Lettera del cardinale Sarah ai vescovi, facilitate il ritorno a messa in sicurezza

Redazione1
di Redazione1 settembre 17, 2020 21:04

Lettera del cardinale Sarah ai vescovi, facilitate il ritorno a messa in sicurezza

Fin dall’inizio delle limitazioni liturgiche stabilite a suo tempo dal decreto governativo per la fase 2 del Coronavirus, i vescovi italiani avevano manifestato la loro contrarietà: “non si può accettare di vedere compromesso l’esercizio della libertà di culto”. In seguito, in una nota della Cei si leggeva: “la Chiesa ha accettato, con sofferenza e senso di responsabilità, le limitazioni governative assunte per far fronte all’emergenza sanitaria”. Inoltre, dalla Cei più volte è stato sottolineato in maniera esplicita che “nel momento in cui vengano ridotte le limitazioni assunte per far fronte alla pandemia, la Chiesa esige di poter riprendere la sua azione pastorale”. Adesso il cardinale Sarah, con la lettera inviata alle conferenze episcopali di tutto il mondo spiega perché la messa “virtuale” non può sostituire quella reale.

= La lettera del cardinale Robert Sarah, Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, pubblicata dall’Osservatore Romano, è stata approvata da Papa Francesco nella udienza al cardinale dello scorso 3 settembre e porta la data del 15 agosto =.

Dopo una introduzione patristica e dottrinale, riferisce Angela Ambrogetti di AciStampa, il cardinale spiega come i cristiani non possano vivere senza celebrazione comunitaria e chiede espressamente ai vescovi di tutto il mondo: “La dovuta attenzione alle norme igieniche e di sicurezza non può portare alla sterilizzazione dei gesti e dei riti, all’induzione, anche inconsapevole, di timore e di insicurezza nei fedeli. Si confida nell’azione prudente ma ferma dei Vescovi, perché la partecipazione dei fedeli alla celebrazione dell’Eucaristia non sia derubricata dalle autorità pubbliche a un “assembramento”, e non sia considerata come equiparabile o persino subordinabile a forme di aggregazione ricreative.

Le norme liturgiche non sono materia sulla quale possono legiferare le autorità civili, ma soltanto le competenti autorità ecclesiastiche (cfr. Sacrosanctum Concilium, 22).

Si faciliti la partecipazione dei fedeli alle celebrazioni, è la precisazione, ma senza improvvisate sperimentazioni rituali e nel pieno rispetto delle norme contenute nei libri liturgici, che ne regolano lo svolgimento. Nella liturgia, esperienza di sacralità, di santità e di bellezza che trasfigura, viene specificato, si pregusta l’armonia della beatitudine eterna: si abbia cura quindi per la dignità dei luoghi, delle suppellettili sacre, delle modalità celebrative, secondo l’autorevole indicazione del Concilio Vaticano II: «I riti splendano per nobile semplicità» (Sacrosanctum Concilium, 34). Si riconosca ai fedeli il diritto di ricevere il Corpo di Cristo e di adorare il Signore presente nell’Eucaristia nei modi previsti, senza limitazioni che vadano addirittura al di là di quanto previsto dalle norme igieniche emanate dalle autorità pubbliche o dai Vescovi”.

Per il cardinale quindi la indicazione sicura, spiega Ambrogetti, è la “Obbedienza alle norme della Chiesa, obbedienza ai Vescovi. In tempi di difficoltà (ad esempio pensiamo alle guerre, alle pandemie) i Vescovi e le Conferenze Episcopali possono dare normative provvisorie alle quali si deve obbedire. La obbedienza custodisce il tesoro affidato alla Chiesa. Queste misure dettate dai Vescovi e dalle Conferenze Episcopali scadono quando la situazione torna alla normalità”. In effetti la questione della partecipazione alla Messa è resa spesso complicata per anziani e persone con difficoltà negli ultimi mesi. In alcuni casi le parrocchie hanno ridotto il numero delle celebrazioni invece di aumentarle per permettere ai fedeli di partecipare con le dovute attenzione sanitarie e limitare gli assembramenti.

Sono nate discussioni su come distribuire la Eucarestia e anche sulla possibilità di portare la Eucarestia a chi non può uscire di casa. E c’è anche il problema dell’allontanamento di chi trova difficile andare in chiesa, è la conclusione. “Nessuna trasmissione è equiparabile alla partecipazione personale o può sostituirla – si legge nella lettera – anzi queste trasmissioni, da sole, rischiano di allontanarci da un incontro personale e intimo con il Dio incarnato che si è consegnato a noi non in modo virtuale, ma realmente, dicendo: «Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui» (Gv 6, 56). Questo contatto fisico con il Signore è vitale, indispensabile, insostituibile. Una volta individuati e adottati gli accorgimenti concretamente esperibili per ridurre al minimo il contagio del virus, è necessario che tutti riprendano il loro posto nell’assemblea dei fratelli, riscoprano l’insostituibile preziosità e bellezza della celebrazione, richiamino e attraggano con il contagio dell’entusiasmo i fratelli e le sorelle scoraggiati, impauriti, da troppo tempo assenti o distratti”.

 

 

 

Redazione da Ag. di i.

Redazione1
di Redazione1 settembre 17, 2020 21:04


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Chiusa la tomba del beato Carlo Acutis, visitata da 41mila persone
    Cerimonia di chiusura ad Assisi con il Prefetto delle Cause per i Santi mons. Semeraro. “Carlo come san Francesco, umiltà per loro è stata la prima virtù” San Francesco d’Assisi e Carlo Acutis hanno “camminato” insieme in questi diciannove giorni in cui la tomba del giovane beato è stata oggetto di venerazione al pubblico. «Francesco […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Cristofobia: allievo in Svezia costretto a togliersi il crocifisso per partecipare alla foto scolastica
    La cristofobia non esiste, dicono gli “esperti”. La fotografa ha “suggerito” che il crocifisso fosse un “insulto” La cristofobia non esiste, dicono i cosiddetti “esperti”, ma la sua inesistenza non le impedisce di manifestarsi tutti i giorni. I “grandi media” sviano la questione, ma i fatti si moltiplicano come parte della normalità, soprattutto nei Paesi […]
    Francisco Vêneto
  • Suor Clare Crockett, essere tutta di Dio col sorriso e la chitarra in mano
    Dal sogno di diventare una star del cinema al convento. Ogni giorno Suor Clare offriva al Signore un assegno in bianco, affinché Egli potesse chiederle tutto quello che voleva. Nonostante io abbia qualche santo speciale che mi ha sempre accompagnata nelle varie fasi della vita, tappa fissa per novene e piagnucolamenti vari, in generale vado molto […]
    Martha, Mary and Me
  • Halloween negli USA ai tempi di una pandemia (che non è quella in corso)
    Nel 1918 anche negli Stati Uniti si pose il problema dei festeggiamenti per la vigilia di Ognissanti in concomitanza con l’esplosione della pandemia di spagnola, durante un conflitto mondiale, per di più. Vediamo come si è evoluta questa festa e come ha inciso su di essa la gestione dell’epidemia di allora. “Stupida robaccia europea, monumento […]
    Una penna spuntata
  • Il Papa: non vivere e pregare come se Dio e i poveri non esistessero
    Nella catechesi dell’udienza generale, Papa Francesco conclude la riflessione sui Salmi, inserita nel ciclo sulla preghiera, e sottolinea che il Salterio ci insegna ad invocare Dio per noi, ma anche per i fratelli e per il mondo. E spiega le precauzioni dovute alla pandemia, che non gli permettono di scendere a salutare i fedeli I […]
    Vatican News
  • Siria: i Francescani si prendono cura dei cristiani che vivono sotto la legge islamica
    Circa 300 famiglie cristiane nella Siria occidentale affrontano persecuzione, violenza e pericoli, perfino la morte, mentre i loro villaggi continuano ad essere controllati da gruppi jihadisti I villaggi di Knayeh e Yacobieh, nella provincia di Idlib, vicino al confine turco nella Siria occidentale, sono ancora sotto il controllo dei gruppi jihadisti. Qui l’islamismo è ancora […]
    Aiuto alla Chiesa che Soffre
  • Qual è la battaglia della nostra vita?
    Una riflessione che grida dal profondo del cuore di Emilio Muñoz Díaz Sarò chiaro con voi. La mia intenzione è essere diretto, farvi captare il messaggio senza romanticismi, farvi capire davvero ciò che sta accadendo e suscitare quel fuoco di motivazione che vi porti a pensare al cammino che vi è toccato e alla battaglia […]
    Catholic Link
  • Nel volto di un vecchio prete il riflesso della bellezza di Dio
    Non appena si è rivolto verso l’assemblea ho subito colto qualcosa di speciale e stupendo nel suo volto. La santità renda belle le persone! Intendiamoci: la scelta di essere credente o non credente non si basa su dei “motivi” come quelli che portano a scegliere una marca di lavatrice anziché un’altra. Si crede per l’intima […]
    Chiara Bertoglio
  • Conoscete le chiese che costellano la splendida isola di Capri? (FOTO)
    Tra stradine acciottolate e picchi a strapiombo si nascondono templi meravigliosi L’isola di Capri è probabilmente una delle più note al mondo. I turisti accorrono a visitarla per le sue meravigliose scogliere, le acque blu, le spiagge sabbiose e l’architettura e i siti archeologici che la caratterizzano. Capri ospita una dozzina di chiese che servono […]
    V. M. Traverso
  • La preghiera delle religioni per la salvezza degli uomini e del mondo
    Roma per un giorno capitale della pace, per l’incontro internazionale “Nessuno si salva da solo – Pace e Fraternità”, promosso dalla Comunità di Sant’Egidio, alla presenza del Papa. Tra i partecipanti il Presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, il Patriarca Bartolomeo I assieme a rappresentanti di islam, ebraismo e buddismo Nessuno si salva da solo! […]
    Vatican News

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 76:
    • 148:
    ottobre: 2020
    L M M G V S D
    « Set    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

    Login