MESSINA – Santa Eustochia Smeralda ci indica qual è la vera identità dei cristiani

Redazione1
di Redazione1 gennaio 23, 2017 23:30

MESSINA  – Santa Eustochia Smeralda ci indica qual è la vera identità dei cristiani

Celebrato solennemante il 532° “Dies Natalis” di  Santa Eustichia Smeralda, alla presenza del nuovo Arivescovo, mons. Giovanni Accolla, alla sua prima apparizione ufficiale in pubblico dopo quella dell’insediamento del 7 gennaio.

“Il cuore della spiritualità di Santa Eustochia è l’amore per il S. Eustochia ° CopiaCrocifisso; cui l’umile clarissa messinese ha affidato tutta se stessa. In tal modo ella ci fa imparare cosa significa possedere la bellezza interiore e il grande dono di essere veri discepoli del Signore. Il messaggio centrale del Cristianesimo, infatti, è quello della Croce, da cui ci proviene l’invito a fare una scelta di vita radicale senza compromessi”.

Così, il nuovo Arcivescovo – nella sua omelia proferita durante la solenne celebrazione del 532° Dies Natalis della grande mistica francescana – con parole chiare e toni decisi, va subito dritto al nocciolo della questione: la responsabilità di essere tutti persone conformi alla vera identità cristiana. “Perché” – Accolla celebra 2 ° Copiaha sottolineato mons. Giovanni Accolla – “la Chiesa, di cui facciamo parte, nasce ai piedi della Croce; per cui quando si dimentica questa realtà su cui si fonda la nostra fede, si diventa paladini dei propri diritti, dei propri interessi, profitti ed egoismi”.

Continuando nel suo discorso denso di richiami evangelici, il Presule ha messo poi in evidenza come Santa Eustochia, nel seguire totalmente la Croce di Gesù, ci insegna anche che la fede che professiamo, quali cattolici responsabili nel mondo di oggi, significa soprattutto essere pronti ad esercitare concretamente l’amore e il sacrificio: fattori basilari che stanno al centro delle esigenze di comunità familiari e sociali. A tal proposito, mons. Accolla ha richiamato a riflettere seriamente IMG_1830 ° Copiasull’importanza che ha l’atteggiamento donativo dei cattolici, perché si sappia andare oltre i “percorsi di comodo” e vivere nel concreto la fede “oltre i doveri di culto” e le “occasioni sporadiche”.

Ha poi ricordato che “non occorrono tanto predicatori”, né verbosità intellettualistiche, quanto invece il “linguaggio” fattivo della testimonianza quotidiana di fedeltà, amore e solidarietà verso il prossimo. E ai sindaci della città metropolitana che hanno portato l’olio per la lampada votiva, mons. Accolla si è così rivolto: “voi amministratori dovete consumarvi per la vostra gente come l’olio che avete donato, così come i cittadini devono farlo per le loro comunità”.

Alla solenne celebrazione eucaristica nella chiesa di Montevergine, che IMG_1789 ° Copiaha visto la prima partecipazione ufficiale di mons. Accolla ad un rito pubblico, dopo quella di insediamento del 7 gennaio in Cattedrale, erano presenti numerosissimi fedeli, gli Ordini gerosolimitani di Malta e del Santo Sepolcro, Arciconfraternite, Confraternite e Associazioni ecclesiali. La celebrazione liturgica, animata dalla corale “Eugenio Arena” e diretta da Giulio Arena, ha avuto un momento significativo e suggestivo, all’atto dell’offerta dell’olio benedetto per la lampada votiva da parte dei comuni di Antillo, Casalvecchio Siculo, Forza D’Agrò, Limina, Roccafiorita, S. IMG_1842 ° CopiaAlessio Siculo, S. Teresa di Riva, Savoca; quindi l’accensione della lampada votiva e l’atto di affidamento dei comuni della città metropolitana a Santa Eustochia Smeralda.

 

Domenica mattina, 22 gennaio, nella chiesa di Montevergine, le commemorazioni liturgiche per il Dies Natalis della clarissa messinese si sono concluse con una celebrazione Eucaristica, presieduta don Cesare e Accolla °dall’Arcivescovo mons. Giovanni Accolla, animata dal coro S. Maria dei Miracoli diretto da Giacomo Arena. Durante la funzione liturgica la Confcommercio ha reso omaggio a S. Eustochia, patrona dell’Unione generale dei commercianti di Messina; il Picciotto 3 °presidente provinciale di Confcommercio, Carmelo Picciotto, ha rinnovato l’atto di affidamento della categoria, offrendo il “cero votivo”, quale espressione di fede, devozione e gratitudine alla Santa.

 

A.M.

 

Copia di 1878 C.°L Copia di 1893 °

Redazione1
di Redazione1 gennaio 23, 2017 23:30


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • La formula di San Giovanni Paolo II per sconfiggere il male nel mondo
    Credeva fermamente che il male e la violenza nel mondo si potessero sconfiggere solo con la bontà La tentazione di “rispondere al fuoco col fuoco” esiste, soprattutto quando abbiamo a che fare con violenze e ingiustizie nel mondo. San Giovanni Paolo II, però, credeva che combattere il male con altro male non avrebbe fatto che […]
    Philip Kosloski
  • Prete cattolico da dieci anni, il “già-vescovo” anglicano si racconta 
    Il 15 gennaio 2011 tre “già-vescovi” anglicani, tra cui padre Keith Newton, venivano ordinati preti da mons. Vincent Nichols, arcivescovo di Westminster (UK). Il giorno stesso, l’Ordinariato personale di Nostra Signora di Walsingham veniva fondato a mezzo di un decreto della Congregazione per la Dottrina della Fede, e padre Keith Newton ne veniva ordinato primo […]
    i.Media per Aleteia
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    Ci sono libri che arrivano a costare 700 euro a copia (ma non li valgono!). Ecco la nostra proposta, a basso costo e alto profilo 🙂 Serie TV Non sono una binge watcher (quelli che guardano episodi di serie tv uno dietro l’altro, fino a diventarne dipendenti, Ndr) e si ved; confido sempre in Google […]
    Paola Belletti
  • «”Cara” Lisa, oggi morirai con l’iniezione letale»: la lettera-choc alla condannata.
    La pena di morte è un retaggio di una mentalità basata sulla vendetta, possiamo indorare la pillola, ma resta una tragedia Una condanna a morte già eseguita; la condannata a morte si chiamava Lisa Montgmery, uccisa il 13 gennaio nel carcere dell’Indiana dopo l’ultima sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti. Pena di morte con […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Fu una terribile epidemia a legare per sempre il maiale a sant’Antonio
    Da una grazia ricevuta nacquero gli Ospedali antoniani, durante una terribile epidemia di “fuoco sacro” in Francia. E dal maiale venne un sollievo per i malati… C’era una volta una epidemia. Che barba, eh? C’è sempre una qualche epidemia, nella Storia. Fuoco sacro Questa, però, è una epidemia strana, una di quelle che piacciono tanto […]
    Una penna spuntata
  • Stare presso la vita e presso la morte è vocazione della donna
    Il racconto di una buona, di una bella morte, avvenuta prima che scoppiasse questa pandemia che ha travolto anche il momento sacro del lutto, può insegnarci tanto sulla vita, sulla bellezza dell’obbedienza, sull’abitudine a rendere grazie, sulla vita eterna. Negli ultimi giorni la mia famiglia ha vissuto un momento importante e intenso, la morte del […]
    Teologia del corpo and more
  • 5 santi che amavano giocare a scacchi
    Queste donne e questi uomini santi erano fans del gioco già secoli fa Gli scacchi stanno vedendo aumentare la loro popolarità grazie a programmi recenti come The Queen’s Gambit di Netflix, che si è guadagnato un pubblico di milioni di spettatori. Se il gioco può richiedere la pazienza di un santo, solo pochi degli uomini […]
    Cerith Gardiner
  • San Luca era un medico?
    L’evangelista viene descritto come tale, e ha usato termini medici nel suo Vangelo San Luca, a cui è dovuta la redazione di uno dei quattro Vangeli, viene spesso indicato come santo patrono dei medici. Perché? Tradizionalmente, si crede che San Luca fosse un “dottore”, secondo la pratica della medicina greca dell’epoca. La Catholic Encyclopedia offre una breve […]
    Philip Kosloski
  • Cosa deve fare la Chiesa per rendere ancora efficace l’incontro con Cristo?
    Non deve minare la basi, ma aprire varchi nel tetto, come fanno gli amici del paralitico nel Vangelo di oggi. Per poter essere efficace non deve rinunciare alla radicalità del Vangelo ma ai contenitori in cui è abituata ad operare. Gesù entrò di nuovo a Cafàrnao, dopo alcuni giorni. Si seppe che era in casa […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Santa Laura di Córdoba, che accettò il martirio per fede
    La storia appassionante di una santa che preferì morire che rinnegare le proprie convinzioni Dall’VIII secolo, Al-Andalus occupava la zona meridionale della Spagna. Un secolo dopo, un chierico mozarabico di nome Eulogio esortò i cristiani a ribellarsi contro l’Emirato di Córdoba e l’islam. Tra l’850 e l’859 furono 50 i cristiani mozarabici che affrontarono apertamente […]
    Sandra Ferrer

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 200:
    • 414:
    gennaio: 2021
    L M M G V S D
    « Dic    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

    Login