MESSINA – La Divina Commedia in originale, e come l’ha tradotta in siciliano Rosa Gazzara.

Redazione1
di Redazione1 gennaio 16, 2017 22:48

MESSINA – La Divina Commedia in originale, e come l’ha tradotta in siciliano Rosa Gazzara.

Una singolare e stimolante traduzione della Divina Commedia in siciliano, che riesce a riportare fedelmente nella lingua siciliana tutte le particolarità espressive dantesche, in grado di creare quadri e atmosfere vigorosi e affascinanti.

Avere modo di assaporare, con rinnovato piacere letterario, l’opera grandiosa della Divina Commedia di Dante Alighieri, non solo fa si che chi legge si arricchisca di contenuti di grande valore intellettuale, ma che ne abbia anchedivina-commedia°R rinfrancato lo spirito per via dei temi affascinanti espressi da una poesia ricca di significati spirituali e profetici.

Inoltre, naturalmente, si ha l’occasione impagabile di poter godere degli straordinari momenti emozionanti di un viaggio spettacolare, che si snoda sull’onda carezzante della musicalità e purezza poetica di versi immortali. Specialmente quelli avvincenti, rimasti impressi nella memoria collettiva, dedicati a dipingere lo scenario drammatico e affascinante della Cantica dell'”Inferno”.

Nel presentare, adesso, qui, diversi brani, tra i più importanti, delle tre Cantiche, ci è data l’occasione unica di poter accedere all’immaginifico racconto poetico di Dante, anche attraverso una singolare traduzione in lingua siciliana. Un’eccezionale impresa letteraria realizzata da Rosa Gazzara Siciliano, scrittrice messinese già sperimentata traduttrice, dall’italiano in lingua siciliana, di altre opere classiche fra cui l’Odissea e l’Eneide.

Le terzine di Dante in italiano verranno affiancate a quelle in siciliano, così da poter avere un utile parallelo di confronto.   Del I Canto, intanto, vengono pubblicate solo le prime 10 terzine.

Insieme a questa prima parte,  i brani successivi verranno pubblicati nella pagina “altre…”.

La Redazione

copia-di-copia-di-004“Il primo canto è l’introduzione generale del poema, il preludio. Dante usa un linguaggio narrativo affidandosi ad una tecnica simbolica e figurale, vale a dire ciò che narra ha un valore concreto e reale, ma nel contempo nasconde altri significati.

Siritrova smarrito per una selva oscura, tenta di ascendere un colle luminoso e ne è impedito da tre fiere; la lonza, il leone e la lupa. Nel significato allegorico la prima rappresenta L’incontinenza, la seconda la Selva oscura 2 ° R.superbia, la terza la lussuria. Ad un tratto gli appare Virgilio, che gli si offre come guida attraverso i regni del peccato e della puroficazione e gli dice che ad un certo momento sarà accompagnato verso il regno della beatitudine da una creatura più degna. Il canto si svolge dall’alba al tramonto (è il venerdi santo 8 aprile 1300)”.

Rosa Gazzara

_______________

                        I canto                                                                                                      I cantu

Nel mezzo del cammin di nostra vita

mi ritrovai per una selva oscura,

ché la diritta via era smarrita.

Ah quanto a dir qual era è cosa dura

esta selva selvaggia e aspra e forte

che nel pensier rinnova la paura!

Tant’è amara che poco è più morte;

ma per trattar del ben ch’io vi trovai,

dirò de 1’altre cose ch’io v’ho scorte.

Io non so ben ridir com’io v’entrai,

tant’era pieno di sonno a quel punto

che la verace via abbandonai.

Ma poi ch’i’ fui al piè d’un colle giunto,

là dove terminava quella valle

che m’avea di paura il cor compunto,

guardai in alto, e vidi le sue spalle

vestite già de’ raggi del pianeta

che mena dritto altrui per ogni calle.

Allor fu la paura un poco queta

che nel lago del cor m’era durata

la notte ch’io passai con tanta pieta.

E come quei che con lena affannata

uscito fuor del pelago a la riva,

si volge a l’acqua perigliosa e guata,

così l’animo mio, ch’ancor fuggiva,

si volse a rietro a rimirar lo passo

che non lasciò già mai persona viva.

Poi ch’ei posato un poco il corpo lasso,

ripresi via per la piaggia deserta,

sì che’1 piè fermo sempre era ‘1 più basso.

‘Mmenz’a lu viaggiu di la nostravita

mi ritruvai ‘ntra ‘na furesta scura,

ch’a strata d’a virtù avia spirduta.

Ahi quantu a fari un quatru è cosa dura

di stu postu sarvaggiu e aspru e forti

ch’a lu pinzeri lu me’ cori oscura!

È appena menu amaru di la morti;

ma pi spiegari ‘u beni chi ‘ncuntrai,

a lu ricordu aprirò li porti.

Jò non mi rennu cuntu comu mai

mi vitti ddà; c’a testa ‘i sonnu china

ch’a strata lustra e chiana ‘bbannunai.

Ma quannu fui e’ ped’i ‘na collina

propriu ‘nt’o punt’unni finìa dda valli

unn’u scantu avia stat’a me’ ruina,

vardai pri supra e vitti raggi a milli

di ddu pianeta chi suli si dici

chi ‘mmustr’a dritta via senza falli.

Allura ‘u cori un pocu truvau paci

di ddu ‘nfamuni e torbidu terruri

ch’avia bruciatu comu fa la braci.

E comu cu’, nisciutu di lu mari,

‘ffannatu e stancu doppu la ruina

si vot’ancora, ó scantu di ‘nniari,

‘ccussì lu cori me’, strazziat’i pena,

si vutò arreri, ‘u passu a rivardari

d’unni viventi mai niscìu pirsuna.

Mi potti ‘na picchidda ripusari;

poi ripigghiai la sulitaria via

e allèggiu allèggiu accuminzai a ‘cchianari.

___________________________________________________________________________

Dante e Virgilio entrano nell’Inferno attraverso una porta dalle scritte che precludono ogni danteevirg °speranza. Non si trovano ancora nell’inferno, ma nel preinferno. Nel vestibolo incontrano gli ignavi, coloro i quali furono privi di volontà e di personalità.

 

                     III Canto

       La porta dell’Inferno  

Per me si va ne la città dolente,

per me si va ne 1’etterno dolore,

per me si va tra la perduta gente.

Giustizia mosse il mio alto fattore;

facemí la divina potestate,

la somma sapienza e ‘1 primo amore.

Dinanzi a me non fuor cose create

se non etterne, e io etterna duro.

Lasciate ogni speranza, voi ch’entrate>.

Queste parole di colore oscuro

vid’io scritte al sommo d’una porta;

per ch’io: « Maestro, il senso lor m’è duro ». .

Ed elli a me, come persona accorta:

«Quî si convíen lasciare ogni sospetto;

ogni viltà convien che qui sia morta.

Noi siam venuti al loco ov’io t’ho detto

che tu vedrai le genti dolorose

c`hanno perduto il ben de l’intelletto ».

E poi che la sua mano a la mia pose

con lieto volto, ond’io mi confortai,

mi mise dentro a le segrete cose.

Quivi sospiri, pianti e alti guai

risonavan per 1’aere sanza stelle,

per ch’io al cominciar ne lagrimai.

Diverse lingue, orribili favelle,

parole di dolore, accenti d’ira,

voci alte e fioche, e suon di man con elle

facevan un tumulto, il qual s’aggira sempre

in quell’aura sanza tempo tinta,

come la rena quando turbo spira.

             III Cantu
    A porta d’u ‘Nfernu

“Di cca si va ‘nta la città dulenti,

di cca si va ‘nta 1’eternu duluri,

di cca si va tra la pirduta genti.

Fui fatta p’a giustizzia d’u Signuri,

ch’è Santa Trinità: è la putenza,

l’infinita sapienza e ‘u primu amuri.

Davanz’a mia non cci fu simenza

si non d’eternu; e jò eternu duru.

Lassati, picccaturi, ogni spiranza.”

Palori chini di duluri niru

vitti stampati supra di ‘na porta;

e dissi ó me’ Maistru, ‘nt’on suspiru

lu me’ timuri. Iddu, chi cunforta:

– È lura di ‘mmustrari ‘u to’ curaggiu;

senza viltà ogni cosa supporta.

Chistu è lu puntu di lu nostru viaggiu

chi vidirai li duri punizzioni

pri cu’ spirdìu lu raggiunari saggiu.­-

A manu mi purgìu pi prutizzioni

lu me’ Maistru; e mi cunsulai

lu cori chinu di dispirazioni.

Ma, appena chi trasìa, mi stralunai:

suspiri, chianti, un unicu lamentu

‘nta l’aria senza stiddi: milli guai,

jastimi ditti ‘nta ‘nu stranu accentu

e battiri di manu cunfunnuti

cu vuci chi gridàvan’u turmentu

‘nta l’aria senza tempu arruzzulati

giravunu cunfusi comu rina

quannu li venti ciusciunu ‘nfuriati.

___________________________________

 

Redazione1
di Redazione1 gennaio 16, 2017 22:48


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Tre barzellette sulla vita religiosa
    Un benedettino, un domenicano, un francescano e un gesuita sono in ritiro spirituale nello stesso luogo… Domenicani, Francescani, Benedettini, Gesuiti, Carmelitani, Clarisse Povere… Nella Chiesa ci sono innumerevoli ordini e congregazioni religiose. Si dice che Dio stesso non sia in grado di conoscere il numero esatto delle congregazioni femminili sulla Terra. Ogni ordine ha una […]
    Rachel Molinatti
  • Gli archeologi scoprono una delle chiese cristiane più antiche
    Il ritrovamento di una basilica in Etiopia solleva domande su quando sia avvenuta la diffusione del cristianesimo nella zona Gli archeologi hanno scoperto di recente la più antica chiesa cristiana nota nell’Africa sub-sahariana, in una zona dell’Etiopia che una volta ospitava l’impero axumita. Il ritrovamento di un’antica basilica, costruita verso l’epoca in cui Costantino legalizzò […]
    John Burger
  • Avete paura di andare a confessarvi? Recitate questa preghiera per avere coraggio!
    Chiedete a Dio di portare luce nell’oscurità perché vi aiuti ad accostarvi al sacramento della sua misericordia Andare a confessarsi non è sempre facile. Spesso l’imbarazzo o la vergogna per i osntri peccati ci impediscono di andare da un sacerdote a chiedere la misericordia di Dio. La Confessione, però, è un gran bene per l’anima, […]
    Philip Kosloski
  • “Padre, mi battezzi perché voglio vivere!”, un racconto di amore e conversione in Venezuela
    Questa la richiesta di un giovane che stava per morire in un ospedale di Caracas All’inizio dell’Avvento – periodo di attesa –, un gruppo di volontari, accompagnati da un giovane sacerdote, visitava un noto ospedale della capitale venezuelana, Caracas. È un gruppo composto dai genitori degli allievi di una scuola agostiniana – venezuelani di origine […]
    Macky Arenas
  • “Il pianto di Gesù”. La storia del canto di Natale “Tu scendi dalle stelle” (VIDEO)
    Ad idearlo fu Sant’Alfonso ed un tenerissimo monologo del Santo ma, nelle sue intenzioni, dovrebbe esserlo di ogni anima con Gesù, il “Creatore del mondo” Tu scendi dalle stelle, il più famoso dei cantici natalizi italiani, fu composto nel 1754 a Nola (Napoli) o, secondo altre fonti, a Deliceto (Foggia). Testo e musica furono opera […]
    don Marcello Stanzione
  • #XmasFacts: “che cosa siete andati a vedere nel deserto?”
    Quindicesima puntata di una produzione di Cube Radio dello IUSVE, che uscirà tutti i giorni fino a Natale In quel tempo, Giovanni, che era in carcere, avendo sentito parlare delle opere del Cristo, per mezzo dei suoi discepoli mandò a dirgli: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». Gesù rispose loro: […]
    IUSVE Cube Radio
  • Il cardinale organizza l’asta e raccoglie 125mila anche grazie al Papa e Mattarella
    Il porporato di Napoli Crescenzio Sepe in campo per potenziare gli ospedali pediatrici: con questo evento facciamo catechesi a tutta la città Il sombrero di Papa Francesco, la teiera del capo dello Stato Sergio Mattarella, una coppa in vetro murano della presidente del Senato Casellati, una scultura di Salvador Dalì (ceduta dal console di Bulgaria […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il Vaticano promuove Greta Thunberg: è in campo per difendere il Creato
    Il cardinale Turkson, Prefetto del dicastero vaticano per la promozione dello Sviluppo umano integrale, sostiene la linea dell’attivista: chiede coerenza e impegno per l’ambiente La giovane attivista Greta Thunberg, che ha conquistato la copertina del Time come persona dell’anno per il suo impegno a favore dell’ambiente, è una «grande testimone» per la salvaguardia della “casa […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La Perdonanza Celestiniana è Patrimonio Unesco. E voi la conoscete? (VIDEO)
    L’evento, che quest’anno ha celebrato a L’Aquila la sua 725 edizione, è precursore del primo Giubileo istituito da papa Bonifacio VIII nel 130 La Perdonanza Celestiniana (“The Celestinian Forgiveness”) è stata ufficialmente iscritta nella Lista Rappresentativa del Patrimonio Culturale immateriale dell’Unesco dopo il parere favorevole espresso dal Comitato intergovernativo a Bogotà (Colombia). La candidatura, sostenuta […]
    Gelsomino Del Guercio
  • #XmasFacts: “anche il Figlio dell’uomo dovrà soffrire”
    Quattordicesima puntata di una produzione di Cube Radio dello IUSVE, che uscirà tutti i giorni fino a Natale Mentre scendevano dal monte, i discepoli domandarono a Gesù: «Perché dunque gli scribi dicono che prima deve venire Elìa?». Ed egli rispose: «Sì, verrà Elìa e ristabilirà ogni cosa. Ma io vi dico: Elìa è già venuto […]
    IUSVE Cube Radio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 200:
    • 170:
    dicembre: 2019
    L M M G V S D
    « Nov    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login