il Papa in Iraq: “il terrorismo non prevarrà mai”, perché “l’ultima parola appartiene a Dio”

Redazione1
di Redazione1 marzo 10, 2021 22:00

il Papa in Iraq: “il terrorismo non prevarrà mai”, perché “l’ultima parola appartiene a Dio”

Papa Francesco è tornato dal suo viaggio in Iraq, dai luoghi della persecuzione dei cristiani per mano dell’Isis. E‘ stato a Baghdad e a Mosul, dove si è soffermato a pregare tra le macerie della guerra e, in particolare, nella chiesa di Qaraqosh devastata dalla furia dei terroristi. Nello lo stadio di Erbil, ha celebrato la messa davanti a 10 mila persone.

“Oggi, posso vedere e toccare con mano che la Chiesa in Iraq è viva, che Cristo vive e opera in questo suo popolo santo e fedele”. Sono le parole del Papa nell’omelia finale durante la Messa celebrata ad Erbil, che testimoniano la sua soddisfazione per l’esito del primo viaggio apostolico dopo lo scoppio della pandemia. Un viaggio difficile, incerto fino all’ultimo e che gli è costato non solo fatica fisica, ma anche qualche critica.

Ne valeva la pena, però, soprattutto per via dell’incontro con la sofferente Chiesa irachena così lontana dalle “nefaste suggestioni del potere e del denaro” biasimate nell’omelia. Francesco ha plaudito al popolo cristiano dell’Iraq, definito “strumento della pace di Dio e della sua misericordia, artigiano paziente e coraggioso di un nuovo ordine sociale”. Nel saluto finale nello stadio Hariri il Pontefice ha fatto accenno all’ecumenismo del sangue, affermando di voler abbracciare “i cristiani delle varie confessioni” che in tanti “hanno versato il sangue sullo stesso suolo” e “risplendono insieme, stelle nello stesso cielo”.

Alla fine dell’ultimo impegno pubblico della sua tre giorni (+1) in Iraq, Francesco è apparso stanco ma felice ed ha salutato i presenti portandosi la mano sul cuore. Nell’omelia ha ripetuto alcuni dei temi a lui più cari, spiegando poi di aver voluto così fortemente questo pellegrinaggio anche per la solidarietà dimostrata dalla Chiesa irachena nei confronti dei poveri e dei sofferenti.

Prima di Erbil c’era stata la visita alla comunità di Qaraqosh, villaggio dove storicamente la presenza cristiana è sempre stata massiccia. Nella cattedrale siro-cattolica dell’Immacolata Concezione, devastata dai terroristi dell’Isis che ne fecero un poligono da tiro e rimessa a nuovo dopo la liberazione del 2017, il Pontefice ha detto che l’incontro di ieri “dimostra che il terrorismo e la morte non hanno mai l’ultima parola” perché “l’ultima parola appartiene a Dio”. Ai fedeli reduci dalle sofferenze dell’occupazione islamista, Francesco ha predicato il perdono che “è necessario per rimanere cristiani”, pur dicendosi consapevole di quanto questo sia difficile.

Non è mancato un invito a dire no al terrorismo e alla strumentalizzazione della religione. A ridosso dell’8 marzo, il Papa ha avuto un pensiero speciale per le donne, le principali vittime di questi ultimi decenni di guerra: “a tutte le madri e le donne di questo Paese, donne coraggiose che continuano a donare vita nonostante i soprusi e le ferite – ha detto Bergoglio – che le donne siano rispettate e tutelate! Che vengano loro date attenzione e opportunità”.

Il primo impegno del suo terzo giorno iracheno era stato, invece, a Mosul, città-simbolo prima dell’avanzata dell’Isis e poi della sua sconfitta. Qui Francesco ha presieduto una preghiera di suffragio per le vittime di guerra a Hosh al-Bieaa ed ha sollevato la questione della scomparsa dei cristiani nel Medioriente, affermando che “il tragico ridursi dei discepoli di Cristo è un danno incalcolabile non solo per le persone e le comunità interessate, ma per la stessa società che si lasciano alle spalle”. Il Santo Padre ha ribadito anche la sua convinzione che “la fraternità è più forte del fratricidio, che la speranza è più forte della morte, che la pace è più forte della guerra”. Una convinzione che, ha detto il Papa, “mai potrà essere soffocata nel sangue versato da coloro che pervertono il nome di Dio percorrendo strade di distruzione”.

 

 

Redazione da Ag. di i.

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 marzo 10, 2021 22:00

RSS aleteia

  • Credere dopo la crisi: riscoprire la Chiesa domestica
    Nel nostro cammino di riflessione su pandemia, crisi e ritorno alla fede abbiamo individuato “tre cose da fare” e abbiamo già sottolineato l’importanza e l’urgenza di liberarci da tutte le false immagini di Dio, specialmente dinanzi per rinnovare il nostro modo di pensare e di annunciare Dio dinanzi al mistero della sofferenza, del male e […]
    Don Francesco Cosentino
  • Jane Goodall: nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali
    Nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali. “Ogni animale è un individuo, Dio nota anche quando muore un ragno, e quindi bisogna pensare ai tanti esseri che soffrono in questo mondo, non solo umani”, ha affermato l’etologa britannica Jane Goodall, 87 anni, pioniera nello studio degli scimpanzè selvaggi e nota messaggera di pace dell’ONU. […]
    Ary Waldir Ramos Díaz
  • Francesco: la preghiera vocale ci porta per mano a Dio
    “Non cadiamo nella superbia di disprezzare la preghiera vocale”, perché “le parole che pronunciamo ci prendono per mano”, “destano anche il più assonnato dei cuori” e sono le sole che, in maniera sicura “indirizzano a Dio le domande che Lui vuol ascoltare”. Così Papa Francesco nella catechesi dell’udienza generale di questa mattina, tenuta ancora nella […]
    Vatican News
  • L’incredibile storia di un bambino inghiottito dal mare e restituito un anno dopo
    Questa storia incredibile ha a che vedere con uno dei santi più venerati nell’antichità e terzo successore di Pietro, San Clemente Romano. Prima di raccontare questa leggenda straordinaria dobbiamo sapere com’è morto San Clemente, perché la storia ha uno stretto rapporto con il suo martirio. San Clemente Romano Documenti del IV secolo narrano che Papa […]
    Maria Paola Daud
  • La perfezione dell’imperfezione nella vita cristiana
    “Quanti giovani hanno abbandonato del tutto la Chiesa?” Questa domanda colpisce al cuore innumerevoli ministri giovanili, educatori, sacerdoti e genitori, ma capire perché tanti giovani lasciano è fondamentale per il futuro della Chiesa. Ad aver posto questa domanda è stato Doug Tooke, che ha più di 25 anni di esperienza a livello di ministero giovanile […]
    Theresa Civantos Barber
  • Quali rischi si corrono con i vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson?
    Vaccino anti Covid: tra il 14 e 20 aprile 2021, l’Agenzia Europea del Farmaco (Ema) ha aggiornato le linee guide sulla sicurezza di AstraZeneca e Johnson & Johnson, evidenziando quali rischi si possono generare per la salute di chi si vaccina. Facciamo chiarezza: si tratta di eventi molto rari, che però vanno spiegati in modo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Che cosa vuole donarci Dio?
    In quel tempo, disse Gesù alla folla: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai! Vi ho detto però che voi mi avete visto, eppure non credete.Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me: colui che viene a me, […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Hadjadj: «Andiamo verso una società senza odore»
    La chiamano «sindrome di Proust». È la capacità della nostra memoria olfattiva di ricordare una esperienza del passato, anche caduta nel dimenticatoio. Basta un odore, un profumo familiare ed ecco riaffiorare le emozioni collegate a quell’antica esperienza. Proprio come la celebre madeleine di Proust, il dolcetto imbevuto di tè che col suo sapore, all’inizio di […]
    Emiliano Fumaneri
  • Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid
    Una coppia di pensionati britannici separati da mesi a causa del Coronavirus si ritrova, e il loro video – condiviso sui social – commuove l’Inghilterra. The post Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Aleteia
  • Come aiutare i figli adolescenti a distinguere tra flirt e vero amore?
    di Christine Ponsard A cinque o sei anni, si gioca a “m’ama, non m’ama”, staccando ad uno ad uno i petali bianchi delle margherite, come se si recitasse una filastrocca. Dieci anni dopo, le cose cambiano e, margherita o no, dire “ti amo” non dovrebbe più essere così banale. Il flirt è un male o […]
    Edifa

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 112:
    • 187:
    aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

    Login