MESSINA – Lettera aperta del parroco di S. Domenico, sulla vicenda della mozione di sfiducia al sindaco Accorinti.

Redazione1
di Redazione1 febbraio 18, 2017 20:16

MESSINA –  Lettera aperta del parroco di S. Domenico, sulla vicenda della mozione di sfiducia al sindaco Accorinti.

Uno scritto interessante e appassionato, pervenutoci direttamente dall’autore, Fra Giovanni Calcara o.p. (promotore, due anni fa, di un incontro di “Preghiera per Messina” nella chiesa di S. Domenico), già pubblicato nei giorni scorsi sul quotidiano Gazzetta del Sud, che esprime attenzione proccupata per le sorti di Messina, dato il conflitto “giunta-maggioranza vs consiglio comunale”, in un momento in cui la città  attraversa serie difficoltà sotto parecchi aspetti. Pertanto, riteniamo utile e doveroso, anche da parte nostra, pubblicare questa lettera  in quanto i suoi contenuti presentano validi motivi di riflessione per ciascuno di noi – motivi fra l’altro concordanti con  le finalità di fondo di “Messinareligiosa.it” –  espressi attraverso un meritevole appello alla responsabilità degli amministratori, ma anche di tutti i cittadini, nessuno escluso, per il bene comune.

 

La Redazione

_________________

Perché credere nella ragione

Il card. Carlo Maria Martini, uomo che ha saputo dire all’uomo di oggi parole di grande significato, sapendo dialogare con chiunque al di là della Parrocch. S. Domenico ° fede, affermava “Non mi importa se l’uomo crede, ma che ragioni!”.
Pensando alla nostra Città, alla Messina che soffre i morsi della fame e la mancanza di lavoro; subisce l’illegalità come sistema di cui non solo non riconosce l’immoralità ma di cui alle volte, tutti ci facciamo complici; la “scelta preferenziale” per il silenzio e l’omertà che, amava affermare il card. Salvatore Pappalardo “non sono attitudini del cristiano”; la delega della propria responsabilità di “osservare, giudicare e agire” (Paolo VI) per il bene di tutti e non quello personale.

Come sappiamo tutto ciò non è stato causato da un terremoto, da una congiunzione astrale, da una macchinazione della malavita, della massoneria o dei poteri forti. E’ il risultato.. del peccato in “pensieri, parole, opere e omissioni” come diciamo in chiesa.. non solo della classe politica (locale, regionale, nazionale…), ma di ogni cittadino che hanno permesso (nel silenzio e nell’angoscia del bisogno primario del cibo o dietro promessa di un posto di lavoro) che “Messina, fosse spremuta come un limone.. e adesso che è finito il succo… viene gettata via” (padre Felice Scalia, s.j). Potremmo aggiungere anche le statistiche e le cifre che periodicamente i mass media ci forniscono e che relegano la nostra Città in fondo alle classifiche nazionali.
Per mesi abbiamo assistito al “gioco” delle parti: giunta-maggioranza vs consiglio comunale; partiti/sindacati/movimenti e sigle della (cosiddetta) società civile vs tutto e tutti. Nel rispetto delle proprie idee e della buona fede di alcuni… un teatrino e uno spettacolo indecoroso di cui, di volta in volta, si evocavano i “manovratori occulti, i burattinai, i poteri forti”. Ma guai a fare i nomi, in fondo “se li conosciamo… è inutile dirlo…!”.
Non tutto è perduto, infondo “la speranza è l’ultima a morire”. Qualcuno Palazzo °comunaletrova la “soluzione magica” pardòn.. la sfiducia al sindaco, come la soluzione ad ogni problema di Messina.

Poi sul clinale dell’abisso e del baratro, si pensa al dialogo possibile e doveroso tra le parti in causa “un patto di fine legislatura” per portare a termine le grandi opere in dirittura di arrivo: il nuovo porto di Tremestieri, il nuovo Palazzo di Giustizia, il Masterplan, ecc. ecc.
Scusate, ma “non potevate pensarci prima!”.
In fondo, ognuno può fare la sua ricostruzione dei fatti e vicende “tirando la coperta dalla sua parte”, ma si rischierebbe soltanto di stracciarla e rimanere ognuno con in mano solo un brandello di stoffa, ormai inutile a tutti.
Se approvata, la mozione di sfiducia, non segnerebbe solo il fallimento di Renato Accorinti o del Consiglio Comunale che andrebbero a casa, ma di una intera stagione politica rendendo inutile il lavoro di chi ha cercato di rendere migliore e diversa la nostra Città. E’ vero che sarebbe o potrebbe essere considerato “un atto di coraggio”, ma a pochi mesi dalla fine della legislatura che senso avrebbe tutto ciò? Con quale coraggio presentarsi agli elettori per chiedere il voto per essere rieletti?

IMG_0531°Ho stima di tutti i consiglieri comunali che ho conosciuto personalmente, in occasione del conferimento della cittadinanza onoraria al Maestro dell’Ordine Domenicano, con i quali mi sono confrontato per ben tre ore in aula, prima che votassero la decisione. Qualcuno di loro era presente nella nostra parrocchia di san Domenico, quando abbiamo promosso in collaborazione con altre realtà ecclesiali e gruppi della società civile, la “preghiera per Messina”, dopo le tristi vicende di due anni fa.
A loro, quindi mi rivolgo.
In nome di tanta gente che vieni a bussare alla nostra parrocchia in cerca del necessario per sopravvivere, del giovane che chiede un euro per comprasi qualcosa che i genitori non possono dare, per gli italiani e gli stranieri che cercano lavoro: non lasciate Messina in mano di un commissario che per quanto animato di buona volontà, non conoscendo lo “stato delle cose” avrebbe molte difficoltà ad operare. Messina non merita questo, voi non meritate di fare questa IMG_0309 °fine. Portate a termine il vostro mandato che vi è stato dato dai cittadini, restituite la voce e il potere ai cittadini, così come vuole la nostra amata Costituzione. Esprimete pure, come vuole la democrazia il vostro parere, il malessere e il disagio personale, le motivazioni politiche che vi hanno spinto a firmare la mozione di sfiducia, ma non votate. Abbandonate poi l’aula, sarà una scelta responsabile, coraggiosa, di grande valore morale e civile.
Ve ne saremo grati, perché avrete dimostrato di mettere da parte ogni cosa, pur di non spegnere la speranza dei messinesi. Un grande atto della volontà e della ragione che, assieme alla fede, sono un dono di Dio se credenti; altrimenti una scelta che renderà onore al vostro senso di responsabilità, per cui siete stati votati dai cittadini e che vogliono risposte concrete ai loro problemi nell’unico interesse della Città e del Bene Comune.

 

Padre Giovanni Calcara, o.p.
Parroco di San Domenico – Me

Redazione1
di Redazione1 febbraio 18, 2017 20:16


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Vuoi seguire i riti della Quaresima officiati dal Papa? Ti diciamo noi come fare
    Da Sant’Anselmo alla Penitenza, ecco come approfondire il tuo rapporto con Cristo, accompagnando Francesco verso Pasqua di Risurrezione La Quaresima è una delle ricorrenze più importanti che la Chiesa cattolica celebra durante l’anno liturgico. E’ un periodo di penitenza di quaranta giorni in preparazione della Pasqua, dal mercoledì delle Ceneri al Sabato Santo. La Quaresima […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Le 2 cose da cambiare nella Chiesa cattolica
    Parla padre Gabriel Vila Verde, citando Santa Madre Teresa di Calcutta Sulla sua pagina persona su Facebook, padre Gabriel Vila Verde ha postato questo commento: “Anch’io, quando ero laico, pensavo di avere la soluzione per la Chiesa tra le mani. Con l’orgoglio di chi aveva letto due pagine del Trattato, pensavo che se il Papa […]
    Aleteia
  • È peccato per una cattolica sposare un evangelico ricevendo la bendizione del pastore?
    Padre Cido Pereira risponde al dubbio di una madre di famiglia Nella sua rubrica sul quotidiano O São Paulo, dell’arcidiocesi brasiliana di San Paolo, padre Cido Pereira ha risposto questa settimana a un dubbio espresso da una madre di famiglia: “Vediamo il dubbio che mi ha presentato Neusa, di Osasco (San Paolo): ‘Mia figlia è […]
    Aleteia Brasil
  • Come e perché Querida Amazonia ci aiuta a comprendere meglio la Chiesa
    Nella tradizione dell’insegnamento di Paolo VI, ma anche di Benedetto XVI, l’esortazione postsinodale “Querida Amazonia” invita a comprendere la missione della Chiesa e la sua realtà con l’intelligenza della fede. Senza chiudere porta alcuna, papa Francesco conferma la sua volontà di non clericalizzare i laici e di non laicizzare i chierici. Esattamente 50 anni fa, […]
    Christophe Dickès
  • Papa Francesco: con la mitezza conquistiamo il cuore del fratello
    E’ la terza delle otto Beatitudini del Vangelo di Matteo: “Beati i miti perché avranno in eredità la terra”. Papa Francesco ne parla all’udienza generale di questo mercoledì e spiega che non c’è terra più bella da ereditare che il cuore del fratello, la pace ritrovata con lui Proseguendo il ciclo dedicato alle Beatitudini, all’udienza […]
    Vatican News
  • Il “revenge porn”, una pratica “estremamente comune” tra i giovani
    La diffusione di immagini o di video intimi non è appannaggio della vita politica. Se in Francia si sta versando molto inchiostro sul caso di Benjamin Griveaux, il “revenge porn” è anche una pratica molto diffusa tra gli adolescenti. Secondo Thérèse Hargot, sessuologa e saggista, si tratta di un fenomeno dall’importante rilevanza sociale. Benjamin Griveaux, […]
    Mathilde De Robien
  • Haiti: cosa rivela la terribile morte di 15 bambini dopo l’incendio in un orfanotrofio?
    Una tragedia che parla, tra le altre cose, di irregolarità e della complessa situazione dei bambini abbandonati dai genitori Il Paese più povero dell’America Latina è tornato a fare notizia a livello internazionale, e ancora una volta per un aspetto che chiama a riflettere. Il 13 febbraio, la morte di 15 minori che vivevano in […]
    Pablo Cesio
  • La maternità, quanti sacrifici! Ma le ricompense arrivano. La sua prima parola? «Papà»!
    La gravidanza, gli sbalzi ormonali, la ritenzione idrica, i doloretti un po’ ovunque e infine il momento magico ma pur sempre doloroso del parto. E l’allattamento, le notti in bianco, le colichette. Ce la possiamo aspettare qualche piccola ricompensa dal nostro bimbo, no? di Lisa Zu Questo post è per mio marito. Che aspetta con […]
    Aleteia
  • La Comunione spirituale? Una possibilità meravigliosa di stare con Gesù!
    Raccogliersi e chiedere a Gesù di venire nel proprio cuore è qualcosa di profondamente bello. Ho provato una gioia e uno stupore brevi ma davvero intensi: ero proprio felice. Beauty in the pain #2 – Giuseppe Signorin La domenica mi portano la comunione a casa. È bellissimo, non potendo andare in chiesa. Gesù qui in […]
    MIENMIUAIF - MIA MOGLIE ED IO
  • Consigli per coppie felici. #5 Fate l’amore e fatelo bene
    Troppi tabù sul sesso di coppia in una società che paradossalmente sessualizza ed erotizza tutto. Tornate a fare l’amore, ci vuole impegno e costanza, ma senza ci condanniamo alla divisione e all’infelicità. di Marco Scarmagnani «Fare l’amore?» «Chi se lo ricorda?» «Devo chiederle un appuntamento!» «Ah, ormai… ci abbiamo messo una croce» «Passiamo oltre dotto’». […]
    Semprenews

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 144:
    • 197:
    febbraio: 2020
    L M M G V S D
    « Gen    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    242526272829  

    Login