MESSINA – La Divina Commedia in originale, e come l’ha tradotta in siciliano Rosa Gazzara.

Redazione1
di Redazione1 gennaio 16, 2017 22:48

MESSINA – La Divina Commedia in originale, e come l’ha tradotta in siciliano Rosa Gazzara.

Una singolare e stimolante traduzione della Divina Commedia in siciliano, che riesce a riportare fedelmente nella lingua siciliana tutte le particolarità espressive dantesche, in grado di creare quadri e atmosfere vigorosi e affascinanti.

Avere modo di assaporare, con rinnovato piacere letterario, l’opera grandiosa della Divina Commedia di Dante Alighieri, non solo fa si che chi legge si arricchisca di contenuti di grande valore intellettuale, ma che ne abbia anchedivina-commedia°R rinfrancato lo spirito per via dei temi affascinanti espressi da una poesia ricca di significati spirituali e profetici.

Inoltre, naturalmente, si ha l’occasione impagabile di poter godere degli straordinari momenti emozionanti di un viaggio spettacolare, che si snoda sull’onda carezzante della musicalità e purezza poetica di versi immortali. Specialmente quelli avvincenti, rimasti impressi nella memoria collettiva, dedicati a dipingere lo scenario drammatico e affascinante della Cantica dell'”Inferno”.

Nel presentare, adesso, qui, diversi brani, tra i più importanti, delle tre Cantiche, ci è data l’occasione unica di poter accedere all’immaginifico racconto poetico di Dante, anche attraverso una singolare traduzione in lingua siciliana. Un’eccezionale impresa letteraria realizzata da Rosa Gazzara Siciliano, scrittrice messinese già sperimentata traduttrice, dall’italiano in lingua siciliana, di altre opere classiche fra cui l’Odissea e l’Eneide.

Le terzine di Dante in italiano verranno affiancate a quelle in siciliano, così da poter avere un utile parallelo di confronto.   Del I Canto, intanto, vengono pubblicate solo le prime 10 terzine.

Insieme a questa prima parte,  i brani successivi verranno pubblicati nella pagina “altre…”.

La Redazione

copia-di-copia-di-004“Il primo canto è l’introduzione generale del poema, il preludio. Dante usa un linguaggio narrativo affidandosi ad una tecnica simbolica e figurale, vale a dire ciò che narra ha un valore concreto e reale, ma nel contempo nasconde altri significati.

Siritrova smarrito per una selva oscura, tenta di ascendere un colle luminoso e ne è impedito da tre fiere; la lonza, il leone e la lupa. Nel significato allegorico la prima rappresenta L’incontinenza, la seconda la Selva oscura 2 ° R.superbia, la terza la lussuria. Ad un tratto gli appare Virgilio, che gli si offre come guida attraverso i regni del peccato e della puroficazione e gli dice che ad un certo momento sarà accompagnato verso il regno della beatitudine da una creatura più degna. Il canto si svolge dall’alba al tramonto (è il venerdi santo 8 aprile 1300)”.

Rosa Gazzara

_______________

                        I canto                                                                                                      I cantu

Nel mezzo del cammin di nostra vita

mi ritrovai per una selva oscura,

ché la diritta via era smarrita.

Ah quanto a dir qual era è cosa dura

esta selva selvaggia e aspra e forte

che nel pensier rinnova la paura!

Tant’è amara che poco è più morte;

ma per trattar del ben ch’io vi trovai,

dirò de 1’altre cose ch’io v’ho scorte.

Io non so ben ridir com’io v’entrai,

tant’era pieno di sonno a quel punto

che la verace via abbandonai.

Ma poi ch’i’ fui al piè d’un colle giunto,

là dove terminava quella valle

che m’avea di paura il cor compunto,

guardai in alto, e vidi le sue spalle

vestite già de’ raggi del pianeta

che mena dritto altrui per ogni calle.

Allor fu la paura un poco queta

che nel lago del cor m’era durata

la notte ch’io passai con tanta pieta.

E come quei che con lena affannata

uscito fuor del pelago a la riva,

si volge a l’acqua perigliosa e guata,

così l’animo mio, ch’ancor fuggiva,

si volse a rietro a rimirar lo passo

che non lasciò già mai persona viva.

Poi ch’ei posato un poco il corpo lasso,

ripresi via per la piaggia deserta,

sì che’1 piè fermo sempre era ‘1 più basso.

‘Mmenz’a lu viaggiu di la nostravita

mi ritruvai ‘ntra ‘na furesta scura,

ch’a strata d’a virtù avia spirduta.

Ahi quantu a fari un quatru è cosa dura

di stu postu sarvaggiu e aspru e forti

ch’a lu pinzeri lu me’ cori oscura!

È appena menu amaru di la morti;

ma pi spiegari ‘u beni chi ‘ncuntrai,

a lu ricordu aprirò li porti.

Jò non mi rennu cuntu comu mai

mi vitti ddà; c’a testa ‘i sonnu china

ch’a strata lustra e chiana ‘bbannunai.

Ma quannu fui e’ ped’i ‘na collina

propriu ‘nt’o punt’unni finìa dda valli

unn’u scantu avia stat’a me’ ruina,

vardai pri supra e vitti raggi a milli

di ddu pianeta chi suli si dici

chi ‘mmustr’a dritta via senza falli.

Allura ‘u cori un pocu truvau paci

di ddu ‘nfamuni e torbidu terruri

ch’avia bruciatu comu fa la braci.

E comu cu’, nisciutu di lu mari,

‘ffannatu e stancu doppu la ruina

si vot’ancora, ó scantu di ‘nniari,

‘ccussì lu cori me’, strazziat’i pena,

si vutò arreri, ‘u passu a rivardari

d’unni viventi mai niscìu pirsuna.

Mi potti ‘na picchidda ripusari;

poi ripigghiai la sulitaria via

e allèggiu allèggiu accuminzai a ‘cchianari.

___________________________________________________________________________

Dante e Virgilio entrano nell’Inferno attraverso una porta dalle scritte che precludono ogni danteevirg °speranza. Non si trovano ancora nell’inferno, ma nel preinferno. Nel vestibolo incontrano gli ignavi, coloro i quali furono privi di volontà e di personalità.

 

                     III Canto

       La porta dell’Inferno  

Per me si va ne la città dolente,

per me si va ne 1’etterno dolore,

per me si va tra la perduta gente.

Giustizia mosse il mio alto fattore;

facemí la divina potestate,

la somma sapienza e ‘1 primo amore.

Dinanzi a me non fuor cose create

se non etterne, e io etterna duro.

Lasciate ogni speranza, voi ch’entrate>.

Queste parole di colore oscuro

vid’io scritte al sommo d’una porta;

per ch’io: « Maestro, il senso lor m’è duro ». .

Ed elli a me, come persona accorta:

«Quî si convíen lasciare ogni sospetto;

ogni viltà convien che qui sia morta.

Noi siam venuti al loco ov’io t’ho detto

che tu vedrai le genti dolorose

c`hanno perduto il ben de l’intelletto ».

E poi che la sua mano a la mia pose

con lieto volto, ond’io mi confortai,

mi mise dentro a le segrete cose.

Quivi sospiri, pianti e alti guai

risonavan per 1’aere sanza stelle,

per ch’io al cominciar ne lagrimai.

Diverse lingue, orribili favelle,

parole di dolore, accenti d’ira,

voci alte e fioche, e suon di man con elle

facevan un tumulto, il qual s’aggira sempre

in quell’aura sanza tempo tinta,

come la rena quando turbo spira.

             III Cantu
    A porta d’u ‘Nfernu

“Di cca si va ‘nta la città dulenti,

di cca si va ‘nta 1’eternu duluri,

di cca si va tra la pirduta genti.

Fui fatta p’a giustizzia d’u Signuri,

ch’è Santa Trinità: è la putenza,

l’infinita sapienza e ‘u primu amuri.

Davanz’a mia non cci fu simenza

si non d’eternu; e jò eternu duru.

Lassati, picccaturi, ogni spiranza.”

Palori chini di duluri niru

vitti stampati supra di ‘na porta;

e dissi ó me’ Maistru, ‘nt’on suspiru

lu me’ timuri. Iddu, chi cunforta:

– È lura di ‘mmustrari ‘u to’ curaggiu;

senza viltà ogni cosa supporta.

Chistu è lu puntu di lu nostru viaggiu

chi vidirai li duri punizzioni

pri cu’ spirdìu lu raggiunari saggiu.­-

A manu mi purgìu pi prutizzioni

lu me’ Maistru; e mi cunsulai

lu cori chinu di dispirazioni.

Ma, appena chi trasìa, mi stralunai:

suspiri, chianti, un unicu lamentu

‘nta l’aria senza stiddi: milli guai,

jastimi ditti ‘nta ‘nu stranu accentu

e battiri di manu cunfunnuti

cu vuci chi gridàvan’u turmentu

‘nta l’aria senza tempu arruzzulati

giravunu cunfusi comu rina

quannu li venti ciusciunu ‘nfuriati.

___________________________________

 

Redazione1
di Redazione1 gennaio 16, 2017 22:48


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Addio al maestro Ennio Morricone
    Il grande compositore che ha accompagnato con la sua musica tanti grandissimi film si è spento a 91 anni in una clinica romana Aveva 91, ha composto quasi fino all’ultimo, Ennio Morricone romano e “romanista”, anzi lui diceva di essere “più romanista che musicista”, che per un maestro del suo calibro che ha passato tutta […]
    Lucandrea Massaro
  • “Il ricordo di quel peccato vi tornerà sempre in mente, ma non perdete la pace”
    Un messaggio di padre Gabriel Vila Verde per chi si sente afflitto al ricordo dei propri peccati Padre Gabriel Vila Verde ha condiviso su Facebook un messaggio per chi si sente afflitto al ricordo dei propri peccati: “Il ricordo di quel peccato vi tornerà sempre in mente. È normale ricordare le cose che ci segnano […]
    Gabriel Vila Verde
  • Cosa possono dirci della coppia i capricci dei figli?
    I disagi del figlio, le accuse, i problemi di coppia. Occorre avere uno sguardo curioso e cercare strade di crescita percorribili. Spesso i bambini sono il termometro della relazione dei genitori. Di Marco Scarmagnani Sebbene non sia lecito creare una relazione causa-effetto lineare tra malessere dei genitori e malessere dei figli (è una forma di […]
    Semprenews
  • Il progetto di un mondo nuovo
    Conversazione con il premio Nobel Muhammad Yunus, ideatore del microcredito Il vaccino contro il covid-19 deve essere dichiarato “bene comune globale” «Una volta che sapremo dove andare, arrivarci sarà molto più semplice». Muhammad Yunus, economista, premio Nobel per la pace 2006, ideatore del microcredito moderno, ha idee piuttosto chiare sul cosa fare in un mondo […]
    Andrea Monda
  • “Portala fuori, la sera”. E questo sarebbe un consiglio da grande seduttore?
    Certo. Perché non avete ancora letto “dove” vi consiglia di portarla, il grande maestro dell’anti-metodo di seduzione. “Yeah”, l’anti-metodo di seduzione written by Giuseppe Signorin Non spaventarti se a volte i consigli che ti do sembrano contraddirsi o sembrano contraddire lo spirito di un anti-metodo come questo, oppure se capita di ripetermi come un nonno […]
    MIENMIUAIF - MIA MOGLIE ED IO
  • Il Dio vero non è fermo, è in cammino!
    Abbiamo spesso un’idea statica di Dio. Nel vangelo di oggi invece lo vediamo in movimento: Gesù cammina dietro questo padre disperato. “«Mia figlia è morta proprio ora; ma vieni, imponi la tua mano sopra di lei ed essa vivrà». Gesù si alzò e lo seguì con i suoi discepoli.” In quel tempo, [mentre Gesù parlava,] […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Mentre Padre Pio subiva le tre prove più dolorose, accanto a lui c’era San Michele
    Riportiamo le testimonianze del frate di Pietrelcina sugli aiuti ricevuti dall’arcangelo Michele, suo “angelo custode”, in particolari momenti di sofferenza (e non solo) La presenza dell’Angelo Custode nella vita di Padre Pio da Pietrelcina (1887-1968) viene segnalata già da quando è un giovane sacerdote: il cappuccino non chiude mai la porta di casa ogni volta […]
    don Marcello Stanzione
  • Estasi e conversioni: così San Michele arcangelo parlava a Giuseppina Berettoni
    La mistica romana ha documentato numerose dialoghi con l’arcangelo. Questi le consigliava sopratutto come convertire efficacemente i miscredenti La Serva di Dio Giuseppina Berettoni nacque a Roma il 6 agosto 1875. Trascorse la più tenera età sotto la cura dei genitori: Cesare Berettoni ed Orsola Marini. A soli otto anni, ebbe il desiderio di ricevere […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La scintilla del lunedì – Respira
    Il nostro podcast: 3 minuti per cominciare la settimana con un’ipotesi di bene che fa luce. Eccoci alla seconda puntata di questo podcast appena nato. L’idea non è tanto quella di forzare l’entusiasmo per vincere la pigrizia del lunedì mattina. Piuttosto vogliamo fare insieme gli esercizi di allenamento per impegnarci a iniziare davvero. E questo […]
    Annalisa Teggi
  • 12 consigli per dare una dimensione profonda e spirituale alle vostre amicizie
    Il Cardinale John Henry Newman, studiando le relazioni amicali, ha scoperto vari metodi per creare ed intrattenere delle vere amicizie. Scopriteli senza più aspettare e imparate a coltivare le vostre amicizie. Filosofo, teologo, poeta, l’inglese John Henry Newman (1801-1890) ha coltivato l’amicizia durante tutta la sua vita. Quest’uomo, canonizzato da papa Francesco nell’ottobre 2019, aveva […]
    Edifa

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 103:
    • 185:
    luglio: 2020
    L M M G V S D
    « Giu    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login