MESSINA E PROVINCIA – Mons. Guglielmo Giombanco nominato Vescovo di Patti da papa Francesco. Il messaggio di saluto ai componenti della sua “nuova famiglia”

Redazione1
di Redazione1 febbraio 2, 2017 23:47

MESSINA E PROVINCIA – Mons. Guglielmo Giombanco nominato Vescovo di Patti da papa Francesco. Il messaggio di saluto ai componenti della sua “nuova famiglia”

Il Papa, dopo aver accettato la rinuncia al governo episcopale della diocesi di Patti, Patti Seminario 2°R Copiapresentata da monsignor Ignazio Zambito, ieri ha nominato nuovo vescovo della diocesi pattese monsignor Guglielmo Giombanco, vicario generale della diocesi di Acireale. Mons. Giombanco è nato a Catania il il 15 settembre 1966, ha svolto gli studi filosofici presso lo Studio Teologico di Catania; successivamente, nel Pontificio Seminario Romano Maggiore ha seguito i corsi teologici presso l’Università Lateranense, conclusi con il Baccalaureato in Teologia. Presso la medesima Università ha conseguito il Dottorato in “utroque iure”.

Dopo l’ordinazione sacerdotale, avvenuta il 7 settembre 1991, ha dedicato il suo Giambanco e Raspanti°impegno sacerdotale alla diocesi di Acireale, dove ha svolto il ruolo di segretario del vescovo e vice cancelliere della Curia. Dal 2012 è vicario generale della diocesi di Acireale. Insegna diritto canonico nello Studio Teologico di Catania. È membro del Consiglio Presbiterale e del Collegio dei Consultori e amministratore della Basilica dei Santi Pietro e Paolo in Acireale. Il 13 settembre 2012 è stato nominato Prelato d’onore di Sua Santità.

“Vengo a voi per conoscervi, cioè per amarvi e farvi dono della mia vita. Voi siete la mia nuova famiglia”. Questo il primo messaggio di mons. Gugliemo Giombanco alla diocesi di Patti, subito dopo la nomina di Papa Francesco resa nota ieri. Al Papa il vescovo eletto esprime “profonda e filiale gratitudine”, promettendo “il costante ricordo nella preghiera e il sempre rinnovato impegno di comunione e di docile obbedienza”. Il nuovo vescovo rivolge anche un saluto al predecessore mons. Ignazio Zambito, “che ha amato e servito la nostra Chiesa con un lungo, fecondo e appassionato ministero pastorale”.

“Al Signore – dichiara mons. Mons. Giambanco°RGiombanco – chiedo di benedire tutte le famiglie della nostra diocesi, con speciale attenzione a quelle provate da sofferenze fisiche e morali: penso alla povertà dei valori, alla mancanza di lavoro, alla precarietà nelle scelte di vita, alla solitudine degli anziani e dei sofferenti… Ringrazio Dio per i genitori attenti, per la saggezza degli anziani, per la gioia dei bambini e per l’esuberanza dei giovani che sono il presente e il futuro della nostra Chiesa, per i laici generosi che, a vario titolo, sono impegnati nella costruzione del Regno di Dio… Con tutti desidero realizzare rapporti di amicizia e di ecclesiale corresponsabilità”. Ai presbiteri chiede di fargli “spazio” nel cuore “perché, insieme, possiamo amare e servire la comunità cristiana”.

Ai consacrate e consacrati rivolge l’invito ad “essere sempre più profezia del Regno, perché ci ricordino che anche oggi è possibile condurre una vita animata dalla gioia, Cattedrale Patti°Copiado-no di Dio a chi lo segue con cuore sincero, e dalla passione per la fraternità”; ai “seminaristi perchè rispondano con gioia alla chiamata del Signore, con la chiara consapevolezza che progettare e vivere nella dimensione del dono è veramente esaltante”.

“Alle sorelle e ai fratelli delle altre confessioni religiose presenti in diocesi” il vescovo eletto rivolge “un cordiale saluto” chiedendo “al Signore il dono del discernimento perché possiamo individuare, attraverso l’ascolto reciproco e il dialogo fraterno, percorsi comuni di fede e di testimonianza”. Infine, rivolgendosi agli “amministratori dei quarantadue comuni presenti nel territorio della diocesi” e a “quanti sono impegnati, a vario titolo, nella tutela e nella promozione del bene comune”, augura loro “pieno successo” del servizio “a favore delle persone”, assicurando al contempo “la leale collaborazione della comunità ecclesiale”.

 

 

Redazione, da notizie di agenzia

Redazione1
di Redazione1 febbraio 2, 2017 23:47


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Ho perso il lavoro, ma monetizzo spogliandomi su OnlyFans
    L’amarissima illusione di Only Fans, dove pornostar e grandi influencer guadagnano sempre di più e tante donne comuni rimaste senza lavoro si spogliano a pagamento, ma restano sul lastrico (anche umanamente). Spogliarsi a pagamento, come si chiama oggi questo mestiere? Businness in tempo di pandemia. Si può raccontarsela così, ma poi c’è sempre la realtà […]
    Annalisa Teggi
  • La formula di San Giovanni Paolo II per sconfiggere il male nel mondo
    Credeva fermamente che il male e la violenza nel mondo si potessero sconfiggere solo con la bontà La tentazione di “rispondere al fuoco col fuoco” esiste, soprattutto quando abbiamo a che fare con violenze e ingiustizie nel mondo. San Giovanni Paolo II, però, credeva che combattere il male con altro male non avrebbe fatto che […]
    Philip Kosloski
  • Prete cattolico da dieci anni, il “già-vescovo” anglicano si racconta 
    Il 15 gennaio 2011 tre “già-vescovi” anglicani, tra cui padre Keith Newton, venivano ordinati preti da mons. Vincent Nichols, arcivescovo di Westminster (UK). Il giorno stesso, l’Ordinariato personale di Nostra Signora di Walsingham veniva fondato a mezzo di un decreto della Congregazione per la Dottrina della Fede, e padre Keith Newton ne veniva ordinato primo […]
    i.Media per Aleteia
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    Ci sono libri che arrivano a costare 700 euro a copia (ma non li valgono!). Ecco la nostra proposta, a basso costo e alto profilo 🙂 Serie TV Non sono una binge watcher (quelli che guardano episodi di serie tv uno dietro l’altro, fino a diventarne dipendenti, Ndr) e si ved; confido sempre in Google […]
    Paola Belletti
  • «”Cara” Lisa, oggi morirai con l’iniezione letale»: la lettera-choc alla condannata.
    La pena di morte è un retaggio di una mentalità basata sulla vendetta, possiamo indorare la pillola, ma resta una tragedia Una condanna a morte già eseguita; la condannata a morte si chiamava Lisa Montgmery, uccisa il 13 gennaio nel carcere dell’Indiana dopo l’ultima sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti. Pena di morte con […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Fu una terribile epidemia a legare per sempre il maiale a sant’Antonio
    Da una grazia ricevuta nacquero gli Ospedali antoniani, durante una terribile epidemia di “fuoco sacro” in Francia. E dal maiale venne un sollievo per i malati… C’era una volta una epidemia. Che barba, eh? C’è sempre una qualche epidemia, nella Storia. Fuoco sacro Questa, però, è una epidemia strana, una di quelle che piacciono tanto […]
    Una penna spuntata
  • Stare presso la vita e presso la morte è vocazione della donna
    Il racconto di una buona, di una bella morte, avvenuta prima che scoppiasse questa pandemia che ha travolto anche il momento sacro del lutto, può insegnarci tanto sulla vita, sulla bellezza dell’obbedienza, sull’abitudine a rendere grazie, sulla vita eterna. Negli ultimi giorni la mia famiglia ha vissuto un momento importante e intenso, la morte del […]
    Teologia del corpo and more
  • 5 santi che amavano giocare a scacchi
    Queste donne e questi uomini santi erano fans del gioco già secoli fa Gli scacchi stanno vedendo aumentare la loro popolarità grazie a programmi recenti come The Queen’s Gambit di Netflix, che si è guadagnato un pubblico di milioni di spettatori. Se il gioco può richiedere la pazienza di un santo, solo pochi degli uomini […]
    Cerith Gardiner
  • San Luca era un medico?
    L’evangelista viene descritto come tale, e ha usato termini medici nel suo Vangelo San Luca, a cui è dovuta la redazione di uno dei quattro Vangeli, viene spesso indicato come santo patrono dei medici. Perché? Tradizionalmente, si crede che San Luca fosse un “dottore”, secondo la pratica della medicina greca dell’epoca. La Catholic Encyclopedia offre una breve […]
    Philip Kosloski
  • Cosa deve fare la Chiesa per rendere ancora efficace l’incontro con Cristo?
    Non deve minare la basi, ma aprire varchi nel tetto, come fanno gli amici del paralitico nel Vangelo di oggi. Per poter essere efficace non deve rinunciare alla radicalità del Vangelo ma ai contenitori in cui è abituata ad operare. Gesù entrò di nuovo a Cafàrnao, dopo alcuni giorni. Si seppe che era in casa […]
    Luigi Maria Epicoco

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 201:
    • 414:
    gennaio: 2021
    L M M G V S D
    « Dic    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

    Login