Migranti: flussi ininterrotti e invasivi, “la scioccante visione profetica giovanpaolina”

Redazione1
di Redazione1 settembre 8, 2020 21:48

Migranti: flussi ininterrotti e invasivi, “la scioccante visione profetica giovanpaolina”

Gli eccessivi sbarchi di migranti verificatisi in Sicilia negli ultimi tempi, hanno raggiunto livelli molto preoccupanti. Sono ripetuti e pressanti i richiami, le denunce e i “gridi di allarme” esternati da parte del governatore dell’Isola (“A Lampedusa la situazione resta drammatica”) e di diversi sindaci, specialmente di quello dell’isoletta stracolma, dove è ormai impossibile provvedere a una civile sistemazione dei nuovi arrivi massicci e ininterrotti. Un giornale ha titolato: “Riprende l’invasione all’Italia”. Un allarme preoccupante che non può non richiamare l’avvertimento profetico di Giovanni Paolo II, a seguito di una sua visione rivelata da mons. Mauro Longhi e pubblicata da La Nuova Bussola il 18 novembre 2017.  

«Vedo la Chiesa del terzo millennio afflitta da una piaga mortale, si chiama islamismo. Invaderanno l’Europa. Ho visto le orde provenire dall’Occidente all’Oriente: dal Marocco alla Libia, dall’Egitto fino ai paesi orientali». Questa è la scioccante visione di San Giovanni Paolo II, mai pubblicata prima d’ora, riportata da Valerio Pece. Testimone della confessione destinata a far rumore è monsignor Mauro Longhi, del presbiterio della Prelatura dell’Opus Dei, molto spesso a stretto contatto con il Papa polacco «Vedo la Chiesa del terzo millennio afflitta da una piaga mortale, si chiama islamismo. Invaderanno l’Europa.

Per fare la necessaria chiarezza e inquadrare la visione profetica di Karol Wojtyla, precisa Pece,  così come riportata da un sacerdote al di sopra di ogni sospetto (monsignor Longhi ha goduto della stima personale non solo di Giovanni Paolo II ma anche di Benedetto XVI, tanto da essere chiamato nel ’97 al Dicastero vaticano della Congregazione del clero) sono necessari alcuni riferimenti geografici e temporali. Dal 1985 al 1995 l’allora giovane economista bocconiano Mauro Longhi (sarà ordinato sacerdote nel ’95) ha accompagnato e ospitato Papa Wojtyla nelle sue proverbiali sciate e passeggiate in montagna.

Ma è senz’altro il Karol Wojtyla mistico quello su cui il monsignore ha intrattenuto i fortunati uditori saliti a Bienno, è la sottolineatura; quello che monsignor Longhi incontrava di notte nella cappella della casa di montagna inginocchiato per ore sugli scomodi banchi di legno davanti al Tabernacolo. Ed è il Papa che, sempre di notte, chi abitava la casa abruzzese sentiva dialogare, a volte anche animatamente, con il Signore o con la sua amata madre, la Vergine Maria.

Valerio Pece poi si addentra nei particolari del racconto di Mons. Longhi: «“Lui ha il dono della visione”, mi confidò Andrzej Deskur. Al che gli chiesi cosa significasse. “Lui parla con Dio incarnato, Gesù, vede il suo volto e vede anche il volto di sua madre”. Da quando? “Dalla sua prima Messa, il 2 novembre 1946, durante l’elevazione dell’ostia. Monsignor Longhi aggiunge che il segreto svelatogli dal cardinal Deskur si può paradossalmente intuire leggendo l’ultima enciclica di Giovanni Paolo II, Ecclesia de Eucharistia. Qui, al numero 59 della “Conclusione”, proprio mentre il papa polacco ricorda il momento della sua prima messa, lui stesso finisce per svelare il mistero che lo ha accompagnato tutta la vita: «I miei occhi si sono raccolti sull’ostia e sul calice in cui il tempo e lo spazio si sono in qualche modo “contratti” e il dramma del Golgota si è ripresentato al vivo, svelando la sua misteriosa “contemporaneità”».

Tra i tanti raccontati, però, l’episodio che più ha colpito la platea dell’eremo di Bienno, specifica Pece, e che si inserisce nella cornice di una delle tante passeggiate sul Massiccio del Gran Sasso, è senza dubbio quello che ha come fuochi l’islam e l’Europa. Monsignor Longhi fa precedere le parole del santo polacco – oggettivamente impressionanti – da un prologo molto umano, a tratti inaspettatamente ilare, fatto di battute, sulla pubblicazione anticipata di quel Catechismo della Chiesa Cattolica fortissimamente voluto da Wojtyla. Il passaggio di mons. Longhi (con le sue tappe di avvicinamento alla terribile visione mistica del Papa) va dunque riportato interamente (la conferenza è su YouTube, dal minuto 48 è possibile guardare il passaggio che stiamo raccontando).

I due sono appoggiati ad una roccia, l’uno di fronte all’altro, è la precisazione, mangiando un panino e aspettando l’arrivo del gruppo. Questo il racconto testuale del monsignore: «Avevo posato lo sguardo su di lui pensando che poteva aver bisogno di qualcosa, lui però si accorge che io lo guardo, aveva il fremito nella mano, era l’inizio del Parkinson. “Caro Mauro, è la vecchiaia.”, ed io subito: “Ma no, Santità, lei è giovane!”. “Non è vero! Dico che sono vecchio perché sono vecchio!”». A parere del monsignore è proprio lo scorrere del tempo insieme all’incedere della malattia a portare il Papa polacco a sentire la necessità impellente di trasmettergli quella visione mistica.

«Ecco allora che Wojtyla cambia tono e voce – continua il monsignore – e facendomi partecipe di una delle sue visioni notturne, mi dice: “Ricordalo a coloro che tu incontrerai nella Chiesa del terzo millennio, racconta Valerio Pece. Vedo la Chiesa afflitta da una piaga mortale. Più profonda, più dolorosa rispetto a quelle di questo millennio”, riferendosi a quelle del comunismo e del totalitarismo nazista. “Si chiama islamismo. Invaderanno l’Europa. Ho visto le orde provenire dall’Occidente all’Oriente”, e mi fa una ad una la descrizione dei paesi: dal Marocco alla Libia all’Egitto, e così via fino alla parte orientale. Il Santo Padre aggiunge: “Invaderanno l’Europa, l’Europa sarà una cantina, vecchi cimeli, penombra, ragnatele. Ricordi di famiglia. Voi, Chiesa del terzo millennio, dovrete contenere l’invasione. Ma non con le armi, le armi non basteranno, con la vostra fede vissuta con integrità”».

Questa la preziosa testimonianza, precisa Il giornalista, di chi per anni è stato a stretto contatto con il Santo Padre, e con questi haconcelebrato molte volte. Inutile sottolineare poi come la confessione di Papa Wojtyla risalga al marzo del 1993, e 24 anni fa molto diversi erano sia il quadro sociale che i numeri della presenza islamica in Europa. Non è un caso, forse, che nell’ormai dimenticata esortazione apostolica del 2003, Ecclesia in Europa, Giovanni Paolo II parlasse chiaramente di un rapporto con l’islam che doveva

Karol Woytjla e Mauro Longhi

essere «corretto», condotto con «prudenza, con chiarezza di idee circa le sue possibilità e i suoi limiti», avendo coscienza del «notevole divario tra la cultura europea, che ha profonde radici cristiane, e il pensiero musulmano» (n.57). Pur con il linguaggio proprio di un documento magisteriale, per sua natura trattenuto, sembrava che il santo Padre implorasse l’instaurarsi di una conoscenza dell’islam «obiettiva» (n.54). Un paradigma e una sensibilità, dunque, chiari e inequivocabili, specie se si considera un altro passaggio di Ecclesia in Europa, quello in cui in cui Papa Wojtyla – dopo aver stigmatizzato «la frustrazione dei cristiani che accolgono» e che invece in molti paesi islamici «si vedono interdire l’esercizio del culto cristiano» (n.57) – parlando dei flussi migratori arrivava addirittura ad auspicare una «ferma repressione degli abusi» (n.101).

C’è da prendere atto, è la conclusione di Pece, che siamo di fronte alla lettura polically uncorrect del fenomeno islam da parte di un Papa canonizzato dalla Chiesa cattolica; una lettura prima “profetica” e poi magisteriale (non è difficile ipotizzare che la scioccante visione profetica giovanpaolina abbia influenzato la sua scrittura di Ecclesia in Europa). «L’islam ci invaderà». Forse lo sta già facendo. Mentre, inesorabile, si va spegnendo la luce sull’Europa cristiana, ridotta a una cantina piena solo di vecchi cimeli e ragnatele. “Karol il Grande” ha parlato, ancor più oggi ci invita a resistere all’invasione con la fede vissuta integralmente.

 

 

Redazione da a. di i.

 

Redazione1
di Redazione1 settembre 8, 2020 21:48


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Cantante curato da Padre Pio afferma che il santo lo ha guidato nella registrazione questa canzone
    I proventi di “Meraviglioso” andranno alle opere della Saint Pio Foundation L’attore, poi diventato cantante, Robert Davi si è unito alla Saint Pio Foundation per produrre un brano per raccogliere fondi per l’ente caritativo. La canzone e il video che l’accompagna sono stati registrati come messaggio di pace e speranza in un’epoca in un cui […]
    J.P. Mauro
  • “Toccare di nuovo Gesù”. Riflessione di un sacerdote che invita a tornare nelle chiese
    di padre Juan Carlos Vásconez Poche ore prima della cerimonia della mia ordinazione sacerdotale, l’allora Prelato dell’Opus Dei ha ricordato a noi diaconi che ci stavamo preparando, che saremmo diventati sacerdoti soprattutto per avvicinare le anime a Dio attraverso i sacramenti. Che questo era il dono più grande che Dio aveva fatto all’umanità, rendersi presente […]
    Catholic Link
  • Foto esclusive: la festa di San Gennaro a New York torna alle sue umili origini
    Nel 94° anno del suo svolgimento, la devozione va avanti nonostante la pandemia Se le strade di New York City potessero parlare, racconterebbero mille storie di fede. Ovviamente ci sarebbero anche storie di crimini e caos, ma questa è un’altra storia. Se potessero davvero parlare, vi donerebbero storie di santi come Madre Cabrini, Elizabeth Ann […]
    Jeffrey Bruno
  • Sapersi distaccare dai propri genitori, una questione essenziale per una giovane coppia
    Anche se le due prescrizioni di lasciare e onorare i genitori possono sembrare paradossali, sono comunque molto importanti per una coppia che vuole mettere su famiglia. Ecco alcuni suggerimenti su come tagliare il cordone ombelicale con i genitori e vivere una vita di coppia serena. di Ariane Lecointre-Cloix Da bambina, Estelle era sempre “leale e […]
    Edifa
  • Eredità: come evitare il regolamento dei conti
    L’eredità spesso risveglia dei sentimenti che avremmo preferito lasciare da parte. Quando si prepara il testamento o si ereditano dei beni dai genitori, è importante assicurarsi che la divisione non si trasformi in uno battaglia. di Firenze Brière-Loth I credenti si comportano meglio degli altri quando si tratta di eredità? Frate Jean Emmanuel Ena esplora […]
    Edifa
  • Consigli astuti per avere una memoria da elefante
    Compleanni, codice della carta di credito, testi di canzoni… Per evitare dei vuoti di memoria, bisogna stimolare costantemente il cervello. Ecco qualche esercizio pratico per far funzionare i nostri neuroni quotidianamente. di Dr. Cécile Maître La memoria si consuma se non è utilizzata. Ecco qualche consiglio del dottor Cécile Maître per farla funzionare ogni giorno. […]
    Edifa
  • Santificate la vostra vita quotidiana con San Josemaría Escrivà
    Chiamato il santo patrono del quotidiano, San Josemaría era convinto che le circostanze della vita non siano un ostacolo sulla via della perfezione e del sacrificio. Ecco i cinque passi per mettere in pratica questa filosofia nella vita quotidiana. di Beatrice de La Coste Il fondatore dell’Opus Dei aveva una convinzione, presente in tutti i […]
    Edifa
  • Ogni credente ha un angelo custode a titolo di “pedagogo” o di “pastore”
    Lo dice San Basilio. Ecco cosa intende. Ma il dibattito è aperto sull’assegnazione dello spirito celeste alla nascita o dopo il Battesimo L’esistenza degli Angeli custodi è molto rassicurante per noi umani. Ma è opportuno chiedersi se ha qualche fondamento teologico, a tale riguardo una preghiera recita così: “O Santo Angelo, che Dio, per la […]
    don Marcello Stanzione
  • Prendendo precauzioni, le chiese cattoliche hanno evitato focolai di Covid, dicono i medici
    “Mantenere la distanza, indossare le mascherine e lavarsi le mani”, continuano a consigliare gli esperti in un nuovo rapporto Nella festa dell’Assunzione, il 15 agosto, molti piccoli gruppi si sono riuniti in vari punti della piazza all’esterno della cattedrale di St. Mary a San Francisco (Stati Uniti). Ogni gruppo, limitato a una dozzina di persone, […]
    John Burger
  • Cosa dice la Bibbia sul pettegolezzo e le chiacchiere?
    L’uso malevolo e distorto della lingua, al fine di procurare male a qualcuno, è condannato sia nel Vecchio che nel Nuovo Testamento. Ecco come Il tema del pettegolezzo, nelle sue varie forme, lo ritroviamo trasversalmente negli scritti sia dell’Antico sia del Nuovo Testamento, soprattutto nei Libri sapienziali, nei Salmi, nei Vangeli e nelle Lettere di […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

  • RnS: card. De Donatis all’Alleluja! International Web Meeting, “nulla potrà più essere come prima” 26 settembre 2020
    Una speciale iniziativa in chiave digitale, un gesto di vicinanza spirituale, un’esperienza di fraternità promosse dal Rinnovamento nello Spirito Santo (www.rinnovamento.org). Può riassumersi così l’“Alleluja! International Web Meeting”, il grande evento internazionale di preghiera e di evangelizzazione in programma oggi e domani presso la sede nazionale di Roma e rivolto agli aderenti del Movimento (in […]
  • Alla Salesiana si parla di intelligenza artificiale: impossibile lasciare sole le macchine 26 settembre 2020
    Non solo per addetti ai lavori. Anche se la complessità può a prima vista scoraggiare, l’intelligenza artificiale non è un tema riservato a una ristretta cerchia di ingegneri. A occuparsene dovrebbero essere tutti: dai filosofi ai teologi, dai giuristi ai politici, dai sociologi agli psicologi. È uno dei punti emersi al convegno promosso dalla Università […]
  • Giornata mondiale migrazioni: Migrantes, on line “Migranti press” 26 settembre 2020
    “Come Gesù Cristo costretti a fuggire: accogliere, proteggere, programmare, integrare gli sfollati interni”: questo il tema della 106ma Giornata Mondiale del Migrante e Rifugiato che si celebrerà domani, 27 settembre. La Fondazione Migrantes ha inviato a  tutte le parrocchie italiane un numero speciale della  rivista Migranti-Press per permettere alle diocesi e alla parrocchie di poter preparare adeguatamente la Giornata. Il giornale […]
  • Famiglia vincenziana: accanto ai “senzatetto” in 158 Paesi del mondo 26 settembre 2020
    “L’Alleanza della Famiglia vincenziana per i senzatetto è il nostro unico progetto comune. Pertanto, esso dev’essere promosso, esteso e introdotto nei 158 paesi dove la Famiglia vincenziana è presente affinché nessuna Congregazione o Associazione rimanga estranea a questo progetto, ma che tutte prendano parte attiva all’iniziativa in ogni angolo del mondo dove viviamo e serviamo”. […]
  • Giornata mondiale migrazioni: Sant’Egidio, domani in piazza con il Papa 26 settembre 2020
    In occasione della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato la Comunità di Sant’Egidio si unisce alle celebrazioni che si tengono in tutto il mondo, a partire da quella con Papa Francesco in piazza San Pietro, domani, 27 settembre, a cui parteciperà con “Genti di Pace”, composto da migranti che frequentano le Scuole di Lingua […]
  • Migranti: card. Czerny, cercare “misure alternative alla detenzione” 26 settembre 2020
    “Misure alternative alla detenzione dei migranti; accesso al territorio ai richiedenti di protezione internazionale; dignità di lavoratori migranti”. Sono questi alcuni versanti su cui la Sezione Migranti e Rifugiati del Dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale sta lavorando, per “aiutare il lavoro della Commissione vaticana Covid-19 e soprattutto di sostenere il magistero del […]
  • Giornata mondiale migrazioni: Caritas Internationalis, “garantire accesso incondizionato ai beni primari” 26 settembre 2020
    “Garantire agli sfollati interni l’accesso incondizionato a beni primari – come cibo e acqua – e ai servizi di base, permettendo loro di vivere una vita dignitosa, specialmente in questo periodo di pandemia di Covid-19”. E’ una delle richieste avanzate dalla Caritas Internationalis, in sintonia con Papa Francesco, in vista della Giornata mondiale del migrante […]
  • Papa Francesco: nomina David Charles Baulcombe membro ordinario della Pontificia Accademia delle Scienze 26 settembre 2020
    Il Papa ha nominato membro ordinario della Pontificia Accademia delle Scienze  David Charles Baulcombe, professore di Botanica presso l’Università di Cambridge. A darne notizia è oggi la Sala Stampa della Santa Sede. Il prof. Baulcombe è nato il 7 aprile 1952 a Solihull, in Gran Bretagna. Ha studiato presso le Università di Leeds ed Edimburgo, conseguendo il […]
  • Papa Francesco: nomina mons. Mamberti suo inviato a Bruxelles 26 settembre 2020
    Il Papa ha nominato il card. Dominique Mamberti, prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, suo inviato speciale a presiedere la celebrazione della Messa che si terrà il 28 novembre prossimo, nella basilica di Koekelberg a Bruxelles, in occasione del 150° anniversario di fondazione dell’Associazione Pro Petri Sede. Ne dà notizia oggi la Sala Stampa della Santa […]
  • Anno Ignaziano: card. Omella (Barcellona), “il Papa non esclude di visitare Manresa” 26 settembre 2020
    “Il Papa non esclude di visitare Manresa in occasione dell’Anno Ignaziano del 2022”. Lo ha detto il cardinale arcivescovo di Barcellona Juan José Omella alla stampa, al termine di una riunione dei vertici della Conferenza episcopale spagnola con il Santo Padre, nei giorni scorsi. “Soprattutto perché non conosce Manresa” – ha sottolineato Omella, secondo quanto […]

Commenti recenti

     

    • 123:
    • 205:
    settembre: 2020
    L M M G V S D
    « Ago    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login