e gelidi della Val Badia all’arido Sud Sudan. Una scelta di vita che porta don Stefano Trevisan, 36 anni, sacerdote da poche settimane, missionario comboniano, ad iniziare una vita che stravolge la precedente Originario […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Perché l’umiltà è la maniera migliore di amare Dio?
    Spesso l’umiltà è interpretato come una debolezza, eppure è lì che si trova il fondamento di ogni vita spirituale: giacché collega direttamente a Dio, essa è il modo migliore di amarLo. Senza umiltà non si può essere santi: il curato d’Ars, umilissimo prete la cui festa cade proprio all’inizio di agosto, l’ha compreso benissimo. È […]
    Marzena Wilkanowicz-Devoud
  • Perché noi credenti ci offendiamo tanto? Perché ci manca la carità
    di Silvana Ramos Carità. Quanta ne serve a tutti noi! Qualche settimana fa, monsignor Robert Barron, di Word on Fire, ha pubblicato un video sul suo canale che parla di una verità che purtroppo si verifica molto spesso su Internet: gli attacchi offensivi e senza misericordia tra cattolici. Credo che tutti noi evangelizzatori digitali abbiamo […]
    Catholic Link
  • La città di Venezia, per non essere sommersa, si è affidata a un potente arcangelo
    Nella Sacra Scrittura, Raffaele si contrappone al Demonio Asmodeo che è “colui che fa morire”. E in questa battaglia contro il demone che rientra la protezione della città lagunare Una importante città italiana è da secoli consacrata ad un potente arcangelo taumaturgo. Che in questo caso è invocato come protettore delle maree. Si tratta di […]
    don Marcello Stanzione

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 53:
    • 152:
    agosto: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

    Login