MESSINA E PROVINCIA – “Storie sensuose dei dolci siciliani” : un “gustoso” libro che parla dell’anima dei Siciliani, di monasteri, donne, dolori, gioie, e affetti. (di Fenia Abate)

Redazione1
di Redazione1 dicembre 17, 2016 22:54

MESSINA E PROVINCIA – “Storie sensuose dei dolci siciliani” : un “gustoso” libro che parla dell’anima dei Siciliani, di monasteri, donne, dolori, gioie, e affetti. (di Fenia Abate)

Durante le Festività Natalizie, sulla tavola dei siciliani appaiono  dolci daratteristici di antica tradizione, molti dei quali preparati secondo ricette provenienti da antichi monasteri, tramandate da suore di clausura, che spesso richiamano storie di santità.

“Storie sensuose dei dolci siciliani”: già il titolo con l’aggettivo “sensuose” esprime tutta la sicilianità delle storie di questi dolci. Non “sensuali”, cioè relative solo al piacere dei sensi sotto l’aspetto fisico, ma “sensuose”, cioè relative ad un godimento più raffinato e sofisticato, di natura anche estetica ed intellettuale. Perché quando mangiamo questi dolci, dice la stessa autrice “…(essi) ci regalano momenti di estasi… ci regalano sogni, prima da ammirare e poi da gustare, per perdersi nei sensi…”. E, poi, prosegue sempre l’autrice, “…(perché) è un libro che parla di donne…di amori…di dolori…di gioie…di affetti” (autrice: Loredana Elmo, di Capo D’Orlando; Ed. Mursia).
Non solo, ma nei dolci, ancor più che negli altri cibi, si trova tutta l’anima dei siciliani: la loro storia, i loro miti, la loro cultura, i loro valori, il loro modo di vedere la vita con i suoi contrasti, la loro cassatineironia, le loro emozioni a tinte forti, la loro dolcezza, la loro sensualità. Questo perché, perdendo in gran parte la funzione di sostentamento (funzione primaria per gli altri cibi), si agganciano a istanze più profonde della psiche, impregnandosi, quindi, di significati simbolici.

Per i siciliani il cibo è un vero e proprio rito, qualcosa che va oltre la semplice convivialità. Come diceva in un suo sketch il comico Sasà Salvaggio, con l’ironia tipica della sua terra, ai siciliani si può togliere tutto, persino il letto, ma non “u manciari”. Il mangiare è sacro. Quasi un culto (come lo descrive simpaticamente Fleri), con il suo tempio (la cucina), il suo sacerdote (la cuoca), la liturgia (il pranzo) e i fedeli (i commensali). Un culto che raggiunge la sua più alta espressione nella preparazione dei dolci. Tanto più che la maggior parte di questi sono stati creati proprio nei monasteri. Come apprendiamo da questo libro, ad esempio, la “pignolata” messinese è stata ideata dalle Suore della Carità; nel monastero di Valverde a Palermo venivano confezionate le cassate più famose; dalle monache Benedettine di Mazara del Vallo viene tuttora custodita la ricetta segreta dei “muccunetti”; a Patti nel monastero di Santa Febronia dell’ordine delle Clarisse si preparavano i “pasticciotti di carne” e i “cardinali”; dal monastero di Osiglione di Palermo proveniva la torta “trionfo di gola”; e così via.
La pasticceria conventuale, antesignana della vera e propria pasticceria moderna, diffusissima fino al XIX secolo soprattutto in Sicilia, consentiva alle monache di dare libero sfogo alla fantasia, all’immaginazione, alla creatività e costituiva l’unica forma di libertà concessa dentro le mura claustrali, l’unica possibilità di venir meno alle rigide regole del convento, che imponevano loro la mortificazione dei sensi, in ottemperanza alle prescrizioni religiose dell’epoca. In essa, dunque le suore potevano veicolare sotto forma simbolica oltre alle esigenze

Sant'Agata

Sant’Agata

estetiche, artistiche e culturali della loro epoca, anche i propri bisogni di dolcezza e di sensualità, i propri desideri, le proprie istanze represse, espresse a volte con forme e denominazioni che diventavano persino allusive, impertinenti o irriverenti. Come le “minni di Virgini”, pasticciotti a forma di mammelle e dedicati a S. Agata (quale devoto simbolismo in ricordo della tortura subita al seno dalla Santa catanese) dalle suore del Monastero della Vergine. In ogni caso, hanno contribuito nell’arco di vari millenni a dar vita ad un prodotto unico al mondo, perché, come si vede dal preciso e circostanziato excursus fatto dalla Elmo nella prima parte del suo libro, è il risultato di secoli di storia, di miti e leggende, di sacro e profano, di antichi riti pagani e tradizioni religiose. Un prodotto che rappresenta un patrimonio che non può e non deve andare perduto. E, infatti, nell’era della globalizzazione, questo libro esprime l’esigenza dei siciliani di rispolverare la propria complessa identità, di rimarcare le proprie origini e soprattutto copertina-librodi rivendicare una sorta di globalizzazione ante litteram che ha intessuto la storia millenaria dell’isola, di cui la sua arte dolciaria è il simbolo per eccellenza. Quest’ultima, infatti, si presenta come il crogiolo in cui si sono fuse le influenze delle varie culture succedute in Sicilia: un trionfo variegato di colori, profumi e sapori.
L’invito finale dell’autrice a non dimenticare e a tramandare le tradizioni dolciarie verrà certamente seguito, perché i siciliani se le portano dentro, stampate in modo indelebile nel corpo e nell’anima, perché hanno con esse un legame viscerale, intellettuale, culturale e religioso, perchè ai siciliani puoi togliere tutto, ma non “u manciari”.

 

 

Fenia Abate

Redazione1
di Redazione1 dicembre 17, 2016 22:54


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Sterilità: quali sono le altre fecondità della coppia?
    Quando i coniugi non riescono ad avere un figlio, spesso si domandano perché il Signore li abbia uniti. E se la fecondità non si riducesse solo al generare figli?  di padre Alain Bandelier I coniugi che non riescono a concepire un figlio si chiedono spesso: per che scopo? Per quale frutto? Alla fine qual è […]
    Edifa
  • Come fare più spazio allo stupore nella propria vita?
    Qualunque età abbiamo, dobbiamo rendere lode per il Creato e crescere nella capacità di vedere il mondo come un dono di Dio di Christine Ponsard Ogni giorno, quotidiani, radio e televisione effondono ondate di lamentele su varie catastrofi, al punto che rischiamo di dimenticare di saperci stupire. Si dice che le belle storie “non vendono”, […]
    Edifa
  • Padre Maurizio Botta: “Io sono stanco della parola Vangelo!” (VIDEO)
    Ecco la prima catechesi del mattino di sabato 19 ottobre scorso, a San Paolo Fuori le Mura. E’ di Padre Maurizio, Vice parroco a Santa Maria in Vallicella, Prefetto dell’Oratorio secolare San Filippo Neri, da alcuni anni collabora anche con l’Ufficio catechistico della Diocesi di Roma. E’ un sacerdote e la prima cosa che colpisce […]
    Paola Belletti
  • Statuine e riti indigeni al Sinodo? Ecco cosa non avete ancora letto
    Preparavamo quest’intervista da quasi una settimana: il vile attentato alla sensibilità religiosa delle delegazioni amazzoniche pellegrine a Roma (delitto contro il Diritto Canonico e contro la legge non scritta dell’ospitalità) ha reso piú complessi i contatti e gli scambi, ma ora possiamo offrirvi il resoconto di una conversazione intensa e utile a capire molte cose. […]
    Giovanni Marcotullio
  • Sister Gerard Fernandez, 35 anni a pregare coi condannati a morte a Singapore
    Riconosciuta dalla BBC tra le 100 donne fonte d’ispirazione del 2019, questa suora cattolica ha visto un barlume di speranza nei cuori macchiati dei crimini più atroci. Sono gli ultimi mesi di questo 2019 e qualcuno comincia a fare bilanci e scattare foto ricordo. La BBC, ad esempio, ha stilato un elenco di 100 donne […]
    Annalisa Teggi
  • Vale la pena andare al cinema per vedere “Grazie a Dio”? Un alto prelato lo raccomanda
    La pellicola nei cinema dal 17 ottobre racconta gli abusi di un prete della diocesi di Lione e il processo che vede implicato anche il cardinale Barbarin, suo superiore Una voce in controtendenza nella Chiesa sul film “Grazie a Dio“. La pellicola del regista François Ozon, dal 17 ottobre nei cinema di tutta Italia, è […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 miti sulla castità che ci hanno perseguitato tutta la vita
    di Daniel Torres Cox Se oggi si celebrasse una festa della sessualità, sicuramente nessuno inviterebbe a ballare la castità. Sarebbe una di quelle che appena arrivano a una festa vengono guardate con la coda dell’occhio mentre la gente continua a farsi i fatti propri. Viene ignorata, fingendo che non ci sia. Non è decisamente popolare. […]
    Catholic Link
  • Un sacerdote autistico offre consigli ai penitenti autistici e ai loro confessori
    Oltre al nervosismo abituale, ci sono le nostre difficoltà sensoriali o sociali, ma questi suggerimenti possono aiutare Le persone affette da autismo rappresentano tra l’1,5% e il 2% della popolazione. Io faccio parte di quel gruppo. Con l’aumento della consapevolezza dell’autismo, si sta sviluppando, seppur lentamente, anche una maggiore sensibilità pastorale nei confronti delle nostre […]
    Padre Matthew Schneider, LC
  • Il metodo di un francescano per vincere alla lotteria
    Aveva un dono molto particolare ed ha voluto condividerlo Nella chiesa dei Cappuccini a Roma, Santa Maria della Concezione, tra il 1831 e il 1846 viveva un frate di nome Pacifico molto popolare e cercato dalla gente, non tanto per il suo carisma da bravo francescano, ma perché aveva un dono molto particolare: era capace […]
    Maria Paola Daud
  • Il consiglio di San Giovanni Paolo II per i momenti in cui la vita è stressante
    di Brenton Cordeiro Se la vostra vita è piena di ansia e tensione, una soluzione ovvia è offrire quello che state passando a Cristo nella preghiera. In un bellissimo podcast, il dottor Edward Sri ci mostra come possiamo farlo riprendendo la famosa frase di Papa San Giovanni Paolo: “Non abbiate paura… Spalancate le porte a […]
    Catholic Link

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 1043:
    • 1015:
    ottobre: 2019
    L M M G V S D
    « Set    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

    Login