Europei 2020. “Una vittoria che simboleggia rinascita per l’Italia tanto martoriata negli ultimi due anni”

Redazione1
di Redazione1 luglio 21, 2021 22:35

Europei 2020. “Una vittoria che simboleggia rinascita per l’Italia tanto martoriata negli ultimi due anni”

Richiamare, a mente fredda, il momento di esaltante gioia collettiva dovuto alla vittoria dell’Italia contro l’Inghilterra, nella finale del torneo di calcio Europei 2020, ci sembra un modo propizio per riassaporarlo con più sottile e pervasivo piacere. Un evento capace di scatenare coinvolgimenti emotivi di massa così irrefrenabili, infatti, come quelli vissuti alla fine della partita di Wembly, che mostra i segni caotici di un’eccitazione generale poco consona a farne assimilare meglio i valori che rappresenta, merita una rivisitazione precisa, arguta e misurata. Ce ne fornisce un valido esempio l’appropriato commento di Gabriella Forlese.

Gli azzurri tornano sul tetto d’Europa e lo fanno dopo 53 anni. La gioia esplode fra la gente italiana, che trova nel “miracolo azzurro”, fra restrizioni e distanze, un motivo per splendere, per ritrovare quella voglia di normalità e di fratellanza così tanto compromesse dalla pandemia ancora in corso.

 Un’Italia unita nella fede calcistica e nel patriottismo, con il nostro inno cantato a squarciagola, mano al petto con orgoglio, nelle case Italiane e dai pochi fortunati tifosi presenti allo stadio. Emozioni pure che a causa della pandemia tutti avevamo dimenticato, assopiti nel grigiore di una quotidianità alterata fatta di restrizioni e distanze con la paura costante di un nemico invisibile ma presente a limitare le nostre libertà.

 Una gioia che esplode al termine del match sofferto contro l’Inghilterra dopo i temuti rigori, con canti e festeggiamenti. Una fede calcistica fervente, traboccante di felicità in grado di unire grandi e piccini, tifosi e meno tifosi, amanti del calcio e non, in nome dell’Italia.

 Una notte indimenticabile, fra lacrime di gioia, abbracci, sorrisi pieni di vita e l’incredulità di Gigio Donnarumma che, dopo aver parato il rigore decisivo non realizza immediatamente la vittoria della sua squadra, della nostra Italia, tanta la concentrazione del momento. Emblematica la scena dei suoi compagni che letteralmente lo assalgono per festeggiare e lui che solo dopo qualche istante realizza e finalmente esulta per la vittoria.

 Una rinascita per l’Italia così tanto martoriata in questi due anni, “una botta di vita” vera e propria a ricordarci che sappiamo ancora emozionarci, sorridere e vivere in modo unito, forte ed armonioso. Siamo un popolo, una nazione. Siamo tutti fratelli di un’Italia, a motivo di una vittoria che va al di là dello sport e della fede meramente calcistica.

 Una squadra armoniosa e unita quella italiana, in grado di fare realmente “team” nell’accezione più profonda del termine. Dove i talenti e le peculiarità di ogni giocatore, sotto la guida sapiente di Mancini, Vialli ed i vari collaboratori, hanno dato vita ad uno spettacolo meraviglioso fatto di passaggi, contropiedi, azioni difensive ed attacchi in perfetta armonia ed espressività, massima rappresentazione del motto “l’UNIONE FA LA FORZA”.

A Wembley è storia, ed il cielo è azzurro sopra Londra. Grazie ragazzi!

 Gabriella Forlese

Redazione1
di Redazione1 luglio 21, 2021 22:35

RSS aleteia

  • Sapete qual è stato il primo Papa ad aver viaggiato in aereo?
    Innocenzo XII è stato l’ultimo Papa con la barba, Clemente VIII il primo a provare il caffè e Leone X il primo (e ultimo) ad avere come animale da compagnia un elefante, ma Papa Paolo VI (noto anche come “il Papa pellegrino”) è stato il primo a viaggiare in aeroplano, il primo a lasciare l’Italia […]
    Daniel R. Esparza
  • Il salvataggio della Grande Barriera Corallina
    Quando l’equilibrio della natura viene rotto, a causa dell’uomo o no, l’uomo stesso può intervenire a restaurarlo. Il nostro collaboratore Tugdual Derville ci racconta la storia di una mobilitazione umana riuscita per salvare uno dei nostri beni comuni: la Grande Barriera Corallina.  The post Il salvataggio della Grande Barriera Corallina appeared first on Aleteia.org - […]
    Tugdual Derville
  • Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia
    Nel corso della sua visita in Slovacchia, dal 12 al 15 settembre, papa Francesco ha incontrato la minoranza rom a Košice, la seconda città slovacca per dimensioni. Il racconto di padre Martin Mekel, in missione nel popolo rom. The post Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia appeared first on Aleteia.org - […]
    Thomas Oswald
  • Torturato in Libia, migrante nel Mediterraneo: ora gioca a calcio in serie B
    Una storia d’altri tempi: la fuga dalla Guinea, sua terra natia in preda a bande assassine, poi i furti subiti, le torture in Libia, il viaggio su un barcone di migranti con destinazione Calabria: infine per Cherif Karamoko l’approdo a Padova dove realizza il suo sogno di giocare a calcio. Diventa un atleta della squadra […]
    Gelsomino Del Guercio
  • I nazisti lo uccisero a bastonate. Ora Don Giovanni Fornasini sarà beato
    Don Giovanni Fornasini è “fratello di tutti”, se c’è “un testamento della sua vita è che non lasciava dietro nessuno”. Così l’arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Zuppi, ha ricordato la figura del sacerdote martire, ucciso dai nazifascisti il 13 ottobre 1944 a San Martino di Caprara, testimone degli eccidi avvenuti a Monte Sole, Marzabotto, nei […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 suggerimenti contro l’ansia
    La fuga è una risposta naturale dell’organismo di fronte a situazioni minacciose, come fa un animale selvaggio nella foresta o la pandemia. In un contesto minaccioso, il corpo produce un ormone chiamato cortisone, che comporta vari benefici per il corpo stesso e permette una risposta rapida. Quando non si fa nulla per combattere o per […]
    Octavio Messias
  • Il Sinodo. Camminare insieme senza paura
    C’è una decisione che va in profondità: voglio uscire dall’isolamento? Dalla supponenza individualista? Dalle ritrosie egoistiche che mi sospingono a vedere nell’altro un nemico e non un compagno e amico di strada? Abbiamo paura dell’altro, chiunque esso sia, si immagini se dovessimo “amare il nemico”, e la paura pervasiva invade e paralizza i primi passi […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Federico ha saltato l’inizio della scuola… per salire in vetta al Cervino
    «Ha scalato il Cervino» non è una giustificazione che molti genitori useranno nel libretto delle assenze dei figli, ma la mamma di Federico Tomasi ha dovuto proprio scrivere così. Federico è mancato da scuola i primi due giorni, frequenta la seconda media in Piemonte e ha compiuto un’impresa storica. Nell’attuale panorama desolante di psico-pandemia (paghiamo […]
    Annalisa Teggi
  • La proposta di matrimonio che forse vi siete persi ai Giochi Paralimpici
    Oltre a tutti i successi sportivi dei Giochi Paralimpici di Tokyo di quest’anno, c’è stato spazio anche per un po’ di romanticismo. Fortunatamente, le telecamere sono riuscite a captare il dolce momento perché tutti potessero vederlo. Keula Nidreia Pereira Semedo è un’atleta con disabilità visiva che gareggia nei 100 e 200 metri. Per muoversi con […]
    Dolors Massot
  • Se un gatto fa il prete: i Mienmiuaif e il meraviglioso nonsense della fede
    Avevo appena aperto la mia confezione di bagigi sotto sale da mangiare tutta intera in santa pace con tanto di leccata di dita finale quando eccolo lì. E ti pareva. Parli di bagigi e lui li ha già fiutati da un chilometro o da dovunque sia la sua canonica. Un gatto che predica Ma poi […]
    Giovanna Binci

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 149:
    • 134:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login