MESSINA – “Rimango a Messina…non andate via”, il libro su mons. Letterio D’Arrigo “l’Arcivescovo del terremoto”, presentato al Seminario arcivescovile “San Pio X”.

Redazione1
di Redazione1 novembre 29, 2016 22:54

MESSINA – “Rimango a Messina…non andate via”, il libro su mons. Letterio D’Arrigo “l’Arcivescovo del terremoto”, presentato al Seminario arcivescovile “San Pio X”.

Un’opera dedicata all’eroico Presule messinese che, dopo il tragico terremoto del 1908, rimase nella città distrutta evitando che fosse abbandonata

Per l’opera instancabile e preziosa da lui profusa a sostegno della città in rovine, dopo il terribile disastro tellurico del 1908, cui img_1491-r-l-cdedicò tutte le sue risorse spirituali e materiali per dare coraggio e aiuto concreto ai disperati superstiti, mons. Letterio D’Arrigo Ramondini rimase nella memoria dei messinesi come “l’Arcivescovo del terremoto”.

In quel tragico frangente, all’invito pressante e ripetuto, formulato anche come perentorio comando, perché abbandonasse quel luogo trasformato in un “unico grande cimitero” ritenuto ormai irrecuperabile, si oppose con decisione rispondendo con l’affermazione rimasta famosa: “Rimango a Messina”. Parole coraggiose di un eroico Pastore, rimaste impresse nella memoria collettiva e ora divenute il titolo img_1418di un bel libro sulla sua fulgida figura, scritto da Carmelo Miceli, suo pronipote.

Una pubblicazione che fa parte della collana “Messina e la sua storia” curata da Franz Riccobbono e Mimma Vicedomini per la casa editrice Edas, presentato nell’auditorium del Seminario arcivescovile “San Pio X” alla presenza di un colto e numeroso pubblico. Al tavolo dei relatori: il rettore del seminario, mons. Cesare Di Pietro, l’avvocato Antonino Crisafulli, sindaco di Itala, Raffaele Manduca, storico dell’Ateneo messinese, e il dott. Carmelo Miceli, autore della pubblicazione.

Si tratta di “Una ricca biografia dell’Arcivescovo D’Arrigo Ramondini – ha sottolineato nel suo intervento introduttivo mons. Cesare Di Pietro – che viene a sanare la debole e irriconoscente memoria storica dei posteri, nel dare risalto alle virtù di questo benemerito Pastore, la cui figura storica e opera pastorale sono adesso messe nella dovuta evidenza da questo lavoro del dottor Carmelo Miceli. Autore cui va riconosciuto il merito scan10045-copertinadi aver ripescato dall’oblio una delle più prestigiose glorie di Itala, suo paese natale,  della Chiesa messinese” e della nostra città”.

Il Testo, che comprende una importate raccolta di documenti inediti conservati nell’archivio diocesano, è arricchito dai contributi degli storici della Università di Messina Antonio Baglio, Dario De Pasquale, e da uno studio sulla terra natale di D’Arrigo, realizzato dalla dottoressa Melina Prestipino. A conclusione dei lavori, il parlatorio del seminario,  arredato con diversi ritratti del Presule e varie opere d’arte di notevole valore, è stato intestato a mons. Letterio D’Arrigo Ramondini.

Negli interventi degli storici Raffaele Manduca, e a seguire, di Baglio e De Pasquale, sono stati messi in luce gli aspetti preminenti riguardanti il contesto storico, tra 800 e 900, di cui parla il libro, in cui si è snodato il rapporto tra chiesa e modernità, tra fede e storia, durante il papato di Pio X. Ben delineato inoltre il periodo caratterizzato dalle contrapposizioni verificatesi nell’ambiente politico messinese tra la componente cattolica e quella liberale e img_1509-r-cmassonica. E’ stato anche evidenziato il pregio della veste tipografica del libro, che contribuisce ad accrescere la sua potenzialità divulgativa, e  tracciato un esauriente excursus della approfondita ricerca storica e storiografica che lo scritto contiene.

Infine, la parte conclusiva dei lavori è stata arricchita da una bella sorpresa, che ha dato particolare gioioso risalto all’incontro, per la sopraggiunta e inattesa visita del neo Arcivescovo di Messina, mons. Giovanni Accolla. Che, traendo spunto dalla personalità img_1510-r-cschietta e caritatevole di Letterio D’Arrigo,  ha tenuto a rimarcare l’importanza che ha il rapporto di apertura e fiducia amorevole nella comunità dei militanti cattolici; fattore di coesione fondamentale per poter realizzare quell’autentico spirito di comunione, identificativo dei cristiani, che deve intercorrere fra tutti, senza preclusioni di ruoli, nel segno unificante di Cristo Gesù.

 

 

A.M.

Redazione1
di Redazione1 novembre 29, 2016 22:54


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • L’arte di lamentarsi senza farsi detestare dagli altri
    Mal tempo, troppo lavoro, lo schermo del cellulare che si è rotto, un pacco postale che ancora non arriva… Ogni giorno che Dio ci manda troviamo sempre mille buoni motivi per brontolare: ma a dosi troppo elevate, queste lamentele diventano insopportabili per chi ci circonda. Eh sì, sapersi lamentare quando serve senza rendersi insopportabili è […]
    Edifa
  • Don Fabio Rosini: “la nostra fede non è una assicurazione contro gli infortuni”
    Il direttore del Servizio per le Vocazioni della Diocesi di Roma commenta il Vangelo della XIX Domenica del Tempo ordinario Nel Vangelo di questa Domenica (Mt 14, 22-33) Gesù dice a Pietro: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?» [Dopo che la folla ebbe mangiato], subito Gesù costrinse i discepoli a salire sulla barca e a precederlo […]
    Vatican News
  • Abbiamo il motto giusto per voi!
    Tra tutti i motti che possiamo scegliere per guidare la nostra vita, il più bello potrebbe essere questo: “Porre il proprio onore nel meritare fiducia”, il primo articolo della legge scout. Ed ecco il perché! di Alain Quilici Nella vita è bello avere qualche frase su cui fondarsi perché ci permette di fare periodicamente il […]
    Edifa
  • Lettera aperta a un amico che ha appena ottenuto il suo primo impiego
    Durante questo periodo estivo, Aleteia vi propone di scoprire cinque lettere che vi faranno viaggiare attraverso le diverse età della vita. Oggi, immergetevi nella seconda lettera di questa serie, indirizzata a un giovane che ha appena ottenuto il suo primo impiego. Caro amico, Dopo tutti questi anni di studio e dedizione, hai appena trovato il […]
    Anna Ashkova
  • Paura dello sguardo altrui? Questi passi della Bibbia possono aiutarvi!
    “Mi guardano tutti!” Chi non ha provato questa dolorosa sensazione di essere paralizzato dalla convergenza di sguardi silenziosi che non sappiamo quali pensieri traducono? Ma perché abbiamo così tanta paura dello sguardo altrui? E come possiamo superare queste nostre paure? di Alain Quilici “Cosa pensa la gente di me? Sono troppo ridicola?” Niente è più […]
    Edifa
  • Le insidie da evitare quando vostro figlio è disoccupato
    Per un giovane diplomato non è sempre facile ottenere il primo impiego. Tra consigli, aiuti e piccole attenzioni, come aiutarlo senza creare tensioni nella sua ricerca di lavoro? di Guilhem Dargnies Senza guardarla, Nicolina versa dell’acqua nel bicchiere della figlia: “Sei soddisfatta del tuo colloquio, cara?” Manon, prima di lasciare la stanza in preda alla […]
    Edifa
  • Il segreto per (ri)trovare la propria serenità
    La perdita del lavoro, la fine di un rapporto d’amore, le preoccupazioni finanziarie, la malattia di una persona cara… Spesso ci troviamo di fronte a delle contrarietà che ci feriscono interiormente e minano la tranquillità delle nostre notti e delle nostre giornate. Come possiamo affrontare le turbolenze della vita senza perdere la nostra serenità? di […]
    Edifa
  • Conoscete queste splendide statue cattoliche che si trovano sott’acqua?
    Dall’Italia alla Florida e alle Filippine, gli oceani ospitano alcune delle statue cattoliche più straordinarie del mondo Per secoli i cattolici hanno usato le statue e l’arte in generale come mezzo per condividere la propria fede e rendere omaggio alla Sacra Famiglia di Dio. Se la maggior parte di noi è abituata a vedere le […]
    V. M. Traverso
  • Santa Lidia, la donna della porpora
    Protagonista della prima conversione al cristianesimo documentata in Europa Era originaria della zona della Lidia, in Asia Minore, concretamente di Tiatira, dove oggi si trova la città turca di Akhisar. Si trasferì poi a Filippi, città situata nella zona orientale della Macedonia, nell’attuale Grecia, dove riuscì a intraprendere un prospero commercio della tinta porpora, motivo […]
    Aleteia
  • Riappare dopo 10 anni l’immagine della Madonna di Guadalupe a Monterrey
    Erano dieci anni che era scomparsa dal luogo in cui nel 1990 San Giovanni Paolo II l’aveva benedetta nella sua seconda e ultima visita alla città messicana di Monterrey, nello Stato settentrionale di Nuevo León. Nessuno sapeva dove fosse dopo che l’uragano “Alex” se l’era portata via tra i suoi venti e la sua pioggia. […]
    Jaime Septién

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 112:
    • 143:
    agosto: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

    Login